domenica 18 agosto 2013

I REDENTORI.....

Lo faranno di nascosto, tu non saprai nulla, e per noi italiani, oltre che per molti altri, saranno ancor più miserie sociali, tagli a tutti i servizi, fallimenti di aziende come piovesse, disoccupazioni record, con i coglioni mediatici che in prima serata si chiederanno… “perché questa crisi non passa?”.
Ecco cosa sta per accadere: il 70% del debito pubblico italiano di più di 2 mila miliardi di euro sarà trasferito a un fondo europeo comune, chiamato Redemption Fund (di seguito Rf), dove saranno convogliate anche tutte le eccedenze di debito pubblico degli altri Stati dell’Eurozona.
Cioè: siccome il Trattato di Maastricht stabilisce che il debito pubblico degli Stati non deve essere superiore al 60% del Pil, tutto ciò che eccede questo limite nei debiti pubblici dei 17 paesi dell’euro sarà trasferito in questo Redemption Fund. Ok? Saranno quindi cifre immense di trilioni e trilioni di euro, che diverranno a quel punto di proprietà del Rf.

Stop un attimo: l’idea di questo Rf è tedesca, e precisamente del Consiglio Tedesco di Esperti Economici, e già qui la cosa puzza. Infatti vedremo sotto dove sta il marcio. Il documento che ne parla è della Commissione Europea.
http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=COM:2012:0777:FIN:EN:PDF

Torniamo a questo Rf.

Dunque gli Stati dell’euro trasferiranno tutte le eccedenze di debito pubblico sopra al limite del 60% sul Pil al Rf, ma saranno comunque tenuti a onorare quella parte del debito trasferita (cioè a ripagare interessi e scadenze).
Ma il Rf farà una cosa nuova che dovrebbe aiutare tutti gli Stati, e soprattutto quelli più indebitati come Italia, Grecia, Portogallo. Il Rf venderà dei suoi titoli agli investitori per racimolare soldi, e con quei soldi i governi dell’Eurozona potranno a) finanziarsi; b) onorare il proprio debito pubblico che fu trasferito nel Rf.

Il vantaggio è che siccome i titoli del Rf saranno garantiti da tutti i 17 paesi euro, essi saranno, agli occhi dei compratori, super sicuri, quindi gli interessi che il Rf pagherà su di essi saranno molto bassi. Certamente più bassi degli interessi che Italia, Spagna, Grecia, Francia, Portogallo pagano oggi per finanziarsi coi propri titoli di Stato. E qui sta la parte vantaggiosa, cioè i 17 dell’euro si potranno finanziare e potranno finanziare i ri-pagamenti sul loro debito pubblico a tassi molto più bassi grazie a questi titoli Rf.

Ok, quindi uno direbbe che ‘sto meccanismo del Rf è a fin di bene, no?
No, perché il documento della Commissione Europea che descrive questo meccanismo specifica in toni perentori che l’adesione al progetto Rf da parte degli Stati comporta condizioni severissime, ultra severe, e indovinate un po’ di cosa si sta parlando?
Ma sì! Ma certo! Dei soliti programmi di tagli feroci alla spesa pubblica, agli stipendi, alle pensioni, all’occupazione, a tutti i servizi pubblici.

Ecco cosa bolle in pentola con ‘sto Rf! Altro che vantaggi.
La Commissione infatti parla di “super potere d’intervento nei programmi di spesa dei governi”, come se non bastassero quelli che già ha grazie al Fiscal Compact. Ma c’è di peggio.
I tedeschi hanno proposto che, al fine di garantire il ri-pagamento da parte degli Stati del loro debito:

a) una quota del già micidiale prelievo fiscale di oggi sia trattenuta, oppure che si introducano nuove tasse, specialmente aumenti Iva, quindi… ancor più tasse; 

b) gli Stati partecipanti promettano in pegno, attenzione!, le loro riserve di moneta straniera e le loro riserve d’oro come garanzia sui ri-pagamenti, appunto. 
Vi rendete conto? La partecipazione in questo programma Redemption Fund comporta una nuova ventata killer di Austerità e addirittura la perdita totale di sovranità degli Stati persino sulle loro riserve monetarie e d’oro.
Come ogni altro progetto di stampo sociopatico e di stampo Economicidio (cioè killer delle garanzie sociali di noi cittadini e della nostra economia per viviere) della Commissione Europea, anche questo diventerà realtà. Non si dica che non vi avevo avvisati.

http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=703



11 commenti:

