martedì 30 aprile 2013

MINISTRI

Riportiamo da Libero di ieri alcuni gustosi commenti sui nuovi ministri,con qualche nostra aggiunta.


- EMMA BONINO: una vita contro la casta l'ha resa organica alla casta. Lo 0,02% alle elezioni premiato con gli Esteri. Italia,terra di miracoli


.


  SACCOMANNI : supertecnico liberista bocconiano,scambiato per keynesiano da qualche narcotizzato.
Come ha detto qualcuno,quelli del Pdl devono averlo scambiato con Saccomanno....

PATRONI GRIFFI. già ministro montiano,doveva fare la spending review,poteva cominciare da se stesso.ma poi...

GRAZIANO DEL RIO: nel nulla pd,sembra qualcuno....sembra...

ENRICO GIOVANNINI: presidente ISTAT...(chissà dove prendono certi dati)...un saggio di Napolitano...doveva indicare come tagliare gli stipendi parlamentari...dopo settimane di grande attesa,comunica che i dati raccolti non portano da nesuna parte.Tocchiamo ferro....

ANDREA ORLANDO:  responsabile giustizia pd e in nome delle competenze finito all'ambiente.
Poco tempo fa sosteneva l'assoluta impraticabilità di qualsiasi governo col caimano.Tutto regolare...

MASSIMO BRAY: direttore editoriale Treccani,presidente Amato.
Direttore rivista "Italianieuropei",fondazione D'Alema,cofondatore Amato.
CARLO TRIGILIA: professore universitario,fa parte della fondazione "Italianieuropei",di Amato e D'Alema
Per questi due sconosciuti,tutto diventa più chiaro

ENZO MOAVERO: incarnazione del montismo,bocconiano,europeista di ferro,capogabinetto Monti quand'era Commissario Ue.Trombato alle elezioni con Scelta Civica e ora premiato agli Affari Europei....l'uomo giusto al posto giusto per combattere gli usurai.....te possino...

GIAMPIERO D'ALIA : un Udc figlio di deputato UDC,noto per la proposta di legge contro l'apologia di reato a mezzo internet..... l'ammazza web....come si intuisce,un nostro caro amico....

JOSEFA IDEM: è nata a Goch,Germania....se non altro abbiamo trovato un'interprete per parlare con la Merkel

CECILE KJENGE. fautrice del meticciato in parlamento...un programma di alto profilo

MARIA CHIARA CARROZZA: due volte rettore della scuola S.Anna,presidente Amato (questo sta dappertutto....),frequentata da Letta e dove insegna il padre di Letta....e infine ministro del governo Letta
Solidarietà scolastica.

MAURIZIO LUPI. a forza di banalità e bignami televisivi scambiati per buon senso, alla fine ce l'ha fatta....


------------------------


ADDENDA AL PRECEDENTE POST "SPARI"

A LOR SIGNORI.....

Assistiamo in queste ore a patetiche dichiarazioni sugli spari di Montecitorio. di tanti politici,scribacchini e altri impresentabili (il bilderberg Berrnabè : "dai social netweork potenziali rischi per la democrazia")
Ora si cerca ,come sempre, di strumentalizzare la vicenda,ma questi squallidi signori dovrebbero chiedersi come mai si è arrivati a questo punto e chi sono i responsabili dello stato dell'arte...e dei tanti suicidi  ora dimenticati con le solite parole di circostanza...e poco oggetto di attenzione mediatica,che non si presti a certi fini
Non si tratta di fomentare l'odio o seminare vento,MA DEL SACROSANTO DIRITTO DEI POPOLI DI RIBELLARSI CON OGNI MEZZO ALLE INGIUSTIZIE che subiscono ad opera di bande usuraio-finanziarie e dei loro manutengoli ....e i rischi della democrazia,caro Bernabè, derivano solo da quelli che ora alzano ipocritamente il ditino senza aver fatto nulla per scongiurarli.Anzi...
E' ora di piantarla con questa frusta tecnica e mantra di regime...il cui scopo è ancora una volta quello di intimidire e ridurre i cittadini alla rassegnazione,alla passiva accettazione di ogni sorta di vessazioni.
Non ci piegheremo mai a questa misera propaganda.
La battaglia contro questa falsa democrazia continua.

32 commenti:

  1. Bello il discorso di presentazione del governo Letta, elegante, equilibrato, compassato ed ammiccante, forse anche fin troppo: non vorrei che la sospensione dell'imu a partire da giugno (che sembrava fosse stata congelata a tempo indeterminato dal governo Monti prima della sua dipartita) e blocco dell'aumento dell'iva, cosi come del resto si auspicava il centro destra, nonchè agevolazioni per le imprese che assumono e altre proposte per il rilancio della crescita e l'occupazione siano un pretesto di facciata per imbonire l'opinione pubblica e calmare le acque considerato anche la nascita di questo governo sulla pozza di sangue lasciata di fronte al palazzo ieri. Nulla da eccepire alle parole, ma alle parole dovranno seguire i fatti; resta comunque il forte dubbio, date le circostanze, i precedenti del nuovo presidente del consiglio, e tutto quello che concerne l'Italia sul piano dei trattati europei, della mancanza di volontà di emancipare l'Italia da Bruxelles, da Berlino e dalla spirale vorticosa dell'euro dei banchieri, questioni che vincolano, ed impediscono un margine d'azione più ampio nel quale far rientrare le prospettive enunciate nel discorso d'insediamento............si sa i bei discorsi fanno sempre sperare.........se poi chi li fa sa infondere sicurezza........vabboh dai vedarem.....shadow

