sabato 14 settembre 2013

ECCO CHI COMANDA NELLA COLONIA ITALIA....

Il ministro dell'Economia, Fabrizio Saccomanni, ha assicurato che lui ha difeso la misura con le unghie e con i denti. Ma sulla cancellazione dell'Imu sulla prima casa la Commissione Europea avrà diritto di mettere bocca
A Bruxelles andrà consegnata la prossima legge di stabilità per una valutazione preventiva delle misure come previsto dalle nuove norme comunitarie.(*) 
Tuttavia, ha spiegato Saccomanni, la Commissione non si limiterà a verificare il rispetto del tetto del 3%, ma anche le raccomandazioni dettate all'Italia per l'uscita dalla procedura di deficit eccessivo.
Tra queste raccomandazioni c'era anche quella di spostare la tassazione dalle persone alle cose e il taglio dell'Imu va esattamente nella direzione opposta. Le obiezioni di Bruxelles potrebbero riguardare soprattutto la cancellazione della seconda rata, rinviata ad un decreto collegato alla legge di stabilità. Un provvedimento che dunque dovrà superare il vaglio della Commissione. 
Saccomanni ha già oggi provato a difendere le misure, ammettendo che gli altri partner non hanno ben compreso la manovra sulla tassa sulle prime case. Sull'Imu "c'è una non piena comprensione e li ho rassicurati", ha spiegato, aggiungendo "che c'è la tendenza superficiale a dire non avete rispettato l'indicazione di tassare gli immobili". 
Le rassicurazioni di Saccomanni hanno riguardato soprattutto la futura introduzione della Service Tax. Un prelievo sugli immobili, insomma, resterà anche se sotto diverso nome.
Insomma, il ministro ha provato a giustificare l'abolizione della rata almeno per l'anno in corso come uno "shock congiunturale", assicurando contemporaneamente i partner che Roma non sforerà il tetto del 3% nel deficit-Pil. Su quest'ultimo punto ha addirittura parafrasato il "whatever it takes" di Mario Draghi, dicendo che il governo farà di tutto per rispettare il deficit e, ha aggiunto "basterà". 
Tuttavia Saccomanni non ha escluso una manovra correttiva per poter tener fede a questo impegno ("stiamo facendo ancora i conti" ha detto).
A chi invece gli chiedeva del taglio del costo del lavoro, Saccomanni ha risposto che si tratta di "un tema importante che si può articolare in diversi interventi: cuneo, Ace, reinvestimento degli utili nelle imprese. Ci stiamo lavorando". Il governo sta studiando misure "strutturali" dopo gli interventi "sulla congiuntura" fatti "per dare una scossa all'economia entro il 3%", come le decontribuzione per i giovani. Sull'obiettivo di dare una scossa, ha aggiunto, "credo che ci stiamo riuscendo".
---------------------
Continua il balletto di bugie,annunci,faremo,stiamo lavorando......che fatalmente culmineranno in una nuova manovra,un nuovo salasso alle floride condizioni in cui si trova il Paese....
(*)Intanto non può sfuggire il fatto che l'Italia è ormai una colonia del Potere Usuraio Europeo,grazie ad una serie di provvedimenti quasi totalmente ignorati,quali :
Link che vi invito a leggere per capire dove ci hanno ficcato.

-----------------------
Come non bastasse.ad avvalorare i già ampi sospetti in merito:
13/09/2013,Telegraph: Nel 2011 l'Italia aveva formulato dei piani per uscire dall'euro .
Dal britannico Telegraph, Evans-Pritchard commenta alcune sorprendenti affermazioni che l'ex membro italiano della BCE, Lorenzo Bini-Smaghi, ha placidamente fatto nel suo recente libro. 
"E così, adesso lo sappiamo: nell'ottobre/novembre del 2011 Silvio Berlusconi aveva seriamente proposto dei piani per tirare l'Italia fuori dall'euro, provocando così la sua immediata rimozione dall'incarico e decapitazione politica da parte dei gendarmi delle politiche dell'eurozona."
http://davi-luciano.myblog.it/archive/2013/09/13/telegraph-nel-2011-l-italia-aveva-formulato-dei-piani-per-us.html

-------------------
Le disgrazie non vengono mai sole....

