sabato 15 febbraio 2014

LA VERITÀ SULL'ECONOMIA ITALIANA

In attesa che il Renzuccio ci presenti il governo delle meraviglie,é sempre utile tener presenti i veri dati con cui avrà a che fare.

Wall Street Italia pubblica in sintesi il quadro oggettivo dell'economia italiana, aggiornato con i piu' recenti dati statistici, macro-economici e di politica monetaria. L'obiettivo: avere qui una "pagina della memoria economica" che faccia da contraltare alla massiccia propaganda mediatica delle lobby, ovvero stato, partiti, banche e "poteri forti".
Costoro nascondono la verita' agli italiani manipolando il consenso con strategie che beneficiano l'oligarchia mentre milioni di cittadini e piccole imprese sono ridotti alla sopravvivenza.
Bisogna opporsi a questo mediocre surrogato di democrazia e mercato
15 febbraio 2014

- Ammortizzatori: 80 miliardi erogati dall’Inps dall’inizio della crisi tra cassa integrazione e indennità di disoccupazione; a giugno, richiesta Cig in aumento + 1,7% rispetto a maggio e in calo -4,9% su giugno 2012 (fonte: Inps);

- Benzina: da gennaio a luglio 2013 i consumi di benzina sono calati -6,3%, per cui il gettito fiscale (accise e imposte) e' sceso -2,9%. Considerando i primi sette mesi del 2013, i consumi petroliferi sono complessivamente scesi del 7,3% rispetto allo stesso periodo del 2012 (fonte: Unione Petrolifera);

- Cassa integrazione: nel complesso sono state autorizzate 704 milioni di ore nel periodo gennaio-agosto 2013 (fonte Inps); ad agosto Cig +12,4%. Salgono straordinaria e in deroga;

- Chiusura aziende: per la crisi, tra il 2008 e il 2012 hanno chiuso circa 9 mila imprese storiche, con più di 50 anni di attività. Si tratta di 1 impresa storica su 4 (fonte: Ufficio Studi della Camera di commercio di Monza e Brianza);

- Consumi: nel periodo 2012-13 contrazione record dei consumi di -7,8% (fonte: Federconsumatori).
Cio' equivale ad una caduta complessiva della spesa delle famiglie (vedi sotto "Spesa famiglie") di circa 56 miliardi di euro; a Natale 2013, i consumi delle famiglie italiane sono crollati -8.0% rispetto al 2012 (fonte: Codacons);

- Credito alle imprese: secondo la Bce nel luglio 2013 contrazione di -3,7%, superiore a quella registrata a giugno (-3,2%) e maggio (-3,1%). Prestiti bancari fino a 12 mesi, quelli piu' adatti a finanziare il capitale circolante delle imprese: -4,0%. In fumo 60 miliardi di prestiti solo nel 2012;

- Debito aggregato di Stato, famiglie, imprese e banche: 400% del Pil, circa 6.000 miliardi;

- Debito pubblico: nuovo record a ottobre, a quota 2.085 miliardi di euro. Lo rende noto la Banca d'Italia nel supplemento al bollettino statistico di finanza pubblica. A settembre il debito delle pubbliche amministrazioni era stato pari a 2.068 miliardi. Gli interessi pagati dal Tesoro sono stati 86,7 miliardi nel 2012. Secondo le previsioni il debito pubblico salirà al 130,8% del Pil nel primo trimestre 2014, rispetto al 123,8% del primo trimestre 2012;

- Deficit/Pil: 2,9% nel 2013. Peggioramento ciclo economico Imu, Iva, Tares, Cassa integrazione in deroga lo portano ben oltre la soglia del 3%. Per la Bce ci sono rischi crescenti su obiettivi deficit 2013, peggiora disavanzo, con sostegni a banche e rimborso debiti PA;

- Depositi: nelle banche italiane in totale sono scesi nel luglio 2013 a 1.110 miliardi di euro contro i 1.116 miliardi di giugno. I depositi delle famiglie sono stabili a 918,5 miliardi, quelli delle società sono scesi da 198,4 a 191,6 miliardi (fonte: Bce);