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto....qui non c'è più da fidarsi di nessuno....ora siamo alle briciole che non devono illuderci di aspettarci un lauto pasto.
      Già alcuni sollevano dubbi sulle cifre da reperire per queste due decisioni iniziali.Ci sarebbero i fondi,basta non versare agli usurai dell'ESM la nostra quota.Ed è sempre qui che casca l'asino....cerchiamo di tagliare,risparmiare... le pagliuzze da noi,e non vediamo le travi europee che paghiamo.Coi prededenti di certi ministri e dello stesso presidente,non è che ci sia molto da sperare...giò,vedremo....

      Elimina
  2. i discorsi di presentazione producono sempre un effetto stordente all'inizio, poi dopo la prima fase a freddo, subetrano dettagli e giochi di luce e d'ombra che si sovrappongono, questo indubbiamente anche grazie alla controinformazione reperibile dal web, fatto sta che sembra sempre delinearsi con maggior enfasi quel disegno mondialista, dell'europa massonica tecnocratica. Libera circolazione delle genti, abbattimento totale dei confini, nessuna tutela del territorio come nazione e stato, un quadro generale dove puo solo profilarsi ulteriore confusione e conseguentemente la possibilità di un più efficace condizionamento e controllo dei popoli. In tutto questo finisce col farla da padrona l'Europa dei banchieri che speculano sui debiti, essendo alla fine, l'effetto prodotto, quello di un unico crocevia di stati diversi tra loro dove l'insolvenza dell'uno è l'insolvenza dell'altro si confondono per diventare un tutt'uno. E' sicuramente un governo di origine transatlantica, solo la presenza della Bonino parla chiaro ed è esplicita nonostante quella scarsa percentuale di cui sopra. A destare piu sospetti infatti è la triade incensata Boldrini, Bonino, Syonge che sembrano designati apposta a tale scopo. Definire meglio i confini di un prossimo sud europa e tracciare una nuova cortina di ferro rispetto a Russia e Giappone. Quanto a Letta, Jhonny Doe ho la netta sensazione che data l'influenza che puo esercitare in certi ambienti, vuoi per essere un corporativista di think tank strategici come anche per il fatto di essere un democristiano in mezzo a due poli che si sono sempre scontrati, darà quel calcio alla botte e al cerchio di cui parlavo in commenti precedenti: farà quello che è richiesto quindi, ma forse, ipoteticamente parlando ponendo almeno alcune condizioni, almeno questa è la mia sensazione di fondo fino a prova contraria. Anche perchè questa liquidità che si renderebbe necessaria agli scopi del suo governo non vedo da dove potrebbe derivare. PS: che Saccomanni fosse Keynesiano personalmente l'ho letto su Panorama. Un saluto. Shadow

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già,la fusione fredda è complicata....e non c'è dubbio che sia in atto un disegno mondialista di distruzione delle identità,della famiglia,delle radici storiche culturali...in un melting pot di disperati senza riferimenti che manco sanno più chi sono e molto facili da controllare.Idem sul piano economico,già molto avanti con la globalizzazione.Prima i mercati,ora globalizzare le persone,con una tecnica manipolatrice che presenta questo fatto come un progresso.
      Insomma,già tutto descritto in Orwell...
      Poi ci sono gli incidenti di percorso....come in parte oggi...tirare troppo la corda,si rischia di strozzare la mucca da mungere....quindi è pure probabile che Letta qualche pezza ce la metta,così come gli usurai in Europa,ma il disegno non mi pare che cambi.
      Quanto a Saccomanni,uno che tesseva le lodi alle fesserie di Monti,uno che è stato direttore di Bankitalia,che è membro del Cda della Banca dei Regolamenti Internazionali (Bri) e supplente del governatore nel consiglio direttivo della Bce.,rappresentante della Banca centrale italiana, presso il FMI,dal 2003 al 2006 vicepresidente della Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo,membro del Consiglio Direttivo dell'Istituto Affari Internazionali ,uno degli uomini più fidati di Mario Draghi....mi sembraun po' avventato defuiirlo keynesiano.....con buona pace di Panorama.
      Dice.«Nel pieno rispetto dei vincoli europei (eh già...qui non si discute) è infatti possibile agire su una ricomposizione del bilancio pubblico: Meno tasse tagliando la spesa»

      Non mi pare una gran novità,parole strasentite decine di volte,ma sopratutto in ordine con le direttive BCE...tagliare,tagliare,ma dove poi vedremo,sperando che non sia sempre dalla solita parte.Ma anche ammesso,e non concesso,che ciò avvenga,somiglia molto alle famose briciole...ci vorrebbe ben altro per ripartire,e sappiamo tutti dove sta.....

