sabato 21 settembre 2013

IL GOVERNO DI CRIC E CROC...

In questi giorni si fa un gran parlare del piano del governo "Destinazione Italia" per attrarre in Italia investimenti esteri. Il tutto mentre non ci si preoccupa delle imprese italiane che muoiono o si trasferiscono all’estero.
Cric e Croc,amici del giaguaro....bisogna proprio dire che siamo in mano a dei pazzi,ma molto più verosimilmente ad esecutori degli interessi dei loro amici usurai,avvoltoi che stanno volteggiando sulla carcassa Italia.

UNA STORIA SEMPLICE

L’azienda A, italiana che opera in Italia, offre lavoro a 10 persone. Ad un certo punto della sua attività, siccome il governo italiano ha bisogno di quattrini, gli impone il 60-70% di tasse e la condanna a morte certa.
Visto che le ragioni della sopravvivenza prevalgono sempre , il signor Rossi, titolare dell’azienda che esiste da molte generazioni, un bel mattino, si alza e decide di licenziare tutti i suoi collaboratori e trasferire all’estero la sua azienda, poiché, oltre ad avere condizioni decisamente migliori per svolgere la sua attività, ottiene anche il rispetto in quanto imprende generando ricchezza, e offrendo slancio al benessere collettivo.
Quindi, l’azienda chiude in Italia e riapre in Svizzera.

Risultato: dieci persone disoccupate in Italia che, nei prossimi anni, dovranno essere sussidiate dagli altri contribuenti rimasti in Italia. Quindi, aggravio di spese per lo stato italiano, minori consumi, calo della domanda interna, minori entrate tributarie ed aumento del debito.
Perché non si hanno più introiti (che prima si avevano) per mandare avanti la macchina statale.
Sorge il problema.

Ma siccome al governo ci sono tutti volponi, allora possiamo stare tranquilli.Infatti, ecco arrivare la soluzione.
Un bel mattino CROC-Saccodanni, che è ministro del governo, dopo una notte insonne passata a pensare e ripensare, prende e si alza esclamando:
“Cazzo! E’ proprio vero che la notte porta consigli. Ho avuto un’idea geniale! Sai che faccio? Anziché occuparmi di quei morti di fame di imprenditori italiani che crepano e delocalizzano e per di più brutti, sporchi ed evasori, pianifico una bella campagna di incentivi a carico dei contribuenti rimasti, e così attraggo aziende estere che vorranno investire in Italia...... 
Se ne vanno gli imprenditori italiani migliori che si valorizzano altrove? E noi facciamo venire al loro posto quelli stranieri che tenderanno a farsi i cazzi loro...."

L’indomani c’è il consiglio dei ministri.
Infatti CROC  porta l’idea al CdM e tutti gli altri babbuini, che siedono attorno al tavolo insieme a lui, salutano l’idea con grande entusiasmo, plaudendo ed esultando.
CRIC-LETTA ,il presidente dello zoo,non sta più nella pelle...."e poi dicono che non facciamo nulla..!!....che non abbiamo idee...!!" 
Vero:infatti  l’idea che ha partorito la mente illuminata di CROC, secondo loro, potrà consentire di avere salva la poltrona per qualche tempo in più.
"Tanto i principali mass-media li abbiamo in mano noi: presenteranno "Destinazione Italia" benignamente ed acriticamente...in base alle nostre "veline"...L'italiota medio forma ancora la sua opinione sulle cazzate che gli propiniamo tutti i giorni...è pazzesco ma la cosa funziona ancora...." -  questo si dicono i nostri

Nel frattempo, il sig. Rossi, titolare dell’azienda A, prima italiana ma ora delocalizzata in Svizzera, siccome in quel luogo è stato accolto bene, ha deciso di trasferire anche la sua famiglia in Svizzera.
Quindi, oltre ad aver lasciato sul lastrico i suoi dieci collaboratori italiani e le loro famiglie, da qui in poi, spenderà in Svizzera anche il suo reddito. Stessa cosa farà la sua famiglia.

Risultato: il Pil della Svizzera aumenta, quello dell’Italia cala ulteriormente, e con esso calano anche le entrate tributarie. 
La fantastica e geniale idea comincia a dare i suoi primi frutti.....

