mercoledì 27 novembre 2013

L' ALIBI BERLUSCONI


Non possiamo esimerci dal commentare la decadenza da senatore di Silvio Berlusconi nonostante il tema che poco ci ha appassionato,non essendo noi nè suoi fans nè suoi elettori,ma che è lo specchio del disfacimento di un Paese che va ben oltre il caso specifico.
Ed in questo senso ce ne occupiamo.
E'un evento politico comunque importante,specie per i futuri sviluppi  in generale ed in particolare per il governo.
Un governo (comunque traballante) ormai guidato da PD in tutto e per tutto,con buona pace dei soliti voltagabbana  arruolati dal Quisling del Colle per tamponare il suo governo di collaborazionisti,agli ordini degli usurai europei.
In pratica,con le manovre del Colle (una vecchia tattica,già usata con Fini),si è fatto strame del voto di febbraio,dando i potere di governare a chi non ha vinto le elezioni.
Il Paese si trova governato da un partito,e da un pugno di transfughi,che non ha scelto.
A molti commentatori sfugge questo piccolo particolare..e non si venga a parlare di democrazia e di rispetto delle regole...!
Solo uno sprovveduto,per non dir altro,può credere che  "quagliarelli e formiconi vari" e i ministri di Comunione e Fatturazione se ne siano andati per una diversa visione politica o per questioni di democrazia interna (nel caso,solo ora se ne sono accorti?).
E' tutto molto più semplice....poltrone e pressioni del Quisling quirinalizio per far sopravvivere un governo amico degli usurai UE e della troika.
Berlusconi paga certo molti suoi errori e comportamenti inadeguati,ma sopratutto il fatto di essersi opposto all'egemonia della sinistra e della magistratura che,dal 1992,si è messa in testa di comandare la politica italiana,con azioni spesso di dubbia costituzionalità.
Molti dei processi che vedono coinvolto il Cavaliere sono vere e proprie farse giuridiche,indegne di un paese civile e di qualunque reato si tratti....non si basano su alcuna prova,solo su induzioni di magistrati ben poco imparziali ...che siano processi a scopo politico e pasticci  giuridici,non ci sono dubbi.


E qui veniamo al problema generale della Giustizia,che nessun berlusconi può oscurare.
Diversi giudici hanno espresso fuori dalle aule giudiziarie opinioni personali contro chi dovevano giudicare.Non mi pare proprio che sia messa in pratica la terzietà che il giudice dovrebbe avere.
Magistratura che,è sempre bene ricordarlo, parte integrante della cricca che ha affossato il Paese.
Ed è perfettamente inutile che ad ogni critica questi signori invochino i Falcone,i Borsellino (che loro stessi hanno osteggiato) e i vari colleghi caduti nell'adempimento del loro dovere.
Inutile,perchè questi si comportavano esattamente all'opposto dei tanti che abbiamo visto all'opera in Mani Pulite e negli anni seguenti.Uno per tutti,l"eroe" desparecido Di Pietro.
L'Ordine giudiziario (e non il Potere) soffre degli stessi mali di questa indecente classe politica....privilegi,corruzione,collusione,incapacità,parassitismo....basta scorrere le cronache giudiziarie.....non sono i santi e i giustizieri a cui il questurino Travaglio inneggia,nascondendosi dietro Berlusconi.
Sono invece uno dei problemi,e non secondario,che affligge una vera repubblica democratica.
Anche con loro arriverà il momento di fare i conti,per le malversazioni,le collusioni con la politica e le omissioni.
Intanto la Giustizia,penale e civile,in questo paese è da terzo mondo,come le classifiche internazionali dimostrano.
E se c'è una cosa sacrosanta è la separazione delle carriere,se si vuole un processo giusto,equilibrato tra le parti in causa.Questa infausta commistione tra organi inquirenti e giudicanti é uno dei mali di questa giustizia moribonda e priva di credibilità.
Basta scorrere anche le cronache giudiziarie degli ultimi tempi.(vedi processo per il delitto di Perugia e altri simili...),per rendersi conto dello stato di assoluta inaffidabilità delle aule di tribunale.