- Disoccupazione: a luglio 2013 si attesta al 12% (fonte Istat). Disoccupazione giovanile balza al nuovo record negativo storico: 39,5%. Le domande di disoccupazione e mobilita' sono salite +19,8% nei primi 7 mesi del 2013 (fonte Inps). Nell'Eurozona per il 2013 le stime confermano una disoccupazione al 12,3%, e per il 2014 al 12,4% (fonte Bce);

- Entrate tributarie: Le entrate tributarie nei primi 10 mesi dell'anno si sono attestate a 307,859 miliardi di euro, in calo di circa 1,4 miliardi rispetto ai 309,301 miliardi di euro dello stesso periodo del 2012. A ottobre sono state pari a 29,266 miliardi di euro, in lieve ribasso rispetto ai 29,601 miliardi dello stesso mese del 2012.

- Export: a ottobre 2013 si registra una diminuzione sia dell'export (-0,5%) sia, in misura più rilevante, dell'import (-2,6%). (fonte: Istat); a ottobre 2013, il saldo commerciale è pari a +4,1 miliardi, superiore a quello registrato a ottobre 2012 (+2,3 miliardi). Al netto dell'energia, l'attivo è di 8,9 miliardi. Nei primi dieci mesi dell'anno, l'avanzo commerciale raggiunge i 23,7 miliardi e, al netto dei prodotti energetici, è pari a quasi 70 miliardi.

- Fabbisogno dello stato: sulla base dei dati preliminari del mese di dicembre, il fabbisogno annuo del settore statale del 2013 si attesta a 79,7 miliardi, che si confrontano con i 49,5 del 2012.

- Fallimenti: nel primo semestre 2013 si sono registrate 6.500 nuove procedure fallimentari, in aumento +5,9% rispetto allo scorso anno;

- Gettito Iva: nel periodo gennaio/aprile 2013 tra le imposte indirette prosegue l'andamento negativo dell'IVA (-7,8%) per effetto della flessione registrata dalla componente relativa agli scambi interni (-4,7%) e di quella relativa alle importazioni da Paesi extra UE (-21,4%) che risentono fortemente del deterioramento del ciclo economico;

- Immobiliare: nel primo trimestre 2013 l'indice dei prezzi delle abitazioni ha registrato una diminuzione dell'1,2% rispetto al trimestre precedente e del 5,7% nei confronti dello stesso periodo del 2012 (fonte: Istat);

- Industria: fatturato torna a crescere: novembre +0,9% su mese, ordini +2,3%.

- Inflazione. Nel 2013 in Italia il tasso d'inflazione medio annuo è stato pari all'1,2%, in decisa diminuzione rispetto al 3% del 2012. Si tratta del dato più basso dal 2009.

- Insolvenze bancarie: quelle in capo alle imprese italiane hanno sfiorato a maggio 2012 gli 84 miliardi di euro (precisamente 83,691 miliardi);

- Lavoro: 6 milioni in cerca e 7 su 10 temono di perderlo (fonti: Istat e Coldiretti);

.- Neet: 2,2 milioni nella fascia fino agli under 30, ragazzi che non studiano, non lavorano, non imparano un mestiere, i totalmente inattivi sono il 36%;

- partite Iva: crollate -400.000 (-6,7%) dal 2008 (fonte Cgia Mestre);

- poveri: per la crisi sono raddoppiati dal 2007 al 2012 a quasi 5 milioni (fonte Istat);