Ma nessun problema. A raddrizzare le sorti dell’Italia ci pensano CRIC e CROC e i loro babbuini.
Varano  il pacchetto di incentivi "Destinazione Italia" e tutti e due si mettono a girare il mondo (sempre a spese dei contribuenti italiani rimasti) per pubblicizzare  e far conoscere questi incentivi al mondo dell’imprenditoria estera.(visto che la ripresa e i dati forniti da questi indegni sono falsità....ci hanno provato,ma è andata male...smentiti dai dati reali come asini)

Un bel giorno CRIC, rientrato dal Giro Show, riceve una telefonata......
E’ Alonzo: un tizio spagnolo che, essendo stato travolto dalla crisi spagnola e avendo terra bruciata in quel luogo, decide di cogliere al volo l’offerta dei babbuini italiani, trasferendosi in Italia e aprendo  un’impresa.Siccome, in Spagna, Alonzo è stato furbo, ha anche qualche risparmio per poter iniziare la nuova attività in Italia.
Quindi si trasferisce e apre un’impresa assumendo 10 persone: lo stesso numero che aveva licenziato Il Sig. Rossi qualche mese prima.

Per CRIC e CROC è un grande successo: arrivano capitali esteri, la disoccupazione diminuisce, ripartono i consumi e lo stato può incassare più tasse.

Ma c’è un problema che non viene considerato dal geniale e illuminato duo.
Crede che la fiscalità di favore riservata per qualche anno ad Alonzo, abbia consentito di riassorbire la disoccupazione creata da quel lestofante di Rossi. Quindi, egli ritiene che la ricchezza prodotta ora in Italia sia uguale alla ricchezza che produceva il Sig. Rossi con i suoi 10 collaboratori.
Ma questo non è vero!
E non è vero per il semplice  fatto che Alonzo, siccome non si fida dell’Italia, contrariamente al Sig. Rossi che si fida della Svizzera, ha lasciato la sua famiglia in Spagna. Quindi, gli utili che produce in Italia vengono trasferiti in Spagna per essere spesi lì dalla sua Famiglia.

Risultato: minore crescita in Italia, maggiore crescita in Spagna, aumento degli squilibri tra i due paesi.
Sebbene CRIC pensi di aver risolto il problema, presto si accorge che c’è qualcosa che non va e che i conti non tornano.
Le entrate tributarie non riescono a coprire le spese e decide di aumentare le tasse. Rompe il patto con Alonzo e le aumenta anche a Lui.

Un giorno Alonzo si sveglia incazzato, e si accorge che l’Italia non è troppo diversa dalla sua Spagna. Allora decide di ritornarsene là,  dove era venuto. 
Ma non prima di aver fatto bottino.Allora ordina grandi quantitativi di merci da fornitori italiani, le rivende sottocosto, non paga i fornitori, i collaboratori, non paga le tasse e se ne ritorna in Spagna lasciando il genio CRIC con il cerino in mano.

RISULTATO IN SVIZZERA: Rossi fa grandi affari, offre lavoro a 10 persone, consuma il suo reddito in Svizzera e vive come un Re, contribuendo alla ricchezza di quel luogo e allo slancio sociale delle persone che vivono in Svizzera con lui.
RISULTATO IN ITALIA: Un’impresa in meno, fornitori di Alonzo prossimi al fallimento perché non sono stati pagati, 10 disoccupati in pianta stabile, calo dei consumi, calo del gettito tributario, taglio ai costi dei servizi sociali sempre più scadenti, esplosione di debito e poi bancarotta.

E CRIC-CROC? Due pirla....ma ancora premier e ministro....

NB - e questa storia non é nuova, già successa tempo fa nel Belpaese....in Grecia,Spagna....


Storia rimaneggiata da : http://finanzanostop.finanza.com/2013/09/20/ecco-come-non-funziona-in-italia/?utm_medium=referral&utm_source=pulsenews


Questa ce l'ha inviata un commentatore del blog....in tema


36 commenti:

  1. Se non sbaglio,è quanto descritto nel romanzo di "centro e periferia" del prof.Bagnai....quanto accaduto in anni recenti ai paesi del Sud Europa.
    Invece di difendere le nostre aziende,si incoraggiano ad andarsene e magari svendendo quelle rimaste.
    Grande politica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sbagli....semplificata, la storia è questa....la distruzione dell'apparato produttivo italiano:delocalizzazioni,svendite di marchi prestigiosi italiani e incentivi a capitali esteri (e pure a utili esteri) chje alla prima occasione di difficoltà se ne vanno,la<sciandoti sul groppo disoccupati.
      Questa la dissennata politica industriale di questo governo di fantocci usurai,chde ingannano i cittadini pure sui dati della crisi,vedendo immaginarie luci nel tunnel.
      La prossima luce sarà,come da noi anticipato,una nuova manovra di tasse e balzelli vari.
      Vibva l'instabilità....se questi sono i risultati.

