sabato 12 aprile 2014

L'ENNESIMA TRUFFA DEL PENTOLAIO FIORENTINO

il magliaro
Su Libero di venerdì 18 aprile,compare un articolo di Francesco De Dominicis intitolato "Molto,peggio dell'Imu,la Tasi si mangia gli 80 euro".
E' quanto da tempo sosteniamo (vedere in giugno,il pagamento prima rata....guarda caso,dopo le europeee..) e che ci fa piacere altri abbiano rilevato.

Qui di seguito,le altre frottole del DEF


I numeri falsi del DEF

Tutti sanno che il valore del DEF è assai relativo. Cifre che vengono proiettate a cinque anni, ma che vengono poi riviste - in genere assai pesantemente - ogni sei mesi. Del resto è ben noto come le previsioni economiche siano normalmente assai meno attendibili di quelle meteorologiche.

Tuttavia quei numerini, benché così volatili, qualcosa ci dicono. Ma quelli dell'edizione aprile 2014, targata Renzi-Padoan, sembrano davvero scritti sulla sabbia. Vediamo il perché, procedendo per punti.

1. La crescita

Nel comunicato diffuso dal governo si legge che: «Si proietta una crescita del PIL dello 0,8 per cento per l’anno in corso, con un graduale avvicinamento al 2,0 per cento nei prossimi anni».
A parte il fatto che un +0,8%, dopo una caduta del Pil di 9 punti dall'inizio della crisi, è solo un modesto rimbalzino fisiologico che nulla fa sperare per il futuro, è realistica la previsione del governo? Lo vedremo, ma intanto Fmi ed Ue prevedono un +0,6%. Siamo agli zerovirgola, d'accordo, ma visto che in ogni caso di zerovirgola si tratta anche questa differenza va segnalata.

Il comunicato parla poi, per gli anni a venire, di «avvicinamento al 2,0%», ma in realtà la tabella del DEF immagina la seguente progressione: +1,3% nel 2015, +1,6% nel 2016, +1,8% nel 2017, +1,9% nel 2018. Un'evoluzione lenta quanto inarrestabile. Già, ma quanto credibile? Se noi andiamo a leggere i DEF del passato scopriamo che il trucco è sempre il solito, e consiste nell'ammettere (ma mai fino in fondo) la defaillance del presente, abbellendo sistematicamente i dati attesi per gli anni futuri, in base alla nota legge che «prima o poi tutto finirà per il meglio».
Giusto per fare un esempio, è in base a questo criterio che il DEF 2011 prevedeva un +1,3% per il 2012 ed un +1,5% per il 2013, anni poi rivelatisi invece di profonda recessione.

Al di là del fisiologico rimbalzino, cosa autorizza a pensare ad un'inversione di tendenza riguardo alla crescita? Niente. O, peggio, delle ipotesi meramente ideologiche, senza alcun riscontro scientifico. Che le cose stiano così ci viene confermato da alcune proiezioni contenute nel DEF e messe in evidenza dal Sole 24 Ore del 9 aprile.
Secondo queste proiezioni, la «Riforma del mercato del lavoro» (alias precarizzazione estrema) varrebbe un incremento di Pil dello 0,8% al 2018; mentre un analogo incremento verrebbe determinato dalle «Liberalizzazioni e semplificazioni», e si potrebbe continuare con simili amenità. Qui, per brevità, mi sono limitato a citare il dato al 2018, ma valori in crescita progressiva sono indicati già a partire dal 2014.

Ora, è ormai un quarto di secolo che si liberalizza e si precarizza, ed in questo periodo la tendenza alla crisi non ha fatto altro che accentuarsi, fino ad esplodere violentemente nel 2008. Perché mai questa volta, invece, liberalizzazioni e precarizzazione - al di là della loro negatività sociale, che non ha bisogno di troppi commenti - dovrebbero compiere il miracolo?

Non solo, così come si sovrastimano gli effetti di queste misure, si sottostima invece l'effetto negativo della politica dei tagli alla spesa pubblica sul Pil. Un impatto che si vorrebbe contenuto tra -0,2 e -0,3%. E' credibile tutto ciò quando si dichiara di voler arrivare a tagli di spesa di 32 miliardi di euro (pari al 2% del Pil) nel 2016?
Ovviamente no, ma chissenefrega, che l'importante è portare a casa la pelle alle europee.

2. La piena accettazione dei vincoli europei 

Com'era prevedibile, Padoan non ha fallito la sua missione, ed - almeno sulla carta - a Bruxelles arriveranno numeri perfettamente allineati con la tabella di marcia imposta dal Fiscal compact. Così, giusto per ribadire che da parte europea non c'è nessun allentamento dei vincoli, e che da parte italiana c'è il solito «obbedisco» di sempre.

Quanto sia credibile questo percorso di rientro del debito è un altro discorso, che vedremo più avanti. Sta di fatto, però, che il percorso rigorista viene accettato in pieno, come ci dicono i numeri che seguono.
Il rapporto debito/Pil, al 132,6% nel 2013, viene previsto ancora in aumento (134,9%) nel 2014, ma dal prossimo anno dovrebbe iniziare a scendere con velocità supersonica fino al 120,5% annunciato per il 2018. Una picchiata in linea con la tempistica di rientro del Fiscal Compact.