La decisione di affidare alla BCE (Banca Centrale Europea) la supervisione delle banche è di portata storica: ora la via è sgombra, purtroppo, definitivamente spianata affinché i fondi dell’ESM (meccanismo di stabilità monetaria) possano essere impiegati per il salvataggio delle banche.
Mario Draghi ora può, con i soldi dei contribuenti italiani, procedere al salvataggio delle disastrate banche europee

hhttp://www.rischiocalcolato.it/2013/09/la-via-e-spianata-i-contribuenti-devono-salvare-le-banche-europee.html?utm_source=pulsenews&utm_medium=referral&utm_campaign=Feed%3A+blogspot%2FH



27 commenti:

  1. Il 4/6/12, nella trasmissione "L'infedele" di Gad Lerner , Paolo Savona aveva dichiarato che Tremonti gli aveva telefonato per annunciargli che aveva pronto un piano per uscire dalla moneta unica.rik

    RispondiElimina
  2. E' incredibile come ci siamo ridotti! Nemmeno padroni in casa propria,bisogna far vedere i conti agli usurai di Bruxelles affinchè siano in linea coi loro interessi.credo che non sia mai successo che degli stati abbiano così follemente rinunciato alla loro sovranità....alla mercè di ignobili burocrati e squallidi ometti,ma i popoli si sono ormao così rinmbambiti da non oppotsi,da non bruciare questa gentaglia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il grottesco è che il burattino dice che farà lui i compiti che vuole e non sotto dettatura usuraia.....e infatti da queste notizie si vede...!
      Stando agli annunci sembra un grande statista,.nei fatti una scartina....

      Elimina
  3. Allora, ecco un altro link con altrettante belle notizie: http://eleonoraemme.blogspot.it/2013/09/come-se-non.html

    Estrapolo un breve passo: "Il riferimento alla sospensione momentanea dei diritti dei paesi membri in casi di violazione di valori comuni non negoziabili è la vera novità del discorso di Strasburgo. Barroso ha sottolineato che non si tratterebbe di perdita di sovranità, bensì di dare alla Commissione Europea più poteri per difendere i diritti fondamentali e penalizzare gli stati membri colti in fallo".

    Non contiamo più assolutamente niente. E non è da oggi. Questi criminali ci stanno uccidendo e noi gli abbiamo dato le armi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Barroso ha sottolineato che non si tratterebbe di perdita di sovranità, bensì di dare alla Commissione Europea più poteri per difendere i diritti fondamentali e penalizzare gli stati membri colti in fallo".....
      Buona questa!! un altro imbecille che ci prende in giro....come dire,non è perdita di sovranità,la prendiamo noi....che roba!

      Leggere il tuo link c'è da rabbrividire....!

      Elimina
  4. per restare in tema, non dobbiamo dimenticare:
    l'Emergency Liquidity Assistance ( ELA )
    articolo 8 del decreto-legge 6 dicembre 2011 n201
    GFC

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ESM,FISCAL COMPACT,REDEMPTION FUND,MAASTRICHT,LISBONA......è una serie impressionante di pacchetti criminali che svuotano gli Stati di ogni sovranità....e c'è ancora chi non capisce,chi dice che abbandonare questi usurai sarebbe grave,che vuole più Europa....!!!
      E stanno a discutere di Renzi,di omofobia,di slot machine......con un Letta che ricatta per durare...se cado,pagherete l'IMU,come non ci fosse già prevista la Service Tax...che paese!!!

