giovedì 10 aprile 2014

LA GUERRA E' COMINCIATA....

double eagle
Putin  ordina “PROJECT DOUBLE EAGLE ” per distruggere le economie degli Stati Uniti e dell’UE

In una delle sue relazioni più scioccanti dall’inizio della crisi ucraina, il Ministero degli Affari Esteri (MoFA) avverte oggi che il presidente Putin ha ordinato l’immediata attuazione del “Progetto Double Eagle”, che una volta pienamente realizzato farà in modo che tutta l’energia globale sarà acquistata in oro ponendo così fine al regno del dollaro statunitense come valuta di riserva globale e il collasso delle economie degli Stati Uniti e dell’Unione europea.

Il “Progetto Double Eagle”, secondo questo rapporto, chiede che la Banca Centrale della Federazione Russa (CBR) inizi la produzione di monete da 5 Rubli d’oro contenenti 0,1244 once troy di Oro puro, con un diametro di 18 millimetri, decorate con una doppia aquila schermato e coronata le quali diventeranno l’alternativa mondiale sia al dollaro USA che all’euro per l’acquisto di forniture energetiche.

Fondamentale notare, secondo questa relazione, che il “Progetto Double Eagle” prevede la creazione di un nuovo “sistema di pagamento nazionale” che consentirà alla Russia di costruire le fondamenta che potrebbero presto offrire un’alternativa alla Società per le telecomunicazioni finanziarie interbancarie mondiali ( SWIFT ) del sistema bancario e permettere alle nazioni di tutto il mondo la possibilità di allontanarsi dal dollaro americano e dall’egemonia degli Stati Uniti.

A parte la messa in opera da parte di Putin del “Progetto Double Eagle”, egli ha inoltre ordinato che Sberbank, la più grande banca in Russia e in tutta l’Europa orientale, interrompa l’emissione di prestiti al consumo in valuta estera, una mossa che il sito finanziario americano altamente influente Zero Hedge ha avvertito “è la miccia che elimina la scelta alla Russia se lasciare o meno i petrodollari volontariamente e lo rende una opzione obbligatoria”.

Importante notare su SWIFT, che esso è il “collante” che tiene il sistema monetario globale attaccato al dollaro USA e che questa “banca delle banche centrali ” funziona come mezzo per lo scambio di valuta ed è stata il perno centrale per le transazioni delle materie prime e di energia globali legate alla valuta di riserva, ma un sistema russo basato sull’oro “distruggerebbe tutto in una quindicina di giorni.

Inoltre, a questo nuovo sistema mondiale bancario russo legato all’oro alternativo allo SWIFT, la relazione afferma, si uniranno le altre nazioni BRICS (Brasile, India, Cina e Sud Africa) che hanno all’unanimità e, in molti modi, con forza sostenuto la posizione della Russia in Crimea contro gli Stati Uniti e l’UE.

Con gli Stati Uniti che devono pagare i propri oligarchi il 26% delle entrate fiscali disponibili per interessi, e con l’Unione europea che ha ora avvertito che le sarebbe costato 215 miliardi dollari fermare le importazioni di gas russo, la CBR ha potuto sollevare riserve auree russe di oltre 1.040 tonnellate mostrando la sua forza contro le banche centrali occidentali che vivono solamente del denaro stampato.

Per sostenere il “Progetto Gold Eagle” contro l’inevitabile contraccolpo USA-UE, il Ministero delle Risorse Naturali (MNR) riporta che il Progetto Natalka ha già avviato la produzione ed è in grado di fornire al CBR una “scorta infinita” d’oro per favorire il successo di questa nuova valuta globale per gli acquisti di approvvigionamento energetico.

La Russia ha le seconde maggiori riserve auree del mondo a 12.500 tonnellate (oltre 400 milioni di once) e il Progetto Natalka, situata nella regione di Magadan, è considerato uno dei più grandi giacimenti d’oro nel mondo e dispone di 32 milioni di once di riserve probabili e una risorsa totale di 60Moz + e ha iniziato la produzione questo mese.