Idem per quel che concerne il famoso 3% nel rapporto deficit/Pil. Era questo il vincolo che Renzi faceva intendere di voler sfidare, ma le visite a Bruxelles, Berlino, e perfino nella Parigi dell'inadempiente ma politicamente decotto Hollande, hanno vivamente sconsigliato al berluschino fiorentino di insistere su quel tasto.
Evidentemente, l'annuncio di quello strappo altro non era che una delle tante sparate del bomba, ma di questo eravamo già certi.
Ecco allora il suo piano, che anziché essere di sfondamento è invece di mesto rientro.
Secondo il DEF al -3,0% del 2013, dovrebbe seguire un - 2,6% nel 2014, fino ad arrivare progressivamente addirittura al segno più (+0,3%) nel 2018.

3. Come verrà rispettato il Fiscal compact?

Eccoci allora arrivati al punto più interessante. Tanto più che il bomba ha già dichiarato che non vi saranno altre manovre. Ah no? E come li fa tornare i conti, con la bacchetta magica?
In realtà Renzi, probabilmente per la fretta che lo contraddistingue, non ha avuto modo di completare la frase, perché altrimenti avrebbe certamente detto che non vi saranno altre manovre... fino al 25 maggio, naturalmente.

Tra tutte le leggende, quella sul "Fiscal compact? No problem" è una delle più assurde.
A rilanciarla ci ha pensato Padoan, che ha affermato che basterà «ottenere una crescita nominale del 3%, di cui un 1% di aumento del Pil e un 2% di aumento dell'inflazione, e la ghigliottina ci sarebbe risparmiata, perché il debito si ridurrebbe in automatico per il solo effetto della crescita del Prodotto lordo».
(M. Giannini, La Repubblica del 9 aprile)

Semplice no? Peccato che la crescita sia sotto l'1% e l'inflazione vada dirigendosi verso lo zero.
E già solo per questo i conti non tornano. Ma non è questo il peggio. Il peggio, che è anche naturalmente il non detto, è che questo simpatico meccanismo di «rientro automatico» (a proposito, ma come mai il fior fiore dei bocconiani al governo non ci ha mai pensato prima?) si basa su un altro punto fermo, un numerino apparentemente innocente quanto foriero di nuovi pesantissimi sacrifici.

Abbiamo già visto il "virtuoso" rientro (sulla carta, beninteso) del deficit dal -3,0% del 2013 al +0,3% del Pil nel 2018. Si tratta di un recupero di 3,3 punti percentuali di Pil, pari all'incirca a 54 miliardi. Una massa di denaro che, se calcolata sull'avanzo primario, si ridurrebbe a circa 45 miliardi, in virtù della minor spesa prevista per gli interessi.

E qui dobbiamo aprire una parentesi. Siccome - soprattutto per gli effetti del Quantitative easing americano - il peso degli interessi è diminuito negli ultimi tempi, il governo si spinge a prevederne un ulteriore calo nei prossimi anni (dal 5,3% sul Pil del 2013 al 4,7% nel 2018). Calcolo abbastanza azzardato, non solo perché nuove crisi finanziarie sono assai probabili, non solo perché il Quantitative easing europeo (ammesso che si faccia) andrà probabilmente a dirigersi verso titoli del sistema bancario piuttosto che verso i bond del debito pubblico, ma soprattutto perché se si auspica una ripresa dell'inflazione essa andrà sì ad incrementare il Pil nominale, ma giocoforza aumenterà nella stessa misura i tassi sui titoli pubblici di nuova emissione.

Dunque, abbiamo visto che anche nella migliore delle ipotesi serviranno almeno 45 miliardi all'anno di tagli e/o nuove tasse. Ne serviranno certamente di più, perché la crescita sarà più bassa ed i tassi di interesse prevedibilmente più alti, ma anche volendo accettare la stima dei 45 miliardi - ovviamente non esplicitata nel DEF, ma facilmente ricavabile dai numeri lì esposti -, la domanda è: dove li prenderanno?

4. Da dove verrà questa montagna di denaro?

Come ognuno avrà ben capito entrano qui in gioco i tagli di spesa: addirittura 32 miliardi al 2016. Ma i tagli alla spesa non sono affatto una piacevolezza come si vorrebbe far credere mettendo all'asta le auto blu su e-bay. Essi andranno a colpire in primo luogo la sanità (comparto dove si concentra il grosso dell'acquisto di beni), il welfare (pensioni di invalidità), nonché il pubblico impiego, non solo tagliando i salari, ma diminuendo drasticamente il numero degli occupati. Che è poi un modo assai singolare di ridurre la disoccupazione sotto il 10%, come da un'altra recente sparata del bomba.

Ma anche prescindendo da queste considerazioni sociali - per noi ovviamente del tutto imprescindibili - resta il fatto che non solo l'obiettivo di 32 miliardi è assolutamente irrealistico, ma che il governo (sempre nel DEF) dichiara di volerlo destinare alla riduzione del «cuneo fiscale», dunque con un effetto sui conti pubblici pari a zero. 
Naturalmente, solo il tempo ci dirà come andranno le cose, ma se i tagli verranno destinati all'aggiustamento dei conti salterebbe quella riduzione fiscale che, nelle dichiarazioni del duo Renzi-Padoan, dovrebbe essere uno dei fattori della mitica crescita. Dunque, ancora una volta, i conti non tornano.