      Elimina
  2. Saccomanni: «Serve manovra.Ma non avrà impatto su situazione economica»

    Ah ah ah.....incredibile...!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come volevasi dimostrare.....siamo stati buoni profeti su dati reali e conseguenze.....e sulle falsità accreditate da media di regime vergognosi

      Elimina
    2. Certo che sulla situazione economica non avrà impatto la nuova manovra. Ma s'è dimenticato di dire che LA SUA di situazione economica non cambierà. E' la situazione di noi poveracci che cambia, e hai voglia se cambia.

      Anche di questo tizio mi chiedo se ci è o ci fa... e non so darmi una risposta precisa.

      Elimina
    3. Lui voleva dire per impatto, credo, che non peggiorerà la situazione economica...cosa poi tutto da vedere...basti pensare solo all'aumento Iva....quindi anche la nostra peggiorerà...la sua no di certo.
      Guarda,per me ci fa,ci fa......come tutti gli altri ascari della tragicommedia che stiamo vivendo....che poi a forza di "farci (o farsi) e fare il furbo,alla fine "ci sia " anche,è possibile....

      Elimina
  3. LETTA & SACCOMANNI RICOMINCIANO A DARE I NUMERI: “SPREAD A 100, PIL +1%” (TRA 6 MESI SI RIDE)

    Ma Bruxelles “Prima l’Italia prende misure per garantire il deficit al 3%, meglio è” -

    1- DEF: LETTA, DEFICIT/PIL TENDENZIALE A 3,1%, RISPETTEREMO IMPEGNO 3% IN 2013
    Radiocor - Il deficit/Pil tendenziale, a legislazione vigente, e' indicato al 3,1% nella Nota di aggiornamento del Def, (ma non aveva detto che non avrebbe sforato?)...sentite il servo Letta:"ma 'manteniamo l'impegno a rispettare il tetto del 3% e tutti gli impegni con l'Europa'. ....e il mentitore: 'l'arresto della discesa dei tassi e' figlio dell'instabilita' politica, non e' colpa del governo..."
    E di chi ,di Peter Pan?

    2- Il Pil cadra' dell'1,7% quest'anno (ma continuavano a dire 1,3%), ma il prossimo salira' dell'1% e nel 2015 dell'1,7%, nel 2016 dell'1,8% e nel 2017 dell'1,9 per cento.
    Il mago di Napoli.....! Roba da matti...

    Sparano dati alla cazzo,sempre al futuro,visto che il presente continua sempre a smentire questi vergognosi azzeccagarbugli.


    http://www.dagospia.com/rubrica-4/business/letta-saccomanni-ricominciano-a-dare-i-numeri-spread-a-100-pil-1-tra-6-63115.htm

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andrebbero bene a Lottomatica....alle previsioni del lotto...chissà che non azzecchino qualche ambo....a forza di dar numeri...

      Elimina
  4. Mala tempora currunt

    L'accanimento terapeutico con il quale il circo mediatico tenta di mantenere in vita il fantasma di Berlusconi, unitamente alle migliaia di pagine dedicate alle diatribe, in perfetto stile mafioso, che intercorrono all'interno del PD ed alla spettacolarizzazione di qualsiasi litigio da bar dello sport che abbia fra i protagonisti qualche esponente del bestiario politico nostrano, dimostrano inequivocabilmente come l'ordine impartito alla scuderia del mainstream sia in fondo uno solo. Nascondere la spazzatura sotto il tappeto ed inebetire il cervello (o quel che ne resta) degli italiani con un chiacchiericcio petulante, commisto ad alte dosi di disinformazione urlata, fino ad ottenere l'effetto cacofonico voluto....

    Gli italiani devono continuare a vivere nel proprio mondo di fantasia, all'interno del quale scannarsi (metaforicamente) nell'attaccare o difendere il salapuzio di Arcore, quasi ne andasse della loro vita. Devono continuare a sentirsi di destra o di sinistra, attori di un mondo dicotomo dove gli altri sono sempre i "cattivi" e loro i "buoni". Devono vivere nel profondo convincimento che Enrico Letta guidi realmente il paese ed abbia titolo per decidere del loro futuro, per abbassare o alzare le tasse e prendere le decisioni economiche. Devono restare convinti del fatto che la loro crocetta conti veramente qualcosa, che il progetto europeo sia stato imbastito per il bene dei popoli, che a regolare le loro vite ci sia una carta chiamata Costituzione e che prima o poi sarà possibile scorgere una luce in fondo a quel tunnel che la TV chiama crisi.


