domenica 23 febbraio 2014

L’EUROZONA HA GIA’ UCCISO IL GOVERNO RENZI.

Tragica cosa per le persone di questo Paese, non per sto egocentrico servo della finanza europea.
Renzi fallirà come un cretino qualsiasi. Perché neppure può provarci.
Non sto provocando, è che la sua è una missione impossibile. Se non fosse sto pupazzo pompato che è, se conoscesse l’Eurozona e la macroeconomia, non si sarebbe cacciato in questo pasticcio (e badate che sto dicendo che pure i suoi padroni speculatori ci smeneranno il muso, perché sto gioco di creare una moneta unica per distruggere mezza Europa e fare un gran banchetto si è già ritorto contro chi l’ha pensato.
Gli speculatori ci hanno fatto un po’ di fortune per pochi anni, ma sta finendo).

NO SOVRANITA’ MONETARIA.

Per prima cosa Renzi si ritrova senza sovranità monetaria, quindi senza nessuna delle leve economiche fondamentali di cui deve godere un governo degno di questo nome, e di cui godono gli USA, la GB, la Svezia o il Giappone. Non ha una Banca Centrale che possa controllare inflazione, prezzo del denaro, tassi d’interesse, né monetizzare la spesa decisa dal Parlamento,non possiede una moneta, e deve usare gli euro, da restituire con tassi non decisi da lui ai mercati di capitali internazionali. Dovrà dunque tassarci a morte sempre, per fare quanto appena detto. Dovrà quindi mentire all’Italia fingendo col gioco delle tre carte di spostare fondi e investimenti essenziali (lavoro, infrastrutture, crescita…) da qui a lì, per poi rimangiarseli tutti con gli interessi.
Dovrà rispettare il Pareggio di Bilancio, che peggiora ciò che ho appena scritto.
Ovvero: Chemiotassazione garantita, impossibilità di investire per le aziende e tagli alla spesa.
Qui abbiamo la garanzia della decapitazione di: speranze di posti di lavoro; salari; pensioni; modernizzazione del Paese; Sanità; risparmi privati; piano industriale; risanamento bancario; crescita del PIL; e domanda aggregata. Potrei finire qui, ce n’è già a sufficienza, ma purtroppo…

I DEFICIT NEGATIVI.

Renzi si ritroverà in una spirale di Deficit Negativi mortali, cioè di tutte quelle spese di Stato imposte dalla crisi dell’Eurozona ma che non risolvono nulla, non producono nulla e che aumentano il debito di Stato.
Per prima cosa l’economia continuerà a contrarsi, come è già previsto per l’Italia dal FMI, Bloomberg, OCSE, Commissione UE, e quindi calerà sempre il gettito fiscale, che va a ingrandire il debito.

L’economia impantanata significa che il miliardo di ore di cassa integrazione rimarranno e aumenteranno,pompando di nuovo il debito. I fallimenti aziendali non caleranno, la curva dei prestiti bancari insolventi aumenterà, e le banche italiane che già sono in parte fallite, dovranno essere ri-salvate, a suon di denaro pubblico, e ancora il debito sale.
Assieme ad esso salgono gli interessi da pagare, sempre spesa di Stato, ancora più debito. Ma stando in Eurozona, un debito che lievita è grave (con la Lira non lo sarebbe) perché porta all’allarme delle agenzie di rating, che porta all’allarme dei mercati di capitali che prestano a Renzi gli euro, che porta a tassi più alti sui titoli di Stato, che porta a più debito.
Che farà Draghi a sto punto? Si metterà a comprarci i titoli di Stato per far scendere i nostri tassi? Farà cioè la famosa Outright Monetary Transaction?
Se lo fa, la Germania lo ammazza. Non lo farà. Renzi rimane nel letame.

NO CRESCITA E DEFLAZIONE.