Conclusioni (quando i nodi verranno al pettine)

La conclusione di questa breve disamina del DEF è assai semplice: il bomba mente sapendo di mentire.
 I suoi sono numeri scritti sulla sabbia. Ma questa, ammettiamolo, non è una notizia. La notizia è che i suoi spazi di manovra sono gli stessi di chi l'ha preceduto. Lui è solo un venditore più bravo. Qualità non secondaria, come riconosce Fabrizio Forquet nel suo editoriale di commento sul Sole 24 Ore, laddove dice assai esplicitamente che Renzi è sì un populista alla ricerca di un facile consenso, ma che il blocco dominante non può farne a meno, perché senza consenso (vedi Monti e Letta) non sarebbe possibile portare in porto le (contro)riforme che interessano a lorsignori.

I quali gridano evviva per un DEF truffaldino, che mette i numeri che piacciono all'Europa, senza dire con quali misure raggiungerli per non dispiacere gli elettori. Un trucco che verrà ben presto svelato.

E quando, tra qualche mese, i nodi verranno al pettine, quando insomma si dovrà discutere della prossima Legge di stabilità, il renzismo mostrerà appieno il suo straordinario vuoto strategico. Nel frattempo però, con uno straordinario sostegno mediatico, il bomba proverà ad incassare un buon risultato alle europee.
Che il boccone elettorale gli vada di traverso!

PS - A proposito di populismo (quello vero). L'organo degli "anti-populisti", cioè La Repubblica, così titolava ieri a proposito del DEF: «Stangata su banche e manager».
Attendiamo un'ondata di suicidi di banchieri e manager di Stato, in caso opposto le scuse del direttore del giornale Ezio Mauro o, meglio ancora, del sig. De Benedetti, tessera n° 1 del Pd.
I disoccupati, che stanno veramente pagando la crisi, anche per le politiche sostenute da quel giornale e da quel partito, gradirebbero almeno di non essere presi in giro.

http://sollevazione.blogspot.it/2014/04/ecco-svelato-limbroglio-del-def-di.html


------------------------------------

Una disamina dettagliata di un documento,il DEf,che è il solito annuncio senza numeri.....i pochi che ci sono costituiscono il solito libro dei sogni per imbonire per l'ennesima volta il popolaccio,ormai rincitrullito dalla disinformazione dei media e specialmente da quella fogna di bufale che è la Repubblica,giornale del bancarottiere,evasore,inquinatore,distruttore di industrie e truffatore di Stato De Benedetti,ieri a colloquio col pentolaio.A che scopo? salvare Sorgenia....nomine di amici....?  Ricordare il caso Barca....
Questo vergognosi piddioti ce l'avevano con il berlusca,mentre in casa avevano il peggio del peggio,come questo partito di servi,fiancheggiatori degli usurai europei e sciagura nazionale.


30 commenti:

  1. "I suoi sono numeri scritti sulla sabbia"
    Così scrivi delle promesse e previsioni del noneletto,ma che si trova lì....a quel posto,un po' per la supervalutazione di se stesso ...un po' per la "coniglieria"accoppiata alla furbizia dei suoi competitors(che hanno fiutato "il finale"),ma forse anche...e chissà se lo verremo prima o poi a scoprire....perché come in casi similari non poteva rifiutarsi.
    Io avrei usato la dizione latina...."le sue parole le puoi scrivere sull'acqua".
    Sto ascoltando su TG.Com il logorroico comizio del "Salvatore"...sperando per lui che non faccia una fine scontata(che ci viene in testa di questi tempi)....
    Si autoproclama il difensore di tutti gli impegni presi nel passato... dai "corrotti" governi che l'hanno preceduto...verso una corretta Europa.......corretti investitori(leggi strozzini).....stilati da corretti amministratori.
    Se un giorno,dopo il martirio,verrà santificato,il Nostro sarà proclamato,sicuramente, il difensore(e protettore) dei "debiti pubblici"senza se e senza ma....a prescindere da come ,da chi,...con chi contratti...e peggio ancora approvati.
    Raramente approvo Grillo...ma mai come oggi sono d'accordo con Lui....che afferma che il debito pubblico è in buona parte una truffa costruita nel tempo...tra compari(strozzini/amministratori corrotti)...e che almeno per quelle voci non cristalline non va pagato.
    Ma quale debito d'onore,da onorare per far contenti quattro strozzini del Nord...che se comunque pagato ci porterà alla sicura miseria....per i prossimi 20 anni.
    Ma ce lo chiede l'Europa!!!...e allora????..cosa è l'Europa...
    UNA ESPRESSIONE GEOGRAFICA...niente di più...mentre l'Italia è la nostra Patria ,che va difesa dai predatori transnazionali...e dai "parassiti"consanguinei...succhiasangue che infestano le nostre "carni"...
    Rimando all'ottima commedia di "Scrollalanza"...l'italiano(forse veneto) naturalizzato Inglese (Shakespear)...sul "Mercante di Venezia...(unicamente come cittadinanza)"...che ben rappresenta ciò che l'Europa ci chiede...
    o il ripagamento del debito o....un brandello di carne....e il non eletto se ne fa il garante......Meglio cento Grillo,che....
    Ciao Tonino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. già....proprio come Il Mercante di Venezia.....l'europa vuole la sua libbra di carne....e il pentolaio é quello che la taglia....lui difende solo gli interessi degli usurai che gli consentono il teatrino ad usum peones "la Ue va riformata....batteremo i pugni sul tavolo.." (quante volte l'abbiamo sentita!) e altre simili castroneie,magari dfino al 25 maggio...
      L'onore?...ce mancava pure questa....! ma quale onore,pentolaio coglione,è una rapina...!