  1. Caro Johnny, a supporto di quanto illustrato nel post,allego uno stralcio significativo che ho letto ultimamente in un intervista data da un docente di economia,( non Monti che piu' che docente si e' dimostrato un incompetente)che ben si integra e conferma la linea di continuità e contiguità perseguita da questa Elite di esperti economici o meglio truffocomici di cui tu dai preciso segnale nel post Redentori.(Spero sia anche utile informazione per chi legge).
    La crisi finanziaria, la più grande ondata di crimine finanziario organizzato della storia umana, secondo le parole di James K. Galbraith, è stata preparata nel corso di tre decenni durante i quali la globalizzazione ha avuto il tempo di organizzarsi dispiegando tutti i suoi effetti con l’imposizione del “pensiero unico” fino al “potere unico” dell’ultimo decennio. Tra gli economisti, e non solo, è prevalsa la corsa a farsi “consiglieri del principe”, sostituendo e riscrivendo i libri di testo sotto dettatura del pensiero neoliberista. Tuttavia, le analisi critiche per comprendere quanto è accaduto non sono mancate: dai contributi premonitori di James K. Galbraith, “Lo Stato Predatore”, a quelli di Paul Krugman e Joseph E. Stiglitz.
    Questa crisi si fermerà quando i 4/5 della popolazione saranno ridotti in condizioni di povertà e marginalizzazione. Un percorso avviato ma che richiede tempo. La “ripresa” sarà una stabilizzazione e istituzionalizzazione della povertà e della dipendenza politica del paese dai centri finanziari. Che questo possa avvenire in forma pacifica è da dimostrare. La vera ripresa ci può essere solo se il 99% degli esclusi riprende il controllo sulla macchina del potere politico ed economico. Le forme in cui questo avverrà, se avverrà, non saranno indolori per le vecchie classi dirigenti, e per questo vi si oppongono con tutti gli strumenti a disposizione. La forza obiettiva di questo cambiamento dipende dal fatto che l’alternativa a una vera ripresa è lo scenario dell’implosione dell’Europa sul modello jugoslavo, a noi ben noto. La preferenza per una soluzione (anche europea) negoziata e con un cambio di indirizzo dovrebbe apparire ovvia e di buon senso, oltre che più giusta. Ma raramente l’equità e la giustizia prevalgono sugli interessi costituiti. Ciao Tony

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' indubbio che ,se osserviamo negli anni tutte le decisioni prese,queste obbedissero ad un ben preciso piano.
      Dall'abolizione dello Steagall Act,alla globalizzazione finanziaria,al distacco delle BC dal tesoro,alla loro privatizzazione,all'introduzione dell'euro....sono tutti gradini,passi conseguenti che si integrano in una logica precisa di demolizione degli Stati a favore delle elites finanziarie mondialiste.
      Piano peraltro più volte ed esplicitamente annunciato dai suoi artefici.Si sta realizzando quanto nel famoso video (da noi pubblicato) del film Quinto Potere (1976) veniva preconizzato dal magnate televisivo.
      Anche la distruzione delle istituzioni di base della società (famiglia...) e degli individui (beneficiati di libertà civili ridicole a scapito di quelle politiche ed economiche) fa parte di questo piano.
      Non ci sarà mai una vera ripresa come molti se la immaginano,ma come dici,sarà solo una stabilizzazione dell'esistente,a meno che non si scateni la rabbia dei popoli...cosa che sembra,almeno in Europa,molto lontana.
      Ma la Storia ci ha spesso abituati ad improvvise sorprese e niente dura per sempre.
      Sia come sia,dobbiamosempre e comunque tener viva la resistenza a questo piano criminale.