E ancora, se la politica non è all'altezza della situazione,se c'è un vuoto politico,non è il compito della Magistratura surrogarla,riempirlo o ricattarla ogni volta che si pone mano ad una riforma sacrosanta di questo Ordine,sottratto ad ogni controllo e responsabilità.Ci fu un referendum popolare in merito,ovviamente invalidato dietro la pressione della Magistratura e da una politica succube e ricattata.
La politica la decidono i cittadini elettori,eleggendo i loro rappresentanti,non i giudici o i pm...
Non è un mistero la diversità di comportamenti adottata nei confronti di una certa parte politica,prona a pressioni e diktat,in cambio di trattamenti di favore in varie inchieste.
La giustizia non è affatto uguale per tutti,potete togliere questa massima fasulla dalle aule giudiziarie.
Ci sono soggetti più ugual degli altri...o diversamente uguali.
Che poi la Magistratura sia divisa in correnti politiche,come un partito...che magistrati vadano a far shows in tv,partecipino a manifestazioni di partiti....è una aberrazione intollerabile in uno Stato di diritto...forse in uno Stato di dritti....

Aggiungi didascalia
Il problema va oltre Berlusconi...questo è stato l'alibi per impedire ogni riforma inderogabile di una Magistratura che pretende di dirigere il Paese e che non è affatto immune dai vizi della classe politica.
Bastano semplici riflessioni per comprendere che è un problema di tutti,dell'intero Paese e della credibilità stessa della giustizia, fondamento del vivere comune. Chi non lo capisce,come l'ottuso inginocchiarsi all'ordine togato del ricattato PD,non fa certo un servizio al Paese,anzi...
Politica espropriata dal mercato ,dalla finanza e da una classe di magistrati che crede di essere al di sopra della legge.
E per favore,non si citi come organo di controllo il CSM,una farsa....con Quisling presidente...
Ma certi politicastri da strapazzo,non lo capiranno mai...si accontentano di essere quelli che son sempre stati...servi di un padrone,in nome della conservazione di un potere da condominio....é il loro dna....

Cari magistrati,smontate da cavallo,voi siete solo impiegati dello Stato,di cui non dovete discutere le leggi,ma solo applicarle.
Le leggi le fa il parlamento e voi obbedite,come gli altri cittadini.
La giustizia e chi l'amministra,sono degni di rispetto se lo meritano....cosa alquanto dubbia alla luce di tanti comportamenti e vicende non certo degni del ruolo.
Le sentenze si rispettano se non sono sentenze politiche e sopratutto senza prove.E non è scritto da nessuna parte che si debba rispettare una sentenza palesemente manipolata e sbagliata,e senza che gli autori non ne paghino le conseguenze.....vedi recenti casi di gente condannata senza prove evidenti ed in carcere da anni,ma innocente.Un tale giudice dovrebbe essere immediatamente radiato.
Non esiste una classe di intoccabili.

Ora l'alibi berlusconi non c'è più,non sarà mai più presidente del consiglio o in altro incarico istituzionale....vedremo se i cosidetti democratici avranno il coraggio e la dignità politica di far rientrare nei ranghi un Ordine giudiziario fuori controllo..

Quanto alla legalità, si rispetta se viene rispettata in primis dalle istituzioni che dovrebbero garantirla e darne esempio,cosa molto dubbia di questi tempi,...e suona ridicolo invocarla proprio da parte di chi ha svenduto la sovranità della Repubblica,calpestando la Costituzione...

Altrimenti è dovere del popolo,unico depositario della sovranità,di difendersi e difenderla con tutti i mezzi possibili,nessuno escluso,contro tutti....magistrati compresi.
Tutte le istituzioni sono delegittimate,non se ne salva alcuna,sono state occupate da una cricca di azzeccagarbugli corrotti e collusi.....questa Repubblica va rifatta da capo a piedi con una nuova guerra di liberazione popolare.
E quando sarà il momento dei conti,non ci saranno sconti per nessuno.

Per chiudere,e  per chi ancora non se ne fosse accorto non è Berlusconi,un senatore che decade,ma è decaduto da tempo tutto un Parlamento,ostaggio di trattati europei liberticidi...un Parlamento che non conta nulla,svenduto agli eurocrati di Bruxelles dal collaborazionista del Colle,un traditore della Nazione.


39 commenti:

  1. Sì, qui è necessario il poderoso calcio dell'asino. In occasione delle europee? Per ora non mi viene in mente altro. Ma bisogna battere su questo tasto da subito.
    Tommaso4ever

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo europee...e contemporaneamente dare un calcio in culo a tuta questa classe politica collusa,incapace,imbelle....sopratutto al vecchio rottame del colle,artefice principale delle ns sciagure...e al servizio di altri,come sempre ha fatto.