      Elimina
  3. "Ma la televisione ha detto che il nuovo anno
    porterà una trasformazione
    e tutti quanti stiamo già aspettando
    sarà tre volte Natale e festa tutto il giorno,
    ogni Cristo scenderà dalla croce
    anche gli uccelli faranno ritorno." L.Dalla

    Basta sostituire 'anno' con 'governo'..

    Aggiungiamoci Franceschini il genio, che racconta il finale del film (Il ritorno dell'IMU) e scontenta i loggionisti.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Franceschiello,ora molto più moderato,sarà la barba.....quando era segretario PD era sopratutto noto,ed entrato nel Guinness, per aver detto la più grande quantità di fesserie nel minor tempo possibile....record che ancora detiene,sebbene insidiato molto da vicino da bersani...

      Quanto a Letta,per ora ha sparso sulla tavola qualche briciola al popolo affamato,promettendo futuri pasti.....ma come dicono gli arabi,vedere moneta,mostrare cammello.....

      Elimina
  4. bah, è chiaro che questo governo fa schifo.

    epperò anche la netta condanna pone dei problemi, come ha cercato di argomentare pippo civati.
    proviamo a ripercorrere le tappe.

    1. bisogna partire dal risultato elettorale. clamorosa affermazione di grillo, resurrectio berlusconiana, flop bersaniano. impossibile formare un governo

    2. bersani doveva dimettersi subito, governo di scopo per cambiare legge elettorale, nuove elezioni a giugno

    3. così non è andata. bersani insegue grillo per oltre un mese e riceve pomodori in faccia

    4.l'ambiguissimo grillo fa implodere il pd e uccide la coalizione centro sinistra con la carta rodotà

    5. restaurazione. resurrectio di napolitano e resurrectio del pd, della dc e trionfo di berlusconi. paese di zombi e furboni

    6. governo pd-pdl inevitabile

    7. e per fortuna che c'è la bonino, che contrariamente alla vostra opinione, giudico positivamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A prescindere dal tipo di governo,sono molti dei personaggi che non convincono e specialmente in chiave antieuro,che é quello che ci interessa.Sono tutti favorevoli all'eutro,nonostante sia ormai una moneta alla deriva...ma i dguai che ha provocato e provoca son tutti davanti a noi.Ed è inutile che Letta vada a Berlino,potrà solo elargire briciole,aspirine....a proposito,leggiti qui:

      http://www.federazionemovimentiantieuro.com/2013/04/letta-va-rimediare-due-pesci-in-faccia.html

      Meno ci interessano le vicende politiche del nostro pollaio,come sempre,sceneggiate degne del miglior vaudeville.
      Sorry,ma come anche tu hai sottolineato,sulla Bonino la pensiamo diversamente.

      Elimina
    2. mah.....a proposito del Sel, Vendola, si è completamente sputtanato con il PD. Al di la del fatto che la neo dc piddina dei lettiani ha scalzato i "comunisti" epurando sia il suo partito che la frangia più sinistrorsa della coalizione, non è possibile, per onore del vero e onesta intellettuale e politica andare dicendo che è doveroso accogliere la voce del popolo che viene dal m5s e che pertanto è giusto creare un alleanza all'opposizione dopo che il PD di fatto li ha lasciati in braghe di tela. ALlora ti alleavi la voce del popolo l'ascoltavi prima se avevi voglia di opporti! robe da matti, non smettono mai di fare gli acrobati, giocano a risiko, a dir poco risibile. La Bonino invece, bah....oddio, ognuno ha le sue battaglie lei le sue. Non ce la vedo come cospirazionista, tuttavia deve credere cosi fermamente nel suo relativismo esistenziale che a quanto pare sacrificherebbe qualsiasi cosa pur di perseguire tout court determinati obbiettivi, anche farsi usare come parte integrante di un meccanismo perverso ed evanescente dei maipolatori tecnocratici. Shadow

      Elimina
    3. La fruttiVendola,alias il frottoliere delle Puglie,cerca di stare ancora sulla scena,visto che ha un partito ridotto al 2%...e se i militanti del Sel non fossero rincitrulliti,lo avrebbero già liquidato come Bersani.Questo parla,parla....anzi narra...e ha un partito miracolato dal Pd,da prefisso telefonico.Un fallito.
      Logico quindi che tenti di montar sul carro di Grillo,ma non credo che gli riuscirà.

      Sai,la gente si immagina sempre la Bonino come quella dellle battaglie civili,divorzio,aborto.....ma è stata anche altro nel corso degli anni.
      Commissario Europeo,ferrea sostenitrice di tutte le nefandezze belliche USA e del più spinto atlantismo,dei golpisti libici,ministro nel secondo governo Prodi, tra il 2006 e il 2008, responsabile per il commercio internazionale e le politiche europee.eletta nel 1994 per il Polo delle Libertà in Veneto, e faceva parte del gruppo parlamentare di Forza Italia,quella di "Nessuno tocchi Caino"(di Abele chissenefrega..).-...
      Insomma,non sono un suo fan...