Il dollaro americano sta rapidamente perdendo il suo status di valuta di riserva mondiale. Cinque delle prime dieci economie al mondo, più poche altre, non utilizzano più il dollaro come valuta intermediaria per il commercio. Questa tendenza rappresenta un rischio enorme per il dollaro e gli Stati Uniti con essa.

http://guardforangels.altervista.org/blog/putin-furioso-ordina-project-double-eagle-per-distruggere-economie-degli-uniti-dellue/#comment-1457

http://ununiverso.altervista.org/blog/putin-furioso-ordina-project-double-eagle-per-distruggere-le-economie-degli-stati-uniti-e-dellue/

--------------------------

Teheran si unisce all’asse Mosca – Pechino – New Delhi contro la moneta Usa

La Russia starebbe per concludere un accordo da 20 miliardi di dollari con l’Iran per importare petrolio da Teheran in cambio di cibo e altri beni industriali, ma non attrezzature militari. Secondo Reuters, Mosca comprerà da Teheran fino a 500mila barili di greggio al giorno per un periodo di 2-3 anni in cambio di cibo e altri beni industriali per un controvalore, appunto, di 20 miliardi di dollari.

L’accordo, già in discussione dallo scorso gennaio, consentirebbe all’Iran di aumentare le sue esportazioni aggirando in parte le sanzioni imposte dall’Occidente: uno sviluppo che, per ammissione della stessa Casa Bianca, avrebbe sollevato “gravi preoccupazioni” e “sarebbe incoerente con i colloqui sul nucleare iraniano attualmente in corso tra le potenze mondiali e Teheran”.

Le sanzioni internazionali che hanno limitato le possibilità per il settore bancario della Repubblica Islamica di compiere transazioni in dollari, avevano già  indotto Teheran a ricercare accordi per regolare gli scambi in valute locali (yuan per la Cina, rublo per la Russia e rupia per l’India) o oro.

Nelle scorse settimane abbiamo visto come le tensioni tra USA e Russia sull’Ucraina hanno avuto come effetto quello di rafforzare un asse eurasiatico (Russia-Cina-India) favorevole ad un processo di marginalizzazione complessivo del dollaro come valuta di riserva. Un asse che ora sembra comprendere anche l’Iran.

La decisione di compagnie come Visa e MasterCard di sospendere i servizi ai clienti di alcune banche russe e quella di JPMorgan di bloccare il trasferimento di un diplomatico russo potrebbero aver dato un’ ulteriore accelerazione al progetto.

Non va dimenticato, infine, che proprio in questi giorni la Banca Popolare della Cina ha raggiunto un accordo con la Bundesbank per regolare le transazioni in yuan ed euro e non più in dollari.
Un accordo simile è stato siglato anche con il Regno Unito.
Il ruolo del dollaro sembra sempre più in discussione.

da http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=82&pg=7441


 --------------------------------------

Vassilij Jakimkin del FIBO Group ritiene che i recenti eventi riguardo la Russia dimostrano che i Paesi BRICS utilizzando i codici SWIFT per effettuare pagamenti in dollari o euro, dipendono dall’occidente. Ogni Paese può essere privato di tali codici in qualsiasi momento, rendendo impossibili i bonifici. Ciò significa che i Paesi dell’associazione devono iniziare a creare il proprio SWIFT, pensando allo stesso tempo a creare un proprio sistema di pagamenti. 
L’inaspettata decisione di VISA e MasterCard di bloccare le operazioni presso le banche russe colpite dalle sanzioni statunitensi dimostra l’elevato livello di dipendenza di tali operazioni dagli Stati Uniti.

Secondo la valutazione del partner di RusEnergy, Mikhail Krutikhin, la Cina può ricavare il maggiore beneficio dalle relazioni tese tra la Russia e l’occidente. “Le sanzioni possono rendere più difficile alle imprese statali russe accedere ai finanziamenti, e i cinesi, che hanno notevoli risorse monetarie a disposizione, hanno la possibilità di investire e fare prestiti in Russia a condizione di partecipare ai progetti che prevedono estrazione e trasporto degli idrocarburi“

La carta vincente, naturalmente, è ampliare la cooperazione su petrolio e gas. La Russia non ha necessariamente bisogno dell’Unione europea e degli Stati Uniti per sostenere la produzione del petrolio e lo sviluppo di nuovi giacimenti.

http://aurorasito.wordpress.com/2014/04/08/ampie-opportunita-per-i-brics-di-collaborazione-finanziaria/

---------------------------

Già lo scorso anno,Zerohedge  riferiva che l’Australia, la 12° economia al mondo, si è aggiunta ad un numero crescente di nazioni che hanno deciso di bypassare il dollaro nel commercio bilaterale con la Cina.
La Cina, seconda economia dietro gli Stati Uniti, ha anche accordi simili con il Giappone (3 °), Brasile (6 °), India (9 °) e la Russia (10 °).

