venerdì 30 gennaio 2015

LA RIFFA QUIRINALE


Secondo la nostra Kostituzione targata Cartagine (parte politico-istituzionale...e non solo),il Presidente della Repubblica nomina il Presidente dl Consiglio (anche non eletto,vedasi l'estinto Napoliano),mentre paradossalmente nella triste sceneggiata a cui stiamo assistendo pare essere il Presidente del Consiglio che nomina il PDR.
Infatti il markettaro premier ha indicato un nome...questo o si va ad elezioni.
Questo, sarebbe Sergio Mattarella,un signor nessuno,un desparecido riesumato dalle guerre puniche craxi-demitiane,noto per esser sempre stato "uso obbedir tacendo".
Prima di esaminare i risvolti (grotteschi) di questo barnum presidenziale,questo caravanserraglio di piccoli mariuoli da fiera che con giochi,giochini e giochetti mirano a fregarsi l'un l'altro alla faccia di ogni sbandierata trasparenza e rinnovamento,due parole sulla radice del male.
Non ce ne vogliano i "bellaciaonovisti" della Kostituzione più bella del mondo,ma la lingua batte dove il dente vuole.
E il dente è l'ambiguità dei poteri conferiti dalla Cartapecora a questo ruolo.Poteri che qualcuno ha definito "a fisarmonica",alla faccia della chiarezza che una K. deve avere.
Si dice,a seconda delle circostanze,dimenticando che è lo stesso Presidente ad interpretarle con una sua decisione arbitraria.
Certo,molto dipende dal personaggio,ma il vulnus è nella norma costituzionale che consente tale interpretazione " a fisarmonica" così da trovarci,a seconda dei casi,in presenza di un monarca da Statuto Albertino o di un signor nessuno notaio del catasto.
Ma quasi mai un presidente di tutti gli italiani che per esser tale dovrebbe essere eletto direttamente dal popolo e non da una cricca partitocratica magari pure illegittima.....
Ma come in tanti altri casi,questa non è una K. del popolo sovrano,come recita falsamente,ma una K. della cricca di palazzo,da comitato centrale sovietico che sottrae ogni vera decisione al popolo,voto compreso,stante la mancanza di revoca del mandato.

Detto questo e tornando all'attualità,o meglio alla lotteria truccata presidenziale,c'è da rilevare che in presenza di una guerra tra furbi imbonitori che si credono uno più furbo dell'altro,è difficile capire fino in fondo se il fantasma Mattarella sia una fregatura che l'allievo (il markettaro) ha dato al maestro (il vecchio satiro di Arcore) o se invece si tratti della solita manfrina per rafforzare ulteriormente il patto del Nazareno.
Almeno per ora....si vedranno poi gli sviluppi...

Ad una prima facile lettura il fregato su tutta la linea sembrerebbe Berlusconi.Il markettaro fiorentino,gli ha fatto approvare le riforme come voleva,una legge elettorale da puro autolesionismo col premio di lista oltre ad aver provocato a Forza Italiaconsistenti perdite elettorali e probabilmente anche una futura scissione.
Tutto questo per nulla
Il vecchio satiro,ormai bollito,non ha capito che il  bimbominkia è uno dei peggiori mentitori (Letta,stai sereno...) mai apparsi nel panorama politico italiano.Un furbetto da sagra aduso a non mantenere mai nulla.

Ma ancora non è detto che sia così......vedremo gli sviluppi e il finale di questa farsa.

L'unica cosa certa è che vi potete scordare un PDR di "statura internazinale" (altra bufala renziana) o quella grande "icona della legalità" che subito i leccaculi mediatici stanno spacciando al popolo dei peones,ormai rintronato da votazioni presidenziali in tutti i programmi Tv,quelli di cucina compresi......tanto per dare l'illusione di partecipare comunque alla riffa.
E ancora,che non sarà un PDR di tutti gli italiani,dato che probabilmente verrà eletto (come Napolitano) solo dalla sua parte.ma per i soloni della K. non c'è alcuna contraddizione...

Tutti i media si stanno attrezzando, fino alla rottura totale di coglioni ,per un ridicolo "tuttoquirinale minuto per minuto" a cominciare dalle surreali prime votazioni,già definite inutili...ci sarebbe da chiedersi che votano a fare allora....ma è una domanda senza senso come tutta questa carnevalata.