      Quando poi sento: " L'Italia deve rispettare l'impegno assunto con l'Europa di mantenere il rapporto deficit/Pil entro il 2,9% nel 2013.L'Italia non può rinegoziare il 2,9%"
      (Emma Bonino a margine dei lavori in Senato)
      ....mi vien da pensare per chi lavora questa,quando Francia,Spagna,Portogallo,Irlanda....hanno ottenuto grandi facilitazioni in merito.
      L'amica del giaguaro?


      Elimina
    4. Jhonny voi di federazione anti euro sapete qualcosa riguardo una postilla del trattato di maastricht cosidetta esa95 che in buona sostanza permette alla germania di non contabilizzare una parte di debito che non va in questo modo ad intaccare il rapporto con il pil. Shadow.............per il resto tanto per uscire fuori tema, sono cattolico perche nato e cresciuto qui, ma non sono credente ne praticante, la mia avversione al relativismo coatto, forzatamente indotto della Bonino non è assoluto ma su di esso nutro qualche perplessità proprio dal punto di vista etico morale e non sul piano,legittimo delle libertà personali. Per quanto concerne l'aborto dico solo che Einstein era un feto, Hendrix era un feto, Da Vinci era un feto.....quanto genialità e cultura viene sotratta all'umanità ogni volta? poniamoci la domanda! quanto al suo femminismo, riguardo ai genitali delle donne? ma perche escludere quello degli uomini......cioè a me sta roba puo anche andar bene ma deve correre sempre lungo il filo della coerenza della pragmaticità e il buon senso altrimenti lei e chi per lei si possono ficcare nel culo determinati discorsi....shadow

      Elimina
    5. vabeh scusate non volevo essere offensivo conosco chi condivide le idee della Bonino ed è una persona che non merita quanto scritto sopra volevo semplicemente dire che è giusto riequilibrare le cose, perchè se manca buon senso e ponderatezza il tessuto sociale alla fine ne risente. la battaglia per le donne va benissimo ma perfavore.......che non si crei uno sterile classimo sessista......si parli dell'uomo e dei suoi diritti in quanto tale......e non di un sesso e dei suoi diritti altrimenti la bilancia dei pagamenti alla lunga ne risente di sicuro. chiedo scusa a quella che persona che eventualmente mi ha letto, non volevo ho dato aria alla bocca cioè adito alle dita ciao shadow

      Elimina
    6. SHAD

      Il trucco che nasconde il 17% del debito pubblico reale tedesco, si chiama Esa95.
      È il manuale contabile che esclude dal debito pubblico, a integrazione dei criteri di Maastricht, le società pubbliche che si finanziano con pubbliche garanzie ma che coprono il 50,1% dei propri costi con ricavi di mercato e non con versamenti pubblici, tasse e contributi.
      Ora,come contabilizza la KFW ,la cassa depositi e prestiti tedesca, i salvataggi delle banche tedesche nazionalizzati assumendosene l’onere di assets illiquidito meglio inesigibili?
      E' fondamentale ricordare che solo per la HYPO RE e la sua bad bank garantita dallo Stato, parliamo di 135 miliardi di garanzie sul tavolo, più quelle di altre cinque banche nazionalizzate.Cifre che non compaiono nel debito.
      Noi abbiamo la Cassa depositi e prestiti, 70% Tesoro, 30% fondazioni bancarie, soggetti privati. La Cdp emette anno dopo anno obbligazioni che godono della garanzia statale e sono collocate dalle Poste sotto forma di buoni e di libretti,ma il suo debito è per tutta la parte coperta da garanzia pubblica conteggiato nel DEBITO PUBBLICO.
      Poi c'è tutta una serie di complicazioni interpretative,cavilli....che nemmeno Einstein saprebbe sciogliere
      Morale:le regole di contabilità,sono per certuni un optional...

      Leggiti pure questo:
      http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=Resaula&leg=16&id=00615563&part=doc_dc-allegatob_ab-sezionetit_icrdrs-atto_405822&parse=no&stampa=si&toc=no

      Ma non sottovaluterei un altro aspetto di questa ESA 95,un altro marchingegno per sottrarre sovranità,senza nulla in cambio.
      Infatti,si afferma che: benché la BC ha piena autonomia nel gestire le riserve aureee, queste non sono delle banche centrali,MA DELLA NAZIONE.
      E già qui,è il solito ambiguo inghippo...
      Ora il Parlamento italiano ha stabilito a suo tempo un prelievo del 6% sulle plusvalenze delle riserve auree ( decreto anticrisi convertito in legge, quindi una legge nazionale), ma non potrà essere applicato per l' opposizione della BCE che dice : "non è conforme al diritto comunitario sotto due profili: la tutela dell' indipendenza della banca centrale e il rispetto del divieto di finanziamento monetario dei governi."
      Capito? Sono della nazione,ma non puoi amministrarle come vuoi..non puoi finanziarti...non puoi nulla!!
      Ma basta ,per favore...!!

