mercoledì 3 dicembre 2014

AMERIKRAJNA

Una notizia sconcertante e surreale del grado di psicopatia dei servi Usa.Notizia riportata eslcusivamente dal Sole 24Ore,mentre tutti gli indecenti pennivendoli sodali  Usa-Nato glissano, forse si vergognano di questo incredibile scandalo. .
A cominciare dalla sedicente esperta del Fatto Quotidiano atlantista Roberta Zunini,ricercatrice della verità (?),e per finire con Leonardo Coen....

LA NOTIZIA

Il Parlamento di Kiev ha approvato la nomina di un’americana, di un lituano e di un georgiano nella compagine governativa.
Il ministro delle Finanze sarà la statunitense Natalia Jaresko, che è di origine ucraina, amministratore delegato di un fondo di investimenti del gruppo Horizon Capital.
Il portafoglio all'Economia andrà al banchiere lituano Aivaras Abromavicius, partner della società di investimenti East Capital, che ha lavorato in Ucraina negli ultimi 20 anni, dopo aver ricoperto incarichi al Dipartimento di Stato americano.
Infine alla sanità andrà l'ex ministro georgiano Alexander Kvitashvili, che è stato ministro della Salute e del Lavoro nel governo di Tbilisi.
Ai tre nuovi ministri stranieri il presidente Poroshenko ha concesso a tamburo battente la cittadinanza ucraina proprio in vista del loro imminente ingresso nel governo di Kiev.

la scelta dei candidati stranieri per il nuovo esecutivo ucraino è stata seguita da due società di selezione di personale:Pedersen & Partners e Korn Ferry.
Il processo di head hunting è stato sostenuto dalla Fondazione Renaissence, network globale di consulenza politica finanziato dal miliardario americano di origini ungheresi George Soros. Secondo il KyvPost, Soros avrebbe pagato più di 80mila dollari per sostenere le due società coinvolte nella selezione di personale.
La notizia del nuovo governo filo-occidendale ucraino arriva nel giorno in cui i ministri degli Esteri dei Paesi Nato hanno annunciato nuove misure di sostegno a Kiev e hanno condannato il potenziamento della struttura militare russa in Crimea e quello che definiscono come la «deliberata destabilizzazione» dell'Ucraina orientale da parte di Mosca. Nella dichiarazione diffusa in occasione della conferenza ministeriale dell'Alleanza atlantica a Bruxelles, i ministri si dicono «anche preoccupati per i piani russi per ulteriore rafforzamento militare sul Mar Nero».

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2014-12-02/l-ucraina-vara-governo-ministri-stranieri-selezionati-cacciatori-teste-202117.shtml
--------------------
Come si può negare che l'Ukrajna sia stata invasa da una potenza straniera....!...ma non è quella russa,bensì lo Stato Canaglia USA....

La Yaresco è una speculatrice, risulta infatti co-fondatrice della società di investimento internazionale Horizon Capital che opera in Ucraina, in Bielorussia e in Moldavia..Un suo parente stretto lavora alla Banca Mondiale...eh eh...!

Anche l'ex ministro della Sanità georgiano Alexander Kvitashvili deve essere un sottoprodotto yankee del liberismo più sfrenato: si privatizza tutto e chi può pagare vive, chi non può scucire la grana si prenoti al cimitero.Questo bel tomo ha iniziato la sua ascesa negli Stati Uniti. Nel 1993 era nel settore finanziario e amministrativo del Medical Center di Atlanta.

IL banchiere lituano Aivaras Abromavicius, ha un curriculum strepitoso di operazioni finanziarie da brivido...un topo nel formaggio in un paese con una quantità di oligarchi lestofanti (a cominciare del presidente Poroschenko). Abromavicius viene dall’ University of Wisconsin e dalla Scuola Internazionale d’affari estone, emanazioni della Fondazione Soros.