      Elimina
  5. Clauswitz e Sun Tzu... PPRRRRRRRR
    Questi sono i veri geni di strategia, altro che i due nomi sopracitati. Senza sparare un colpo, senza minacce di morte e distruzione, senza fondare un partito ma solo manipolando quelli già esitenti, con l'inserimento di "quinte colonne", sono riusciti là dove nessuno aveva mai creduto fosse possibile: la nascita del nuovo: Sacro Denaro Impero.
    E' completamente pazzesco ma dobbiamo crederci, perchè questi sono fatti! Il 30% della popolazione italiota è felice che mister B. se ne andrà in galera, senza aver capito che, siamo stati vittime di un golpe, così come nel 94!
    E che il "nano" aveva provato a salvarci, pagandone le conseguenze che ora tutti vediamo.
    Ma, leggendo i commenti in giro per la rete, lui pensava solo alle sue aziende. Fessi! Se avesse pensato solo a quelle, gli bastava prendere la Tessera nr. 2 del PD, e bonanotte ar secchio.
    Ve la ricordate la riunione nel 94 di B. insieme a tutti i VERI potenti d'italia, per trovare una specie di avallo da parte loro? Già allora mi domandai come fosse possibile che un multi-miliardario come lui, dovesse per forza incontrare queste persone.
    B. è una specie di Paperino al confronto di questi Rockerduck.
    Ma lui si faceva le minorenni...

    Aggiungiamoci, a mò di ciliegina, la vendita di TelecomItalia a Telefonica... i falliti che acquistano i falliti. C'è stato un tempo che la vecchia Telecom poteva comprarsi in un boccone tutta la Spagna, e ora, invece...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo il caimano non ha avuto il coraggio di andar fino in fondo in certo momenti topici,come nell'autunno del 2011 (e in altri) nel combattere apertamente e fino in fondo gli usurai europei,ha sempre traccheggiato forse ricattato per le sue aziende.E non doveva partecipare al governo Monti.
      Col senno di poi e vedendo come è messo ora,è stato un errore...tanto valeva diventare paladino antieuro,come Orban.
      C'è anche da dire che si è circondato da mezze cartucce e ci ha messo pure del suo con certi atteggiamenti.
      Ha sempre sperato in un compromesso che non poteva esserci.
      E se ora,nonostante tutto,il suo partito è ancora avanti nei sondaggi,lo deve alla pochezza degli altri e alla percezione di molti italiani che la giustizia è una cricca politica in molte sue componenti.Cosa evidente da sempre e confermata da Ingroia e ...udite,udite....pure dalla Bocassini.
      Insomma,un vero statista,avrebbe avuto più coraggio e chiarezza,se sono vere come sembra le dichiarazioni di Bini Smaghi.
      Anche nell'attuale circostanza non deve chiedere nessuna grazia o provvedimento di clemenza di Napolitano (vorrebbe dire ammettere la colpa),ma se necessario andare anche in galera....tanto non ce lo lascerebbero più di una settimana per non farlo diventare un martire che stravincerebbe alle prossime elezioni.
      Come osservatore esterno,io la vedo così

      Elimina
    2. TELECOM

      Negli anni '90 l'Italia conquistò il record mondiale delle privatizzazioni: sui 460 miliardi di dollari del giro d'affari planetario di questo business negli anni '90,circa 100 miliardi di dollari erano imputabili a noi.
      La vendita Telecom fu l'operazione piu' grossa mai conclusa in Europa
      La privatizzazione della Telecom avvenne nell'ottobre del 1997. Fu venduta a 11,82 miliardi di euro, ma alla fine si incassarono soltanto 7,5 miliardi.
      La società fu rilevata da un gruppo di imprenditori e banche., e al Ministero del Tesoro rimase una quota del 3,5%.
      Il piano per il controllo di Telecom aveva la regia nascosta della Merril Lynch, del Gruppo Bancario americano Donaldson Lufkin & Jenrette e della Chase Manhattan Bank.
      Dopo dieci anni dalla privatizzazione della Telecom, il bilancio era disastroso sotto tutti i punti di vista: oltre 20.000 persone sono state licenziate, i titoli azionari hanno fatto perdere molto denaro ai risparmiatori, i costi per gli utenti sono aumentati e la società è in perdita.
      La privatizzazione, oltre che un saccheggio, veniva ad essere anche un modo per truffare i piccoli azionisti.
      La Telecom , come molte altre società, aveva la sua sede in paesi esteri, per non pagare le tasse allo Stato italiano.
      Oltre a perdere le aziende, gli italiani sono stati privati anche degli introiti fiscali di quelle aziende. La Bell, società che controllava la Telecom Italia, aveva sede in Lussemburgo, e aveva all'interno società con sede alle isole Cayman, che, com'è noto, sono un paradiso fiscale.
      Mettere un'azienda importante come quella telefonica in mani private significa anche non tutelare la privacy dei cittadini, che infatti è stata più volte calpestata, com'è emerso negli ultimi anni.
      Ora siamo all'ultimo atto.