    Non esiste alcuno spazio per la realtà e agli italiani deve essere impedito con ogni mezzo di alzare il tappeto per guardare cosa c'è sotto. Potrebbero trovarci il progetto della nuova società globalizzata e mondialista, dove i governi servono a tavola una portata unica ed uguale per tutti, cucinata a Bruxelles ed a Washington. Potrebbero scoprire che Berlusconi, Letta, Renzi, Monti e qualsiasi altro mestierante della politica, non sono altro che marionette prive di qualsiasi potere che prescinda dal recitare il loro copione e rimpinguare il proprio conto in banca. Potrebbero realizzare che dopo l'esproprio coatto della sovranità nazionale, inizieranno gli espropri altrettanto coatti dei beni famigliari, perché nel mondo che verrà ( e sta arrivando a grandi falcate) ci sarà posto per due sole categorie: gli schiavi e coloro che usano la frusta, con pochissime fruste ed una moltitudine di schiene sanguinanti.

    Nascondere la spazzatura sotto il tappeto ed inebetire il cervello (o quel che ne resta) degli italiani con un chiacchiericcio petulante, commisto ad alte dosi di disinformazione urlata, fino ad ottenere l'effetto cacofonico voluto....

    (Marco Cedolin)

    Mala tempora currunt

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...http://ilcorrosivo.blogspot.it/

      Elimina
    2. Eh eh...condivisibile e corrosivo.....come sempre Marco..

      Elimina
  5. https://fbcdn-sphotos-e-a.akamaihd.net/hphotos-ak-ash3/p320x320/1236112_704117239616422_1937559008_n.jpg

    RispondiElimina
    Risposte
    1. buona...te la metto in fondo al post...

      Elimina
  6. fabrizio cottafavi21 settembre, 2013 22:08

    C'è un intellettuale della Magna Grecia, che continua a pontificare dal blog del Fatto Quotidiano che gli investimenti diretti esteri in entrata (afflusso di capitali con finalità di acquisizione di aziende italiane) sono cosa buona e giusta, che ci salveranno, che sono un’attività (asset), e non una passività (liability) nella posizione patrimoniale netta sull’estero del paese (cosa non direbbe un provinciale pur di sembrare originale!). La stessa cosa, del resto, fa il nostro governo.

    Lista

    1999
    Algida (Unilever, e naturalmente...; n.b.: impossibile verificare in rete la data dell’acquisizione: mi date una mano?)

    2000
    Emilio Pucci (Arnault, Francia)
    Fiat Ferroviaria (Alstom, Francia)

    2001
    Bottega Veneta (Francia)
    Fendi (Francia)

    2003
    Peroni (Sudafrica)
    Sps Italiana Pack Systems (Usa)

    2005
    Acciaierie Lucchini (Russia)
    Benelli (Cina)

    2006
    Carapelli Sasso e Bertolli (Spagna)
    Galbani (Francia)

    2008
    Osvaldo Cariboni (Alstom, Francia)

    2009
    Fiat Avio (divisione Fiat per il settore aerospaziale) (Usa,Inghilterra)

    2010
    Fastweb (Svizzera, aveva già parte delle azioni dal 2007)
    Belfe (Sud Corea)
    Lario (Sud Corea)
    Boschetti alimentare (confetture) (Francia)

    2011
    Gancia (Russia)
    Fiorucci (salumi) (Spagna)
    Parmalat (Lactalis, Francia)
    Bulgari (Francia)
    Brioni (Francia)
    Wind (Russia, prima Egitto)
    Edison (Francia)
    Mandarina Duck (Sud Corea)
    Loquendo (leader nelle tecnologie di riconoscimento vocale) (Usa)
    Eridania (zucchero) (Francia)

    2012
    Star (Spagna) Controlla i marchi RisoChef, Pummarò, Sogni d'Oro, GranRagù Star, Orzo Bimbo ed Olita
    Ducati (Germania)
    Eskigel (produzione gelati per varie catene di supermercati) (UK)
    Valentino (Qatar)
    Ferretti (nautica) (Cina)
    AR Pelati (pomodori) (Giappone)
    Coccinelle (Sud Corea)
    Sixty (Cina) Proprietaria dei marchi Miss Sixty e Energie

    2013
    Richard Ginori (venduta a Gucci, Francese)
    Loro Piana (Francia)
    Pernigotti (Turchia)
    Chianti Gallo Nero Docg (Cina)
    Pomellato (Francia)
    Scotti Oro (Spagna per il 25%)

    Avanti savoia....!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e l’euro, con la sua forza, ci proteggerebbe dal rischio di una massiccia acquisizione delle nostre imprese da parte dell’estero.
      I cosiddetti fire sales....si vede come...!!!!

      Elimina
    2. altra bufala: prima dell’euro, il picco delle acquisizioni non si è avuto dopo la svalutazione del 1992 (moneta debole), come predicano quelli dei fire sales, ma nel 1988, in pieno Sme “credibile”, quando cioè la lira era “forte” (come l'euro) perché si manteneva in un rapporto di cambio rigido con l’Ecu, cioè col marco.