A questi signori di passaporto usa,vanno aggiunte le precedenti  nomine del figlio di Joe Biden, cocainomane pentito, nel cda di Burisma, una delle compagnie del gas più importanti di Kiev....e l'attuale premier Arseni Yatseniuk,messo lì dagli Usa,sionista e banchiere filo Ue.

Se siamo arrivati a questa sceneggiata,la situazione è tragica.In pratica, un affronto diretto contro Putin in un paese da sempre nell'orbita geopolitica russa (pensate a quanto successe a parti invertite a Cuba...e come reagirono gli americani),vuol dire che la Casa Sporca cerca la provocazione,cerca lo scontro....alla faccia delle deliranti dichiarazioni antirusse di tutti i media di regime che additano Putin come u diavolo che vuole la guerra.
A questo punto è pure chiaro che è chiaro che nel Donbass, a maggioranza russofona, non accetteranno mai di essere governati dalle Giacche Blù americane.
Le conseguenze di questa scelta che di fatto fa dell'Ukraina una colonia americana,sono imprevedibili....ma non promettono nulla di buono

Ma i nostri media di regime continuano a sostenere mentendo che gli assalitori dei popoli sono i russi, mentre è la Nato continua a provocare la Russia ai suoi confini.
Si arriva a dire che i russi attenterebbero all'indipendenza dei Paesi Baltici ,mentre invece è la Nato che, con le sue esercitazioni insieme agli ex membri del patto di Varsavia,continua a creare problemi,agitando lo straccio rosso di ri-sovietizzazione di queste repubbliche.
L'operazione congiunta denominata Steedfast Noon 2014,recita: “volta a testare le capacità di attacco nucleare delle aeronautiche dell’Alleanza”.

Stralci da: http://www.conflittiestrategie.it/lucraina-getta-la-maschera-e-lamericraina?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=lucraina-getta-la-maschera-e-lamericraina
-------------------------------------------

Contro la politica delle sanzioni

L'idiozia autolesionista dei vassalli europei comincia a preoccupare diversi personaggi,a cominciare dall'ineffabile paraculo Sarkozy (il merito è suo se la Francia è nella Nato....),rientrato in campo per la prossima corsa all'Eliseo visto il colossale fallimento della scartina Hollande:
"Trovo inaccettabile che il contratto sia stato congelato immediatamente prima del vertice della NATO su richiesta del presidente degli Stati Uniti, – ha dichiarato Sarkozy. La Francia deve decidere da sola quello che deve fare, non in base ai desideri di soggetti stranieri".

Poi in un lungo e circostanziato articolo Der Spiegel (che aveva prontamente accusato i russi di aver abbattuto il famoso aereo della Malaysia) " Summit of Failure: How the EU Lost Russia over Ukraine" sembra ora prendere tutt'altra posizione,accusando la UE e la Germania in particolare di irrazionalità politica nei confronti di Putin,svelando alcuni retroscena relativi alla cacciata di  Yanukovitch col golpe di piazza Maidan..
Nel 2013 Bruxelles offrì al presidente ucraino di interrompere i legami economici con la Russia e associarsi alla UE, senza grandi perdite economiche,stimate in 3 miliardi di dollari. Gli ukraini invece calcolarono in uno studio invece il costo dell'operazione in 150 miliardi.
Successivamente la Ue negò a Yanukovitch gli aiuti finanziari richiesti, invitandolo a  farseli dare dal FMI insieme ovviamente alle sue ricette usuraie che avrebbero stesi il Paese. Yanukovych giustamente non accettò l'invito e fu cacciato dalla finta rivoluzione orchestrata dagli Usa e dai cecchini Cia pagati dper sparare sulla folla.
In queste vicende der Spiegel accusa la miopia UE e della Germania in particolare di non aver capito le ragioni e la posizione di Yanukovich, e cioè l’importanza essenziale che l’Ucraina ha per la Russia.
Un errore che va ora riconosciuto offrendo una via d’uscita a Putin, senza costringerlo a perdere la faccia, cosa che lui non farà mai.
E' evidente che l'articolo non solo si fa carico degli interessi tedeschi penalizzati da queste sanzioni,ma si chiede anche il perchè di tanta ostilità da parte della Merkel verso Putin,tanto più che per diverso tempo sembrava l'unico leader che tentasse la strada della diplomazia,e non della rottura.
Voltafaccia completo della Merkel  avvenuto al G-20  in Australia, dove auspicava sanzioni alla Russia tali da costringere Putin a cedere (cosa che certamente non farà)
Ma perchè una tale inversione di rotta?
Una delle  tesi che circolano è che  gli USA stiano di fatto ricattando la Merkel con qualche mezzo,qualcosa che hanno in mano...documenti,registrazioni.....vi ricordate come la Cancellierà si era indignata per le spiate telefoniche Usa e come poi sia stata pronta a dimenticare,cambiando bersaglio verso Putin,paragonandolo addirittura a Hitler?