      Elimina
  2. Carnerfici...vittime..CHI ha vinto....chi ha perso...ma COSA?

    Qualcuno, domani, troverà un nuovo lavoro, dopo che aveva perso il vecchio? Vi abbasseranno le tasse? Il gravissimo problema della disoccupazione ormai alle stelle, sarà finalmente risolto? Verranno alzate a livelli dignitosi le pensioni minime da fame? Verrà garantito il reddito minimo a chi non ce la fa più ad andare avanti? Equitalia o la banca vi ridaranno la casa che vi hanno pignorato? No???!
    Ma come...niente di tutto questo??!
    E allora é vero, non è berlusconi,un senatore,che è decaduto....ma da tempo l'intero Paese!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggevo un cartello dei soliti mentecatti che recitava "finalmente siamo liberi"....è proprio vero che alla coglioneria non c'è mai fine.....forse questo tizio non s'è ancora accorto che ha le catene ai piedi...liberi de che?
      Gli usurai europei ringraziano....

      Elimina
  3. io penso che la STORIA ( quella con la S maiuscola ), in un
    futuro, dovrà ratificare questa Apocalisse della politica nel suo
    giusto tragico valore. GFC

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so quale sarà il giudizio della Storia,quello che temo è che caduto l'alibi di Mister B,la giustizia continuerà ad essere latitante....

      Elimina
  4. Sul caso Berlusconi. 57 processi oltre alla decadenza, purtroppo messa in atto, grazie alla caduta delle "guarentigie" parlamentari. E cioè quell' eliminazione dell'immunità parlamentare già messa in atto ai tempi di Tangentopoli e votata con grande lungimiranza dai deputati stessi.
    C'è un'altra cosa che va sottolineata e che abbiamo tutti quanti trascurato di dire nei nostri post:
    quando Letta è andato a Berlino dalla Merkel a rassicurarla che "Berlusconi non è più un problema", è andato in realtà a dire ai referenti di Bruxelles: Missione compiuta.
    Perciò i soliti giudici con l'aiuto dei soliti postcomunisti, sono i luridi SICARI di Bruxelles e del mondialismo.
    Ierisera alla Gabbia, pure Barnard ha sottolineato come i piddioti siano i più asserviti alla finanza internazionale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già...era tutto scontato,anche se c'è voluta la manovra del Colle per staccare i quagliarelli...altrimenti addio numeri....
      Che gli ordini partano da Berlino e Bruxelles,non c'è alcun dubbio....vedasi Bini Smaghi,il tedesco di pochi giorni fa e pure Zapatero...e il patriota Draghi che smise di comprare i ns titoli per poi riprendere con Monti....
      E certi i giudici non sono estranei,come non lo furono nel 1992,dopo il Britannia...
      Barnard le ha cantate pure chiare alla salma quirinalizia e con gli appellativi che merita.
      Patetico Rondolino....un altro demente che scambia le pagliuzze per delle travi...

      Elimina
    2. l'italia è piena di suoceri come il mio...........maledetti coglioni, se loro pretendono di dettare l'agenda del futuro, porco zio mio, meglio passare direttamente all'archivio,........... mentecatti!

      Elimina
    3. Che ci vuoi fare....contro la coglioneria non ci sono armi...deve passare da sola come il raffreddore....anche se in alcuni è ormai cronico....

      Elimina
  5. Ovviamente la regia di tutto questo scempio giuridico è il solito Bella Napoli, capo supremo della Magistraturai. Ma prima o poi arriverà anche la sua pena di contrappasso. Nulla è eterno nemmeno ciò che è Male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace che non possa essere portato alla sbarra....é probabile che crepi prima...

      Elimina
  6. @me stesso.

    Caro Tom, è troppo mite l'asino. Ci vuole il calcio poderoso di un mulo, come minimo. Fuor di metafora, una valanga di prossimi voti che seppellisca la genia fin qui nominata e stranominata da Johnny oggi, ieri e l'altroieri e nei secoli dei secoli.
    T4e

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già...mi rendo conto che posso diventare noioso,ma ormai questi delinquenti sono il mio chiodo fisso,anche perchè non passa quasi giorno che raccontino balle colossali,ci prendano per idioti e mettano in pista ogni tipo di furfanterie.
      Il mulo è ancora poco,opterei per un bufalo africano o un elefante...c'è qualche probabilità che ci restino secchi...e senza metafora.
      Me la auguro e ci spero pure nella valanga,Albe Dorate comprese,e più sono populisti e incazzati,più é meglio.