35 commenti:

  1. Tranquillo: dopo il QuirinalTango, attaccheranno con Sanremo. E questo Paese della Malora non cambia mai. Certo che il Bimbominkia è passato in men che non si dica da "rottamatore" a "restauratore" di vecchie croste. Ma la vera "tristaccia" questa volta, l'ha fatta il Bollito di Hardcore che voleva fino all'ultimo respiro, rifilarci il Topo Malefico, roditore di risparmi. E tutto per i suoi porci comodi aziendali.

    E' proprio vero che chi gioca a fare il mariolo, è destinato a farsi fregare da qualcun altro più mariolo di lui. Mi spiace, ma fino a che non si toglie dalle palle, le speranze di avere un Front all'italiana, si assottiglieranno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già più volte avevamo parlato del suicidio politico del Bollito....ora pare che i fatti ci diano ragione,se ce ne fosse bisogno.Già...finchè ci sarà,l'ipotesi Front è una chimera.
      Dal markettaro di Pontassieve nessuna novità,era già stato pesato.....peggio dei vecchi DC

      Elimina
  2. Civati corre per prodi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. guarda,a me Civati pare sempre più lo scemo del villaggio...

      Elimina
    2. no alle privatizzazioni, rinnovamento del partito e corre per prodi come pdr,,,,,,ma che razaz di coglione ma vada a cercarsi un lavoro anziche sbarcare il lunario in politica....un incoerenza allucinante1

      Elimina
  3. http://informare.over-blog.it/2015/01/mattarella-e-l-uranio-impoverito.html

    RispondiElimina
  4. Mattarella e i "regalini" dalla Mafia. Sandra Rizza per Il Fatto Quotidiano riporta alla luce una interessante vicenda in cui nel lontano '92 fu coinvolto il probabile prossimo Presidente della Repubblica.

    Leggiamo:

    Alla vigilia delle elezioni politiche del ’92, aveva ricevuto nella sua segreteria di via Libertà a Palermo una busta: il mittente era l’imprenditore agrigentino Filippo Salamone titolare della Impresem, che qualche anno dopo si sarebbe beccato una condanna per concorso in mafia con l’accusa di essere l’erede di Angelo Siino, il ministro dei lavori pubblici di Totò Riina.

    Dentro quella busta, c’era parte di un blocchetto di buoni-benzina per un valore complessivo di 3 milioni di lire (che, aggiungiamo noi, nel 92 non era affatto un regalo di "modesto valore").

    L’incorruttibile Sergio Mattarella, all’epoca deputato e commissario della Dc siciliana, raccontò di averli accettati come un regalo "di modesto valore", inviatogli a titolo personale da un privato cittadino, e di averli distribuiti dopo le elezioni ai suoi collaboratori . Ma per questo contributo, il notabile siciliano che oggi è considerato uno dei favoriti nella corsa per il Quirinale, finì per un decennio nel tritacarne del processo sulla Tangentopoli siciliana che negli anni Novanta travolse i vertici di tutti i partiti: dai dc Calogero Mannino, Rino Nicolosi, Angelo La Russa e Severino Citaristi, ai socialisti Nicola Capria e Nino Buttitta, al pds Michelangelo Russo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI Ok ma anche a rilanciare la query cosa cavolo sarebbe venuto fuori? nessuno non è inviso a faccende strane,....shadow

      Elimina
    2. Non tanto per lui,ma tanto per completare l'informazione.....non c'è solo il fratello ucciso dalla mafia,ma anche un altro.....visto che dalla grancassa mediatica vengon fuori solo santini ad hoc.....ma poi mi chiedo,come mai di sto genio riscoperto oggi,nessuno si è accorto quando hanno rieletto per la seconda volta Napolitano?