Anche il Financial Times (23/11) pare aver cambiato atteggiamento: "È tempo che l’Occidente e l’Ucraina offrano un negoziato a Putin. L’Ucraina non ce la farà mai con una Russia ostile ai confini..... rinunciare ad una vittoria idealmente desiderabile in nome del realismo politico"

E l'Italia? Non pervenuta....se c'era dormiva....e se non dormiva,serviva....

---------------------------


South Stream.

Più volte ci siamo occupati di questo investimento strategico per l'ENI e l'Italia,dopo che aveva vinto il confronto (e certe resistenze politiche europee) con il progetto Usa ""Nabucco",altamente antieconomico,oltre che di difficile realizzazione.
Purtroppo,dopo la Libia,dobbiamo registrare una ulteriore sconfitta per il nostro Paese,ormai in balìa di ogni razza di lestofanti e servi degli interessi altrui.
Anche stavolta,più che i Russi e i Tedeschi,col cerino in mano siamo rimasti noi.
------------------

Il South Stream è morto. Il progetto russo-italiano-francese-tedesco finalizzato al trasporto di gas dal porto di Beregovaya, in Russia, direttamente in Europa, con due tronconi distinti che sarebbero sbucati in Austria ed in Puglia, è stato abortito a causa delle pressioni statunitensi su Bruxelles.
L’Europa, minacciata daWashington, ha fatto di tutto per scoraggiare i russi e questi hanno rinunciato alla posa dei tubi.
Per l’Italia è un danno economico e strategico immane.
La Saipem perde di colpo un contratto di 2,4 miliardi di dollari per la costruzione del tratto offshore del dotto e l’Eni perde la faccia con i suoi partner slavi.
Il Corriere delle Sera, confermando la sua natura antinazionale, quasi esulta per questa disfatta che potrebbe costarci cara sul fronte della sicurezza energetica. Ora Roma sarà costretta a sfruttare, senza risparmio, le sue risorse interne, con le comunità locali già sul piede di guerra (vedi Basilicata) poichè temono trivellazioni eccessive, o dovrà acquistare tale materia prima su mercati meno stabili dove i prezzi sono anche più elevati.
C’è la crisi, la nostra bolletta energetica non gode di buona salute e qualcuno si permette di lasciarsi scappare chance come queste, solo per fare un dispetto a Putin o assecondare le manie monopolari di Obama. 
Occasione che non si è fatta soffiare la Germania, Paese ancora molto più serio del nostro, che ha finalizzato, senza troppi problemi, il North Stream (sempre in compartecipazione con Gazprom, compagnia che detiene il pacchetto di controllo della società North Stream AG), progetto gemello e più “fortunato” del South Stream, assicurandosi la certezza dei rifornimenti per un lungo periodo.
Berlino sì e noi no, questa è L’Europa dove l’Italia è un membro di serie B, tollerato e mazziato, anche da quest’ultimo affronto che ci nega approvvigionamenti garantiti.
E’ stato proprio il Presidente russo ad annunciare la sospensione del programma South Stream: “Tenendo conto della posizione della Commissione europea, tenendo conto del fatto che non abbiamo avuto il permesso dalla Bulgaria, riteniamo che la Russia non sia in grado di sviluppare questo progetto. Dovremo riconsiderare la partecipazione a questo progetto”.
Più duro il capo di Gazprom Alexei Miller che ha parlato di cessazione definitiva delle attività: “Tutto il progetto è chiuso" ha dichiarato a RIA Novosti.