- Pil: il Prodotto interno lordo dell'Italia, ovvero la ricchezza complessiva del paese, alla fine del 2012 era di 2.013,263 miliardi di dollari (dati Ocse) o 1.565,916 miliardi di euro (fonte: relazione del governo al Parlamento - 31 marzo 2013).
Nel secondo trimestre il Pil Italia è stato confermato in contrazione -0,2% dopo il -0,6% nei primi tre mesi dell'anno. Comparando il secondo trimestre del 2013 con gli stessi mesi dell'anno precedente il calo è -2,0% (fonte: Eurostat). S&P ha abbassato la sua previsione di crescita 2013 per l'Italia, a -1,9% rispetto al -1,4% previsto a marzo 2013 e al +0,5% stimato a dicembre 2011.
L'ultima previsione dell'Istat per il 2013 e' -2,1%. Il Fmi ha tagliato le stime del pil Italia 2013 a -1,8%. Anche l'Ocse prevede una contrazione di -1,8%, unico paese in recessione del G7. Nel 2012 il Pil ha subito una contrazione di -2,4%. E un crollo senza precedenti di -8,8% dall'inizio della crisi nel secondo trimestre del 2007 (fonte Eurostat);

- Potere d'acquisto delle famiglie: -2,4% su base annua, -94 miliardi dall’inizio della crisi, circa 4mila euro in meno per nucleo

- Pressione fiscale: Nel 2013 la pressione fiscale si è attestata al 44,3% del Pil,pressione fiscale effettiva 53,3% del Pil (fonte:Sole 24 ore)


E' evidente il risultato nullo,il fallimento del governo Letta e che obbligatoriamente il nuovo governo dovrà uscire da questo immobilismo,ma anche che non potrà fare più di tanto,non illudiamoci,senza intaccare profondamente i diktats europei.
Il problema principale resta sempre la domanda interna,a seguito di un consistente calo dei redditi e del potere d'acquisto.Non si vede d'altronde come si possa far fronte al debito pubblico e come si possa applicare il fiscal compact ad una economia in crisi.Non si può arrabattarsi intorno ad un miliardo per l'Imu o che altro,quando si spendono 80 miliardi di interessi annui per finanziarsi.La trave é questa,pur potendo sforare il deficit del 3%,ammesso e non concesso che gli usurai della Ue concedano questa opportunità.
Quindi,non illudiamoci su eventuali segnali e provvedimenti che possano incidere sostanzialmente sulla situazione.Assomiglieranno più ad azioni propagandistiche,pur potendo apportare qualche miglioramento.


INFO EUROPA


- Nel frattempo voci inquietanti si susseguono circa un piano degli usurai Ue circa patrimoniali e prelievi forzosi su conti,azioni,fondi pensioni dei cittadini europei.
http://www.finanzautile.org/risparmio-leuropa-vuole-confiscare-conti-azioni-e-fondi-pensione-dei-cittadini-ecco-come-20140214.htm
http://www.wallstreetitalia.com/article/1665896/europa-confisca-dei-risparmi-per-la-ripresa.aspx

- E il Fondo Monetario Internazionale insiste che "bisogna svalutare gli stipendi italiani del 10 %" (e scrive UBS "l'uomo che in Italia ha promesso di mettere in pratica questa riforma è proprio RENZI.." )

"On the trade side, the recession was instrumental in turning 
around Italy's current account deficit, which in turn has 
substantially reduced the dependence of the Italian economy on 
foreign investors. A significant part of this improvement, however, 
came about because imports declined due to the recession, a 
situation that should reverse. Unfortunately, Italy has failed to 
adjust its relative unit labor costs, which are too high given that 
past wage increases were not in line with productivity gains. 
In fact, the International Monetary Fund (IMF) estimates that a 
depreciation of 10% is necessary to fix the competitiveness issue. 
Although measures to address it are a key priority of Renzi, he will 
likely face an uphill battle. Overall, we expect the net trade 
contribution to become much smaller as the economy recovers." 
(pag.10 )

 http://www.ubs.com/us/en/wealth/_jcr_content/par/columncontrol_352a/col1/linklist_14c2/link_0.447986739.file/bGluay9wYXRoPS9jb250ZW50L2RhbS9XZWFsdGhNYW5hZ2VtZW50QW1lcmljYXMvZG9jdW1lbnRzL2V1cm96b25lLWVjb25vbXktMjAxNC0wMS0wNy0yMDE0LW91dGxvb2sucGRm/eurozone-economy-2014-01-07-2014-outlook.pdf