      Elimina
  7. Ecco speriamo e crediamoci. Mi ripugna anzi-che-no il Grillo, ma come estremissima ratio si aggreghi pure. Mi piace assai la Le Pen. Molto meno mi piace il B., cavaliere coglionazzo, a meno che da solo -o con la spinta dei più accorti fra i suoi- non facesse en vitesse una popolare, accanita, tambureggiante campagna contro l'euro (farebbe ottima pesca a destra,centro e sinistra). Di Alba Dorada italiana so poco o niente, ma credo che, se si palesasse, sarebbe come il can che abbaia e non morde: perché non ha palle Letta, ma anche buona parte degli italiani è ormai castrata.
    Tommaso4ever

    RispondiElimina
    Risposte
    1. manco so esiste Alba italiana....parlavo della greca....pure il diavolo va bene per battere sti aguzzini.!
      Non saprei,ma in Italia credo che sia il M5s,che berlusconi non abbiano altra scelta che schierarsi contro l'euro ..più Lega,Allam...e chissà chi altri..
      Probabilmente la parte del leone la farà Le Pen,ma l'importante è che il gruppo anti sia il più folto possibile.

      Elimina
  8. @Tom4ever/Jhonny
    colgo,nei vostri discorsi più di una contraddizione....
    -premetto che odio l'euro...e non amo questa Europa...con popoli che si credono superiori...e ci credono inferiori(in verità se si riferiscono solo ai nostri,ultimi politici...non è che abbiano tutti i torti).
    -Voi sperate nella riscossa dalle "elezioni."europee.. evento che dia un chiaro segno ,ma poi duraturo ed efficace,di una spallata all'odierna servitù.
    -Ma da quando con le elezioni(e soprattutto le europee....guardate chi sono i deputati/e ....si è cambiato qualche cosa?E qual'è il partito da votare?E qual'è il Leader con solide palle "sue",e non sintetiche(come oggi si usa) innestate da un estetista/ferramenta?
    E' chiaro che deve essere una formazione tradizionalista,che antepone gli interessi del suo Paese agli ordini dei Paesi dove l'usura ha trovato "momentaneo" alloggio.
    -E qual'è questo partito???L'unico che ha parvenza nazionalista è la Lega,ma quei testoni non "legheranno" mai con i terroni.
    -E allora non rimane altro che il maltrattato(e dimesso) "B"...,che ritorna ,come il Conte i Montecristo,torna forte e "vendicativo".
    -Certo per convincerci, il"B"dovrebbe oltre che imparare a suonare il violino,tirare di scherma,andare a cavallo e in motocicletta,guidare un aereo....Dovrebbe,con forza, ripetutamente ripetere(anche se talvolta l'ha fatto) ai suoi partners che l'Italia è il terzo Paese più economicamente potente in Europa,una colonna portante che se si sfila fa cadere tutto questo teatrino di approfittatori usurai....che chiamanoEU(siamo ancora uno dei.... quattro grandi ...europei).
    -Aspettiamolo al varco,vediamo come si comporta e che spazio i"Soliti Noti potenti gli lasceranno,...
    Se mi convince,e si creano queste premesse,dopo tanti anni,ritornerò a votare.
    -Altri nomi non li vedo....tutti maggiordomi,capocamerieri,camerieri/e,sguatteri di sua maestà....l'USURA:
    Ciao Tonino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. queste elezioni sono importanti,capitali qualcuno le ha dfinite.Avere un grande gruppo antieuro a Bruxelles è il primo passo necessario,sia per poter condizionare le decisioni della Commissione,sia per dar battaglia sulla sua stessa esistenza.Non è mai successo che potesse esserci questa possibilità,se non per qualche voce isolata.Ne è da sottovalutare l'influenza che il tutto potrebbe avere sui governi nazionali,come in Francia ad esempio.
      bisogna vedere il tutto,non solo secondo l'ottica italian,ma europea,anche se come dicevo sia B chde Grillo,non possono che essere contro...per B é l'unica rivincita e occasione che ha per continuare ad esistere e ad essere in gioco,altrimenti sarebbe un buffone,dopo quanto la Ue gli ha fatto...
      Comunqwue B o no,qui bisogna votare,e contro....e zxe arrivo a dirlo io di votare....!