Anche se gli accordi unilaterali sono in vigore da qualche tempo tra la Cina ed i paesi sopra elencati,  i BRIC (Brasile, Russia, India e Cina) hanno deciso di istituire una banca di sviluppo per competere con il FMI, che indica che si stanno preparando per competere in un mondo post-dollaro mondo.

Inoltre, il Brasile, che ha accettato in linea di principio di abbandonare il dollaro con il commercio bilaterale con la Cina un po’ di tempo fa, l’ha appena reso ufficiale con $ 30 miliardi di cambi su valute annuali che facilitano circa il 50% di tutto il commercio tra di loro.

Oltre a questi accordi con la Cina, alcune di queste nazioni hanno fatto altri accordi simili tra di loro. L’India e il Giappone hanno iniziato lo scambio di 15 miliardi delle reciproche monete nel 2011 per gestire i loro scambi bilaterali. E le sanzioni contro l’Iran non li hanno fermati dal commerciare petrolio con la Cina, la Russia, l’India e con qualsiasi cosa, tranne che il dollaro.

La buona Fortuna economica degli Stati Uniti è dovuta unicamente al fatto che il mondo deve usare il dollaro, il Petroldollaro se vuole fare acquisti individuale di petrolio per la propria nazione, il che fornisce l’unica fonte di sostegno per il dollaro degli Stati Uniti che la Federal Reserve è necessaria al fine di sostenere in qualche modo il nostro debito che il governo degli stati uniti occupato dai banchieri ha fatto passare al contribuente americano sotto forma di salvataggi.
(David Hodges)

E Marin Katusa di Casey Research ha scritto

Se il dollaro perde la sua posizione di valuta di riserva globale, le conseguenze per l’America saranno terribili. Una parte importante della valutazione del dollaro deriva dalla sua serratura della industria petrolifera – che, se tale monopolio cessa, lo stesso fa il valore del dollaro. Tale passaggio importante nel mondo delle relazioni tra valute fiat sarà di buon auspicio per alcune valute e non così buono per le altre e gli esiti saranno difficili da prevedere. Ma c’è un risultato che si prevede con certezza: L’oro aumenterà. L’incertezza circa la carta moneta è sempre di buon auspicio per l’oro, e questi sono davvero giorni incerti.

L’imperialismo degli Stati Uniti, combinato con il suo stato ultra-fiat nella creazione del debito senza fine, sembra aver creato una spirale al ribasso finale che ha portato molte delle migliori economie ad abbandonare una nave che affonda.
Potrebbe non essere troppo a lungo prima di tutto il resto faccia lo stesso. Ora potrebbe essere un grande momento per prendere in considerazione la diversificazione in altre valute e anche valute digitali, per contenere le perdite crescenti del dollaro statunitense.

Insomma,l'impero del dollaro mostra ormai troppe crepe e la scomposta reazione di Obamba alle vicende della Crimea ha aperto un vero vaso di pandora le cui conseguenze possono essere molto perricolose,anche per gli Usa.

11 commenti:

  1. http://www.ilnord.it/c-2729_SECONDA_MOSSA_DA_SCACCO_MATTO_DI_PUTIN_VISA_E_MASTERCARD_ESPULSE_DALLA_RUSSIA_NASCE_IL_CIRCUITO_PRO100

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://www.rischiocalcolato.it/2014/03/come-gli-usa-si-tagliati-i-coglioni-fatto-i-furbetti-visa-mastercard.html

      Elimina
  2. (da Attilio Folliero)

    Alexander Dyukov, direttore generale di Gazprom Neft, una delle principali quattro imprese petrolifere della Russia ha anncunciato che esiste la possibilità di abbandonare il dollaro nelle transazioni petrolifere... Il problema del debito pubblico USA, il deficit della bilancia commerciale..