Renzi si ritrova con un’economia che si è contratta del 18% dalla fine degli anni ’90. Per riportarci a quel livello di vita, dovrebbe riuscire a far crescere l’Italia del 20%. No, calma, visto che oggi cresciamo dello 0,1% se va bene…. Il 20% fa ridere. Renzi non è Roosevelt e non ha la sua testa.
Poi abbiamo il problema della deflazione che sta aggredendo tutta l’Eurozona, con la BCE disperata perché non sa più che fare per fermare il crollo dei prezzi (deflazione = contrario di inflazione).
E quel che è peggio, è che in un clima di crisi di queste proporzioni la gente corre a risparmiare disperatamente per il timore del domani (mica scemi), ma questo sottrae denaro in circolo, cosa che non solo affama tutta l’economia, ma peggiora la deflazione stessa. Vorrei che capiste che questo è uno dei mali economici peggiori e che c’è tutta la tecnocrazia europea che non sa più come fermarlo.
Immaginatevi Renzi, il bulletto del PD.

CROLLO BANCHE.

Renzi, poi, fra otto mesi si ritroverà l’implosione del sistema creditizio europeo, quando i test dei regolamentatori dell’EBA inevitabilmente mostreranno che alcune delle maggiori banche sono irrecuperabili.
Da qui il terremoto delle piccole medio banche,fra cui quelle italiane sono quelle messe peggio d’Europa sia come buchi di bilancio che come capitale di copertura. Prometeia stima che solo per i prestiti insolventi le banche italiane siano scoperte per 150 miliardi di euro.
E chi le salva? E con che soldi? No, Renzi, la sovranità monetaria non ce l’hai, non le puoi nazionalizzare. Che fai? Chiami Benigni?

SVENDITA PUBBLICA INUTILE.

Ma Renzi almeno ha la carta delle privatizzazioni
Vendi il vendibile, incassa l’incassabile. Funziona? No. Non ha funzionato in nessun Paese del mondo, meno che meno da noi quando proprio il centro sinistra si mise negli anni ’90 a svendere pezzi di beni di Stato a un ritmo talmente forsennato che fece il record europeo delle privatizzazioni nel 1999. Sapete di quanto ridussero il debito di Stato italiano? Di un maestoso 8%...
E che allora i prezzi contrattati per i beni pubblici da alienare erano, circa, decenti. Oggi, con l’Italia sprofondata dall’Eurozona in una svalutazione della sua economia da piangere, Roma deve svendere a prezzi stracciati qualsiasi cosa offra, con margini che saranno patetici. Renzi, farà la Thatcher dei poveri.

DISOCCUPAZIONE

E la disoccupazione? Sapete cosa costa all’Italia avere il 12% (fasullo, è molto di più) di disoccupati? Trecentosessanta miliardi all’anno perduti. E i giovani? Il 76% di loro è costretto alla flessibilità, con limiti invalicabili all’acquisto di una casa o al matrimonio. L’Eurozona fu pensata ed edificata proprio per ridurre il sud Europa a un serbatoio di lavoratori pagati alla kosovara ma in strutture moderne.
Il futuro di questi ragazzi è ormai certo: stipendi dai 600 agli 800 euro per i più qualificati, al lavoro per investitori stranieri. Questo non è più un Economicidio, è un olocausto economico e generazionale, che Renzi dovrà gestire sotto l’egida della Germania che già oggi sta affossando il resto d’Europa coi suoi diktat criminosi. Tradotto in termini specifici: il potere Neomercantile della mega-industria tedesca, quello della Bundesbank, quello dei maggiori speculatori-rentiers del mondo, contro Renzino da Firenze.
Matteo tu fai fesso qualcun altro.
Perché è vero che ignori il 70% di tutto questo, ma sul restante 30% sei pienamente d’accordo, da bravo leader del partito di destra finanziaria peggiore d’Italia, il PD.

CONCLUSIONE.

Renzi non si rende conto di cosa lo aspetta, ma soprattutto del fatto che la catastrofe dell’economia italiana è un MACROPROBLEMA STRUTTURALE nell’Eurozona, e finché esisteranno i parametri economicidi dell’euro non esiste salvezza.
Il governo Renzi è morto prima di nascere. Poi, sapete, uno si stufa di scrivere sempre le stesse cose.

Paolo Barnard
------------------------
Già,uno si stufa di scrivere da anni le stesse cose...a chi lo dici Barnard..!!