Tuttavia, la Russia ha già deciso che ricorrerà ad un potenziamento del Blue Stream, il gasdotto che rifornisce la Turchia, anche impiegando hub supplementari, per non subire cali nella commercializzazione e nella produzione. Il raddoppiamento della capacità del Blue Stream ripagherà i russi del fallimento del South Stream e risulterà anche meno oneroso di quest’ultimo sotto il profilo degli investimenti. Infatti, il tratto di mare per l’accesso al territorio turco è più corto di 500 km rispetto a quello, ormai naufragato, del gasdotto che sarebbe emerso in Bulgaria. Chissà se i russi chiederanno ancora alla Saipem di essere della partita dopo quanto accaduto col precedente contratto appena stracciato.

L’Italia, invece, risulta nuovamente danneggiata nei suoi interessi fondamentali da questa Ue senza capo né coda che prende ordini da Oltreoceano e bastona gli Stati più deboli.
Per motivare quest’ultima défaillance i burocrati di Bruxelles sono ricorsi ad una giustificazione che sa di beffa, soprattutto per il (fu)Belpaese.
In realtà, le sanzioni occidentali che hanno colpito il Cremlino sarebbero la causa di questo passo indietro di Putin, il quale, senza i capitali messi a disposizione dalle banche del Vecchio Continente, non è in grado di concretizzare grandi piani infrastrutturali.
E’ una balla colossale ma gli euroburocrati non sanno più dove attaccarsi per mascherare la propria inadeguatezza, in un mondo che cambia velocemente e del quale non sanno tenere il passo.
Per quanto tempo ancora l’Italia se ne starà buona buona in questo circolo di strozzini, chiamato Unione Europea, che la depreda come una colonia africana? 
Quanti filo-americani dovranno ancora alternarsi al Governo prima di veder nascere un esecutivo autenticamente attento a conservare la propria sovranità nazionale? 
Giriamo la domanda ai nostri dirigenti politici, se c’è qualcuno che ancora merita questo titolo, tra i tanti crapuloni che ormai occupano il Parlamento solo per strafogarsi alla buvette.

http://www.conflittiestrategie.it/litalia-perde-la-faccia-la-credibilita-ed-il-south-stream?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=litalia-perde-la-faccia-la-credibilita-ed-il-south-stream

22 commenti:

  1. Ulp! tre articolesse in un colpo solo! :-). Una cosa è certa: l'Ucraina, o meglio il suo governo, impiega lo stesso metodo Letta con la Kyenge: mette lì un bel po' di stranieri pretoriani di Washington nel suo esecutivo, per essere sicura che facciano gli interessi d'OltreAtlantico.

    C'erano già degli antesignani storici in questo metodo : Stalin che quando voleva frenare una rivolta etnica, piazzava lì guardie rosse di tutt'altra etnia lontana. Ma almeno il Baffone aveva un pregio: non pretendeva chiamarla "democrazia".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho voluto dare un quadro più ampio della guerra in corso USA-Russia...mancherebbe ancora il giochino che stanno facendo col petrolio,sempre in merito all'accerchiamento politico,militare ed economico messo in atto dalla casa Sporca per piegare Putin.
      Tre ministri con passaporto americano (la cittadinanza ukraina è stata data ad hoc...(un po' come il senatore a vita Monti)...unitamente ad altre porcate,configurano questo Paese ormai come una vera e propria dependence yankee,nemmeno a sovranità limitata,una sorta di Portorico prima dell'annessione.
      Se non è una scandalo questo...! e come al solito,operato in nome della democrazia...! Ormai hanno gettato definitivamente la maschera....con somma ignominia della stampaglia nostrana peggio del peggior servo del padrone.

