domenica 25 gennaio 2015

ULTIMI FUOCHI...QE...QUASI ESTINTI

L'aveva annunciato nel 2012,pensando di non dover mai usare l'arma finale (anche perchè vietata dai Trattati e con buona pace della presunta e sbandierata unanimità in merito),pensando che bastasse la sua parola per far paura alla profonda crisi che ormai da sei anni spopola in Europa.

Alla fine Dragon Ball ha dovuto usare la Grande Berta,ha sparato un QE da 1000 miliardi come ultima possibilità di vincere la guerra e tentare di salvare l'ormai traballante regno dell'Eurozona.

L'obiettivo è di stroncare deflazione,la crisi della domanda e disoccupazione,evitare una depressione inondando di liquidità il sistema  permettendo alle banche di liberarsi dei titoli pubblici in loro possesso in modo da poter finanziare imprese e famiglie.
Contemporaneamente,indebolire il cambio dell'euro rispetto al dollaro  favorendo le esportazioni e far vedere ai cittadini europei che l'Unione Europea serve a qualcosa.Fatto per molti alquanto dubbiodato che finora è servita solo a impoverirli.
Questa ,a grandi linee, una sintesi della manovra BCE

Tutta la stampa e i media parlano di Supermario,di bomba atomica,di scossa tellurica dell'ottavo grado,di trionfo oltre ogni previsione,di BCE simile alla FED......ma sarà vera gloria?
Sarà troppo poco e troppo tardi come diversi operatori sostengono? servirà veramente a rimettere in moto l'aconomia stagnante di un continente o sarà solo un po' di ossigeno all'ammalato in coma irreversibile?
E' difficile indovinare come andranno le cose,anche perchè poco conosciamo d tutti ii dettagli operativi....la FED li scrisse in 5 pagine,la BCE pare in 500.....e si sa che nei dettagli spesso si nasconde il diavolo.
Ma da quello che sappiamo e che ci ha detto Dragon Ball,già sorgono molti dubbi e perplessità,ed è veramente incredibile che autorevoli commentatori non si curino di menzionarli.

Intanto,come preambolo,a noi sembra un QE della disperazione,un'ultima chance che tenta di riparare a sciagurate politiche economiche e monetarie che hanno prodotto danni incalcolabili in molti Paesi,a cui serviranno anni per riprendersi e ritornare ai livelli precedenti.
Ultima possibilità (in barba ai Trattati,e qui Sinn il tedesco ha ragione) per salvare la moneta unica....dopo resterà solo l'elicottero da cui lanciare quintali di euro alla popolazione....

Un primo  dubbio sorge già dalle precedenti operazioni di QE in USA,GB e Giappone...le ultime due con esiti non particolarmente brillanti.Dove sembra essere almeno in parte riuscito è negli USA.
Ma paragonare il QE-USA a quello della BCE è ridicolo oltre che dilettantesco.
Infatti:
1 - il QE-FED,oltre ad essere il triplo come ammontare, ebbe il vantaggio della sorpresa,mentre al contrario quello BCE era da tempo atteso e scontato dal mercato.
2 - Ma più importante,il tasso del 3% da cui partiva la FED garantiva ampio spazio di manovra per una sua riduzione e conseguente effetti positivi sul mercato,mentre il tasso BCE è già a livelli minimi ,rendendo inefficace un suo ulteriore ribasso.Non sarà certo un incentivo il ribasso dei tassi,come invece avvenne in USA.
3 - il QE americano non conteneva nessuna delle limitazioni imposte da Draghi e riguardava solo titoli USA,mentre nel caso BCE non si è ancora capito se le BC potranno comprare solo i titoli del loro Paese o saranno costrette ad un paniere di titoli dei vari Stati.Cosa non indifferente.
4 - inoltre ,diverse sono le fonti di finanziamento in Usa:,mentre in Europa sono in prevalenza bancarie.
Per cui,cosa faranno le banche con tutta questa liquidità? Apriranno finalmente i cordoni della borsa del credito o la utilizzeranno per altri scopi,visto che la BCE non può imporre loro nulla?
I precedenti non son certo incoraggianti.
5 - e per finire,una parte della ripresa Usa è pure da attribuirsi all'intervento del governo sull'economia reale.
Quindi,un paragone con la FED,con il QE americano e il suo successo è improponibile per tutte queste differenze.
Larry Sommers,ex-ministro del Tesoro Usa,giorni fa ha detto che " il QE non è una panacea per l'Europa"......figuriamoci per l'Italia.