      Elimina
    7. Per la BONINO,poco m'interessa in questa sede tuttomquanto connesso alle sue battaglie.....sarò fissato,ma m'interessano solo gli aspetti politici che ho menzionato in altro commento ed in particolare la sua posizione filoeuropeista da ministro degli Esteri,scelta a mio vedere deleteria per noi in questo momento,dove avremmo avuto bisogno di un personaggio con tutt'altro atteggiamento.

      Elimina
    8. si avevo capito anche io sono risalito alla notizia dallo stesso link del senato,,,,quello che non capisco se è un trattato comunitario ne usufruisce unicamente mamma germania? ad esempio lasciando stare la nostra tendenza a farci dare calci in faccia, noi non l'applichiamo per una qualche ragione o cosa^???

      Elimina
    9. Non è il primo caso che la germania fa come vuole,vedi la Bundesbank che con un trucco simile compra in pratica titoli al mercato primario,quando non potrebbe.

      http://vocidallestero.blogspot.it/2011/11/la-bundesbank-puo-comprare-titoli-di.html

      Perchè i tedeschi lo fanno e nessuno dice nulla? perchè non lo facciamo anche noi? l
      Mistero....non si sa...state contenti al quia,vuolsi così là dove si puote....

      Elimina
  5. IMU si IMU no
    Ho appena alcoltato in TV,una intervista alla "trimurti sindacale"...i rappresentanti dei lavoratori...non i lavoratori.
    Tutti d'accordo che tale tassa iniqua va pagata,per reperire risorse per salvare l'Italia,anche se ciò ammazzerà gli Italiani....la più avvelenata,a difendere questa tesi, era la quota rosa(o rossa..boh?).
    Mi sono messo nei panni dei lavoratori,che pagano per la tessera d'iscritti.... gli stessi, intervistati, tutti contrari alla proposta.
    Poichè sappiamo che questi signori,non sono bocconiani(altrimenti sarebbero subito scusati per le loro amenità)e di macroeconomia non sono ai vertici delle eccellenze....perchè non si limitano a parlare del loro specifico settore(rapporti tra lavoratori e aziende/datori di lavoro/Stato/Etc.)...che già,per la sua importanza, è un compito non facile a svolgere.
    E'vero che in democrazia ognuno è libero di dire la sua,ma mi risulta che non è obbligatorio stare a sentire chiunque parla...e se dice banalità tenerne conto.
    Morale,che ce ne importa,di sapere, di ciò che i rappresentanti sindacali,pensano(peraltro in "netto contrasto" con i loro rappresentati) su IMU si o IMU no..e che pratica utilità può avere il loro parere....ciao Tonino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I sindacati ormai sono vaudeville...manco san più dove stanno i lavoratori....incapaci di qualsiasi reazione alla situazione che sta vivendo il mondo del lavoro,ora si mettono pure a dire chde levar una tassa ai lavoratori non si può.Voglio credere che se il governo l'ha detto,troverà anche la copertura,altrimenti ci sarebbe davvero da sparargli.Di coperture ce ne sarebbero poi,se smettessimo di dar soldi all'europa...!
      Su una cosa aveva ragione Grillo,questi sindacati sono inutili...dei desparecidos...

      Elimina
    2. ne parlavano anche a quell'insulsa trasmissione che è 5a colonna! inevitabile per me, sottolineare la discrepanza di posizioni, quando in campagna elettorale berlusca la decantava, tutti in coro a dargli del baggianaro.......oggi per indorarsi la gente, e incensare il neo governo, sia il sel che la mosca del pd, li a 5a colonna......."Oh si bisogna toglierla perchè...blah blah noi ci contiamo"........il solito paese di cazzari gattopardeschi insomma. Ma il senso di fare trasmissioni come questa che tralasciano completamente di dire il perchè esiste questo sistema vessatorio preferendo indugiare sulla retorica da bar........bah...shadow

      Elimina
    3. MA POI COme se il problema fosse l'imu......ma cosa centra??? questa gente che non ha da lavorare non vive certo in superattici da 500 mq.....non saranno quell 120/145 euro a cambiarli la vita, anche se certo, c'è gente che manco quelli oramai ha piu...