      Elimina
  2. La prima gallina che canta (Mc Cain) ha fatto l'ovetto:

    http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=82&pg=9682

    Ammesso e non concesso (ho seri dubbi) che nel 2020 le esportazioni USA prendano il posto di quelle russe, in primis ci legheremmo ancora di più al carro yankee, poi per i prossimi 5 anni ci scaldiamo con le bombe atomiche gentilmente fornite dai nostri padroni d'oltreoceano?

    SEMPLICEMENTE DEMENZIALE, l'europa attuale è peggio del sud america dei decenni precedenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Naturalmente a prezzi sicuramente più alti e resa inferiore del petrolio russo,senza contare poi i costi dei rigassificatori.Insomma il solito affare per loro e inchiappettata per noi.Pensa un po',importare gas dagli Usa...! Da dementi....se poi va in porto il TTIP,acquisteremo tutte le schifezze americane.
      Lo shale gas è una bufala colossale....se poi la Ue importa il 32% del gas russo,non è poi una grande dipendenza! Pensa un po' se il bovaro MCCain foss diventato presidente...! Vah beh che c'è poca differenza polityica con il Bamba attuale,ma questo è il classico john wayne dei poveri,una mezza cartuccia privo di carisma e anche un po' coglione,ideale per le lobbies.

      Hai fatto un paragone azzeccato,siamo il Sudamerica anni 50....una dependance,la casa dei servi,dei regimi fantocci della Casa Sporca...

      Elimina
  3. Posto anche quest'altro link, con altre fondamentali considerazioni:

    www.rischiocalcolato.it/2014/12/la-guerra-e-finita-per-ora-andate-pace-e-preparate-la-prossima-guerra.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "ltre al particolare che il gas USA necessariamente dovrà essere pagato in dollari, e ricordiamoci che questa è la vera chiave di lettura di quasi ogni conflitto mondiale in atto...."
      Già,perchè oltre al resto c'è una guerra valutaria contro il dollaro da parte di molti paesi ormai stufi di questo assurdo privilegio di moneta di pag.internazionale.
      Ruolo che non ha più ragione di essere e che condiziona e consegna interi paese nelle mani di speculatori.
      E' difficile prevedere gli sviluppi futuri,dipenderà da molti altri fattori....non ultimo la Cina che per ora pare estraniarsi,dico pare....da queste vicende,ma a cui credo sia molto interessata.

      Elimina
  4. Per aggiungere un altro tassello al quadro imperialistico Usa e allo scontro con la Russia,c'è pure la questione siriana.

    https://byebyeunclesam.wordpress.com/2014/12/04/washington-sta-addestrando-un-esercito-ribelle-per-occupare-la-siria/

    RispondiElimina
  5. Ma il Poroscemo ,( Poroshenko), costituendo questo governo apertamente filo-occidentale, con cittadini americani riconosciuti e abbastanza in vista, sta di fatto sancendo la divisione dello Stato, poiché è chiaro che nel Donbass, a maggioranza russofono, non accetteranno mai di essere governati da yankee.
    Per cui credo e temo che la guerra civile in Ucraina sarà lunga e spietata e lascerà sul campo parecchie vittime.
    Tutto questo grazie al gople in piazza Maidan e all'avidità di potere del guerrafondaio Obamba, aiutato dal Soros (strano sto nome ...Soros...Poros..cemo...soroscemo)e dai servi e camerieri Ue ora capitanati dall'alcolizzato di turno Junker
    E di fronte a queste provocazioni, ormai nemmeno più coperte, i nostri media Corserva e Repubblicadisinforma in primis continuano a sostenere che gli assalitori dei popoli sono i russi. Ma che vadano tutti affanculo..dal Flebuccio all'Ezietto che dirige un giornale così inetto! Ciao Tony

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Poroscemo cioccolattaio è un altro sguattero da cucina Usa....e probabilmente,prima o poi,getta....così come tutti i media italioti di regime e in malafede,perchè non si può essere così cretini da credere a dei bovari come McCain e dei falliti come il colored O'Bamba.....nè a un ubriacone evasore e riciclatore come Juncker.Come si può credere che siamo minacciati dalla Russia,in una grottesca e ridicola riedizione dell'URSS,quando il vero pericolo,i veri aggressori in ogni angolo del mondo sono queste ipocrite Giacche Blu?
      E che dire dei nostri deficienti di governo che non hanno un briciolo di dignità e amor di patria? Se non altro,per gli interessi del Paese....