      Elimina
  2. Ops ...errata corrige
    Shake speare....
    conosceva troppo bene l'Italia...i suoi sentimenti...la sua gloria... e la sua storia...per essere,solo, un Anglo o un Sassone...o un Nordman Normanno/Gotico/Vichingo...come molti sostengono.
    ciao Tonino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti....é sempre in piedi l'antica querelle che fosse un italiano,o comunque (contrarianmente a quanto sostengono gli Angli) che sia stato in Italia.
      Per loro sarebbe uno smacco che il Bardo vernisse dai Pigs...!

      Elimina
  3. E l'IRAP che fine ha fatto...pareva vitale per gli industriali....!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pare che dal 10% passi al % e comunque se ne riparlerà in autunno....ricordate i titoli dei giornali,come cosa già fatta....

      Elimina
    2. così come il pagamento crediti PMI....a luglio,in autunno....chi lo sa...

      Elimina
  4. Farneticante discorso oggi a Torino del caudillo da fiera Renzi,con ulteriori annunci per il 2015-16 e con toni da mafioso verso i dissidenti del suo partito.A me questo burattini sembra fuori dalla realtà,vive in un mondo virtuale tutto suo,dove basta annunciare qualunque fesseria per pensare che sia già fatta.
    Una colossale presa in giro,visto che ancora nessun annuncio è funzionante.La legge elettorale,che doveva essere il primo punto,è ancora da approvare.Non credevo certo cghe fosse un genio,ma nemmeno una tale marionetta dilettante e megalomane,tanto da dire che cambierà l'Europa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'ho sentito....vergognoso,e condivido in toto...

      Elimina
  5. Qualche giorno fa è uscito sulle pagine del Corriere della Sera un appello pro euro firmato da un manipolo di milionari che ingrassano sulla pelle della povera gente .
    Tra gli infami firmatari:Lorenzo Bini Smaghi, Franco Bruni, Marcello De Cecco, Jean-Paul Fitoussi, Marcello Messori, Stefano Micossi,
    Antonio Padoa Schioppa,
    Fabrizio Saccomanni, Gianni Toniolo

    http://www.informarexresistere.fr/2014/04/12/lappello-degli-infami

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli unici che traggono sicuro beneficio dal mantenimento della moneta unica sono i proprietari dei capitali finanziari. STAMPiAMOCELO BENE IN TESTA UNA VOLTA PER TUTTE...

      Elimina
  6. Lo vedo e lo sento in tv, il pentolaio, e non mi indigno né mi viene da piangere. Mi scompiscio. E' pericoloso semplicemente scompisciarsi? Permettetemelo, per ora.
    T4e

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In un certo senso è sicuramente comico,visto le incredibili balle che spaccia....a cui pure Tartarino aeeossirebbe,ma è pericoloso,perchè sa vendere....

      Elimina
  7. L'altro ieri, non ricordo chi, ha addirittura detto che il fonzie e' stato frutto dell'investitura di milioni di italiani. Ho sentito dire che va bene perché è veloce nel fare le cose... Ma, è stato investito da chi? E da cosa? La velocità? A fare cose sbagliate sono tutti bravi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'investitura degli usurai...a mezzo il babbione del Colle....ormai cercano di farci credere che il solo sorge ad ovest....
      Va veloce a fare? Certo,veloce negli annunci....e nelle cazzate.

      Elimina
  8. Ieri a Roma...battaglia urbana...monta il malcontento....e le azioni incontrollate...che richiedono poi reazioni scontate....non fanno bene a nessuno.
    Un po' fuori tema...ma non so quanto.
    Oggi...Domenica delle Palme....anche se si festeggia oggi con gli olivi....e non con le palme.
    Con grande soddisfazione in diretta ho ascoltato(più precisamente visto in TV) la messa.... "in latino"....e tanta gente semplice seguirla....con sicuramente tanta voglia di pace nel cuore.....(in Italia e nel Mondo).
    Con tutto ciò continua il giochetto delle tre carte in Siria....dei soliti ignoti....ma noti a tutti.....perché il fanatismo,purtroppo,...supera ogni desiderio di pace...
    Al TG...compilato da ignoranti...parlano di armi chimiche....la solita estenuante,stancante solfa....che permette a tutti di dare la colpa a tutti....
    hanno buttato un pesticida(dicono)...la clorina...termine dubbio e oscuro....
    Un pesticida,dicono che, serve per distruggere i parassiti che infestano i prodotti agricoli...per farli crescere rigogliosi...
    .un'arma chimica NO!... perché questa è studiata per uccidere volutamente uomini.
    Ricordiamo che la domenica delle Palme è il trionfo del Redentore....che caccia i "mercanti"dal Tempio(e qui rientriamo in tema)....e che non entreranno mai nel regno di Dio....
    anche Lui ottimista e sognatore....malgrado Dio ,figlio di Dio...