      Elimina
    3. Aggiungo che in politica estera ha avuto anche intuizioni felici,come smarcarsi dagli Usa avvicinandosi a Putin nella faccenda Nabucco e altro,e per i nostri interessi...come il chiudere il contenzioso con Gheddafi....ma anche qui non ha avuto il coraggio di essere coerente.Ma come,firmi un trattato di non aggressione e dieci minuti dopo partecipi alla guerra contro la Libia? Doveva rifiutarsi e andare in fondo,come avrebbe fatto un Craxi....se poi devono farti fuori,ci vai a testa alta...e non in malo modo,nè carne nè pesce, come ora....non puoi essere pro e contro ad una cosa nello stesso tempo,perdi di credibilità....solo Tayllerand forse ci riusciva,non un democristiano come in fondo è il caimano....
      Insomma,uno statista deve avere più palle....solo questo conta in politica.

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    5. Credo che il peggior difetto di B. sia stato il voler piacere a tutti. Non ha mai preso veramente una posizione coerente a quanto diceva. Quanti ministri e sottosegretari di cdx si sono dovuti dimettere, a causa di poco intelligenti uscite, che in sostanza, si rivelavano bagatelle? Perchè Rai3 è rimasta roccaforte del PD, quando potevano radere al suolo tutte le redazioni, visto che TUTTI i giornalisti sono ammanicati con i partiti della 1 repubblica?
      E così via... Tutto questo perchè si è voluto, fino alla fine, tentare una specie di accordo con la sx per tenerli buoni. B., che dice di essere anti-comunista, si è dimenticato cosa disse Lenin: i borghesi ci compreranno le corde con cui noi li impiccheremo. 20 anni di tentate e inutili tregue con chi ha perseguito il suo scopo (la sua eliminazione) con coerenza e perseveranza.
      E' giusto che ne paghi le conseguenze.

      Peccato che la stessa sorte tocchi a noi, che sempre abbiamo visto e predetto tutto ciò...

      Elimina
    6. In sintesi,è come dici.Uno statista non si preoccupa infatti di piacere,men che meno a tutti....cosa che non può che provocare titubanze,incertezze e compromessi.Serve essere anche impopolari in certi momenti,ma non per delle cazzate personali...
      Un'altro grande errore è di non aver allevato un degno successore politico.
      Tento una ipotesi futura.Alle prossime elezioni vincerà Renzi,un suo clone sotto certi aspetti (te lo immagini un confronto con un ottantenne....!),che essendo di stampo democristiano,ma molto più deciso e passionale dei Letta e co.,romperà il pd come il pdl,e riformerà una specie di Dc,un grosso centro di maggioranza con alle estreme i resti pd a sinistra e i resti pdl a destra,magari spezzati in vari partiti o partitini.
      Credo però,che di euro ed europa non se ne parlerà nemmeno con lui.

      Elimina
  6. Colonia? perdincibacco, allora ci hanno promosso! Ha ragione il (non più tanto)tenero coniglietto mannaro: se facciamo i bravi l'europa tra non molto ci restituirà anche il titolo di 'merdacce'.. alla faccia dei greci.
    Su, cari inferiori, cazzate quella gomena, che la barca, pardon la banca va a rotoli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. deduco ,da certi probabili appellativi in arrivo, che come nazione siamo in area fantozziana.....forse peggio....nemmeno il coraggio di alzarsi in piedi e dire che la corazzata potemkin europea è una cagata pazzesca....

      Elimina
    2. A proposito di barche, personalmente della Costa Concordia me ne sbatto altamente, non è con tutto questo can can dei media di distrazione di massa stanno preparandoci qualche altra sorpresina?

      Elimina
    3. Pure io.....io temo una nuova manovra...ma aspettiamo il 20 settembre,presentazione del Def....