      Elimina
  5. Elezioni del PDR
    ^Per garantire un consenso il più possibile esteso intorno a un'istituzione di garanzia, nelle prime tre votazioni è necessaria l'approvazione dei 2/3 dell'assemblea (maggioranza qualificata); per le votazioni successive è sufficiente la maggioranza assoluta^.
    Purtroppo devo confessare una "lacuna"....non riesco a quagliare il significato esatto...di"assemblea"(come recita la Costituzione)sul quale calcolare la maggioranza valida per la nomina....Anche se penso,che per logica ci si riferisca al numero dei "presenti."...e in qualche modo "votanti."
    Ci si basa su tutti i grandi elettori,aventi diritto al voto,sia presenti che assenti...in aula.(dovunque siano)?...o solo sui grandi elettori "presenti "in aula al voto...e che comunque scrivono qualchecosa sul foglietto di rito debitamente "consegnato."?.Le cose cambiano totalmente nei due casi...infatti nel secondo caso la maggioranza richiesta sarebbe più bassa.
    Arrotondiamo i numeri...supponiamo che i grandi elettori siano mille...ma in aula ce ne sono solo 800( o 200 non esercitano il diritto di voto)....nel primo caso,per la maggioranza relativa servono 501 voti,nel secondo solo 401.....Il mio ,chiamiamolo dubbio,è....se mai valesse il secondo caso...il cavaliere,non presentando in aula buona parte del suo schieramento,o non presentando il foglietto debitamente riempito,fa un brutto dispetto al Nonvotato?...o gli fà un grande servigio?
    Stiamo parlando di dabbenaggine,o di piano democristiano?
    A questa sera il fotofish è questo..
    -Si presentano,in aula, NCD e i soli dissidenti di Forza Italia...avendo sbandierato,a tutti, un bel voto con scheda bianca....poi nel segreto dell'urna va a a capire ,per coscienza,per chi votano.
    -Invece i dissidenti del PD,che per coscienza voteranno "probabilmente" scheda bianca...avranno la sorpresa(a spoglio dei risultati) che le loro schede bianche...non si sommano con quelle dei "destri"presenti..perché "quelli" per coscienza potrebbero aver votato il candidato del premier.

    Morale...se la maggioranza richiesta si riduce...per l'assenza(o il non voto) di consistenti forze di opposizione.. e i voti dei dissidenti PD...saranno saggiamente pareggiati da quelli dei dissidenti Destri....
    -il candidato proposto dal PD sarà "sicuramente" eletto...e si arriverà addirittura a commentare,sui giornali e ai TG, che non ci sono state defezioni a sinistra(un partito compatto)...risulterà chiaro,poi, a tutti che le schede bianche(assenti nella fronda PD).....non possono che venire dai "destri"...poche e irrilevanti...
    Quanto al "non ci stò" del cavaliere...,un'alzata di dignità...e di ingegno.
    Mi confermi come si calcola la maggioranza....perché se si calcola solo sui soli presenti.,o i votanti(comunque riempiano la scheda)....se come temo vale l'alternativa due..... i voti più favorevoli al candidato del noneletto....sarebbero tutti(dissidenti e nò)quelli provenienti(o assenti) da parte del partito del cavaliere.
    Saluti Tonino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La k. non specifica se votanti o presenti con diritto al voto.
      Ma leggo circa l'attuale elezione: " 1007 grandi elettori, nei primi tre scrutini è richiesta la maggioranza di due terzi della assemblea (672 voti); dal quarto è sufficiente la maggioranza assoluta (la metà dell’assemblea più uno, vale a dire 504 voti).
      Quindi,si capisce,almeno credo,che si sta parlando di grandi elettori presenti e aventi diritto al voto.
      Ora,non saprei se nel caso dell'elezione del PDR sia consentito uscire dall'aula e non votare,abbassando così ogni maggioranza richiesta.Non credo sia mai successo.....o se comunque vadano considerati come presenti.
      Beh,è un po' tardi per il cavaliere dire non ci sto....ormai c'è stato in tutto,compresa una legge elettorale che gli farà dimezzare il partito....a proma vista sembra il gabbato del circo....

      Elimina
  6. un po' di storia di famiglia

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/01/29/sergio-mattarella-candidato-colle-ex-dc-carta-dellex-rottamatore/1379706/

    rik

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh sì,qualche scheletro nell'armadio l'hanno pure le oneste famiglie,peggio se politiche...

      Elimina
  7. il 4 aprile 2003, il giudice per le indagini preliminari del tribunale altoatesino rinvia a giudizio 17 esponenti locali della Margherita con l’accusa di aver falsificato alcune firme necessarie per la presentazione della candidatura di Mattarella

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/01/30/mattarella-quando-margherita-raccolse-firme-false-per-candidarlo-bolzano/1383795/

    RispondiElimina
  8. En passant possiamo notare come una legge dichiarata incostituzionale abbia generato gli abnormi rapporti di forza nel Parlamento che eleggerà il prossimo rottame.
    Senza quella legge che assegna a un'associazione a delinquere la metà dei sottopanza in Parlamento, il Marketta farebbe meno il gradasso.
    Tale legge fu votata dal Bollito Ottimo Massimo che, all'epoca, si credeva molto furbo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come diceva la vecchia pubblicità del Mottarello "nutre e rinfresca". Da oggi una repubblichetta tutta matta, avrà il suo Mattarella.
      In aula ho visto delle brutte facce come Monti, Bella Napoli che applaudivano da spellarsi le mani. Mi piacerebbe in caso di suffragio presidenziale diretto, quanti Italiani avrebbero votato un simile catafalco.