    http://umbvrei.blogspot.com/2014/04/catastrofe-annunciata-per-il-dollaro-e.html

    RispondiElimina
  3. Da una parte sono contenta perché è giusto che l'Impero di carta verde vada a ramengo. Dall'altra noi ci siamo di mezzo in pieno, perché nessuno dei nostri buffoni prende le distanze da questa sporca Ue. Saranno cavolacci amarissimi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so che succederà,ma ormai molti paesi (e non secondari) si sono convinti che il dollaro non può più essere la moneta guida,per una serie di motivi economici e anche politici.
      La recente sospensione di Visa è stata una mossa controproducente,ha aperto gli occhi sullo strapotere e il ricatto Usa che molti non possono accettare.
      Purtroppo noi siamo doppiamente in mezzo alla tempesta,se accadrà...(con euro e dollaro).questo grazie alla insipienza,alla mancata dignità,al servaggio che tutti i nostri politici hanno dimostrato a scapito degli interessi nazionali.Siamo senza difese,già allo sbando ora,figurati in caso di tempesta !....peraltro i padroni del vapore hanno giurato di non permettere più un altro De Gaulle sul suolo europeo...
      Comunque sia ormai credo sia impossibile continuare come se fossimo ancora nel 1945...e gli Usa dovranno per forza capirlo.

      Elimina
  4. Guerra fredda...per noi (quasi) sicuramente il prossimo inverno, quando Putin stringerà i rubinetti. del gas. Gli USA hanno dimostrato abbondantemente di potere (leggi volere) utilizzare guerre e anche armi non convenzianali quando loro fa comodo, speriamo bene. Io ho la tragica senzazione che non si faranno da parte tanto facilmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No certo,se perdono il potere del dollaro,perdono molto altro.....solo che però ormai il sistema è insostenibile,anche per loro.....e sopratutto per molti altri...ad un certo punto devono rendersi conto che non siamo più nel 1945 e che non possono far la guerra al mondo,non converrebbe nemmeno a loro.
      Prima o poi si addiverrà ad un pool di monete,alla creazione di un'altro tipo di moneta internazionale (già una idea di keynes nel 1944....)
      Nel frattempo,la vicenda Crimea (di cui però nessuno parla più...ora c'è la zona est ukrajna...e Putin ancora una volta ha stimato giusto) ha accelerato certe decisioni cin le ridicole sanzioni Usa,a cui molto mal volentieri hanno aderito Germania e anche Italia,per ovvi motivi.
      Noi siamo vasi di coccio in queste vicende,penalizzati due volte...dal dollaro e dall'euro.Vedremo gli sviluppi...anche se credo che l'escalation russa in ukrajna non sia finita,con tutte le conseguenze del caso.
      Resta il fatto che con questo sistema swift ogni paese diventa ricattabile dagli Usa.....non credo che certi paesi siano molto contenti....non è più tollerabile..

      Elimina
  5. http://www.comedonchisciotte.org/site//modules.php?name=News&file=article&sid=13218

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora leggete:

      Allarme Petrodollaro: Putin si Prepara all' Annuncio dell' "Holy Grail" - il Commercio del Gas con la Cina
      Russia e Ciina stanno per firmare l' "Holy Grail" - Accordo sul Gas
      40 Banche Centrali Scommettono che Questa Sarà la Reserva Monetaria del Futuro
      ... e il Nuovo Nuovo Flusso Normale dei pagamenti apparirà subito più chiaro -

      Gazprom consegna il gas alla Cina.
      La Cina paga Gazprom in Yuan (convertibili in Rubli)
      Gazprom si finanzia sempre più in Yuan.
      La Russia compra merci e servizi cinesi e li paga in Yuan (convertibili in Rubli).
      E tutto questo avverrà lasciando completamente fuori da qualsiasi intermediazione il Cartello dei Banchieri USA, per gentile concessione della clamorosa assenza di dollari da tutti i passaggi sopra elencati, o come alcuni potrebbero dire meglio : dal Petrodollaro al Gas-&-yuan (almeno 40 Banche Centrali l'hanno già capito... manca solo la FED).

      Elimina
    2. - http://www.zerohedge.com/news/2014-04-09/russia-and-china-about-sign-holy-grail-gas-deal

      - http://www.zerohedge.com/news/2014-04-08/40-central-banks-are-betting-will-be-next-reserve-currency

      Elimina