      Elimina
  7. a proposito di Telecom, c'è un interessante libro
    di Davide Giacalone " Il Grande Intrigo" edito da
    Libero. An intriguing item of news....GFC

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non l'ho letto....comunque tks for info...

      Elimina
  8. Qui c'è una storia più generale....http://www.stavrogin2.com/2011/06/il-sacco-ditalia.html

    RispondiElimina
  9. Letta è un fioriere di stronzate ma non lo contesta nessuno... questo e' il dramma della faccenda!!Tale, dramma è reso possibile dal fatto che questi soggetti non trovano di fronte a loro alcuna un'opposizione vera e propria. In mancanza di questa, si possono permettere di dire quello che vogliono. E dicono quello che vogliono. Sono padroni del campo, e possono prendersi gioco di noi in un clima di assoluta impunità.
    Quella dello squallido ricatto sull’IMU, se cade il governo, non è che l'ultima sciorinata che svela drammaticamente l'impotenza e la subalternanza di questo governo-pagliaccio agli strozzini di Bruxelles! La burLetta continua in merito alla legge di stabilità (ex finanziaria)...«se il governo cade la scriveranno a Bruxelles, per un motivo molto semplice, che abbiamo la stessa moneta».
    In pratica se non c'è lui, subentra Olli Rehn!! Queste demenziali dichiarazioni ci fanno capire e comprendere quanto siamo dentro al baratro, quanto ormai il precipizio ci ha già ingoiato! Altro che siamo sull'orlo del burrone ,altro che deriva Greca che l'accoppiata di pagliacci in scioltezza cinica Monti-Casini spudoratamente minacciavano, paventando con la menzogna il disastro che loro stessi stavano compiendo!!
    Qui e' chiara e lampante. laddove non ce ne fosse bisogno la dimostrazione , la totale perdita di sovranità che abbiano subito, visto che non siamo liberi di sostituire un governo con un altro. Gli artefici di tale perdita di sovranità ci dicono poi che bisogna difenderla. Questo nei giorni pari; in quelli dispari ci ricordano che non ne abbiamo ceduta abbastanza.
    Siamo inermi..con le spalle al muro!! Pure giuridicamente ci han fottuti son pure anticostituzionali! L'art. 1 della ns.Costituzione che recita "Italia una repubblica fondata sul lavoro"...ebbene questi il lavoro giornalmente ce lo sottraggono basta vedere i dati della disoccupazione, le imprese che chiudono (Ilva compresa)e la conseguente miseria sociale. Solo una presa di coscienza popolare,una rivoluzione puo' ribaltare la situazione...altrimenti "non ci resta che piangere". Ciao Tony.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che dire....1 Hai colto perfettamente lo squallido personaggio che si crede chissà chi invece dello strumento supino della cricca usuraia.
      "e il governo cade la scriveranno a Bruxelles..."..perchè ora chi la scrive? Questa burLetta di politico? Si vede che non ha ben letto le prerogative dei malfattori di Bruxelles...!
      Questo burattino vorrebbe farci credere che decide come vuole lui....! Vada a risentiersi che hanno detto a Saccodanni...!

      L'opposizione non esiste,sta solo in rete,troppo poco...!

      Elimina
  10. P.S. Nella foga dell'opposizione a questi mentecatti ..ho messo un... "un'" di troppo davanti a opposizione a inizio commento..Scusate! e speriamo ce ne siano parecchi un di troppo ad opporsi a questi ciarlatani!!Tony