      Elimina
  2. Cominciamo dal fondo (in tutti i sensi). Personalmente romanuccio l'ho ancora davanti agli occhi quando, in televisione affermava "Vedrete quali vantaggi vi porterà l'euro(pa)..."
    Ma non è lui il minchione, siamo noi e super-minchioni quelli che credono ancora alle palle dei vari monti, letta e cantori lecchini che propagandano fuffa sui media irregimentati.Per gli altri a breve inizia di nuovo il Sacro Campionato di Calcio e non sarà affatto difficile far passare questo obbororio di Rf spoliandoci delle residue ricchezze. Si prega di notare il ghigno nella foto, assomiglia tantissimo a quella del tenero coniglietto mannaro che hanno sistemato a Palazzo Chigi. Per il resto teatrini insulsi (annunci sparati sul nulla, imu non imu, gazia o disgrazia, lega contro kyenge) e votazioni compatte quando si tratta di mettere in pratica gli ordini che provengono dalle stanze dei bottoni.
    Alla fine tutti redenti, con le aureole di cartapesta e le pezze al sedere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già...i minchioni siamo noi....che non troviamo la forza di reagire a questo piano criminoso,a questa continua invenzione di sigle,pezze che tentano di rattoppare un edificio marcio da capo a piedi fin dall'inizio,come diversi personaggi avevano osservato,ma subito tacciati di ostacolare il progresso.
      Vero è che quando si son scoperti gli altarini a causa di una crisi mondiale,questo processo di spoliazione era già molto avanzato,quasi senza ritorno.Quindi minchioni noi,ma criminali quelli che sapevano e hanno nascosto fin che hanno potuto questo crimine...e qui bisogna metterci dentro TUTTO l'establishment,la cricca che da anni inganna il paese.
      Il popolo si sa,è come un bambino,un gregge...ha sempre bisogno di pastori che gli diano un po' d'erba e giochi da circo...per farlo star buono.,,,almeno fin che sto giochetto riesce.,cosa che ora appare sempre più problematica.
      Sai,dove la giri giri e a parte le improvvise sorprese della Storia,se i minchioni non si rivolteranno in massa in tutta europa,non se ne uscirà mai...non riesco a vedere alternative al massacro a cui siamo sottoposti.Certo,scorrerà il sangue,ma arrivati ad un certo punto non è più possibile evitarlo.Questo dice la Storia e questa è una guerra,e come tale andrebbe combattuta.Non si fanno nozze coi fichi secchi,la libertà non è mai gratis,come molti immaginano.
      Esagerato? Forse,ma a meno che la baracca crolli da sola,mi piacerebbe sapere quali sono le alternative percorribili....se non continuare a farci distruggere da tutte le invenzioni e sigle studiate da questi malfattori per rattoppare il loro disegno criminoso,con la complicità dei loro servi politici
      Molti dicono,e forse anche a ragione,che metà degli italiani se la cavano ancora bene,e che quindi non hanno nessuna voglia di scendere per le strade incazzati.....ma l'altra meta?
      Se penso a quando,non molto tempo fa,molti italiani ci andavano per ogni pisciatina aizzati da certi guru da quattro soldi.....
      Meglio lasciar perdere....ma se pecore siamo,meritiamo tutto questo.
      Mai avrei pensato di dover invidiare gli ungheresi....

      Elimina

      Elimina
  3. Mi inserisco nel discorso,solo per due marginali commenti....uno dei quali importante,l'altro per ridere...
    1)Non cadiamo nell'errore che i Tedeschi(della strada) siano cattivi e ci vogliono sottomettere,i Francesi(della strada) furbetti e ci vogliono fregare....gli Italiani...."coglioni"che si lasciano facilmente sodomizzare....non c'è niente di più falso....
    E' un vecchio trucco da "Torre di Babele"....la confusione delle lingue...la lite dei Popoli....e la tranquillità conseguente di chi vive in cielo... di non essere sfiorati più di tanto...e la loro soddisfazione che con queste liti"ce magnano tranquillamente sopra".
    Diciamo invece che nella "stessa" grande famiglia di strozzini Europei(forse mondiali)...quelli Tedeschi fanno i cattivi,quelli Francesi fanno i furbi....e quelli Italiani "fanno finta" di essere stupidi...
    Una bella...."sin"fonia... dove ogni strumento ha il suo ruolo...."ma"...il Maestro che li dirige e coordina tutti è lo "stesso".
    Sono pessimista ,è inutile fare scalate al cielo,pure se co gli stessi scopi....il tentativo(allora la torre di Babele) sicuramente fallirà,la torre sarà distrutta,i popoli(secondo l'archetipo già citato) si scanneranno senza capire perché....e i fortunati (ricchi,avidi,navigati strozzini)celesti,ne trarranno,ancora una volta, solo giovamento.
    Esiste solo una classe omogenea e polimorfa ,transnazionale che ha sottomesso il mondo e per quanto ci riguarda l'Europa...
    Una polimorfia che si accomoda(come esteriorità e azioni) sulle caratteristiche dei Popoli da sfruttare....
    In "alto" stanno tutti "culo e camicia"....in "basso" tutti a litigare fra loro.