      Elimina
  6. 2 cose veloci,,,,dette cosi fuori dai denti.......dove sono quei merdosissimi e ed insulsi piddioti che si riempivano la bocca di "obamah ohhhhh.........obamah,,bello nuovo,,,,,uhhh obamahhhh....obammahh.......con lui e per lui e grazie lui, america,,,,un paese diversoh" ma andate a prenderlo in culo paraocchiati del cazzo..........primo................e secondo...........dicevo....a parte questo sanissimo rigurigito d'odio per i piddioti soliti insulsi merdosi..........mah a parte questo volevo evidenziare, come si sono ribaltate le cose,,,,,,,è ridicolo,,,,,,,un tempo e neanche troppo tempo fa il mantra era "i comunisti sono cattivi mangiano i bambini"......oggi sono bravi...........davvero misera la vita, stupide galline che si azzuffano per niente,,,,niente di niente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'avresti mai detto che piddioti ed Usa si sistemassero nelle stessa barca?

      Elimina
    2. oh si altro che, da sempre vedo piddioti che non si capisce se stanno sul fico o sul banano, sono piscopatici, disturbati,....hanno seri problemi con il raziocinio, non hanno una linea, non hanno una logica, non hanno coerenza.......ma poverini,,,,,,,, del resto questo è il prodotto del dissesto ideologico in atto, da 20 anni a questa parte, non è colpa loro se sono allineati solo in apparenza.........è colpa della realtà che li circonda che è disallineata rispetto a quello che loro all'apparenza rappresentano...cioè l'homo sapiens..un problema tutto italico non c'è dubbio......mica è una questione di partito, non è il centro sinistra, è marte prima svolta a destra...........! ..........ok sto diventando logorroico..,,bye bye

      Elimina
    3. Mi riferivo a prima della caduta del muro,agli anni della guerra fredda.....chi avrebbe mai pensato che i sostenitori di Breznev e soci e della patria del sol dell'avvenire diventassero fans dell'odiato nemico?
      Certo,dopo quella vicenda,la storia è quella che tu illustri nel commento.Se ne potrebbe concludere che il dna però non è cambiato: cercano sempre un padrone a cui inginocchiarsi ed essere i primi a raccogliere le briciole che cadono dalla tavola del principe.

      Elimina
    4. si è vero hai proprio ragione, forse nemmeno certi precedenti di Napolitano (tanto per rimanere in tema) lasciavano pensare ad una deriva di questo tipo....la sinistra comunque ha un unico problema..........binario......ossia ignora di essere vittima e carnefice di se stessa, e al contempo ritiene di essere il nucleo di cio che la circonda.....forse è meglio che la smetta, anche perche non tutta la sinistra è centro e ci sono certi comunisti buoni che la linea tutto sommato l'hanno seguita nel bene e nel male, anti capitalisti ieri come oggi tutto sommato, la mia avversione è rivolta soprattutto a questo pd.......un accozzaglia di radical chic un tempo e oggi di giovani rimbabiti yuppies che altro non sono se non l'involuzione di quelli che li hanno preceduti, doveva andare cosi....ma ora smetto sono fuori tema forse,,,,,,,,,,,,,,bye ......shadow

      Elimina
  7. In merito all'Ucraina.
    http://m.strategic-culture.org/news/2014/12/03/israel-secret-plan-for-second-israel-in-ukraine.html

