sabato 22 marzo 2014

UCRAINA: UN’ALTRA COSA CHE NON CI HANNO DETTO

Un sempre significativo contributo di questo giornalista

(M.Blondet -  11-03-14)

ARTICOLO DI BLONDET CANCELLATO SU RICHIESTA EFFEDIEFFE

11 commenti:

  1. gli ucraini d i Kiev non sanno ancora in che brutto affare si sono imbarcati con Ue e FMI,inoltre le forze che compongono il governo sono troppo diverse e finiranno per litigare passata l'euforia del golpe.






    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh,guarda,già litigano...qualcuno si deve essere accorto del bidone che FMI e UE stanno confezionando al Paese

      Elimina
  2. Temo che non finirà con la Crimea

    RispondiElimina
  3. ...e gli USA c'entrano nei casini dell'Est Europa, eccome, anche se Obama nega..

    RispondiElimina
  4. Sempre sull'Ucraina....ma senza dimenticare la Siria.
    Ho seguito per intero l'intervista del "portavoce" del potere americano....il Presidente Obama....con vicino il nostro noneletto leader ...
    intervista...come dovuto....fatta a Roma(Italia)...visto che la Città del Vaticano è a Roma ma non possiede un suo aeroporto.
    Molta educazione,da parte di Obama, nel rispondere alle ovvietà....di cui ormai siamo sazi del nostro "ultimo leader"......"ma"...ascoltando con attenzione...e cronometando i tempi delle risposte dello zio Tom ho notato che per la maggior parte del tempo Barak(che significa benedetto nelle lingue orientali...BRK...senza vocali)....ci ha illustrato....più le sue conclusioni dell'incontro con Papa Bergoglio/Sivori.... che...i problemini di condominio in casa Italia....e PD:
    Vuoi vedere...che ho ragione Io...e cioè.... che chi conta di più...e quello che "appare" di meno...in questo casa il nostro Papa...(l'ho sperimentato personalmente in riunioni di buon livello,anche se solo spettatore,... e cioè che quelli più in vista erano solo "sottopanza"....e chi comandava veramente...pur presente(a latere) si manteneva defilato...ma vigile ..e ben controllava che alla fine si arrivasse,ufficialmente, alla conclusione già scontata....e spesso già concordata).
    Sbaglierò....ma a parer mio la visita,di Obama, in Italia...più precisamente alla Città Leonina,si inquadra pienamente nel più ampio scenario mondiale odierno...cioé della crisi Siriana(di cui la crisi Ucraina è solo un diversivo...pur essendo diventato il motivo mediatico dominante).....il fiorentino,dovutamente presente, solo la facciata esteriore....
    Pertanto ormai ci hanno "iniziato"a "non"credere più a chi si lascia chiacchierare troppo..."è solo la prossima vittima sacrificale".

    "Purtroppo"....ci hanno abituato da decenni al complottismo....
    vedi p.e. le ultime rivelazioni sulla morte di Moro..... che "se" vere sarebbero sconcertanti.
    Ciao Tonino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ero proprio a Roma in quei giorni....a Obama nulla interessa di Renzi (figuriamoci Marino....! quante ne ho sentite su sto pinocchio...!)

      Io credo che ad Obama interessassero i voti cattolici per le elezioni USA di mid term.....un riavvicinamento strumentale,visto che la politica obamiana ,sui temi che interessano il Vaticano,é esattamente il contrario.
      Un tour elettorale in fondo....con il fastidio di dover dare un po' di lecca lecca a Renzi per gli F-35.....naturalmente i fogli di regime si sono sperticati in acrobazie di leccaculismo su entrambi.
      Su Moro,ci sta di tutto,e probabilmente pure vero...