    2)Per ridere...contesto ad Hukley..."Si prega di notare il ^ghigno^ nella foto"....."troppo buono"(ghigno)...quasi a voler evocare sottili e nascoste qualità del personaggio(che la sa lunga sui fatti della vita)...Può darsi che questo è stato il primo impatto,che Lui ha avuto ...Ma osservi meglio..
    Io che (oltre a pontificare,come sa Tony, di linguistica).....Sproloquio pure,talvolta di "cinesica".
    guardando la foto(peraltro azzeccata)...ho avuto altre reazioni "confuse"....Mi sono venuti in testa i Cinesi...che si nutrono in "abbondanza" di "riso"....e gli effetti secondari(come ricordano i detti popolari) di chi nella dieta abbonda troppo del "riso"...
    Sensazioni "confuse",immediate ma solo a livello epidermico,sicuramente diverse da quelle di Huklet....
    Sensazioni che proprio perché istintive non riesco a razionalizzare e quindi a spiegare a parole(ma il riso,in "abbondanza", sicuramente c'entra qualche cosa).....Ciao Tonino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come osservazione generale,e cioè che il direttore d'orchestra che coordina tutto,è accettabile.Solo che tra gli orchestrali,non tutti suonano la stessa musica.C'è pure chi campa sulla musica altrui,secondo la partitura messa a punto.Così i crucchi hanno una partitura un po' diversa,sono loro i furbi,non i francesi (forse lo erano...).Inoltre non confondere mai i capifamiglia,o capibastoni,e le loro beghe con la famiglia.Le elites europeee,non sono i popoli...e questi sono i sodomizzati,noi in primis.
      Che i popoli si scannino,qualche volta è pure necessario,altrimenti staremmo ancora a Neanderthal (che già si scannavano tra loro...),Che poi i "celesti" restino sempre a galla,è anche vero....e sarà forse sempre così,ma un passo avanti è stato fatto.La Storia non procede per linea retta,a volte ritorna indietro,come attualmente,ma pur nel pessimismo,niente dura per sempre,anche quello che sembrava immutabile.La Storia é lì a dimostrarlo,e comunque nulla di tutto questo ci esime dal combattere.
      Il fatto che in basso stiano tutti a litigare è vero,ma sono litigi fomentati ad arte.....e in un non-popolo di tifosi incancreniti in una immagine della squadra del cuore che non esiste più.
      Quanto all'alto....è pure capitato che "i culo e camicia" di turno abbiano lasciato culo,camicia...e testa sotto la ghigliottina....
      E' sempre un monito per quelli che subentrano.....se invece di pecore ci fossero uomini...

      Elimina
  4. Chi ha fatto più danni del Minchione negli ultimi anni? Classifica, prego.
    Tt4e

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è una squadra a pari merito...ma forse lui e monti sono primi inter pares,insieme al pulcinella...

      Elimina
  5. Parafrasando un teorema di "analisi matematica"(sul concetto di infinito),che recita all'incirca così..."Prendi(o pensa) un "insieme" grande a piacere...c'è sempre un insieme più grande che lo contiene".
    Nel nostro campo(politico/amministrativo) diventerebbe..."Pensa ad un luminare, gran minchione a piacere,ce ne è sempre uno più minchione che lo supera...indovina chiè(diceT4e)???
    Vedo che c'è una fondata paura di sbagliare facilmente....ciò che giustifica la giusta "reticenza" dei lettori/elettori,che come vedi si "astengono", a dare la palma...del più minchione..(non sapendo come decidere).
    Comunque il nostro amico,di cui sopra, "convinto europeista",ha molte ottime qualità per vincere la corsa....magari ci vorrà un foto finish....perché....dopo una gara avvincente e non scontata tra i contendenti, prevedo un bell'arrivo di "gruppo".Ciao Tonino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Pensa ad un luminare, gran minchione a piacere,ce ne è sempre uno più minchione che lo supera..."

      E' questo il dilemma....

      Elimina
  6. Thuê Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại sơn tây
    Thuê Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại thường tín
    Thuê Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại ứng hòa
    Thuê Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại phú xuyên
    Thuê Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại mỹ đức
    Thuê Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại thanh oai
    Thuê Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại đan phượng
    Thuê Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại quốc oai
    Thuê Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại phú thọ
    Thuê Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại sóc sơn
    Thuê Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại nhà bè
    Thuê Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại cần giờ
    Thuê Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại hóc môn
    Thuê Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại củ chi
    Thuê Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại bình chánh
    Thuê Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại bình dương
    Thuê Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại biên hòa
    Thuê Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại huế
    Thuê Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại đà nẵng
    Thuê Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại hưng yên
    Thuê Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại vĩnh phúc
    Thuê Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại phú thọ
    Thuê Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại hải dương
    Thuê Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại quảng ninh
    Thuê Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại thái bình
    Thuê Dịch vụ báo cáo tài chính cuối năm tại bắc giang

    RispondiElimina