      Elimina
    4. DIBATTITO SULL’IMU E CORBELLERIE TELEVISIVE >>>> ieri non ho visto Ballarò quindi non saprei dire con esattezza di cosa lor signori partecipanti hanno discusso e mi sono risparmiato una bella dose di irritazione dato che quel faccia di pirla di Floris che gongola e ride come un cretino anche se i suoi ospiti prontamente evitano di approfondire il tema "euro" mi fa venire voglia di sfondare il monitor della tv con un calcio. Ho visto però la parte finale di Quinta Colonna, mai vista prima di ieri e mai visto qualcosa di cosi insulso. Tema del dibattito? l'IMU! ovvero come incensare il governo Letta (una compagine di filo europeisti ad oltranza) che ha accolto le richieste di Berlusconi, come se intorno a questa tassa dipendesse la sorte del paese, come se quelle famiglie di disoccupati e precari, fossero proprietari di mega attici o ville con piscine, per le quali venisse richiesto l'esborso di migliaia di euro. E il conduttore? allucinante! a dir poco! "è vero che lei senza l'imu starebbe meglio?" "è vero che da quando c'è la crisi e l'imu lei sta male?" "è vero che l'imu è una tassa iniqua e anche chi c'è di fianco a lei preferiva non ci fosse stata?" "è vero che lei fotografo da quando deve pagare l'imu anche sul suo negozio ha registrato che c'è meno gente che si sposa e non fa le foto?" "è vero lei medico che comunque si da per scontanto sia un benestante da quando paga l'imu è un po meno benestante?"”è vero lei signora che da quando ha venduto la casa di famiglia, da quando poi non è piu in affitto, e vive da una parente se avesse avuto una casa su cui pagare l’imu avrebbe preferito non pagarla?” >>>>>>>>> Ma la cosa ancor piu scandalosa è stato appurare che l’UE manda alle famiglie bisognose aiuti umanitari: cioè, gli stati si indebitano a causa di un sistema macchinoso e macchiavelico montato ad arte dai burocrati e banchieri europei, e l’UE manda generi alimentari a chi ha il frigo vuoto pur di mantenere lo status quo della moneta unica?? Oh??????? ma che roba è questa? Quando cominceremo ad aprire gli occhi? l'Italia non va a picco perchè c'è l'IMU se la gente lavorasse e avesse quattrini in tasca la pagherebbe e stop! L'Italia va a picco perchè non c'è liquidità, non circola denaro!!!!! perchè la BCE non immette capitali nel mercato e lo fa solo in rari casi comprando titoli di stato e il paese per non andare in bancarotta si indebita perchè acquista di fatto una moneta estera sul cui prestito deve restituire l'intero capitale piu gli interessi. Se non lo facesse la bancarotta sarebbe assicurata perché sfumerebbe del tutto la possibilità di fare investimenti e dare quel poco di respiro che regge in piedi l’apparato economico. Come se non bastasse siamo l’unico paese col rischio default che non usa gli aiuti dei fondi salva stati ma contribuisce invece agli aiuti di altri stati a rischio!!! Nel frattempo la produzione vessata da troppe tasse si blocca, domanda e consumi si contraggono e lo stato per recuperare denaro deve tassare, tassare e tassare! altrimenti dove andrebbe a prenderli i soldi? Se lor signori facessero dei tagli su loro stessi? Assolutamente si ma non si risolverebbe il problema alla radice che è l’euro! Una moneta straniera alla quale gli stati agganciandosi con un tasso di cambio fisso hanno bloccato definitivamente la possibilità di rimettersi in competizione tra loro a vantaggio di pochi e a discapito di molti! Alla fine il teatrino si chiude con quella bella gnocca bionda in scarpe da ginnastica della Mosca del PD e uno di SEL che dicono…………”si assolutamente!!! Noi ci contiamo che l’imu venga tolta, auspichiamo che il governo mantenga la promessa” >>> si noti che quando ai tempi Berlusconi la prometteva in campagna elettorale, dall’altra parte c’erano tuoni fulmini e figurine telematiche su facebook. Circo togni continua gente…..AMEN….andate in pace questa è l’ostia e il vin santo……shadow

      Elimina
    5. era un copia e incolla.....di un mio commento altrove l'ho messo perchè descrive lo spettacolo pietoso offerto dai nostri media

      Elimina
    6. L'Imu è comunque una tassa odiosa,ma va vista anche nel complesso del contesto tragico in cui molti si trovano.E cioè,che non hanno solo l'imu sul groppone,ma anche salari insufficienti,precariato e disoccupazione,oltre a bollette energetiche....
      Vista la situazione non sarebbe certo male toglierla.C'è poi un altro aspetto,chiamiamolo morale,e cioè che vengono trovati a tambur battente 4 miliardi per MPS (l'importo Imu,si diceva) e nulla per i più in difficoltà.E ti credo che la gente si incazzi.
      Per un disoccupato,magari con moglie e figlio,anche i 200 euro contano.

      Non guardo più trasmissioni di carattere politico,per lo più finalizzate a sola propaganda e non ad informare...Floris mi ricordo che a suo tempo non lo sopportavo,proprio per quel sorriso da deficiente sempre stampato in faccia....quasi a dire,vedete come sono furbo?
      Non affrontano quasi mai i veri problemi,l'euro é tabù...

      Mi è capitato ieri di vedere su Sky,credo si chiami Pomeriggio,una puntata sull'euro,dove il prof.Sapelli ,un economista,le cantava chiare sull'argomento ad una platea di figurine incompetenti,parlando di Prodi,Ciampi,Keynes....insomma tutti i ragionamenti che qui facciamo sulla truffa dell'euro..
      C'era pure Muchetti,ora senatore Pd,ieri direttore o che del Corriere che ce l'aveva con Monti,l'euro....al che Sapelli gli ricordava i peana trionfalistici espressi tempo fa su Monti...tanto per capire che giravolte fanno certi..
      Ad un certo punto la conduttrice lo riprendeva ripetutamente dicendo,"lei si assume tutte le responsabilità.."..(e di cosa,di grazia?.....),finchè Sapelli scoglionato ha ribattuto "se volete che me ne vada ditelo,ma se mi invitate dico quello che penso....e ora di finirla di sentir sempre la solita storia"..
      Questo per dirti il clima che circonda certi argomenti....non bisogna disturbare....