- Intanto in Europa vediamo un arretramento potenzialmente irresistibile verso i principi della sovranità nazionale in un momento in cui la sopravvivenza dell'euro richiederebbe l’esatto opposto – maggiori livelli di integrazione economica, fiscale e politica. Si profila uno scontro titanico. E ci vengono a dire che la crisi dell'Eurozona è finita.

http://vocidallestero.blogspot.it/2014/02/telegraph-la-crisi-delleurozona-e.html

- Sentite anche questa,per la serie "noi eravamo i complottisti".Che paraculi però....!

Il Parlamento europeo accusa “Eurogruppo, Bce e Fmi” che hanno “violato leggi e trattati” e provocato negli ultimi quattro anni “una catastrofe sociale e politica” senza precedenti in Europa nella gestione della crisi. Lo dice il rapporto dell’istituzione sull’attività della troika, approvato oggi a larghissima maggioranza (27 sì, 7 no dei conservatori e di qualche liberale, 2 no della Sinistra Unita) dalla Commissione Lavoro e affari sociali.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/02/13/parlamento-ue-troika-macellaio-responsabile-di-catastrofe-sociale-e-politica/880503/

30 commenti:

  1. Esimio le porgo i miei sentiti ringraziamenti in attesa di un post sullo pseudo governo del vuoto Renzi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. intanto una anticipazione in fondo ai commenti...

      Elimina
  2. L'altra sera, nell'orrido programma di santoro, e' andata in onda una particina dell'intervista a de benedetti. Ebbene, cotanto uomo ha asserito che letta è stato chiamato al governo per non fare assolutamente niente. In parte è vero e in parte no. Sappiamo bene che oltre a non fare nulla, ha peggiorato molto la situazione con i suoi orridi decreti legge portati avanti a colpi di fiducia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E noi tutti che dicevamo sul fato e non fatto di Letta prima di questo truffatore ed evasore che monta sul carro dfi renzuccio!
      Ora ci tocca pure sentire sto ipocrita paraculo....! Pure l'untuoso Prodi è in pista di lancio....che roba,chde repubblica di furfanti..!
      Dov'erano questi pezzenti due,tre anni fa...? ad inneggiare a monti e a letta.....insieme ai loro pennivendoli...

      Elimina
  3. Uno stato che riceve un prestito dal Fondo Monetario Internazionale è come il crack: spacciato. Vi è piaciuta questa battuta impegnata? Ai greci no. La verità è che non c'è un cazzo da ridere, se l'hanno messa in culo a chi ha 12 cavalieri d'oro.
    Un'altra minoranza, appunto, che ha deciso per tutti. E su delega al quadrato.
    Il puparo novantenne ha mosso il terzo pupo (putto), non bisogna essere cervelloni per comprenderlo, suona e canta lo spartito draghiano, quello caro alla Bce e al Fmi.
    Inequivocabile una cosa : votare, a queste condizioni, non serve a nulla.
    Scegliere tra “scelti” da altri sulla base di criteri tutt'altro che meritocratici, è non scegliere. Il sindaco da copertina che si appresta a diventare il più giovane premier d'Europa, è l'ennesima dimostrazione dell'applicazione di tale metodo.
    Dopo Rigor Montis ed Enrico “palle d'acciaio”, al popolo bue, sempre più depresso e deprimente, viene furbescamente calato dall'alto un pupo-putto (ultraliberista) allevato in batteria, dalle “fattezze” (è un caso?) familiari e rasserenanti: parlantina da sapientino da bar, zeppola, pancetta da medio borghese, passione per il calcio, smart d'ordinanza, sorriso plastico e citazioni da rotocalchi e film.
    Si cambia tutto (nella forma), per non cambiare nulla (nella sostanza). Johnny Doe,minimo, l'avrà detto mille volte!!!
    Le uniche novità saranno costituite da peggioramenti della situazione. I quattro italiani su dieci che non hanno un lavoro, continueranno a non averlo e quella famiglia su quattro che vive in condizioni di disagio economico, continuerà a vedersela brutta.
    E presto, saranno anche in buona (si fa per dire...) compagnia.
    A chi ancora si illude, ci permettiamo di indirizzare questa riflessione, sempre attualissima, di tal Giuseppe Mazzini: “Finché, domestica o straniera, voi avete tirannide, come potete aver patria? La patria è la casa dell'uomo, non dello schiavo”.
    Tutto il resto, annessi, fessi e connessi, è solo pornografia politica. Ciao Tony