      Elimina
  9. Caro Tonino, come sempre hai una buona parte di ragione. Ma facciamo un passo alla volta. Intanto la valanga, la scopa gigante di saggina sulle europee e poi ne riparleremo. Se persino Johnny dice che si può...
    Tommaso4ever

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà la prima volta che voterò...magari anche l'ultima....se non sarà demolita e poi ricostruita questa repubblica calpestata e svenduta da miserabili deficienti....

      Elimina
  10. Mi viene da parafrasare un battuta di Hellzapoppin':
    "Qualsiasi somiglianza tra l'italia e una nazione è puramente casuale'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'Italia é solo un bivacco dove sono accampati degli italiani...

      Elimina
  11. A proposito di bivacco, mi viene in mente che quel bolscevico di Giulietto Chiesa s'era fatto eleggere in precedenti europee, non so se in Llituania o in Estonia. Ci saranno bivacchi temporanei anche per un Cav. antieuro? Sarebbe una figata.
    Tommaso4ever

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh...può essere un'idea...tu dove penseresti?

      Elimina
  12. L'Ungheria. Elementare, Watson.
    Sherl.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. o Russia...? Magari alla Duma,commissione energetica,forniture da e petrolio...Ci pensi in visita di Stato da Napolitano...!
      Un numero galattico...!

      Elimina
  13. E’ partita la campagna elettorale europea con alte grida di allarme dei soliti manipolatori. La burletta Letta ,ai comandi del Burattinaio del Colle ed altre personalità eurocentriche, come il presidente del Parlamento Europeo(eletto da nessuno) Schultz, detto "Inshultz", lanciano in questi giorni grida di allarme e malcelata paura, rilanciate da tutti i media del potere:"
    Il prossimo parlamento europeo rischia di avere una forte componente anti-europeista dicono gli usurai e strozzini".
    Così c’è il serio pericolo di non risolvere la crisi economica e di gettare il continente nel disastro.
    (Queste son le euroballe d'acciao della burletta & company ,se c'e' qualcuno che ha portato il continenente al disastro son proprio loro!!! )

    Occorre combattere i populismi antieuropei ,... dicono i babbei ipocriti e coglionazzi ,oltreché caga sotto, ormai presi dallo spauracchio nello constatare il continuo aumento di euroscettici.
    Ora approssimandosi le elezioni europee, i dipendenti e servi dei poteri (Letta, Napolitano,Draghi ,La Tro(K)ia con la K e quella senza K ( Cristine Lagarde..Fmi, che avendola a ombrella chiusa, la regalava volentieri a Sarkò tanto lui era di bocca buona) , il Rompycoglioni , Rhen , l'olio di ricino finnico! Sbavvoso che ancora sbava dopo averlo preso in quel posto dall'Ucraina) che hanno scatenato la crisi per fare il superstato, dicono che chi è antieuropeista – e che lo è diventato a causa di quello che hanno fatto loro… - è pericolosissimo per la crisi. Che se votiamo antieuropeista moriremo di fame. (Maledetti bastardi per colpa Vs. ci manca davvero poco!!!).
    Il gioco è chiaro.

    Così come è chiaro che un parlamento europeo con una forte componente antieuropeista in questa fase potrà comunque svolgere il ruolo positivo di limitare certi poteri, i loro dipendenti come il pagliaccio burLetta e il re dei pagliacci al colle, i loro disegni di manipolazione..che sino ad oggi han causato solo miseria e fame!!

    Occorre solo stare attenti a non votare per finti antieuropeisti…ve ne sono parecchi in giro che blaterano!!
    Ad ognuno di noi il compito di scovarli…di stanarli .
    Noi daremo una mano e appena scovati..daremo pure un piede ....per prenderli a calci in culo!!!
    Ciao Tony

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gioco sempre meno credibile...il caos regna nel governo,specie nella testa di cazzo servuile di sancho che vuol fare una public company della Bc....infinito e ignobile balletto su IMU...ogni giorno cambia.-..non san più dove sbattere la testa....mentre le tasse affondano il paese.
      Altro che populisti...! loro sono la sciagura.