Il QE della BCE per sperare di essere efficiente,avrebbe dovuto essere supportato da politiche budgetarie ed economiche espansive che rilanciassero la domanda.
Non c'è un problema di liquidità in Europa,ma di investimenti.
Ma se il cavallo non vuol bere,inutile dargli ettolitri d'acqua....

Vediamo poi che i 60  miliardi al mese,sono molti meno.Infatti nel totale sono compresi i 350-400 miliardi dell'operazione ABS-covered bonds (di cui già parlammo),rivelatasi un flop.
Le banche si son ben guardate dall'usarli e ciò dà ragione al fatto che non ci sia affatto un problema di liquidità.Quindi siamo a 800 miliardi.Altri 100 vanno sottratti.Sono miliardi destinati da BCE e banche ad investimenti  presso istituzioni internazionali quali BEI e BIRS.
( all'Italia quindi,in base alla quota detenuta in capital BCE,spetterebbero quindi circa una ottantina di miliardi in 19 mesi)
Di questi miliardi poi,occorrerà vedere quanti saranno quelli relativi ai titoli di Stato e ad altri tipi di acquisti (obbigazioni,titoli privati...).indicati dalla BCE. Percentuale non ancora nota....d'altronde se l'operatività di questo QE è rinchiusa in 500 pagine,c'è da aspettarsi sorprese....tipo che le BC non potranno girare ai rispettivi governi le cedole di rendimento maturate sui titoli del debito che comprano...
Quanto poi a riportare l'inflazione al 2% (e tutto il resto del pacco truffa euro,contenuto nei trattati...?),molti operatori sostengono ci volessero almeno 2000-3000 miliardi
.(analisi Societè Genèrale).
Per la cronaca,attualmente circolano in Europa circa 9000 miliardi di titoli europei....questo per dare un rapporto con un  QE di 800 miliardi....L'Italia ne ha in circolazione per 1670 miliardi..
Veniamo poi alla famosa vexata quaestio delle coperture.Tutti giornali parlano di una grande  vittoria di Draghi,quando invece a noi sembra solo un compromesso con la Germania,per poter sparare l'ultima cartuccia.
In caso di default o altri simili problemi,la BCE risponderà fino al 20%,mntre l'80% sarà a carico delle BC dei singoli paesi.
Udite,udite....nel caso italiano,una BC privata risponderà delle perdite (con l'oro?non suo?) e magari facendosi sostenere dal Tesoro pubblico,quindi alla fine dai contribuenti.
Le banche italiane si liberano di 180 miliardi  di sofferenze (già stimate come valor di realizzo,a non più di 80) che se tali resteranno,poi toccherà pagarle a noi....non male..!

Nei giorni precedenti,Carlo Messina di Banca Intesa aveva detto "Se prevarrà l'opzione tedesca della frammentazione del rischio tra le varie BC nazionali,per gli investitori vorrebbe dire che non esiste più una zona euro"
E infatti,se la BCE trasferisce alla BC nazionali la difesa dell'euro,significa che questo come moneta unica è finito.
O meglio,è una moneta unica al 20%...,la BCE organo centrale monetario se ne lava le mani...game over euro....balcanizzazione finanziaria e frammentazione della politica unitaria

E allora qualcuno mi spieghi:  perchè io,Italia,dovrei rinunciare al 100% del controllo della mia moneta,per tenermi l'80% dei rischi.? 

Non è che poi Dragon Ball sia stato così generoso,infatti ha pure detto che non comprerà titoli a chi non farà i compiti a casa e che le "riforme" devono continuare.Tradotto,l'austerità continua....
Quali siano le riforme che interessano agli euro-usurai lo sapete,lavoro e privatizzazioni in primis....di Senato e Legge elettorale non gliene po' fregar de meno.
In più,ridurre il debito e deficit....già,ce vorrebbe Batman...
Quindi,tutt'altro che finito di stringer la cinghia,con buona pace di Tsipras.....A proposito,non s'è ben capito se la Grecia parteciperà all'abbuffata di liquidità...non è stato ben chiarito (come tanto altro)...c'è chi dice che è esclusa essendo sotto il rating BBB,c'è chi dice che si compreranno anche i junk bond.....aspettiamo risposte certe.