Per quanto pessimistica ad oltranza sia l'analisi di Paolo,in soldoni é quello che ci attende.
Inutili risulteranno eventuali briciole di concessioni usuraie  o quello che potrà fare Renzi per illudere il pueblo.
Alle stesse conclusioni in pratica arrivano pure W.Munchau sul Financial Times  http://vocidallestero.blogspot.it/2014/02/financial-times-renzi-non-basteranno-le.html
Jeremy Warner sul Telegraph - http://vocidallestero.blogspot.it/2014/02/telegraph-la-crisi-delleurozona-e.html -
e pure Evans Pritchard,sempre sul Telegraph,di cui val la pena riportare i punti salienti:

"Gli ottimisti hanno una fede commovente nella locomotiva tedesca, che secondo loro dovrebbe tirare l'eurozona fuori dalla palude, ma i dati più recenti dimostrano che i salari tedeschi sono scesi dello 0,2% nel 2013. Anche la Germania è in deflazione salariale. Il che fa sorgere la domanda: come diavolo faranno la Francia, l’Italia, la Spagna, il Portogallo e la Grecia a recuperare la competitività del lavoro perduta nei confronti della Germania tramite delle "svalutazioni interne", se i salari tedeschi sono in calo?Questo costringe tali paesi ad entrare in una deflazione salariale ancor più profonda per colmare il divario, cosa che a sua volta porta le dinamiche del debito fuori controllo, poiché l'effetto denominatore peggiora la situazione. Esiste una soluzione tecnica per questo. Si chiama Quantitative Easing. La Banca Centrale Europea può allontanare dagli scogli l'intero sistema UEM lanciando un blitz monetario per centrare il proprio target di crescita.

Purtroppo, la Corte costituzionale tedesca ha appena sollevato l'asticella della politica sul QE a un livello così alto che la BCE dovrà attendere l'urto sugli scogli prima di reagire, e allora sarà troppo tardi. Contrariamente a quanto si crede comunemente, nei trattati non c'è nessun divieto contro il QE. Mario Draghi ha detto esplicitamente che "non è illegale" e rimane un'opzione in extremis. Maastricht vieta la monetizzazione del deficit ma non le operazioni di mercato aperto (QE) necessarie per mantenere la stabilità monetaria.

Il presunto vincolo è interamente politico e ideologico, e spinto dal timore che gli euroscettici tedeschi possano contrastarlo nei tribunali. Così abbiamo una situazione di stallo. Cosa succede ora, se le polveri bagnate della ripresa dell’eurozona ancora una volta non prendono fuoco?
Prevedo, quindi, che l'Europa piombi in uno stato deflazionistico di lunga durata, le cui caratteristiche sono: povertà diffusa, contrazione a zero dei consumi, caduta di prezzi e stipendi tra il 30 e il 50%, declino globale.
E' del tutto prevedibile che i popoli europei reagiranno prima che si materializzi questa catastrofe. Solo che c'è un problema: il tempo rimasto è pochissimo."

Tornando a bomba,ecco la prima campana a morto per Renzuccio:

Olli Rehn "Padoan sa cosa deve essere fatto"...detto da Olli,possiamo ben immaginare cosa sia quello da fare....e chi sia Padoan....peraltro ben sinteticamente illustrato dal Nobel Paul Krugman:
«Certe volte gli economisti che ricoprono incarichi ufficiali danno cattivi consigli; altre volte danno consigli ancor peggiori; altre volte ancora lavorano all’Ocse». Eh,eh...
Ma a cosa si riferiva Krugman?

Padoan è stato per quattro anni responsabile per conto del Fmi della Grecia,poi pure si è occupato del Portogallo...e udite,udite...era pure responsabile dell’Argentina per conto del Fondo monetario internazionale nell’anno in cui il Paese sudamericano fece default.Gli esiti li sappiamo
A suo tempo,Krugman scrisse in un  articolo che furono proprio le ricette economiche «suggerite da Padoan a favorire la successiva crisi economica nei due Paesi»

Ecco cosa dichiarò Padoan a proposito della crisi greca: «La Grecia si deve aiutare da sola, a noi spetta controllare che lo faccia e concederle il tempo necessario. La Grecia deve riformarsi, nell’amministrazione pubblica e nel lavoro»
Nel marzo del 2013, quando la Grecia era sull’orlo del collasso, l’allora numero due dell’Ocse suggerì più esplicitamente: «C’è necessità che il governo greco adotti una disciplina di bilancio rigorosa e di un continuo sforzo di risanamento dei conti pubblici, condizioni preventive per il varo di misure a sostegno dello sviluppo».