      Elimina
    2. Già.....solo a guardarlo vien la depressione....in una elezione diretta avrebbe preso i voti della famiglia e di De Mita....
      Il Bollito ha ulteriormente dato il meglio votando l'Italicum col premio di lista.....un perfetto harakiri...ma lu è furbo.....!

      Elimina
    3. Oltretutto il Bollito ha avuto la pessima tempistica di far approvare la legge elettorale prima dell’elezione del presidente della Repubblica, andando così al tavolo della trattativa «senza più frecce nel suo arco". Ci arriva perfino un Mastella a capirlo. Quanto a noi, grazie al suo servile zelo verso Renzi , ci tocca sopportare una pessima e antidemocratica legge elettorale che blinda preferenze e dà premi di maggioranza alla lista. Io spero (ma non ci conto troppo) che ci sia ancora lo spazio per emendarla.

      Elimina
    4. Infatti....ma è mai possibile una cosa del genere?Dilettanti allo sbaraglio....! Se non è bollito questo...!
      Parlano di grande abilità del markettaro,ma a me sembra più dabbenaggine altrui...

      Elimina
  9. La chiamano camera ma si è rivelata ovile stalla per le pecore di Renzi.Applaudite pure (Bella Napoli Banalitano, la Marionetta Monti, l' Angelina Jolie Alfano e i soloni della Kostituzione più bella del mondo (Baldrakka alla camera dei rifugiati e il Grasso che cola sempre più figure barbine al Senato ed ora come Pdr pure felicemente trombato ) questo sarebbe il nuovo che avanza??? (sic! un pecoraio-pentolaio sofferente di annuncite acuta (sole ciarle e fatti zero) che da finto rottamatore sì è di fatto rivelato accanito restauratore, riesumando dal sarcofago un'altra mummia dopo quella ,che sino a ieri , ha sparso in Italia solo putrido Napoletame!
    Un pecoraio-peracottaio, un pastore che da pdc illegittimo che gestisce un pseudo- parlamento a mo' di gregge di pecore , con il gran pecorone Alfano che pur di mantener la poltrona ha dato via pure l'ano e coi cani fedeli Speranza (piddiota ad oltranza) e Suor Racchiani (falsa oggi, ieri e domani) a guardia del gregge del partito delinquenti a impartir di votar come dementi ,secondo diktat della più bacata delle menti! In un tale contesto, se prevale normalmente il capriccio Bimbominkia , mandiamo a casa questo schifo di parlamento e risparmiamoci fiumi di bile! Ciao Tony

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già....siamo in presenza di un coglionazzo che si crede statista e ancor d più di una opposizione di mamelucchi incapaci di valutare il proprio potenziale potere d mandarlo a casa.Non ha i numeri per nulla,ma glieli fanno avere su un piatto d'argento.Sarebbe già defunto da tempo sto governo di incapaci se l'opposizione facesse il suo mestiere normalmente.Invece sta lì ad approvar riforme autolesionistiche per sè e per il paese,oltretutto facendosi prendere in giro da questo squallido markettaro.
      S'è mai visto un partito che col 29% occupa tutte le cariche istituzionali e agisce come se avesse il 60% in un Parlamento di illegittimi?
      Invece dobbiamo sorbirci le cazzate del puttaniere di Arcore che porta il suom partito allo sfascio e il nulla dello squallido Alfano....tutti intenti al proprio interesse gabellato per quello del Paese.Mai vista una classe politica composta di tanta fuffa e pochezza!

      Elimina
  10. Esponente della sinistra democristiana, tanto per ricordarlo quella che venne risparmiata dal ciclone di Mani Pulite, unitamente agli esponenti dei vertici del Pci-Pds-Ds. Fu la conseguenza del disegno “atlantico” nel senso di anglo-americano di imporre in Italia il sistema del bipartitismo perfetto, grazie al quale un partito moderato-conservatore e un altro progressista-socialista si alternano al governo senza mettere minimamente in discussione il potere della finanza e delle multinazionali. Una svolta che sinistra Dc e post-comunisti furono ben lieti di sostenere, cavalcando la campagna contro i democristiani moderati e i socialisti, con Craxi che pagò la scelta di Sigonella. Dicevamo Mattarella. Attualmente giudice della Corte Costituzionale, di nomina parlamentare, la sua carriera politica si evidenziò quando, come ministro della Difesa nel governo di D'Alema, collaborò alla aggressione della Nato alla Jugoslavia per sostenere i criminali dell'Uck che volevano strappare il Kosovo alla sovranità di Belgrado. Come ministro, oltre ad avere abolito il servizio militare obbligatorio, sostenne la legittimità del cosiddetto “primo colpo” nucleare. Ossia della possibilità di colpire con le armi atomiche, senza preavviso, i nemici degli “atlantici”, quindi degli Stati Uniti. Per questo Mattarella è ben visto a Washington, per questo non può piacere a noi. Ciao Tony