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh...votare non risolverebbe forse diverse cosette,ma certamente non credo sarebbe favorevole a questi truffatori de comunque,se truffa deve essere,almeno l'avranno scelta gli italiano - se sono così rincoglioniti - e non il puparo.

      le famose palle d'acciaio si sono dimostrate palline di plastica.anche nel decesso.....
      Per il resto che dici circa il bimbominkia,su cui concordo,,ti rimando al mio commento in fondo al gruppo....
      Eh già...il buon Mazzini é sempre in palla...

      Elimina
  4. Complimenti per la completezza dei dati forniti...che ci convincono ancor più...che l'avvicendarsi di nomi illustri ai governi tecnici peggiora la situazione nella quale ci troviamo.

    Per parafrasare..."siamo in mezzo al guano"..... ma c'è una luce che ci attende fuori dal tunnel.....non sarà un lumino al Verano?
    Per la verità un dato statistico,che si tengono strettamente confidenziale...l'hai "dimenticato" nella tua lista....(non so interpretare se positivo)... all'annuncio che il toscanello(da non confondere col mezzo toscanello di Bersani)...e cioè..sembra e ripeto sembra.
    L'istituto di Andrologia,sentito il parere di quelli di urologia e "testicologia"...ha rilevato un improvvisa "impennata" del volume delle gonadi degli Italiani...
    non capendo granché di medicina ho chiesto ad un mio amico medico romano...che così si è espresso...forse vuol dire che....
    "co 'sti governi tecnici ci'hanno fatto du' palle come du' cacicavalli".
    Non so però interpretare se ciò avrà un andamento positivo o negativo sullo "spread"...ma ched'è 'sto spread?... forse la distanza dei testicoli dall'inguine????perché... le palle ce so'arrivate per terra co' 'ste prese per cxlo.....Prendiamola a ridere ...Ciao Tonino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era tanto per aver presente i numeri,quando poi parlano i saccodanni e soci....buona...! più che guado è guano...e se non é Verano,molto ci assomiglia....
      Ah,stai sicuro che l'orchite è stata incrementata....! ormai ce vorrebbe la carruiola...
      Sul mio parere sul puttino fuffino ti rimando al commento in fondo al gruppo....è un'anticipazione..una specie di road map,come dicono gli intelligenti....