    Li ha cacciati allora dal tempio....ma...dopo una settimana di passione...ha scontato il gesto...nobile e coraggioso.
    Duemila anni dopo siamo,ancor più infestati dai mercanti di denaro(eufemisticamente chiamati mercati o investitori)...
    che dobbiamo fare????se non aspettare...come estrema cristiana speranza...il suo ritorno....affinché il mondo viva finalmente il suo millennio di pace....e se non ritorna ancora????
    Con molto anticipo un augurio di buona Pasqua ...ma temo il fanatismo che vedo proliferare in giro....e che ci possa rovinare questa festività....festeggiata da sempre,da tutti i popoli e in tutto il Mediterraneo.(*)P.S.Gli egizi festeggiavano la resurrezione di Osiride 3000 anni prima di cristo.in Palestina si festeggiava la resurrezione di Adone/Tammuz/Attis,prima che Giosuè la conquistasse....
    .in Grecia...inventarono i misteri eleusini.... che regalavano la resurrezione a tutti gli inziati(bastava iscriversi...lo fece pure Socrate che disprezzava la morte)...immortalita non solo,riservata solo agli Dei.
    La Natura(di cui facciamo parte)...senza aver studiato la Mitologia in primavera...risorge sontaneamente...e dai rami che sembravano morti rispuntano foglie e fiori....
    a differenza di pochi fanatici che in questa festa ci vedono l'inizio di un ineluttabile destino per il mondo.
    Lo so che ho detto cose che conoscete.... ,tutti,....ma vale la pena ricordarle...sperando che...questi tempi,di gioia naturale, non vengano interpretati,invece,da pochi, per tempi "fasti"...per azioni avventate....che,invece, subito dopo si trasmuterebbero in distruttive.
    Ciao Tonino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Tonino....altri Lo aspettavano,ma non è mai tornato....forse schifato da quanto fatto...un Golem!
      Non est pace inter olivaria,maccheronico....una utopia invocata da duemila anni,ma che non sembra esser proprio alla nostra portata come razza...visti i continui scannamenti urbi et orbi.
      Purtroppo la Pasqua è di un giorno...gli altri 364...una lotta impari...
      A proposito di Eleusi,un amico mi diceva che era come la Massoneria moderna,ai misteri accedevano in pochi,e nessuno ancora sa di che si trattasse....troppo malizioso? Può essere,ma sai....l'uomo NEI FATTI non è molto cambiato...tante belle parole,intenzioni,volemose bene...ma appena c'è di mezzo il grano o la grana,diventano neve al sole...
      E' questione di DNA....e i pochi mutanti,tipo san Francesco.. (quello vero...),non fanno testo.
      Accogliamo per un giorno il tuo augurio,ma con la consapevolezza che si tratta dell'espace d'un matin...purtroppo.
      Quanto ai fatti di Roma,al fanatismo....diventa difficile giudicare,risalire la catena di azioni e reazioni da cui questi fatti hanno avuto origine.Per questo ognuno ha una sua versione...
      Certo,se al popolo che chiede pane,con grande esprit proponi brioches,diventa difficile poi lamentarsi se le teste,anche innocenti,cadono nel cesto.
      A proposito di mercanti del tempio....
      Sai,la Natura é quasi come la Storia,sotto certi aspetti....crea,distrugge ,poi ricrea....è questo l'ordine di marcia....non tollera nulla di persistente,ogni bellezza e completezza viene distrutta per poterla ricreare...non ha pace la Natura..
      Una metafora anche per noi...?
      Passa una buona domenica,per la pasqua ci sentiamo poi....

      Elimina
  9. Alla faccia degli 80 euro,quanti ne resteranno?

    11 aprile 2014
    Da oggi una serie di farmaci passano dalla fascia A, completamente gratuita, alla fascia C, a carico del paziente.

    Alcune di queste medicine sono essenziali, spesso curano malattie croniche, con costi a volte non marginali. Il prezzo, per esempio, di una confezione di Dostinex da 8 compresse è di 30,84 euro, e in alcuni casi una scatola non basta per una settimana di terapia.

    http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/I-farmaci-che-da-oggi-si-pagano-e6491e89-39d8-4246-be4f-8b08f2673592.htm

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e non sarà finita....ci sentiamo dopo le elezioni....quando avrà definitivamente gettato la maschera...e le sue panzane cadranno come pere marce...