      Elimina
    7. Leggi l'articolo del link - http://www.federazionemovimentiantieuro.com/2013/04/letta-va-rimediare-due-pesci-in-faccia.html

      e vedrai che fanno gli altri paesi in merito al reperire soldi,nel caso specifico la Francia....e cioè,SFORARE IL DEFICIT DEL 3% imposto dai cazzoni dell'euro.....
      Questo per dirti che quando parliamo di quanto possiamo fare nel nostro pollaio non porterà mai a risolvere il problema se non ridiscutiamo tutti i Trattati Euro,meglio ancora se non ne usciamo.
      Stiamo a parlare di un fabbisogno di 20 -25miliardi per le riforme Letta,quando ne paghiamo 60 all'anno solo di interessi.!!!
      .Il mondo si sta inondando di liquidità Usa e Giappone,e in questa truffa d'europa stiamo qui a parlare di sforare o meno il tetto del deficit!
      Le banche non sganciano nulla,dopo aver ricevuto miliardi a riparazione dei loro errori e misfatti,le PMI aspettano 80 miliardi......e qui andiamo ancora a Berlino a prendere ordini!
      Che Paese di dementi...!!!
      Quando si sveglieranno sarà troppo tardi...sai che mi interessano le cazzate di Vendola,il circo Travaglio-Santoro-Floris...Rodotà ,la comica propaganda sulla Costituzione di Benigni,i matrimoni gay,le larghe intese o le banalità di Lupi.....!

      Elimina
    8. johnny l'imu è una tassa odiosa ma è assolutamente ridicolo che entri nella centralità del dibattito tra due leader europei, letta e hollande.....la questione non è l'imu infatti! andare ad un vertice europeo e sostenere "l'imu la togliamo perchè levandola possiamo meglio vedere in maniera trasparente il sistema dei conti" è una roba che smuoverebbe il senso dell'umorismo del teatrante più serioso e ligio alla sua parte....per un attimo Hollande ha riso tra l'esofago e la gola, e si è trattenuto il sorriso tra i denti, con uno spasmo intramuscolare. shadow

      Elimina
  6. L'IMU(imposta montiana unilaterale)va TOLTA E BASTA!!!.....E se,anche, lo dice il Cavalier Berlusconi(così tanto criminalizzato da una certa stampaglia di servizio),non significa che è un concetto errato...per una volta HA RAGIONE...lo dicono tutti i non servitori del sistema..
    E' il millesimo balzello inventato per rosicchiare il benessere delle famiglie arricchendo ulteriormente gli strozzini aguzzini e (aspiranti)padroni,che ci fanno governare da una classe politica di scarso Q.I. e non solo Q.I.
    Sembra di vivere ai tempi di Robin Hood,quando il popolo veramente proletario,aveva l'unico diritto "di far prole"....destinata al servizio dell'usura....e basta!
    Se vogliono,in medio/alto trovare i soldi,per soddisfare i loro padroni(ci dispiace per la poco illuminata sindacalista) si scovassero(coraggiosamente) tutti i mezzi per aumentare le "produzioni"...Vantaggi????
    -meno importazioni
    -più esportazioni
    -bilancio estero in attivo
    -denaro(ricchezza circolante)aumentata...quindi più gettito fiscaleper pagarCI i servizi necessari alla vita decorosa della comunità comunità,e non i privilegi luculliani di qualche migliaio di esperti furbi ,solo nel vivere facilmente.....facendo e sapendo far poco.
    Ciao Tonino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok sull'Imu.....ma anche a te ricordo Tonino,che senza metter mano alla truffa euro non se ne esce.Tutti i punti che enumeri dipendono da questo,ben poco possiamo fare noi,solo qualche aspirina...

      - Aumentare le produzioni? Ma se non vendono nulla! Manca la domanda,non l'offerta,manca perchè non circola il denaro che non puoi stampare.

      - Già ci sono meno importazioni
      - più esportazioni? non siamo competitivi,non possiamo svalutare....già è un miracolo che ci sia un avanzo commerciale

      - la Bilancia con l'estero,Bilancia Pagamenti (non la Bilancia Commerciale) comprende anche i debiti di capitale e interessi,no sarà mai attiva con l'euro

      - denaro? e dove lo trovi? le banche no mollano il credito e tu non puoi immettere circolante,come Usa e Giappone stanno facendo.

      Morale: qualche aspirina potremo pure trovarla,ma il problema generale Italia si risolve in europa,o modificando radicalmente i trattati o uscendone.
      E' inutile che si continui ad ignorare questo punto,non se ne esce...