      Elimina
  7. AVETE CAPITO..IL GOVERNO INVECE DI AIUTARE LE IMPRESE ITALIANE A RIMANERE...AIUTA I GRANDI CAPITALI STRANIERI A COMPRARCI..
    Le proposte vanno in quattro direzioni: giustizia, fisco, credito e semplificazioni. Allo studio una giustizia semplificata, con tre fori dedicati agli imprenditori stranieri (Milano, Napoli e Roma), agevolazioni per i crediti, apertura del patrimonio immobiliare e artistico agli stranieri, snellimento delle concessioni. Ma anche zone franche, come quelle già immaginate in passato ma mai messe in atto.

    IN PRATICA SE SEI UNA AZIENDA STRANIERA IN PUGLIA NON PAGHI LE TASSE, MA SE SEI UN ITALIANO DEVI PAGARLE...FICO NO?
    CHE FIGATA...SE UN ITALIANO IN ITALIA VUOLE FARE IMPRESA ED AVERE DEI VANTAGGI CHE IL SUO VICINO NON HA...E' SUFFICIENTE CHE SI TRASFERISCA A PANAMA, DUBAI, SVIZZERA, APRA UNA SOCIETA' E DA LA' ...APRIRA' UNA SOCIETA' IN ITALIA CON INDUBBI VANTAGGI RISPETTO A QUEI COGLIONI ITALIOTI CHE SARANNO RIMASTI A MILANO ROMA TORINO ECC ECC CERCANDO DI SALVARE L'AZIENDA...
    GLI ITALIANI STUPIDI DEVONO ESSERE SCHIAVIZZATI, GLI STRANIERI PREMIATI .
    NEL FRATTEMPO, SENZA INCENTIVI...E CON LA PROMESSA DI DARLI...COL CAZZO CHE INVESTIAMO IN ITALIA ..

    GRAZIE LETTA, GRAZIE LETTA....POTESSI SCHIATTARE...!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli italiani, che mostrano attaccamento al territorio, sono un danno.
      Chi ama la propria comunità, lotta per mantenere intatto il territorio, la propria cultura è un nemico da sempre per gli interessi dei razziatori mondiali, gli stessi che, ironia della sorte, hanno depredato e continuano a depredare l'Africa e tutto ciò che capita a tiro.
      Un paese popolato da persone che vedono la terra in cui vivono solo come una espressione geografica (intanto che chiudono mille aziende al giorno) non si metteranno certo di traverso per difenderla,anche perchè ben rincitrullidi dai media di regime.
      Depredazione incentivata dal governo al quale paghiamo una pressione fiscale ufficiale del 53% ma che ESONERA I GRANDI GRUPPI STRANIERI. Certo, così è facile invitare ad investire in Italia. La famosa massima "son tutti froci con il culo degli altri.."

      Se non lo aveste ancora capito, italiani, siete di troppo. Suicidatevi, o levatevi dai coglioni. Avete sentito qualcuno di questo ruffiani di governo preoccuparsi coi fatti dei disoccupati?
      Si parla di milioni di persone in età da lavoro che NON HA NIENTE.Celebriamo le "risorse" che da fuori accorrono non vedendo l'ora di partecipare a questa fantomatica esponenziale crescita del Pil, dal momento che gli italiani son fannulloni e non sembrano capaci di produrre e lavirare..
      Questo è il messaggio che si capta dalla narrazione dei servi del NUOVO ORDINE MONDIALE che ci vogliono tutti schiavi.

      Elimina
  8. Vado più a fondo,ma collegato al presente discorso.
    L'identità di un popolo è costituita dall'insieme di tanti fattori: costumi, tradizioni, usi, consuetudini, leggi, economia, scuola, lavoro, arte, ecc.
    Questi e altri sono i motivi per cui l'UE è un abominio da risolvere.
    L'UE si basa sull'accozzaglia di tanti Stati e tanti popoli con culture diverse, con sistemi legislativi e ordinamenti diversi, con economie , territori e posizioni geografiche diverse...
    In verità abbiamo ormai scoperto che l'UE poggia la sua architrave sullo sfruttamento dei popoli, sulla socializzazione delle perdite finanziarie e sulla capitalizzazione privata dei guadagni.
    C'è ancora chi (i vari falliti neoliberisti e piddini) crede al sogno perverso di una Europa unita....ci vuole più europa,dicono....no capendo che sarebbe ancora peggio..