      Elimina
  5. Monti, Letta, Renzi: il club dei nominati rappresentano il nulla più assoluto, sono loro stessi a dichiararlo esplicitamente, lo fanno sotto mentite spoglie, sotto forma cioè di sonore prese per il culo e palesi ammissioni della loro nullità, sono dichiarazioni d'inettitudine talmente evidenti che non ci si rende nemmeno conto siano state dette. Il peggior politico demagogo al loro confronto non è nulla. Quando uno parla di "una luce in fondo al tunnel e che la crisi è possibile risolverla dentro di noi" è assorto in uno stato trascedentale talmente distante dalla realtà che l'inebetimento della massa puo solo venire di conseguenza e appunto, solo per mezzo di una commutazione della crisi, da economico/monetaria/globale a mistica/evanescente/individuale. Quando uno parla di "palle d'acciaio" ma ad un virtuale cambio della guardia tendente al nulla condotto da parte di una nullità si dice "sereno e anzi più prossimo ad una condizione di pace interiore vicina allo zen" significa solo che la volontà è quella di obnubilare i cerverlli di chi ascolta, riempirli di fumo, oppio, vapore, significa ammettere "sono il niente, e il niente non sostituisce il niente".......cioè ce lo stanno dicendo! Stanno ammettendo che il loro status di nominati non può consentire null'altro che il niente in quanto dal popolo non hanno ricevuto nessun mandato e quindi, verso il popolo non hanno nessuna responsabilità! "di due strade nel bosco ho scelto quella meno battuta" è finanche piu patetica e risibile! Poi se qualcuno ci sguazza in mezzo a questo nulla è una naturale conseguenza del vuoto! Ma la colpa è del nulla che il nulla si ostina a continuare a rappresentare, con la compiacenza e l'indulgenza dei moralisti a senso unico, di pseudo rivoluzionari una tantum al kilo, ipocriti faziosi ed extra militanti di partito e obnubilati che si ostinano a cercare luci nelle nuvole! Mi dispiace, non posso portare rispetto per il NULLA! Tanto per ribadire in compagnia, dubito interessi ancora a qualcuno a giudicare da come il pecorame si fa scivolare addosso questo pieno per vuoto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "una luce in fondo al tunnel e che la crisi è possibile risolverla dentro di noi"...questa é da guinness metafisico-cerebroleso....!
      Che vuoi che dicano...a frisolver sdta situazione ce vorrebbero Mandrake,Batman e l'increibile Hilk....se va bene,altrimenti bisognerebbe ricorrere a Lourdes,La mecca e Shiva uniti....
      E pensare che invece basterebbe un Orban.....!
      Purtrppo quello che tu dici non è che quanto ribadisce questa ciofeca di kostituzione che toglie ogni poterer al popolo gabellato per sovrano....e se ci fossero state certe aggiunte che più volte ho detto,forse non saremmo in queste condizioni.Penso al referendum propositivo,che fin gli gnomi di zurigo hanno,i tanto strapazzati e ridicolizzati elvetici....
      Questa è una costituzione della casta,per la casta politico-istituzionale-giudiziaria...a pensarci bene,sembra un paradosso,ma è la fonte di tante disgrazie attuali

      Elimina
  6. Prima di passare ai commenti specifici,questo è per tutti....una mia anticipazione:

    IL GRANDE FUFFO

    Ola ragazzi...non illudevi....i giochi sono fatti...con tutta la potenza di fuoco mediatica,finanziaria,europea.....fuffo renzuccio è il nuovo idolo del cocuzzaro truffaldino...per accreditarlo al pueblo,i padroni europei è possibile che concedano qualche briciola (e d'altronde ci vuol poco a far qualche cosuccia di vetrina più di Letta,un carneade qualunque...) in modo da consentirgli di durare....lui non è stupido come Letta,quindi più pericoloso....sa bene che deve confezionare qualche pasticcino al pueblo per meglio accreditarsi come il cambiamento e infinocchiarlo meglio....la verve del grande piazzista non gli manca,stenderebbe pure un bue a forza di parlare,riparlare,straparlare...... ormai quasi tutti stanno salendo sul suo carro,compresi parecchi impresentabili....
    Per noi la situazione non muterà più di tanto....avremo sempre 80 miliardi di interessi e 40 di fiscal compact ,più tutto il resto....cambiare perchè nulla cambi....manco Mandrake la sfangherebbe.......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse un paio di caramelline al principio, giusto per ingraziarsi la plebe, poi si passerà al job act, ius soli e patrimoniale con probabile eliminazione del contante. Ultima fase della 'soluzione finale' progettata dai nazi-comunisti UE.
      Letta ci lascia 149 morti suicidi (fonte Link Lab) e qualche milionata di poveri in più. Renzi, l'ultimo della staffetta 4x prende il testimone e (forse) arriverà al traguardo nel 2018 in quali condizioni riusciamo a immaginarlo tutti.