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A leggere stampa e vedere Tv,è tutto un incenso verso questo personaggio fino a ieri nel museo delle cere.
      Pare la scoperta di un genio,a detta del suo barbiere,dell'immancabile compagno di classe e di cronisti,conduttori tv....esperti di linguistica e lecca lecca alla fragola.....!
      MI chiedo,come mai di sto genio riscoperto oggi,nessuno si è accorto quando hanno rieletto per la seconda volta Napolitano? Dov'era questa teppaglia mediatica e queste aquile di politici che ora si sperticano in lodi stile sobrio Monti...?
      Per carità,sarà pure un onesto poveretto chino sulle sudate carte costituzionali,ma già a guardarlo mette malinconia...po è stato eletto sotto un brutto presagio,il tricolore caduto dal Quirinale....!
      Toccamose che è meglio....!

      Elimina
  11. Com'è la storia del tricolore caduto dal Quirinale ? Mi sono persa qualcosa? :-) Hai per caso un link?

    Purtroppo quella che sembra la dabbenaggine del Banana, in realtà ha a che fare con le quotazioni in Borsa di Mediaset. Ogni volta che approva una porcata renziana, le sue azioni volano. E noi sprofondiamo all'inferno nel malessere. Prima lo si capisce meglio è. Il patto del Nazareno è ferito ma non ancora morto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Durante la terza votazione in Parlamento, il forte vento ha strappato la bandiera italiana dal pennone sulla torretta del Quirinale. Dopo circa un'ora il tricolore è stato sostituito, non sul pennone centrale ma su quello laterale.
      http://www.msn.com/it-it/video/notizie/quirinale-forte-vento-strappa-il-tricolore/vi-AA8M2u0

      E allora si ritiri a curare i suoi affari....e la smetta di far danni al paese.con questa finta opposizione.

      Elimina
  12. Johnny, im nerito a questa nomina del nuovo 'guardiano del porcile' ho pochissima voglia di sprecare tempo consumandomi i polpastrelli sulla tastiera, metto il link ad un articolo che mi trova assolutamente d'accordo:

    http://pauperclass.myblog.it/2015/02/01/mattarella-presidente-altro-colpaccio-del-partito-unico-eugenio-orso/

    Cosa ci rimane? Salvini + Meloni? boh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non hai torto,pure io poco mi sono appassionato a questa lotteria visti i concorrenti.
      Finchè ci rimarrà berlusconi,da questa parte ci rimarrà ben poco,nonostante quelli che menzioni.
      E' un danno continuo al Paese la sua finta opposizione,per non parlare dellla cricca alfaniana insieme ....e pensare che il markettaro non avrebbe i numeri per far nulla.
      C'è da vomitare er come viene tradito il voto....!

      Elimina
  13. http://www.stavrogin2.com/2015/02/bad-bankalle-solite.html

    RispondiElimina
  14. Buonasera…
    Sono Lucia che è stata molti fregata io hanno perso speranza poiché che vuole un prestito di 43.000€, ma io hanno inteso parlato della Sig.ra milani CINZIA. All’inizio ero un po’che diffida ma dopo le diverse procedure rassicurate per noi due io hanno finito per avere il prestito chiesto sul mio conto. Volete prendere contatto con essa se avete bisogno di un prestito presso una persona onesta e serietà ecco la sua mail contattate – rapidamente: cinziamilani62@gmail.com

    RispondiElimina
  15. I veri esseri umani sono coloro che sanno venire in aiuto ai loro simili quando soffrono. Quest'uomo mi ha fatto un prestito di 85.000 euros... senza il tutto complicarmi la macchia al livello dei documenti che chiedono le banche in occasione delle domande di prestito. Ho deciso oggi di testimoniare nel suo favore voi potete contattarlo per e-mail: e-mail: (muscolinogiovanni61@gmail.com)

    RispondiElimina