    Il processo di costruzione di un’Europa unita, che i suoi cantori declamavano necessario per lasciarsi alle spalle gli egoismi degli Stati nazionali, archiviati frettolosamente come arcaici, e costruire insieme un roseo avvenire di pace e prosperità continentale, ha di fatto scatenato proprio i demoni che si intendeva esorcizzare.
    Gli Stati del Nord sono stati i fornitori di capitali senza controllia buon mercato quando i tassi erano alti,ma se ne sono andati alle prime nubi,lasciando macerie e disoccupati.
    Ma la lezione pare sia stata inutile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il nosdtro CRIC-LETTA non a caso é un erede di Monti.I
      Infatti già nell’ottobre 2012, il Comitato direzionale per la Cooperazione allo sviluppo della Farnesina, “per venire incontro e coniugare le attività a favore dei Paesi in difficoltà con la necessità di internazionalizzazione delle aziende italiane in un momento in cui, a causa della crisi economica, le risorse a disposizione sono sempre meno”, ha deciso di rilanciare lo strumento dei crediti agevolati alle imprese italiane che intendono creare joint venture in Paesi del Terzo Mondo.

      Morale della favola, i lavoratori italiani lamentano la chiusura delle aziende. E lo Stato, per tutta risposta, cosa fa? Incentiva le aziende stesse a “internazionalizzarsi”, ossia asseconda questo flusso centrifugo chiamato delocalizzazione che sta frantumando quello che un tempo era l’invidiabile “sistema produttivo italiano”.

      http://www.imolaoggi.it/2012/10/28/ministero-esteri-prestiti-agevolati-alle-aziende-che-delocalizzano/

      Come vedi,le studiano tutte pur di non agevolare,in questo momento di crisi,le aziende italiane.....anzi,manco le pagavano dei loro crediti...

      Elimina
  9. C'è anche chi sceglie altre strade,da paese sovrano

    L'Ungheria vuole rinazionalizzare le utilities, tra cui acqua e energia

    http://www.milanofinanza.it/news/dettaglio_news.asp?id=201309201637247271&chkAgenzie=TMFI&sez=news&testo&titolo=Ungheria+verso+rinazionalizzare+utilities

    Orban dopo essersi inimicato la grande finanza internazionale a causa della gestione statale della Banca Centrale Ungherese e dell'imposizione fiscale sulle transazioni finanziare, attraverso questa battaglia sta per inimicarsi anche le multinazionali che controllano le utilities, sancendo la sua fine politica, dato che, alle prossime elezioni l'opposizione, l'anno prossimo, godrà, molto probabilmente, di ingenti risorse finanziare.

    Orban ha il merito di aver capito che non tutti i settori possono essere ceduti alle imprese private ed estere, ma settori come quelli monetario e quello delle utilities devono rimanere nelle mani del Governo, in modo da garantire un discreto margine di tutela alla popolazione.

    Purtroppo da noi il sistema economico attuale non si critica, infatti nell'ultimo Consiglio dei Ministri è partito il progetto "Destinazione Italia", un piano per attirare investimenti stranieri attraverso la cessione di partecipazioni in società quotate, come Poste, Eni, Enel e la privatizzazione delle ex municipalizzate, cioè proprio quelle società che gestiscono le utilities italiane.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per carità....a leggere la Repubblica e Corserva,questo è un diavolo,un dittatore,un fascista.....se così e paragoniamo l'azione di Orban a quella del nostro governo,non si può che concludere che quest'ultimo è nazista....

      Elimina
  10. L'han chiamato "L'Innominabile" si proprio Lui il Pulcinella al Colle, che al solo sentirne il nome i due paraculati presidenti di Camera e Senato si sentono come Adamo Grasso ed Eva Boldrini nel paradiso terrestre al cospetto di Dio Napisan,proni e timorosi, Lei pronta a morsicare la mela Apple,che il serpente mondialista le offre ,Lui invece solo e soltanto Homo Ridens..et stupidus! Parafrasando "L’Innominabile" di Samuel Beckett ci spostiamo su un piano inafferrabile: l’io narrante(Il Pulcinella) è un essere in posizione seduta all’imboccatura di un breve corridoio inghiottito dalla penombra,un tunnell ove in fondo non si vede nè mai si vedrà la luce della ripresa. (Ne san qualcosa i suoi amici Monti, BurLetta e Saccomanni).I suoi occhi, sono costantemente aperti , e da questi, vede che fluiscono lacrime quasi in continuazione da altri occhi di popoli appartenenti ai ceti meno abbienti). Non sa su cosa è seduto (sebbene ad un certo punto l’idea che si ricava è che sia seduto all’interno di una giara, come i futuri personaggi di Commedia), ma sa di essere seduto(sul doppio? o sul triplo pannolone?) per via della pressione che sente sulle natiche e sotto le piante dei piedi. Le mani sono appoggiate sulle ginocchia. In questa immobilità indisturbata l’essere pensa e racconta a se stesso delle storie anzi delle bufale. I protagonisti di queste storie false ed ingannevoli, piene di tresche e maleodoranti di usura si chiamano Olli Rehn, Barroso, Van Rompuy,Kapo' Martin (In)Schulz ecc. Ma in realtà si tratta sempre dello stesso personaggio che cambia nome.(Ecu,euro,moneta unica). E, a un certo punto, non è più possibile distinguere la personalità dei personaggi narrati dalla personalità dell’essere che li narra a se stesso,si forma un Dio uno e trino...la Troika!!
    Con L’Innominabile l’oggetto del romanzo diviene il romanzo stesso. “Le mie avventure sono terminate – dice l’io narrante in una delle prime pagine del romanzo – le cose da dire sono dette“.(I trattati son firmati,la via Maestra e' tracciata e indicata ,basta solo seguirla,non me ne fotte na minkia se morite di fame!!) Sembra paradossale: le cose da dire sono dette. Quale scrittore sarebbe così folle da partire da un assunto simile? Eppure è proprio con L’Innominabile(golpe Nov.2011) che l’evoluzione(la distruzione!) iniziata da Molloy (Monti)e continuata da Malone Muore (Letta-Saccomanni che non muoino mai) giunge allo stadio di completa maturazione.(Nisba.. non c'e' piu' un soldo!) La creatura narrativa beckettiana è ormai in grado di camminare con le proprie gambe ed esplorare le zone più impervie del silenzio.(della catastrofe).Da tal romanzo-metafora o allegorica similtudine chi ha orecchi intenda e ne tragga le sue conclusioni..Ciao Tony!