Ne ha avute pure per noi. "La riforma Fornero è stato un passo importante per la risoluzione dei problemi dell’Italia»


E pensare che in questi giorni tutta la stampaglia e i media di regime,tutti gli osservatori si esercitano in sperticate lodi e peana a questo losco individuo,esaltandone il curriculum e le capacità.Passi per i piddioti che notoriamente,oltre ad essere dei miserabili servi di queste criminali oligarchie finanziarie, non capiscono un cazzo di economia.
Ma sentirle pure da insospettabili personaggi,commentatori che si dichiarano indipendenti,vuol proprio dire che le lezioni passate non servono a nulla,che lo spirito critico sta a zero,che l'incapacità di capire in che abisso siamo sprofondati,e per causa di chi e di cosa, ha raggiunto livelli deliranti.


21 commenti:

  1. mi trovavo sul precedente post dove ho fatto una considerazione sul perpetrarsi della spirale deflattiva a cui ristrettissimi margini di manovra porterebbero se forzati....poi sono venuto qua e piu o meno ho avuto una conferma. Non c'è da gioirne.......effettivamente.....grazie!

    RispondiElimina
  2. Visco: «Padoan viene dall'Ocse, sa bene quello che si deve fare»
    Anche lo Sceriffo di Nottingham aveva le idee chiare...
    (max) 18 mesi e ci ritroviamo come la Grecia..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A sentire certi commenti degli amichetti di Padoan, c'è da fare gli scongiuri.Sia per foschi presagi che per presunte capacità.ADiuno che dice che con una legge anticorruzione tornerà subito la crescita....Forse Krugman non ha tutti i torti e che stare alll'Ocse non è un gran titolo.
      Pare infatti che il nostro genio non ne abbia azzeccata una,dall'aumento Iva che avrebbe portato alla riduzione del cuneo fiscale,dall'applaudire letta per la tassazione.
      livello internazionale poi,pare che lo schivino come un tombino,visto che le sue previsioni non si avverano mai.
      Estate 2011 " Sono ottimista ,vedo la ripresa"...un altro orbo...."L'italia non sarà toccata dalla crisi".....proprio ultracecato....."ho molta fiducia in Monti,l'Italia comincerà a crescere"....orbo e demente,manon è finita "La riforma Fornero,avanzatissima e sopratutto molta attenta alla protezione sociale"...gli esodati ringraziano della protezione....a questo punto c'è da chiedersi: ci è o ci fa?
      Entrambe le cose.....ci fa,perchè é il solito paraculo mentitore al servizio degli strozzini....ma credo che "ci é" pure.Infatti c'è da dubitare fortemente che certi strombazzati curricula in sì grandi organizzazioni mondiali siano così prestigiosi e non invece frutto di ben altro.Lo dicevano pure d Monti,della Fornero,del calciatore Rehn....mah...
      Ah dimenticavo,pure lui era iscritto nel club degli elettricisti "Bene l'Italia,si vede la luce in fondo al tunnel" (marzo 2012).
      Liberateci da questi geni di stratosferiche cazzate....meno capiscono,è più sono in alto....unica qualità: servire il padrone.

      Krugman ha proprio colto nel segno...l'Ocse dev'essere un allevamento di coglioni....!
      Ora mi vien pure da dubitare sui dati Istat,visto che questo ne era pure il presidente...