Certo,qualche effetto positivo ci sarà : meno interessi sul debito...ma anche meno interessi per gli investitori privati,famiglie e pensionati compresi)....aumento dell'export (ma solo verso gl Usa,in europa non cambierà nulla,e se consideriamo che mediamente il traffico export-import tra i Paesi europei rappresenta il 50-60% del totale...i benefici saranno limitati,inoltre renderà convenienti gli investimenti  - e shopping a prezzi di realizzo -  americani in Europa).....un lievissimo vantaggio sui mutui,ma già ad interessi bassi Euribor (ma se le banche non erogano credito,temendo troppo i rischi  dei prestiti e gli accantonamenti relativi di capitale proprio che devono fare ?)....
Insomma le incognite dell'operazione sono molte.....e nessuno ora può garantire che questo fiume di liquidità,altre che sanare i bilanci delle banche,arrivi veramente all'economia reale,ad imprese e famiglie.

In teoria,e con tutti i limiti e le incognite di cui sopra,se la BCE compra montagne di titoli di Stato essa paga in contanti i vari possessori, e quindi un fiume di contanti finisce nei portafogli di gente che poi li dovrebbe spendere e quindi aiutare l’economia.
La BCE compra titoli (di vari possessori)dalle banche, quindi il liquido finisce nelle banche.
In  Italia i titoli stimati in mano a privati piccoli risparmiatori,pensionati... sono circa il 13-15% ,mentre l'85%-87% sono in mano a fondi e alla grande speculazione,banche comprese..
La domanda è: cosa farà questo 87% coi liquidi incassati ?
Probabilmente altra speculazione finanziaria....specie in Borsa o in titoli più redditizi extraeuropei...e quindi ci sono molti dubbi che arrivino all'economia reale come investimenti per far ripartire la domanda

Tutta questa operazione QE ,più che risolvere il problema irrisolvibile dell'euro,sembra più l'ennesimo e ultimo tentativo di rianimare il malato con una boccata d'ossigeno,in definitiva volta solo a prolungarne l'agonia.

La politica monetaria ha dei limiti come ammesso dallo stesso Draghi,come pure quella economica dei governi  (limite 3% deficit-Pil) e non si vede quindi come si possa sanare la situazione senza una monetizzazione del debito effettuata a livello nazionale per sostenere investimenti pubblici e redditi,e non certo comprimendo i salari o svendendo aziende privatizzandole come chiesto dalle riforme degli euro-usurai.
Ma non si può,c'è l'euro.

Leggere anche: http://vocidallestero.it/2015/01/22/sapir-perche-dovremmo-accogliere-con-qualche-soddisfazione-il-qe-della-bce/


21 commenti:

  1. in linea con i veri economisti......
    è molto che non mi faccio vivo, ma ti seguo sempre. GFC

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ok Branca,scusa se è un po' che pure io non mi faccio vivo da te,ma già a malapena riesco a tener dietro a tutto...siamo a personale ridotto...

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. sta storia è nausebonda non se ne puo più, perche non s'ammazzano tutti quanti? shadow

    RispondiElimina
    Risposte
    1. chissà che non succeda.....! ma quel che più colpisce è la disinformazione costante....oggi ho letto un articolo di un economista(?) che ha addirittura un team e che dopo tante fregnacce e luoghi comuni esaltando come manna questo QE,finisce per dire che secondo lui produrrà un aumento di Pil di + 0,8...!
      Da non credere...! Vorrebbe dire una decina di miliardi in soldoni.
      Ora,se consideriamo (vado a braccio) che il Pil italiano é di circa 1620 miliardi,il rapporto tra debito e Pil si è attestato al 131,8%,e il debito è 2.160 miliardi...
      si capisce che razza di gran trionfo sia questo QE,e nel migliore dei casi...come prospettato.dal nostro economista col team....

      Elimina
    2. civati va dicendo che lui punta su prodi io vado dicendo che?