      Elimina
  10. Come giustamente ricordava nel suo post Bennyhill ,pochi gg.fa sul Corriere s'e' consumato l'appello degli infami.
    A questi infami sepolcri imbiancati,- tra i quali spicca l’ex ministro dell’Economia Saccomanni, che fanno finta di non sapere che l’Italia sta già vivendo un incubo fatto di disoccupazione galoppante, precarietà, indigenza e miseria- si aggiunge, stasera, altro appello infame di sepolcro imbiancato ,anzi della MUMMIA per eccellenza ,la Cariatide al colle!!! (http://www.liberoquotidiano.it/news/11591501/Napolitano-debutta-in-tv-con-una.html#.U0giV_V5Pa0.facebook ).
    Eh ! si cari signori ,Questo crucco, mai arbitro ,ma di parte solo piddiota , viola sistematicamente i dettami della Costituzione, intervenendo a gamba tesa in una competizione elettorale nonostante il suo ruolo "super partes".
    Non ha neppure il pudore di vergognarsi, questo improvvido Pulcinella, dopo aver causato, coi suoi tre governi di ridicoli burattini e ignobilii succursali degli usurai e strozzini di Bruxelles ( dalle Mario-nette,alle burlette e ora dal piazzista pentolaio fiorentino), danni incalcolabili al paese ,portandolo alla miseria e al disastro sociale, devastando i ceti medio-bassi ,affamandoli in nome dell'Europa delle banche, della casta (che lui ben rappresenta), paladino e servo inetto di strozzini come BCE, FMI ed UE che fanno esclusivamente l'interesse dei centri di potere finanziario,distruggendo l'economia reale dei paesi e dei popoli sovrani!
    Una prevaricazione ed un arroganza insostenibile, da parte di questo despota oligarca rincitrullito che stasera ,-davanti allo zerbino nazionale Fabiocazio , che oltre alla scarpe gli pulirà (a colpi di slinguacciate come d'abitudine) il culo dai residui rimasti nel pannolone- moniterà dell'Europa ,tema che gli sta molto a cuore viste le imminenti Europee,e cercherà di risollevare le sorti degli eurocrati-italioti-piddioti dopo la sacrosanta batosta rimediata e targataLe Pen!!
    Insomma il sommo Pannolone è in campagna elettorale, e questo è uno schifo che solo in Italia può succedere!
    Grandi proclami, a Torino, di Matteodonascimiento ( veramente da scompisciarsi -te lo permettiamo T4e...te lo permettiamo! ) che, oltre a ripetere il mantra “me ne vado se non si fanno le riforme”, ha anche deciso di arraffare alle opposizioni idee e slogan che certo né suoi né del pd o del pse sono, tipo assegno di disoccupazione per tutti o tipo lottare perché “l’Europa sia dei popoli e non solo delle banche” (naturalmente arronzando un po’ e offrendo il lapsus che dichiara l’attuale sua Europa, appunto, delle banche). Controcanto del suo ministro dell’Economia Padoan, che ha avuto l’improntitudine di dichiarare che anche i suoi interlocutori del Fmi e della Bce credono in una “ripresa economica”. Salvo sapere in concomitanza dai sindacati che la disoccupazione non si arresta ma aumenta, che chiudono le fabbriche, che crescono i ricorsi alla cassa integrazione.
    Nel frattempo a Roma, la protesta si fa dura e qualcuno comincia a capire che qui c'intontiscono di balle!
    Qui più che i mercanti fuori del tempio, bisognerebbe eliminare i ballisti e i bufalari dal Palazzo!! Forse si comincerebbe a veder un po' piu' chiaro!!!
    Ciao Tony

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già il fatto che un Capo di Stato vada da fabiocazio è un sintomo che non ci troviamo di fronte ad un capo di stato ,ma ad un qualunque pulcinella da marketing.una giusta accoppiata degna del Bananiland.
      Obiettivo,inchiappettare ancora gli italiani sull'europa....un presidente che fa campagna elettorale...e per gli usurai! Che dio lo fulmini! Poi mi dirai,perchè io non lo guardo di certo.
      tutti i media rincoglioniti si lamentano dei tafferugli di Roma,ma non sanno che sono fortunati che non spuntino AK 47 e bombe.....come da altre parti..

      Elimina
  11. Per Eleusi....hai forse indovinato(vedo che non ti sfugge niente...anche se solo volutamente accennato)...una organizzazione molto simile alla Massoneria....
    Esistevano,però..... i Misteri minori e quelli maggiori...
    Ai misteri minori,avevano accesso e si educavano i popolani.... ad essere buoni,rispettosi..."pecorelle"mansuete... i maggiori erano risevati...a pochi selezionati....Là si insegnava ad essere"Buoni Pastori".....
    Ma hai visto mai che a Pasqua le pecore festeggiano mangiando un "pargoletto di Pastore"????NO!...mai...
    Si usa invece che i "buoni pastori...festeggiano con un bell'abbacchietto"....
    Tieni presente che il metodo è stato usato per secoli dai gesuiti(basta leggere uno dei tanti trattatelli dissacratori degli illuministi pre-Rivoluzione Francese....che" irriverenti" li avevano in antipatia.
    Due tipi di Guide spirituali....
    -Quelli destinati ad "educare" il popolo ad ubbidire e credere che alla fine...nell'aldilà...i conti si pareggiano....ed è quello che conta.
    -Quelli più raffinati che erano pochi e ben selezionati(hanno una trentina di gradi di iniziazione)...destinati ad essere i confidenti/confessori/consulenti dei regnanti dell'epoca...e dello stesso Pontefice...perché governassero"bene"le folle.