      Elimina
    2. E' obbligato a farlo (a questo punto però bisognerebbe chiedersi perchè non l'ha fatto quel fesso di Letta...ma immagino la risposta...),tutti se l'aspettano,altrimenti si brucerebbe subito.La sua avventura deve iniziare con un grande consenso amplificato a dovere dai media per accreditarsi come salvatore della patria.Cosa farà,presto lo vedremo,ma non ci faremo certo abbindolare da due iniziali caramelline.

      Se uno dovesse ripercorrere mentalmente il periodo di governo Letta ,si renderebbe conto in primis di che nullità di uomo e politico è stato questo carneade,e di che danno é stato per il Paese come premier
      Ma il maggior responsabile é il rottame del colle che sapeva benissimo chi fosse questo zero e che non avrebbe avuto altro da fare che ingannare gli italiani.
      Due sue scelte (con Monti) tragicamente sbagliate...loro se ne sono andati,ma lui invece é ancora qui impunito a far consultazioni ridicole coi giochi già fatti.L'ennesimo inganno.

      NB- noi,blogger e lettori, siamo dei dilettanti,ma guarda caso da tre anni a questa parte le abbiamo azzeccate tutte sulla sciagura di questi governi che ora tutti condannano.Non è strano?
      No,se concludiamo che fossero tutti fin dall'inizio in malafede e che non poteva finire che come son finiti,nel ludibrio generale e nella rovina del paese.
      Per questo sono tutti colpevoli,anche se fan finta di nulla....a cominciare da questo ignobile presidente...altro che impeachement...!!

      Elimina
  7. JOhnny, sto facendo girare per il web, questo illuminante (ma raccapricciante) video su Davide Serra, uno dei principali finanzieri titolare dell'hedge fund Algebris alle Cayman che ha sostenuto e pagato la campagna elettorale di Renzi. Questi sono i giovani usurai che vanno a sostituire quelli vecchi:

    https://www.youtube.com/watch?v=L-F8iMQ9xks

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se guardiamo alle frequentazioni del puffo fuffo c'è da rabbrividire.Oltre a Serra (di cui ho letto su Scenari Economici),mettici pure questo bel tomo,Michael Ledeen-

      http://www.losai.eu/ecco-chi-si-nasconde-nellombra-di-renzi/#

      e pure il sionista Mc Kinsey,Yoram Gutgeld (già dal nome...),chi é la Mc Kinsey? troverai in rete notizie dettagliate,ma ti basti sapere che ha partecipato nel 2006 alla stesura del programma di Prodi.

      http://freeondarevolution.blogspot.it/2013/12/matteo-renzi-un-pupazzo-nelle-mani.html

      tralasciamo poi il suo grande sponsor,l'evasore e bancarottiere svizzero.....e dio ci scampi purer dalla Reichlin....

      Ora aspetto di vedere che governo metterà in piedi....ma già enfatizzando il fatto che ci saranno molte femminucce,mi suona male....e non certo per questioni maschio-femmina.....ma se guardo ai risultati delle lettiane....brrrr...!!

      Elimina
  8. schiaffoni di questo genere vanno " condivisi "poichè non è più tollerabile "il non lo sapevo " !!!...in quanto a " fuffo de fuffis " ritengo che governerà con l'appoggio esterno del sor " B " , checchè ne dica angelino che ritiene ancora di essere determinante e non ha capito che è fuori dai giochi .per quanto riguarda il fiscal compact e il pareggio di bilacio penso che la germania ci concederà un temporaneo temperamento , come dici tu un pasticcino al popolo ( ma sembrano brioches ) . napolitano ???? non si dimetterà , ritornerà a fare il notaio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. già...lo sapevamo tutti noi,miseri dilettanti e complottisti....immaginati loro,e in primis quel losco figuro del Colle,ancora impunito per le sue sciagurate scelte fallite...! Sta ancora lì,come un vecchio lumacone bavoso a fare l'ennesimo inganno di inutili consultazioni,ben sapendo che è tutto già scritto,compresi i ridicolo timori,enfatizzati dalla stampa per le bizze di Alfano,che cerca solo un paio di poltrone.
      un ignobile teatrino.
      E certo che il berlusca darà una mano a renzuccio...sarà quello che erediterà forza italia quando lui se ne andrà a riposare su qualche spiaggia caraibica....anzi,se mancheranno voti ,li darà lui al puffo.