      Il gruppo avrà pure fondi per svolgere la propaganda più efficace contro l'euro,inoltre avranno molto più tempo per parlare...e saremo più informati sulle malefatte che preparano....il parlamento usuraio deve trasformarsi in un perenne campo di battaglia........per questo è importante che sia un folto gruppo...

      Ora Barnard ha lanciato in Tv e in rete la costituzione di un CLN antieuro che sta raccogliendo adesioni e facendo i conti di quanti forze può eventuaklmente contare scendendo in lizza per le europee...domani pubblicherà un manifesto che poi proporrò qui...

      Elimina
    2. a proposito di public company, dai un'occhiata al mio ultimo post......GFC

      Elimina
  14. Dopo l'Ucraina fuori un altro !!
    Elezioni in Slovacchia: vince il partito che vuole uscire dall’Euro.
    Stan tutti capendo che la Troi(k)a per parafrasar Battiato è una vera troia affamata di denaro non di sesso!!
    Intanto da noi la gente ignora che un'altra troia l'abbiamo in casa l' FMI della Lagarde!(Cottarelli docet) .Ciao Tony
    http://www.informazionelibera.info/slovacchia-stravince-il-partito-che-vuole-uscire-dalleuro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni Paese contro è sempre una bella notizia,vuol dire che a molti gli si stanno aprendo gli occhi sulla realtà di questa truffa.
      Vediamo che farà mani di forbice..

      Elimina
  15. Ho letto la proposta di cui parli nell'ultimo topic di Barnard e l'ho ascoltato anche in tv alla Gabbia. Può essere interessante. Ma c'è il passaggio relativo all'ONU che sinceramente mi convince poco:

    "Sia chiaro che il COMITATO DI LIBERAZIONE NAZIONALE ME-MMT verrà ufficialmente presentato su questo sito, a La Gabbia di La7 e su altri media quando avremo compiuto tutti i passi legali, ideologici e scientifici necessari, che per esempio contemplano anche una richiesta di riconoscimento da parte delle Nazioni Unite come movimento di legittima liberazione nazionale, e molto altro lavoro".

    Volere una "legittimazione" dall'Onu, mi pare che non porti a niente di buono. L'Onu è uno dei problemi di questo sconquasso, non la soluzione. Comunque vedremo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto questo passaggio...sinceramente non so proprio come possa ottenere dall'Onu la qualifica ufficiale di Mov.di Liberazione...non conosco questi regolamenti,ma so che diventerebbe un soggetto di diritto internazionale,cioé: "Ad un movimento di liberazione nazionale viene riconosciuto - tra gli altri - il diritto di usare la forza contro l’oppressore, e di combattere la cosiddetta guerra di liberazione per l'ottenimento dell'indipendenza. Il movimento di liberazione nazionale necessita di una qualche forma di organizzazione, ovvero di una qualsiasi struttura: questa è legittimata ad agire a suo nome sul piano internazionale."Insomma,tipo OLP e vari altri movimenti contro le dittature...
      Io la vedo molto improbabile che lo concedano,anche se in realtà ,siamo veramente sottoposti ad una dittatura.
      Ma ciò che conta è altro ,e più concreto circa questo nuovo CLN,di cui Barnard può certo essere l'ispiratore e comunicatore,ma non il leader politico.Non è il suo mestiere,nè ha il carattere adatto.....vediamo gli sviluppi

      Elimina
    2. I problemi sono altri,e cioè la convergenza di tanti altri movimenti...sebbene in rete la proposta sia stata accolta con favore.Sai,ognuno tende a coltivare il proprio orticello,la perenne e fasulla distinzione tra dx e sx,i soliti marpioni che cercano il riciclo.....e anche tanto dilettantismo politico,mancanza di visione della realtà scambiata per il loro dover essere....
      Molti pensano che avere 500 iscritti voglia dire 500 voti...capirai
      Noi ne abbiamo 4500....certo tutti antieuro...ma andrà bene se i voti saranno un migliaio.
      se però si unissero i tanti gruppi antagonisti del web in questo CLN,sarebbe una buona base di partenza per attaccare poi con strutture il territorio.
      Bisognerà poi vedere se ci sarà un leader di prestigio e senza alcuna compromissione con l'attuale classe politica.....il fondamento economico di programma c'è,ed autorevole,Mosler ,Parguez...ma ad esempio,i Borghi,o Bagnai che faranno?
      Se si mettessero tutti insieme....! Eterno problema del frazionismo italico...

      Elimina