    Anche qualche Imperatore Romano(forse Adriano....)aderirono ai Misteri Eleusini Maggiori....di cui si sa poco...ma che forse,in parte. confluì nella nuova Religione appena sorta.
    Di nuovo saluti Tonino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono pure stato ad Eleusi,poche rovine,solo la fantasia e le letture ti soccorrono,come a Troia,luoghi dell'anima....
      Rh già...nemmeno i tacchini ho mai visto festeggiare il natale...tra parentesi,l'agnello è l'unica carne che non mangio....solo per deformazione psicologica,mi vien sempre agli occhi l'immagine dell'agnellino....lo so che non ha senso,dovrei fare lo stesso ragionamento per vitellini e maialini...ma così è...le contraddizioni umane...!
      A ptoposito di Gesuiti...a leggere padre Gracian si capiscono molte cose di quest'altra cricca....
      Adriano era uno scettico naturale (e non perchè l'ha così romanzato la Yourcenar),ma da buon soldato conosceva la realtà.Infati stette 14 anni fuori da Roma,viaggiando per tutto l'impero.essendo colto e amante della civiltà greca,non si sottrasse a nessun influsso,compreso Eleusi e "l'amore greco".....raffigurando pure su una moneta il suo amante,Antinoo,quel bellissimo giovane cilicio che annegò poi nel Nilo.
      Credo che molta parte nella nuova religione abbia avuto a che fare il mitraismo,religione orientale dei soldati.a Roma ne esistono diversi,tra cui il più interessante credo sia quello sotto san Clemente.
      Ma questa è un'altra storia.....
      E' sempre un piacere chicchierare con te,anche OT...

      Elimina
  12. Wanna Renzi aka il pentolaio fiorentino aka Patacca 2.0 ci porterà i medesimi sfolgoranti successi greci (ovvero 'clienti' perfetti per gli usurai prestatori); i mercati ringraziano e i miserandi servi della gleba applaudono festosi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sabato scorso a Roma si é svolto un convegno,organizzato da Bagnai,a cui hanno partcipato divrsi economisti e personaggi di spicco europei.Tema:Come uscire dall'euro.Tra questi c'era pure l'ex presidente della confindustria tedesca,Olaf Henkel che nel corso di una intervista ha dichiarato: " Voi italiani ci battevate ovunque,poi con l'euro la musica é cambiata".

      Questo per dire che le cose sono ormai chiare a molti,e non certo ai primi che passano,meno che al fesso megalomane delle televendite.
      Una sola cosa:con uno spread a 168 paghiamo ancora decine di miliardi di interessi agli speculatori che ci prestano i soldi.
      Basta questo,per capire l'aberrazione di questa situazione.Ma può uno Stato ridursi ed accettare questo stato di cose? Anche un bambino capisce quest truffa.Il pentolaio e quel mentecatto del colle,NO.

      Elimina
  13. Siamo dentro l'Europa ed indietro non si torna!?! Ma la smemorato vecchio rincitrullito del Quirinale diceva le stesse parole per i fatti di Budapest del 1956: dall'URSS non si esce, è il migliore dei sistemi possibili.
    Qualche anima buona e pia si metta vicino al vegliardo e gli rinfreschi la memoria! I novantenni a volte danno i numeri.
    Ma anche solo politicamente parlando il Babbione non può essere credibile perché critica l'Europa sulla lentezza di risposta alla crisi dimenticandosi (o facendo finta come tutti i partiti recentemente e in particolare il pentolaio di Firenze) che ad aprire le danze e i danni è stato proprio lui con il governo Monti, proseguito con Letta ed ora con Berlusconi 2.0 detto il pentolaio in slide!
    E stato proprio lui l'artefice (già aveva messo in preallerta Monti un anno prima...il golpista...leggi Friedman) e l'incarnazione della politica che ora tutti, con la solita faccia da cuculo,(e lui in particolare con la bocca a culo di gallina) tendono a criticare.
    Aggiungerei anche che la sua minima assenza di autocritica (d'altronde questo è un narcisista peggio di Scalfari -la pizia Eugenia...tant'è che si sente il RE ...delle marionette,burlette e burattini che ha messo al governo) denota il basso e infame livello di spessore politico di questo inutile servo della Troi(K)a se poi a questo aggiungiamo le interferenze continue in questioni politiche con spregio continuo del ruolo super-partes che ricopre , il quadro che se ne ricava è completamente impietosamente disastroso ....!!! Ah dimenticavo ha scritto a quattro mani col Rampini di Repubbica (altro piddiota) il libro "La via maestra" come evidenziato supinamente dal prostrato leccaculo del Fabiocazio....ebbene mi son fatto subito una sarcastica risata!! Infatti ho pensato che per lui (il Babbione che pure consiglia) la Via Maestra è quella dei voli low-cost , come rubare 800 euro in un sol colpo con volo Virginia air lines Roma-Bruxelles...che esempio da vero meschino!!! Ciao Tony

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già a cominciare dalla vicenda libica,questa cariatide quirinalizia dovrebbe recitare il mea culpa.
      Direi,pensandoci bene,che é il maggiore responsabile della distruzione del paese che è stata fatta in questi tre anni da personaggi messi lì da lui.
      Ma nessuna autocritica dei fallimenti di questi governi,delle loro sciagurate misure da lui approvate senza battere ciglio.
      ora insiste ancora nell'irreversabilità della tragedia euro,senza rendersi conti dei danni che provoca e che provocherà.non può non sapere,ergo è un complice,un traditore come molti dicono.
      Il poveretto insiste che anche con l'affermazione degli antieuro,non succcederà nulla.....il che è da vedere....ma la paura fa 90,se si affretta a rassicurare quelli che ancora credono a questa truffa.
      Il peggiore.