      Elimina
    3. poco m'interessa questa elezione...visti i nomi che circolano c'è da aspettarsi il peggio e di parte,quando sento che verrà eletto a maggioranza semplice.Una buffonata! Se poi vedo il rito stantio della procedura da prima repubblica,furbizie,trucchi sa fiera,tre votazioni già definite inutili.....c'è vomitare a un tal spettacolo per i gonzi...alla faccia del rinnovamento.Il presidente degli italiani,va eletto direttamente dagli italiani,se poi è un cazzone,almeno la colpa sarà loro
      Questo è un altro regalo della kostituzione cartaginese che ci ritroviamo (parte politica-istituzionale) che non ha definito chiaramente compiti e ruolo delò PDR,lasciando all'interpretazione del personaggio eletto di definire i poteri dell'istituzione.
      E così ci troviamo un presidente notaio,o un presidente monarca.

      Elimina
  4. E' una manovra che puzza di bruciato. Specie alla luce delle dichiarazioni recenti di Obama sul fatto che gli Usa sono usciti dal tunnel e che ora c'è la ripresa. Non è che dall'equiparazione al marchio siamo passati all'equiparazione al dollaro, in vista del TTIP? Sai com'è...è un sospettuccio come un altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli americani possono manovrare il corso del dollaro come vogliono,a seconda dei loro interessi.Per ora (anche in vista del TTIP) è probabile che lo tengano rivalutato rispetto all'euro per fare shopping a prezzi stracciati in Europa,specie in Italia,con la benedizione del markettaro.
      Quando dovranno vendere,vedrai che alzeranno i tassi,rafforzando il dollaro.Come fecero durante la guerra nella ex-Jugoslavia,che alla fine abbiamo pagato noi con questo giochetto.Mica han spostato portaerei,aerei,uomini....gratis? E lì non c'era petrolio o che altro su ci rivalersi.
      C'è poi da dire che il QE americano ha certo innescato una ripresa,ma con ulteriori squilibri distributivi....non c'è stata per tutti,ha depresso i salari e aumentato le diseguaglianze a favore dei capitali finanziari.






      Se volessero

      Elimina
  5. Due considerazioni,in verità più dubbi...sull'argomento proposto
    1) Da vil tecnico,sono abituato,al bilancio al contorno,con parametri evidenti che puoi individuare e toccare...
    Semplificando
    In un Impianto qualsiasi,entra una materia grezza,che con macchine,energie e lavoro umano,si converte in prodotti finiti di maggior qualità....venduti ad alto prezzo.
    Totale.... la vendita del prodotto deve coprire tutte le spese indicate...più "far ridere"l'investitore....cioè...pagare la rata annuale dell'investimento fatto(capitale investito) e in più fruttare un interesse superiore o pari a quello ottenibile se il capitale,fosse invece investito'in altre avventure disponibili del mercato.
    Ritornando giovani...nel progettare l'impianto,si doveva rispettare un ROI (return on investment) dove erano fissati questi due parametri fondamentali...Solo così la previsione si reggeva in piedi.
    Era il periodo del "boom"economico,quando gli economisti capivano che un'ottima pianificazione nazionale(che integrava le singole produzioni locali),era l'unica fonte di ricchezza....e la carta straccia,immessa in quantità anche massiccia,era irrilevante... All'inizio entusiasmo nelle spese/acquisti..poi provocava solo inflazione...che ti faceva sorridere,sì, nel vendere all'estero....ma piangere amaramente quando dovevi comprare tutte le materie prime delle quali l'Italia è totalmente sprovvista....e quando andavi a fare la spesa... poiché nella gara svalutazione/inflazione/adeguamento stipendi...vinceva sempre l'inflazione...scoprivi che diminuiva alla fine il potere d'acquisto.