      Elimina
    2. Oh ragazzi,alle consultazioni é andato pure Tabacci,leader di un grande partito.....lui e la moglie...no,dico....se questa repubblica non è un grande Zelig...!!!

      Elimina
  9. Sapevo di Michael Ledeen, un agente provocatore internazionale, un destabilizzatore promotore di colpi di stato e rivoluzioni tarocche in giro per il mondo e del suo legame con Renzi. Sul piazzista fiorentino, come sai, avevo già scritto un profilo e so anche chi è iquel Buondenaro israeliano della Mc Kinsey che lui ha fatto candidare nel Pd e che si è buscato pure la cittadinanza italiana per fotterci meglio. Mamma mia, siamo nelle mani dei Predatori dell'Italia perduta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bel titolo appropriato per il terzo film della saga....vedrai che ci saranno altre sorprese....il peggio non finisce mai...

      Elimina
  10. Ho trovato anche questo:

    http://frontediliberazionedaibanchieri.it/2014/02/documento-esplosivo-ecco-l-analisi-di-unicredit-avete-letto-bene-unicredit-su-renzi-&-alleati-segreti-di-renzi.html

    RispondiElimina
  11. Un pò ot... ma Mr. #hashtag Renzie promette 4 riforme in 4 mesi. Un pò come dire di perdere 7 kg in 7 giorni. Laddove non sono riusciti altri, riuscirà lui perchè... #lavoltabuona. Un genio, ragazzi miei. Ma perchè non lo hanno chiamato prima? Intanto, l'india rimanda ancora sul caso marò, l'electrolux licenzia almeno 400 dipendenti, la perugina ne manda in cassa integrazione oltre 800 e Renzie rimanda il suo governo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non solo ma si puo apprendere da rischio calcolato che la Peru se la stanno prendendo gli svizz.......Renzi, Renzi, l'ho sempre detto ma i miei falchi,,,,,nohhhhhh Renzi scherzioh oh??,,,,è il continuo propagarsi di fumo negli occhi, Letta era logoro, dal punto di vista dell'immagine, della credibilità; è pur vero che questi governi nominati sono fuffa ma per quanto fuffa siano devono comunque dare un certo margine di attendibilità e rinverdire la speranza nel popolino cosi da soggiogarlo nuovamente e fargli perdere il filo della matassa per l'ennesima volta. Insomma mirano comunque a creare un po di armonia nell'opinione pubblica per avere la strada meno battuta, un po meno in salita..........

      Elimina
    2. Tornata é la tempesta
      odo la sfiga far festa...e Renzi
      sempre in sulla nota via
      ripete il suo verso
      al popolo coglione
      Ecco la sfiga
      rompe da ogni parte,dal quirinale
      si spande alla campagna
      e melma nel paese tutto appare
      Ogni cor si incazza,in ogni lato
      risorge il letamaio
      torna la cricca usata
      la solita trombata

      Elimina
  12. aiuto è allarme ssociazione a delinquere con collusioni criminalità e forze di sicurezza, utilizzo di armi ad energia diretta e silenziatori sociali come asl tso: resistendoallafine.wordpress.com

    RispondiElimina
  13. fate girare info su quel blog o copiatene contenuti ed allarme.

    RispondiElimina

  14. Testimonianza di un prestito in 24 ore per il vicino a una signora cristiana e molto seria, vorrei informarvi che a seguito di molte pubblicazioni del record di banche come sta cercando di prestito per più di 2 anni ho avuto il mio prestito di 45.000 € tra particolare attraverso questa signora CINZIA Milani può aiutare come me, che sono nel bisogno esso è raggiungibile indirizzo e-mail: cinziamilani62@gmail.com

    RispondiElimina