    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intanto complimenti.....devi essere uno dei pochi in italia che ha letto per intero la Trilogia beckettiana....roba da palati ultrafini,poco propensi ai cazzeggi letterari modaioli.
      Se già non l'hai fatto,ti consiglierei la lettura anche di Murphy e Watt,un buon antipasto al seguito di questo grande.
      Direi che il buon Beckett ha per tempo illustrato da par suo l'attuale lato grottesco,comico,tragico,assurdo del bordello a cui assistendo e dei suoi protagonisti,in particolare sembra tagliato apposta per i nostri burattini italioti.
      Lui lascia poche speranze al futuro in verità,pare chde il destino dell'umanità stia nell'essere seduta su un cassonetto d'immondizia reale e metaforico occupandosi di cazzate,come credo un certo suo personaggio di Finale di Partita.(almeno se ricordo bene...)
      Certo che dopo aver letto Beckett,dovremmo buttare tutto a mare e darci alla pazza gioia,fregandocene delle troike,dei vanrompicoglioni,della boldrini io sono una signora ,del pulcinella e del duo comico al comando.

      Elimina
  11. Se partiamo dal postulato o presupposto che sia ,
    che la "politica" è lo specchio del popolo che l'ha eletta, c'e'veramente da mettersi le mani nei capelli e non solo...nel vedere questi Cric-Croc che pontificano benemerite idiozie e scempiaggini senza aver il minimo senso del pudore e senza provar la benchè minima vergogna !! Ciao Tony

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la politica non esiste...e malauguratamente,nemmeno il popolo....solo un grand guignol di patetici saltimbanchi....e un ammasso di individui dentro uno stivale....le mani son solo da mettere in un posto....terque quaterque testiculis tactis omnia jella fugata est....e speriamo che non passi scalfari o un gatto nero....

      Elimina
  12. CROC minaccia le dimissioni sull'organo ufficiale delle banche (Corserva), sono in ansia..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anch'io...stanotte non ho dormito al pensiero....

      Elimina
  13. Commento alla splendida vignetta....e complimenti al suo ideatore/segnalatore.
    -l'unico serio/sveglio(ci dobbiamo contentare)della scenetta è quello che fa la domanda "seria"....quello con la testa sulle palle(non sulle spalle)......che fa la domanda alle palle(c....ni) senza testa---
    E le teste dove sono?...Risposta........dopo le elezioni stanno a governare....Si è creata così una pesante frattura....
    -Le palle(co.....ni)senza testa governati....vedi il popolo delle primarie.
    -le teste ,senza palle(co..... ni) che li governano(o governeranno)..
    Povera Italia!(anche se parlarne è indarno) sei proprio ridotta male.....come(scherzando,ma dicendo il suo"vero") faceva notare Putin al grande(?) e noto manager nostrano ,un paio di giorni addietro....Ciao Tonino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra con e senza e volendo sintetizzare,ne esce un panorama generale di teste di.....e di palle (bufale)....quelle vere (di palle) sembrano essere introvabili......solo palloni (gonfiati)