      Elimina
  3. Sto seguendo in TV il.... "Sermone"... del nuovo autopropostosi e non eletto dal Popolo ....Premier...
    Teoricamente cerca con tutta questa chiacchierata un consenso, ma che dietro le quinte ha già....quindi...sembra pura pubblicità...pertanto una "chicchierata" inutile al fine della sua conferma....e allora a che pro tutto questo Show????
    Se quando finirà di parlare... i già convinti a dire si diranno si! e gli alti confermeranno il già deciso e concertato no!
    Vuoi vedere(forse mi sbaglio) che è per farsi conoscere da chi come me,disaffezionato dalla politica,lo ascolta(talvolta per la prima volta) per sapere che va cercando e quali sono le "nuovo" promesse (che non costano niente)che se mai non manterrà per colpa altrui,o per sua non dimestichezza con la difficile materia...almeno ha un lungo filmato nel suo file(a sua scusante) che le sue dichiarazioni di intento erano serie....
    Ma Noi 'sto film l'avemo visto già almeno dieci volte negli ultimi vent'anni....buona oratoria,grandi promesse,...poi "rigurgito e ruminazione" delle stesse...e alla fine---- il livello del guano è l'unico parametro aumentato nel Paese a fine legislatura.
    Pensa in questo "Remake"per mancanza di soldi gli attori principali sono pure gli stessi di prima....pure il programma...è cambiato solo il protagonista(non una grande star questa volta del firmamento economico...ma un simpaticone)
    Comunque...complimenti...buona oratoria...e "completezza" nell'elencare(come se,per la prima volta, li avesse scoperti oggi solo lui)......tutti i problemi che Noi(poveri figli) nel tuo Blog e altri similari,abbiamo dibbattuto per anni....con la costante delusione...che ad ogni nuovo Governo...alle tante chiacchiere non sono seguiti fatti...se non negativi.
    Il Sermone(che ci aspettavamo un po' più Savonaroliano,verso i corrotti della pubblica amministrazione....gli strozzini...pardon investitori transnazionali...dubbi amici/partners Europei)è finito,pochi applausi,,,niente bis....è finito....74 minuti
    Ha pronunciato quindi il "fatidico e aspettato" da tutti...."ITE MISSA EST"....e tutti in coro,giubilanti,compreso me abbiamo risposto in coro...DEO GRATIAS----Ciao Tonino
    Sai da ride se qualche suo amico je dà la sola e non lo conferma...aspettiamo qualche ora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non ho sentito,dormivo...avendo fatto tardi ieri sera.Ma posso immaginare....come dici tu,abbiamo una vasta cineteca di questi films.
      Comunque,se esaminandolo ,troverò qualche chicca che mi colpisce ,te lo fatò sapere.
      Certamente domani leggeremo meravigliesui vari bollettini di regime,tipo:
      "il governo delle facce nuove.....più donne e giovani....la nuova generazione....le signore della competenza....un atto coraggioso.....ultima chiamata,ultima spiaggia...più in là c'è solo il mare in tempesta....l'Italia ha voglia di novità...è primavera,bisogna cambiare aria nelle stanze....l'Italia,considerata un paese gerontocratico,fa un salto inatteso e si colloca all'avanguardia....una presenza femminile mai verificata prima....

      Ti chiederai come faccio ad indovinare i peana che domani presumibilmente eleveranno il Corserva,la Stampa,la Repubblica e i rispettivi notisti,i Cazzullo,I Pigi Battista,i Severgnini,gli Scalfari...
      .
      E' molto facile,Tonino.....basta copiare ,parola per parola,quanto questi quaquaraqua scrissero un anno fa a proposito di LETTA..!!!!!
      E' quanto ho fatto in questo commento.

      E' impressionante...quanto si é sentito in questi giorni é esattamente quello che sentimmo a proposito di Letta (e forse pure di Monti,basterebbe spulciare...) !!

      Il fatto é che tutti questi Pulitzer non se lo ricordano,o fanno finta di non ricordare.....ma in entrambi i casi forse non sarebbe una cattiva idea che si finanziassero da soli le loro fregnacce,e non con i nostri soldi.

      Elimina
    2. è stata una squallida pantomina, soprattutto all'inizio, quando penosamente, ma con garbo, l'ha buttata in bagarra politica, ha infatti avuto l'ardire di affermare "noi non abbiamo paura delle elezioni, noi facciamo parte di un partito che partecipa alle elezioni e vince, democraticamente, come ha fatto in Sardegna, ecc, ecc NO COME VOI CHE, ecc ecc" ma vaffanculo vah...ha poi asserito, in poche parole, CI VUOLE PIU EUROPA ma il secondo dopo ha anche detto è il patto di stabilità il nostro problema! e ha pure scomodato la solita retorica piddina.......il manifesto di ventotene, quell'anima pia che lo ha scritto sull'isoletta che essendo bagnata da mari italiani c'è da esserne orgogliosi di essere nato italiano, e poi blah blah blah,,,,,NON E' COLPA DELLA MERKEL (poverina), NON E' COLPA DELLA BCE (poverina) ...poi mi sembrava di essere in bagno non in cucina e ho spento....c'è un limite a tutto!