    Il piano segreto d’Israele per fare dell’Ucraina una nuova Khazaria
    «Dovete aspettarvi che noi esercitiamo altrove i nostri diritti storici. Abbiamo deciso che
    la cosa avverrà sulle sponde del Mar Nero, dove siamo stati una popolazione autoctona per più di 2.000
    anni» Servono forse a questo scopo le macchinazioni di Stati Uniti ed Unione Europea nel voler destabilizzare l’Ucraina? ...
    Questo desiderio è direttamente collegato alle attività della leadership ucraina dei giudei Petro Poroshenko, Arseniy Yatsenyuk, Kolomoisky e dei loro sostenitori
    americani – Nuland e Pyatt

    Articolo del Times of Israel che ha svelato il documento israeliano segreto sui Khazari

    RispondiElimina
  8. @Re. Bennyhill,e veloce commento di Johnny
    Sui Khazari,senza correre il rischio di essere scambiati per antisemiti,ma solo come amanti della storia del nord Europa....perché il libro in questione(che sto per citare) è stato scritto da un noto e apprezzato romanziere,ma anche documentato storico israeliano delle varie sfaccettature delle tradizioni dell'Ebraismo dell'Est....puoi documentarti sul noto saggio "la tredicesima tribù"scritto da Artur Koestler....mi pare edizioni Giuntina....libro che in uno dei traslochi che ho fatto purtroppo è andato perduto.
    In pratica,nel suo saggio, il Koestler, descrive,la storia di un popolo,di derivazione nord/orientale...stanziatosi,da tempo, nell'area dell'odierna Ucraina.
    Questo Popolo sotto la pressione(dal sud) delle orde islamiche,per difendersi,decise di,unirsi politicamente,socialmente e convertirsi per di più,in massa,in un'unica Religione.
    Scelsero l'ebraismo,piuttosto che il Cristianesimo bizantino....e per diversi secoli fondarono un potente e pacifico impero.....che forse allora ci salvò dall'invasione Araba dall'oriente..
    L'impero in questione si sgretolò,sotto la spinta dei Vichinghi(I Russ,così i baltici chiamavano i vichinghi)) che,navigando sui grandi fiumi... fondarono una nuova nazione(cristiana) con capitale Kiev....siamo circa nel mille...
    E alla fine....i superstiti di quelle popolazioni,furono spinti in occidente(Balcani,Germania....etc.)spazzati dalla migrazione di massa dei tartari e mongoli del secondo millennio.
    Quanto afferma il Koestler...non è universalmente accettato da altrettanti seri studiosi del periodo , anche suoi correligionari....perchè le fonti storiche sono rare e contraddittorie....e solo il Padre Eterno sa come andaronole cose.
    Il Koestler descrive nel suo libro, che l'Ucraina per diversi secoli fu considerata,una terra ospitale,quasi una Patria,per quelle popolazioni,ormai da tempo convertite alla Religione Ebraica.
    Il Fatto storico era ben noto,anche, nel medio evo....fu infatti affrontato,discusso e commentato... anche dal noto mistico e poeta ebraico Yeuda Ha Levi ....nel suo libro.... Kuzhar.
    L'unica perplessità,per i "dilettanti"/curiosi degli studi storici(come me) è che parliamo di fatti accaduti circa un millennio fà....e con pochi documenti di valore storico.
    Possibile...che,dopo tanti secoli,e con tanti rivolgimenti(e invasioni,pure i Cosacchi) avvenuti in quella vasta area.... si possano ancora conservare degli echi che abbiano il peso di influenzare la storia dei nostri giorni????
    A mio parere...lo ritengo molto improbabile.....è come cercare,oggi gli Incas,i Maya ,gli Atzechi nel centro/sud America.
    Saluti Tonino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa storia dei Khazari,nonostante varie tesi (anche interessate)in merito,non è mai stata definitivamente chiarita,così come la leggenda che si racconta a proposito di una conversione in massa all'ebraismo.
      Più verosimilmente,fu una bizza della casta dominante a suo uso e consumo,visto che in questo regno convivevano pacificamente diverse religioni,e più specificamenre:
      - la comunità ebraica viveva essenzialmente nelle città e nulla indica che fosse in maggioranza.
      - nel ceto rurale erano molto diffusi il Cristianesimo, l’Islam e lo Sciamanesimo.
      - Ii ceto militare era prevalentemente islamico.
      - L’evento che, semplicisticamente, viene definito “conversione” era probabilmente il ritorno di discendenti di ebrei alla Fede dei Padri.