      Elimina
  14. Già. Croc minaccia di andarsene perché non vuole ricatti. Fosse vero!
    Sull'operazione DESTINAZIONE Italia, prevedo solo una bella svendita all'asta di quel che resta del nostro patrimonio immobiliare e delle nostre aziende. Che è un po' come disossare l'ultima polpa di carne dall'osso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fosse vero...fuori uno.....ma temo che non mollerà l'osso!
      E' indubbio che questa folle Destinazione provocherà un ulteriore impoverimento del nostro apparato produttivo e del reddito nazionale.Ci vuol poco a capirlo,ed è già successo.La storiella del post è quanto accaduto su larga scala anni fa e gli esempi di aziende straniere che poi se ne sono andate,lasciandoti disoccupati,non mancano.
      Coi prezzi che circolano in borsa,se sta cosa va in porto,sarà una falcidia.Dato che un governo non può essere così stupido,resta solo una ipotesi,e cioè che obbedisca al piano usuraio di distruzione del paese.

      Elimina
  15. "Se l’Italia non sta centrando l’obbiettivo del 3% è colpa della recente instabilità politica."
    Questo sta dicendo ai quattro venti il peracottaro CRIC... un ometto piccolo piccolo....non degno neppure di gestire un condominio, figurarsi una nazione...
    Già al tempo della sospensione del procedimento d'infrazione del deficit (giugno) in un paio di post e in una discussione con il lettore Shadow avevamo previsto tutto quanto è successo...altro che instabilità politica...!
    instabilità mentale del governo, piuttosto..!

    Questo ectoplasma di CRIC non ha il coraggio di dire che si è sbagliato,di andare dai suoi amici usurai a dire che il il tetto del 3% se lo possono ficcare in quel posto,non ha nessuna visione della Nazione guidata da questo governo ridicolo....insomma,non ha le palle per nulla.
    Solo aggrapparsi alla stabilità,che non c'entra una mazza con quanto successo.Vuol solo durare e impedire ogni cambiamento,ingessare il Paese in una situazione senza sbocco.

    RispondiElimina
  16. L'articolo del "Flebuccio" sul Conserva di oggi è altamente ridicolo oltre che insensato .Il pennivendolo di-retto-(adulato)re fa vere e proprie acrobazie, giravolte inimmaginabili per arrivare con la punta della lingua all'agognata mèta(orifizio) posteriore del suo mitico ministro!! !"Il ministro Saccomanni è d'accordo con Letta che lo sforamento al 3,1% è da imputare all'instabilità politica, non solo dice il Saccodanni..."se guardiamo bene da maggio in poi non si e' tirata troppo la cinqhia". Ma...questi son davvero fuori di testa !!!.Ci hanno perfino "intossicato" di tasse col quel pastrocchio di decreto del fare "schifo",tanto è vero che han racimolato ben 12 miliardi alle nostre spalle , e ancora dicono che i margini son finiti...maledetti bastardi...ma che Vogliono questi vampiri succhiarci pure il sangue?? Devono rientrare al 3% per paura di un nuovo procedimento d'infrazione...ed addossano la colpa all'instabilità politica anziche'alla chiara e lampante dimostrazione della loro inettitudine politica e incapacità governativa!!..E il Flebuccio (dopo aver consumato la lingua e penna a leccar e infilar culi) anche Lui a piangere con loro...lacrime di coccodrillo!!Basta ! ,non se ne puo' più,di questi infami..qui per spodestare e schiacciare questi vermi parassiti ci vuol davvero una rivoluzione!!! Ciao Tony

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il bello è che Cric è pure smentito dal suo compagno di partito Renzi....che dice che la stabilità centra come i famosi cavoli a merenda...
      Noi lo dicevamo già a giugno in questo blog che avrebbero sforato,e non si parlava di instabilità.
      Ma questi pennivendoli vergognosi non demordono ndel supportar le balle del governo.
      Già...è un abominio continuo....solo la ghigliottina servirebbe ormai...

      Elimina
  17. Dịch vụ báo cáo tài chính giá rẻ tại hà tĩnh
    Dịch vụ báo cáo tài chính giá rẻ tại nghệ an
    Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm
    Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại quận cầu giấy
    Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại quận tại từ liêm
    Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại quận thanh xuân
    Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại quận hà đông
    Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại quận long biên
    Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại quận đống đa
    Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại quận ba đình
    Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại quận tây hồ
    Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại quận hoàng mai
    Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại thanh trì
    Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại quận hoàn kiếm
    Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại quận hai bà trưng
    Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại quận thủ đức
    Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại quận bình thạnh
    Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại quận tân phú
    Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại quận gò vấp
    Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại quận phú nhuận
    Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại quận bình tân
    Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại quận tân bình
    Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại đông anh
    Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm gia lâm
    Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại quận 1
    Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại quận 2
    Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại quận 3

    RispondiElimina