      Elimina
    3. Se questo é il succo,é pure peggio di quanto credessi....ma cercherò di recuperarlo da qualche parte...

      Elimina
    4. si ma vogliamo parlare della condicio sine qua non che da notevole risalto a questa buffonata? l'assenza del ministro piu autorevole, quello da cui dipendono le direttive più importanti, Padoan.....sarà un caso ma era a Sidney..........mah.....

      Elimina
    5. una lunga preparazione,niente di improvvisato....

      Elimina
  4. Si comincia bene! Con un Del Rio che annuncia una tassazione sui Bot.L prima cosa che mi viene in mente è che bisogna essere dei veri dementi annunciare una cosa del genere.....vuol dire far scappare tutti dal sottoscriverli o addirittura vendere quelli che ha.Poveri noi,che competenza,che dilettante!
    Per fortuna é stato subito smentito,da non credere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo in mano a degli incompetenti,dilettanti allo sbaraglio e a uno da terza elementare.....questa la definizione di Renzi del suo ministro degli esteri,Mogherini....se lo dice lei...

      Elimina
  5. La Madia incinta di 8 mesi, ha già detto che porterà in dote la sua inesperienza. Andiamo bene...

    RispondiElimina
  6. Bimbo Minkia is speaking now in the parliament

    RispondiElimina
  7. La presa del potere senza ricorso ai ludi cartacei è stata un capolavoro non solo tecnico, ma soprattutto comunicativo. L’operazione Renzi-al-governo è stata veicolata e percepita da un indifferente e distratto popolo italiano come normale, ineluttabile, facente parte di un corso di eventi già scritti, non importa da chi, ed in virtù dei quali meritevole di essere inscritta nella rassicurante quotidianità improntata al “se è così, è giusto che sia così”.Grazie alla scaltra manovra a tenaglia – la Merkel dall’esterno, Napolitano dall’interno – l’ex primo cittadino del capoluogo toscano è stato catapultato “di diritto” a Palazzo Chigi. Sebbene senesi, i Chigi non erano forse anche loro toscani? Concluse quelle seccanti formalità quirinalizie, con riti, formule e firme, non sostituibili dalla tecnologia e non affidabili alla insostenibile leggerezza di Twitter in pieno stile postmoderno, il primo fine settimana del governo Renzi merita, tuttavia, alcune preoccupate considerazioni.
    Innanzi tutto le parole del commissario europeo agli affari economici, Olli Rehn, il quale, dal G20 in corso di svolgimento a Sydney, ha affermato che il neo ministro dell’Economia, Padoan (ex vicepresidente dell’Ocse, ex segretario generale della fondazione ItalianiEuropei ed appena nominato presidente dell’Istat), anch’egli al G20, “sa cosa deve essere fatto”. Una inquietante dichiarazione che ha confermato la totale assenza di autonomia del nostro Paese in tema di politiche economico-finanziarie e, quindi, di sovranità politica nazionale ormai alienata alle burocrazie antidemocratiche di Bruxelles. A sconcertare di più non è tanto la protervia dell’eurocrazia imperante, quanto il fatto che tale sinistro “avvertimento” – non solo al nuovo inquilino di Via XX Settembre, ma a tutto il popolo italiano – sia stato inviato ancor prima che le istituzioni nazionali abbiano conosciuto il programma di governo di Renzi e soprattutto che il nuovo esecutivo abbia ottenuto il voto di fiducia dal Parlamento.Altro motivo di inquietudine è rappresentato dalla nomina dei due nuovi titolari degli Esteri e della Difesa: due nomi e due curricula da far raggelare per incompetenza.Aver spacciato la nomina delle due neo-ministre come piacevole novità e gradita discontinuità, ricadendo nella datata retorica delle pari opportunità e degli assurdi equilibri di genere, ha invece alimentato il sospetto che quei posti-chiave siano stati assegnati alle due esponenti democratiche in quanto donne e non in quanto titolari di specifiche competenze tecniche. Quel medesimo sospetto che sorse al momento del varo del governo Letta, con la ministra dell’Integrazione nominata sulla base di rari requisiti politici: essere donna ed essere nera.Ma il vero capolavoro di strategia comunicativa d’accatto Renzi l’ha raggiunto nominando ministro per la Pubblica amministrazione una donna, giovane e incinta.Un distillato di buonismo, polically correct, mediaticità dove da un anno queste qualità sono tenute insieme dal collante della mediocrità e del pauperismo d’immagine a fini comunicativi. Facile fin d’ora prefigurare la poppata in pieno Consiglio dei Ministri con rimbalzo immediato su blog, social network e cinguettii entusiasti. Guai a chi oserà storcere il naso.Che schifo! ..Ciao Tony