      Elimina
  14. Cambio della guardia...nelle grandi Aziende a forte partecipazione statale.
    Ti pongo,una domanda...perché spesso ci"azzecchi" a dare una risposta credibile....di fronte a fatti che succedono inaspettati...e di cui la gente si interroga sulla loro reale necessità...e scade immancabilmente(Storia maestra di vita)nel cercare...."dove è la sola(in Italiano trucco)."
    Ma questo rimpasto era necessario?...e con tutti i cavoli che abbiamo da risolvere .....così impellenti?.
    Con queste nomine...migliorerà la situazione economica,strutturale,operativa..delle aziende.????...
    Purtroppo.sono nato,e con la vita confermato pessimista "convinto"....ma.ricordo, quando le cose nella mia azienda(1500 impiegati)...non andavano bene...si cambiava subito il Presidente e l'Amministratore Delegato....e magicamente(forse magia nera)...le cose andavano... peggio.
    Premetto che sono stato,appena, influenzato dalle considerazioni...lette su un articolo del Giornale.
    Senza riferimenti di sorta...Di fronte a tutti i giochi delle tre carte..si chiedevano i nostri prononni....

    Tutto ciò.... "Cui prodest"?a chi giova?....ma il detto seguitava...anche se un po' pesantemente(come sapevano esprimersi gli antichi),,,,"scelus is fecit"...che Noi più bonariamente traduciamo...(giova)a chi ha fatto la "drittata"...
    Tu che ne pensi????anche delle tante dirigentesse(si dirà???)che hanno coinvolto.
    Saluti Tonino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al pentolaio giova di certo,visto che ha piazzato molti amici neo CDA....

      Ieri,è andata in onda la truffa delle nomine dei grandi enti.
      Presidente dell'Eni è stata nominata Emma Marcegaglia. Non c'è stato nessun esponente della classe politica attuale, nessun deputato, nessun senatore, nessun giornalista, nessun economista, nessun opinionista, che abbia sollevato l'esistenza di un problema di conflitto di interessi gravissimo. La Marcegaglia, infatti, è anche amministratore delegato dell'azienda di famiglia che produce tubi e trafilati in acciaio al carbonio, praticamente l'oggetto più usato dall'Eni nelle migliaia di piattaforme dislocate nel pianeta. Come è possibile un fatto del genere?
      .
      Presidente dell'Enel è stata nominata Patrizia Grieco, una vecchia conoscenza.
      Inizia la sua carriera all'Italtel, colosso nazionale della telecomunicazione, roccaforte clientelare di marca democristiana. Da lì passa a lavorare per l'industria tedesca diventando responsabile della Siemens AG alle dirette dipendenze dell'ufficio di Erlangen. Poi nel 2008 passa alla Olivetti portando a totale compimento l'opera di devastazione già iniziata da De Benedetti. Insieme a lei, una sua antica collaboratrice, Luisa Tadini, membro del consiglio di amministrazione della Rai.
      Queste due donne decideranno e stabiliranno tutta la politica strategica italiana relativa all'energia nel nostro paese che, va da sè, faranno gli interessi dell'industria tedesca.

      Tra tutte le donne professioniste esistenti in Italia, bisognava andare a pescare proprio quella che ha gestito la permeazione del capitale finanziario tedesco all'interno del sistema strategico delle comunicazioni e dell'energia in Italia? Proprio lei?
      I mercati finanziari hanno risposto con una solenne bocciatura in borsa alle nomine:Hanno capito che l'Italia non cambierà, che hanno innescato il gioco delle sedie e rimarrà tutto uguale.
      C'è da dire che quelli che contano sono gli amministratori delegati....ma comunque siamo ancora alla prima repubblica.
      Che poi le femminucce si traducano in efficienti amministratrici è tutto da vedere.Ma si sa,quel che conta è la facciata (amica) per far vedere il gender marketing.
      Ah..poi Moretti...questo ha risollevato le Ferrovie facendo quasi fallire Montezemolo con l'Italo .troppo efficiente quindi...meglio spostarlo...largo a Montezemolo...!
      Poste,ferrovie,Eni,Enel,Finmeccanica.....le sole grandi aziende che non se la cavavano affatto male....ora vedremo.Certo che Scaroni non può nemmeno confrontarsi per esperienza con la Mercegaglia....

      Elimina
    2. Ancora: non scordiamoci che sono inm vista privatizzazioni di questi Enti,ed é meglio avere docili agnellini che tutto ti devono e non mettano così i bastoni fra le ruote.
      Bankitalia se la sono già presa gli anglo-americani ai quali il decreto Bankitalia voluto da Letta/Saccomanni/Boldrini ha regalato loro i 7,5 miliardi di euro cash + la gestione di circa 120 miliardi di euro relativa al valore delle 2.500 tonnellate di oro delle riserve strategiche nazionali. Il tutto finito nelle mani del fondo Black Rock che nelle settimane scorse ha ultimato l'acquisizione dei pacchetti di maggioranza delle banche italiane che possedevano le quote di Bankitalia.
      Il suk Italia é aperto...


      Elimina