      Ma torniamo all'attualità.Verro che in Ukraina,specie ad Kiev ed a Est di Kiev (in particolare nella zona di Odessa) la presenza de ebrei è sempre stata abbastanza forte.Tanti ne incontrai con le loro lunghe barbe e la loro particolare foggia dell'acconciatura e del vestire,che il popolo identificava in askhenaziti.
      Nel caos attuale,ci sta pure che certi elementi ,di cui si fa cenno,si richiamino al passato regno khazaro,sognando un nuovo regno.
      Nel mondo di Alice,cioè rovesciato,in cui viviamo,
      siamo abituati ad ogni incredibile fola raccontata ai peones,chissà poi con quale obiettivo più o meno nascosto.Direi che il regno dei KAZZARI è già una realtà....

      Elimina
  9. I veri cognomi dei golpisti di Kiev che si sono mascherati con falsi cognomi per spacciarsi per ucraini:

    Turcinov....Kogan
    Yatsenyuk...Bakay
    Poroschenko..Valzman
    Timoschenko...Kapitelman
    Klitcko...Etinzon
    Tiagnibok....Frotman

    In Ucraina, il 22-02-2014, i sionisti oligarchi assistiti e protetti dalla Nato e sotto la guida degli USA hanno fatto il golpe!

    Per non parlare poi del fatto che:

    - Victoria Jane Nuland, ebrea,(New York, 1961) una diplomatica dell'apparato statale statunitense, che ricopre la funzione di Assistant Secretary of State for European and Eurasian Affairs presso il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti d'America[ sotto la presidenza di Barack Obama, incaricata della cura dei rapporti diplomatici con Europa ed Eurasia,

    -John Forbes Kerry Kohn, ebreo, (Aurora, 11 dicembre 1943) attuale Segretario di Stato degli Stati Uniti. a suo tempo candidato per il Partito Democratico alle presidenziali del novembre 2004.,

    - Bernard-Henri Lévy, ebreo, (Béni-Saf, 5 novembre 1948) noto agente sionista di raccordo tra i servizi segreti francesi ed il Mossad israeliano e sempre presente in tutti i teatri di guerra del mondo al servizio del progetto rothschildiano del Nuovo Ordine Mondiale

    - John Sidney McCain III, wasp, sionista, (Colón, 29 agosto 1936) senatore per lo stato dell'Arizona dal 1987 e candidato alla presidenza degli Stati Uniti nel 2008, e tantissimi altri ebrei da tutto il mondo ed anche e soprattutto dalla stessa Israele, o comunque sionisti sfegatati come appunto McCain, sono stati in perenne movimento di vai e vieni dall'Ucraina, proprio per contribuire al golpe in tutti modi possibili, con uomini, soldi, armamenti, propaganda, informazioni politiche e militari, etc. per la buona riuscita del golpe!

    Insomma: Roba da non credere !

    E tutti questi sarebbero i "patrioti" Ucraini?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho modo di verificare questa notizia per molti dei nomi citati.ma se attendibile,i falsi Protocolli di Sion,vuoi vedere che diventano attuali...!

      Elimina
  10. Pare ci siano anche dei documenti ufficiali, che testimoniano la totale dipendenza delle forze armate ucraine dagli USA, questo è il link originale:
    http://cyber-berkut.org/en/
    e qui un blog italiano che ha ripreso la notizia:
    http://decamentelibera.blogspot.it/2014/12/clamoroso-scoop-siamo-in-possesso-di.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. direi molto istruttivi in merito alla totale disinformazione dei media appecorati al padrone,acritici,idisinformati e privi di ogni deontologia professionale

      Elimina