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sopratutto truffaldino....un giochetto di palazzo....cosa che credo non sia sfuggita a molti,anche a diversi distratti,per quanto siano ancora molti.
      Io ci vedo anche lo zampino Usa,oltre ai soliti
      Olli Rehn ha lanciato l'avvertimento,in perfetto stile mafioso,prerogativa della cupola usuraia.
      Quanto al votoscontato,mi piace rimarcare il ruolo sempre più di buffone di corte di Civati,un emulo del Putto,che minaccia incredibili e finti sfracelli per poi allinearsi come un soldatino agli ordini del padrone.Vedi caso Cancellieri ed ora....un pinocchietto degni del suo partito.
      Con la Madia siamo al fantozzismo,degli altri infanti meglio tacere....si preannunciano minchiate in serie...

      Ho forti dubbi che questa sinistrata Potemkin arrivi alla fine del viaggio....sembra più adatta alla famose frase di Fantozzi.

      Elimina
    2. mamma mia Civati è allucinante.........allucinante è anche chi gli pende dal culo, non dandogli beneficio del dubbio, che in questi casi sarebbe piu pertinente, o attenuanti che potrebbero conseguire per logica, non speranza che è di chi per innata buona fede confida sempre al bicchiere mezzo pieno mezzo vuoto, ma bensì totale fiducia, a fronte dei casi di evidenti e vergognose giravolte degne di un bimbo minkia che gioca con i playmobil......fiducia! totale! Civatihhh...oh.....la creme.....Civati....il meglio! io veramente non so..........ma qui....la psicoanalisi a questi li fa una pippa

      Elimina
  8. dịch vụ thành lập doanh nghiệp công ty trọn gói
    dịch vụ thành lập doanh nghiệp công ty tại Quận Thanh Xuân
    dịch vụ thành lập doanh nghiệp công ty tại Quận Hà Đông
    dịch vụ thành lập doanh nghiệp công ty tại Quận Long Biên
    dịch vụ thành lập doanh nghiệp công ty tại Quận Cầu Giấy
    dịch vụ thành lập doanh nghiệp công ty tại Bắc Ninh
    dịch vụ thành lập doanh nghiệp công ty tại Hải Phòng
    dịch vụ thành lập doanh nghiệp công ty tại Quận Đống đa, ba đình, tây hồ, Hoàng mai, thanh trì, hoàn kiếm, Hai bà trưng, từ liêm
    dịch vụ thành lập doanh nghiệp công ty tại Quận Thủ đức, bình thạnh, tân phú, Gò vấp, phú nhuận, bình tân, tân bình
    dịch vụ thành lập doanh nghiệp công ty tại Huyện Đông anh, gia lâm, mê linh
    dịch vụ thành lập doanh nghiệp công ty tại Quận 1, 2,3,4,5,6,7,8,9,10,11,12 TPHCM
    dịch vụ thành lập doanh nghiệp công ty tại Huyện Hoài đức, sơn tây, thường tín, ứng hòa, phú xuyên, mỹ đức, thanh oai, đan phượng, quốc oai, phúc thọ, sóc sơn
    dịch vụ thành lập doanh nghiệp công ty tại Huyện Nhà bè, cần giờ, Hóc môn, củ chi, bình chánh
    dịch vụ thành lập doanh nghiệp công ty tại Bình dương, biên hòa, huế, đà nẵng
    dịch vụ thành lập doanh nghiệp công ty tại Hưng yên, vĩnh phúc, phú thọ, hải dương, quảng ninh, thái bình, Bắc Giang, Thái Nguyên, Nam Định, Thanh Hóa, Hà Nam, Ninh Bình, Hã Tĩnh, Nghệ An

    RispondiElimina