    RispondiElimina
  11. "Se il governo cade scriveranno la manovra a Bruxelles".
    Il Povero Letta..... da buon..... Demo e Cristiano insieme(cultura gesuitica).... lo ripete(quasi urla...."de profundis") a "TUTTI....."Tutti" non significa solo il PDL,"anzi".... tutti gli altri "dalla dura cervice"..eccetto proprio il PDL....
    Purtroppo...."Nemo propheta est in Patria sua"....lo sapeva bene il povero "Geremia" con le sue "lamentazioni"..
    La "Profezia" di Letta,"chiara e certa" nella sua previsione....la "dovrebbero" capire "Tutti",perchè è matematicamente ineluttabile...come due più due....farà solo quattro.
    Premesso che è "ovvio" che il PDL non potrà appoggiare chi dopo le tre condanne a raffica già collezionate in sede giudiziaria( "finalmente",per questo caso, in tempi veloci),condannerà in quarto ed ultimo giudizio(senza ulteriori accertamenti) il Cavaliere.
    E allora Letta...questa... "Vox clamantis in deserto"....mentale...a chi sta dirigendo il suo monito,la sua minaccia,la sua facile profezia....la sua "supplica" a non far cadere il Governo e "non asfaltare(*) Berlusconi e l'Italia insieme"(come ascoltato in TV)??? E proprio adesso che predicano che le cose,anche se lentamente stanno migliorando....e con disturbi interni/esterni non possono che andare peggio
    -ai PDL...no!....perchè la reazione dei PDL è scontata...."non" si può collaborare con chi ti "decapita" del Leader.....Letta ci arriva...e lo sa bene.
    -ai M5S...assolutamente no!....hanno sempre stragiurato che,mai faranno governi con i PD.....a meno di pochi"voltagabbana"con il seggio "mobile" ma ben incollato al loro sedere.
    -Allora sta predicando "solo" ai suoi(ammesso che si possa usare "suoi").....Principalmente:
    -1)Il manager ruspante(toscanello) che gliela tira,sia a Lui che Epifani....Infatti il giocoliere delle parole ci ha fatto capire che mira ad "una" carica più importante...o il Leader del Partito....o quello di una "nuova" coalizione in Parlamento....Date le caratteristiche psicosomatiche e le gestualità(....sempre 'sta cinesica) che scimmiottano talvolta atteggiamenti e battute grilline(anche se Grillo è un buon comico rispetto a lui)....come Capo di un partito come il PD ce lo vedo "benissimo"!....Un po' meno...anzi per niente come Leader del Parlamento(ma forse siamo nel campo delle simpatie)....a parlare con Putin,Obama,la Merkel, ce lo vedo poco...con Hollande... sì.
    -2)L'odierno Leader del PD...che già un mese fà,assistito da due armigeri(oggi tagliati dalla scena nelle "riproposte delle" TV sinistrorse", del verdetto) ,pronunziò in TV,con ampio anticipo... la sentenza,definitiva, di futura decadenza del Cavaliere....
    Il fatto comico,se non fosse tragico....è che ogni giorno cerca di spiegare al "Popolo delle primarie"...che se il Governo cadrà,perchè il PD avrà staccato la spina al Cavaliere,sbattendolo in malo modo fuori della politica....il "colpevole",della caduta del Governo, se ne assumerà le conseguenze.....Che farà????per punire il colpevole si autolicenzierà? .....prima che ci pensino Renzi e/o Letta....che qualora cadesse il Governo...si potrebbero trovare disoccupati....Ciao Tonino
    P.S....il termine "asfaltare",non è piaciuto a molti...un noto scrittore in Tv faceva notare che è il tipico gergo della Mafia,usato,quando si vuol far fuori ualcuno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Pizzinaro teme solo per la sua poltrona e per il ruolo che un pulcinella ha dato ad una scartina sulla scena internazionale.
      Vuoi mettere per un tal nessuno trovarsi a parlare coi potenti del mondo? pare questo suo godimento l'unico obiettivo,visto il nulla che sta facendo in pratica in Italia.
      I suoi proclami ricattatori sono rivolti a tutti,tutti quelli che lo possono salvare...che poi rispondano è altra cosa.

      Io credo che il governo invece cadrà,stando alla logica....anche se in Italia può accadere sempre di tutto...col voto segreto...
      La logica dice che il caimano cadrà e con lui il governo.Il Pd non può che votare contro,se non vuol sparire,il pdl ad un voto contrario non può che staccar la spina,se non vuol sparire a sua volta.Il pulcinella del colle difficilmente interverrà,anche perchè non si capisce come.
      A questo punto si aprono due scenari.elezioni o nuovo governo del presidente col pdl all'opposizione e il caimano fuori dal parlamento,in galera o servizi sociali.
      Escludo le elezioni,finirà con un governo PD con altri,che durerà un paio di mesi.Poi forse elezioni.

      Questa la logica...poi chissà che studieranno...

      Elimina