    2)Considero la BCE come,se fosse, una grande Società per azioni....con azionisti noti o occulti ...alla fine...i Banchieri che ci governano.Come tutte le SPA hanno un Amministratore Delegato...che non è quello che pensa o decide autonomamente per tutti...è solo quello(traitd'union fra interno e esterno)... che prende atto e ufficializza le decisioni dei soci di maggioranza.
    A parer mio il nostro Draghi dovrebbe avere un potere decisionale(anche se importante) analogo...Ratificare le decisioni del livello più basso,non manifesto,ma l'unico decisionale.
    Da Economista(da quattro soldi) nemmeno dilettante,ma burrino scarpa grossa e cervello fino...ho alcune domande alle quali tu sicuramente hai una risposta sensata.
    -La BCE a chi dà i soldi(Penso ad un Ente unificato....quale?)
    -Questo Ente a chi darà i soldi,con che criterio,e proporzioni?
    -Questi subEnti selezionati(forse le banche più importanti)come gestiranno questi soldi?...chi le controlla?....chi verifica che i soldi vanno a finire con minimi interessi a soggetti potenziamente produttivi(imprenditori...privati)....E non che possano andare a donne perdute....magari per rattoppare situazioni...poco note ma comunque sofferenti....degli enti interessati...Le Banche godono e gli Italiani non vedono un c...o.
    Non ci dimentichiamo che a garanzia di questa "manna cartacea"...lo Stato(quindi Io,Te,i tuoi lettori)si indebita con "pagherò",che prima o poi vanno all'incasso...e alla fine...
    dell'avventura(scadenza dei titoli) gli Eurousurai ci possono pignorare quei pochi beni rimastici...stavolta in "tempi brevi"...perché grazie al Pierino di turno le cause civile di pignoramente avranno(con il new deal) un binario preferenziale.
    Forse posso sembrare pessimista...ma sono arrivato a superare i '70 egregiamente...perché....sui fatti... prima ci cogito sopra ,ma poi "dubito...ergo (ancora)sum".
    Visto che gli strozzini non hanno mai fatto gli interessi dei loro debitori...perché ci vogliono convincere che il vento è cambiato?..Avranno ascoltato l'appello di Francesco,che apertamente ha denunciato che il male peggiore che ci affligge oggi ,dopo la guerra,provocata ad arte a destra e sinistra, questo male è l'usura?
    Saluti Tonino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La BCE comprerà titoli di Stato e non,attraverso le banche (con i limiti e le regole fissate),quelli che hanno già in pancia loro,dei loro clienti e sul mercato secondario (l'invenduto alle aste).Fine.I soldi li incassano le banche che ne fanno ciò che vogliono..la BCE spera che li prestino al sistema produttivo....ma è solo una speranza.Non le controlla nessuno,perchè la BCE non può imporre nulla circa la destinazione dei soldi.
      Questa in estrema sintesi la procedura.Le banche intanto si libereranno delle sofferenze e quasi sicuramente investiranno questa manna in attività finanziarie più redditizie.Ricorda che le banche sono aziende private e non enti di beneficienza,quindi mirano al profitto degli azionisti,non al bene pubblico.
      La garanzia dell'operazione la dà la BCentrale (80%) privata,se non ci riesce,il pagatore del rischio sarà il Tesoro,ergo il contribuente.
      Certo,poi i titoli acquistati dalla BCE scadono come gli altri,resta sempre un debito dello Stato emittente.

      Spero non ti sfugga il meccanismo perverso dell'operazione,un fatto interno tra banche in definitiva,il cui unico beneficio è una diminuzione degli interessi che lo Stato paga sui titoli.Lasciamo andare poi l'altro effetto di svalutazione dell'euro che ha lati positivi (ma non all'interno dell'export-import dell'unione),ma anche controindicazioni.
      Odio,qualche ricaduta ci sarà pure sull'economia reale,ma è un'aspirina che deve curare un tumore.

      Elimina
  6. Poteva mancare l'autorevole (...) commento del (pseudo)ministro dell'economia?

    http://notizie.tiscali.it/economia/feeds/15/01/27/t_121_20150127_ECO_TN01_0089.html?economia
    ovvero come si sparano quantità industriali di ca**ate in 7 righe 7 di articolo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A quanto mi ricordo,questo signor non ne ha mai beccata una...! Se lavorasse come menager di una azienda,l'avrebbero già licenziato....

      Elimina
    2. C'è un altro genio,Pigi Battista,che oggi sul Corriere tira fuori ancora la faccenda degli italiani,greci.....cicale.
      vedi un po' tu che livello di analisi....!