      Elimina
  5. “L’Ucraina riceverà dal Fmi 18 miliardi di dollari”, titolano in prima pagina i media occidentali.
    Naturalmente trascurando di aggiungere che si tratta di un prestito ad usura. Quel tipo di “aiuti” che ha ridotto l’Italia a brandelli, e non solo l’Italia.
    “Yulia Tymoshenko candidata alle elezioni presidenziali ucraine del 25 maggio”, continuano i media occidentali con accenti commossi sull’ “eroina” strappata al carcere dei suoi aguzzini.
    Naturalmente trascurando di aggiungere il perché l’oligarca-miliardaria è stata condannata alla detenzione: peculato, corruzione, etc.
    “Paolo Scaroni (Eni): Vedo il futuro del gasdotto Southstream fosco”, proseguono i media occidentali notando come il padre padrone dell’Eni sia andato negli Usa a trattare eventuali forniture di gas da scisto.
    Naturalmente trascurando di sottolineare che negli Usa ci va con il cappello in mano perché l’Eni, dopo essere stata penalizzata dall’aggressione occidentale alla Libia (il pozzo maggiore in concessione non pompa più…), lo sta per essere anche per il contratto tra Gazprom-Saipem (gasdotto Southstream ) e per le forniture russe di energia che traversano l’Ucraina e che ora costeranno molto di più. E naturalmente trascurando che la realizzazione di gas dalla frantumazione delle rocce, è una tecnologia americana in fieri, alla quale ancora mancano impianti, trasporti e porti internodali e quant’altro, nonostante le recentissime assicurazioni di Barack Obama.
    Al contrario i nostri acuti disinformatori, italiani e comunque occidentali, continuano imperterriti a prendersela con lo “zar Putin”, per la sua “aggressione” (quale? Mah…).
    E' come se non fossero pubblici e noti gli eventi forzati dall’Occidente che hanno condotto alla defenestrazione, con un golpe di piazza, del presidente eletto ucraino Yanukovic , e alla reazione dei russi di Crimea che con un referendum dichiarato dagli osservatori internazionali “legittimo” hanno dichiarato al 96 per cento di essere favorevoli al ritorno della Repubblica autonoma nella Federazione Russa. Ora è chiaro che v'è veda una sorta di stupida ed ottusa inclinazione di far finta di non vedere la realtà delle cose , come il "cretinetto-baronetto" di Cameron che dice inaccettabile” l’indipendenza della Crimea dall’Ucraina" ben sapendo e avendo visto come si son svolte le cose.
    Naturalmente ben si è guardato il primo ministro di Sua Maestà dall’adottare lo stesso metro di giudizio per dichiarare “inaccettabile” l’occupazione della Palestina da parte di Israele, o lo spezzettamento della ex Jugoslavia, dell’Iraq, o della Libia, o dello stesso Afghanistan (in Siria lo sporco gioco non sta riuscendo), dopo o grazie agli interventi aggressivi armati angloamericani o atlantici…
    Gli acuti pennivendoli d’Occidente – veri e propri dinosauri dell’informazione embedded e calibrata sulle linee della propaganda angloamericana - sono, loro, i paranoici , sembrano le tre scimmiette che non vedono,non sentono e non parlano..Sic...il bello è che il governo italiano di falsi e ipocriti è in linea con loro...ovviamente "pannolone" compreso!!! Ciao Tony

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intanto,già i golpisti stanno litigando...qualcuno deve essersi accorto del bidone che stanno per prendere da FMI e soci....se ci hai fatto caso,ormai non parlano più di Crimea,ma delle altre zone est.Hanno capito che Putin non recede di un metro sulla Crimea,e quindi si passa ad altro.
      Tutti quelli che ora parlano di diritti infranti e altre fregnacce del genere,sono gli ultimi a potere e dover parlare.Loro lo sanno benissimo,recitano solo un teatrino per nascondere la loro impotenza.Non parliamo dei lacchè italioti,ormai con le ginocchia spellate a forza di prostrarsi ai vari padroni.Della stampaglia di regime non val nemmeno la pena parlare,tanto ormai sono a livello dei vermi.

      Elimina