      Elimina
  7. La bce non ha il controvalore in oro, immettere tutta questa carta straccia sul mercato non migliorerà la situazione nel lungo periodo, ma creerà illusioni e debiti che qualcunaltro pagherà.
    La ricchezza o la crei producendo beni e servizi durevoli o te la inventi stampando moneta, ma sei solo...un falsario.
    In ogni caso il bazooka spara a salve non servirà a nulla. Chi vende i titoli alla BCE? Le banche, quindi i liquidi finiscono nelle banche, e in grande maggioranza i titoli sono in mano agli squali della finanza. Cosa faranno questi squali coi liquidi incassati? Investiranno in Borsa, come dimostrano appunto le storie del Giappone e USA, incassando fortune. Mentre all'economia reale, non va praticamente un centesimo siamo alle solite balle e bufale del Dragon Ball.
    Resta la realtà di una Bce che, tanto per cambiare, si è ancora una volta offerta di dare soldi alle banche, viste come il centro della vita economica. E pensare che uno come Draghi tanti cialtroni italioti lo vorrebbero pure al Quirinale.
    Ps. A proposito del miope servo del Corserva Pg Battista...nel suo editoriale ha fatto ridere pure le cicale!!! Non si è ancora reso conto che tutto quello che ha fatto fare l'Ue , politiche di austerità ,pareggio di bilancio in Costituzione,compiti a casa,le conclamate riforme ecc. ecc. è solo una reale disfatta ,un fallimento completo , tutto da buttare in una "discarica" compreso lui e il suo giornale mistificatore,uso a razzolare nel guano della menzogna! Ciao Tony

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti,sarà come dici....all'economia reale è molto probabile che finiscano solo briciole.E' una Europa delle banche,non se ne esce....se non uscendo da questa truffa una volta per tutte.
      Questo Corserva è veramente illeggibile,è ad un livello di servaggio incredibile ed anche becero,come gli argomenti di Battista.

      Elimina
  8. Molto O.T....ma troppo attuale
    Sto vedendo alla TV...il teatrino...che si sta recitando....tra i miracolati,impiegati...alle due camere...alcuni oscillanti come pendoli...altri(circa 150 sfrattati da recenti sentenze...ma ancora presenti in aula)il tutto(per molti di loro) per non perdere un posto di lavoro...per molti,il primo...ben retribuito...senza troppe responsabilità e competenze.
    Devo riabilitare quello che vedo a Roma a Porta Portese tutte le domeniche... cioé il banchetto del gioco delle tre carte...con "un" giocatore ...e "tutti" compari intorno..più qualche fesso abboccone....
    Al confronto è "alta" strategia......in fondo a Porta Portese....lo prende "colà",alla fine,al più.... uno ,due abbocconi.
    Un solo dubbio,ora sono in pensione,ma quando lavoravo....ci si preoccupava nei lavori produttivi o servizi...per non sballare i conti...dei costi orari e del personale impiegato....nelle varie iniziative....alla fine si faceva un consuntivo.
    In questa "recita"annunciata dagli stessi attori...dove già conosciamo il contenuto dei vari "atti"(steps)...(ci hanno pure tolto il gusto del brivido per vedere che succede,volta per volta).....quanto è il "costo orario,e totale" della recita stessa???.... recita sinceramente né snervante né divertente....molte perdite di tempo/strategie da quattro soldi....per non arrivare a conclusioni ....come da copione "annunciato"
    Eppure(una sensazione) sono convinto,che.... come in molte commedie divertenti alla Goldoni....assisteremo alla fine....ad un finale "imprevisto"...anche...per l'improvvisato giocoliere,contemporaneamente troppo impegnato, su tre tavoli( quelli... per il Presidente,riforme istituzionali,governo tecnico).....il diavoletto(sisà) fa le pentole(talvolta tenta pure di venderle)...ma.... non fà i coperchi.
    Stiamo a vedere il finale che oltre che a Noi penso sia ignoto anche agli attori....principali.
    Saluti Tonino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In merito al gioco delle tre carte e recite,seguiti pure l'elezione del PDR....quanto ne penso è nel prossimo post

      Elimina
  9. Buonasera…
    Sono Lucia che è stata molti fregata io hanno perso speranza poiché che vuole un prestito di 43.000€, ma io hanno inteso parlato della Sig.ra milani CINZIA. All’inizio ero un po’che diffida ma dopo le diverse procedure rassicurate per noi due io hanno finito per avere il prestito chiesto sul mio conto. Volete prendere contatto con essa se avete bisogno di un prestito presso una persona onesta e serietà ecco la sua mail contattate – rapidamente: cinziamilani62@gmail.com

    RispondiElimina