      Elimina
  7. Il Council on Foreign Relations Europe è il più contento per la nomina di Emma Bonino al ministero degli esteri. E ne ha motivo: la Bonino è membro del suo direttivo. Ecco come ha salutato l’ascesa al potere del suo alto esponente:

    All’Italia farà bene avere una statista di tale esperienza ed energia. Come ex Commissaria europea, ex parlamentare europea, e ministra per l’Europa e il commercio (sotto Prodi, ndr) la sua conoscenza del sistema europeo sarà di grande aiuto al Paese nel tempo di crisi. Ma quel che più conta, la politica estera europea riceverà una sferzata dalla posizione nel Consiglio degli Affari (europei, ndr) Esteri di una persona con visione, principi e determinazione».
    Ho tradotto liberamente «sferzata»; l’espressione originale è «shot in the arm»: la Bonino è accolta come una iniezione di cocaina in vena all’eurocrazia sonnolenta e incagliata, si rallegra il ECFR.
    Ma che cosa è l’European Council on Foreign Relations? È l’emanazione europoide dello storico Council on Foreign Relations fondato dai Rockefeller, e che in USA, fin dagli anni Venti, ha «suggerito» la politica estera alla Casa Bianca nell’interesse del grande business, fornendo al bisogno anche i segretari di Stato, ossia i ministri degli esteri, da Kissinger a Brzezinski. La filiale europea del Council è riuscita nella stessa pratica, mettendo la Bonino nel governo italiano. Come il padre americano, il ECFR europeo è una lobby intellettuale e centrale di direttive politiche in tutta Europa: ha i suoi tentacoli (pardon, sedi) nelle sei delle maggiori capitali europee: Londra, Parigi, Roma, Berlino, Madrid e Sofia.
    Tutto ciò costa, come si può capire. Chi paga? Sostanzialmente la Soros Foundation, il think tank Open Society, insomma il noto speculatore ebreo e miliardario George Soros, con cui la Emma si confrica da almeno un ventennio. Perché i due hanno le stesse idee: denatalità globale con l’aborto, espansione della «democrazia» tramite rivoluzioni colorate, primavere arabe e se non basta interventi armati (la Bonino non è una pacifista), e «diritti umani» intesi come diritto all’aborto, all’eutanasia e alla droga libera. Non a caso Emma Bonino appare nel consiglio direttivo anche del «Democracy Coalition Project», che è una entità che si è autonominata controllatrice e sorvegliante dei progressi della «democrazia» nei Paesi odiosi al Capitale (dalla Russia alla Siria; la Libia ormai è guadagnata alla democrazia) e che gode dello status di Organizzazione non-governativa elargito dall’ONU, il che le permette di impicciarsi di come governano governi sovrani. E il Coalition Project è una emanazione dello Open Society Institute, insomma sempre di George Soros.

    Ciò dà anche un’idea della fitta rete di relazioni, intrecci e sostegni reciproci creati e tessuti da questi promotori del nuovo ordine mondiale: sembrano tantissimi, proliferano in think tanks, fondazioni e centrali «intellettuali» innumerevoli e «spontanee», e invece sono i soliti tre gatti. Ma uno degli effetti dell’apparire tanti (moltiplicandosi in ONG e fondazioni) è, tra l’altro, di poter captare finanziamenti immensi, per tre gatti.
    Tre gatti ma potenti e influenti che si conoscono tutti da anni e fanno le cose insieme. George Soros, per dire, si è iscritto al Partito radicale. Al Council on Foreign Relations Europe partecipano anche Giuliano Amato e Marta Dassù (quella dell’Aspen Italia) e Massimo D’Alema in qualità di presidente della Fondazione Italiani Europei. Nel direttivo, a fianco della Bonino, ritroviamo il tedesco (J) Joshka Fischer e Solana che è stato Alto rappresentante della politica estera europoide, europoide, carica in cui gli è succeduta lady Catherine Ashton, la «ministra degli esteri» eurocratica.
    Rik

    RispondiElimina
  8. (e ancora,sempre dalla rete)

    Emma del resto, come si sa, è anche nel Bilderberg. Come lo è Enrico Letta, dal 1995. E Gianni Letta incontra il nipote Enrico nell’Aspen Italia. Intrecci, intrecci trasversali. A quel livello di élites, «destra» e «sinistra» non contano; sono un oppio per i popoli da dominare con la democrazia.
    Sicché non c’è da meravigliarsi se il primo ad avallare il governo Letta, votandogli la fiducia, non è stato il parlamento italiota. È stato John Kerry, il Segretario di Stato americano e Bilderbergeriano: «Letta è un amico fidato degli Stati Uniti, che ha mostrato un fermo impegno nella nostra partnership atlantica»: un endorsement a tutto tondo. La Bonino è una ancor più vecchia amica, avendo seguito in USA, in anni ormai lontani ma sempre rinfrescati, dei «corsi di leadership» organizzati da qualcuna di quelle fondazioni «culturali» americane tipo Heritage o Endowment for Democracy che poi, senza dover troppo grattare, risultano filiazioni della CIA, Dipartimento di Stato o del complesso militare-industriale (ma c’è realmente qualche differenza?) create come facciate col solito scopo: «espandere the democracy», il malthusianesimo, l’europeismo bancario (vecchio progetto della Lazard dei Meyer e dei Weill, e delle banche che distribuirono i soldi del Piano Marshall, scegliendosi gli amici da favorire far crescere) e garantire la «fedeltà atlantica» ossia l’adesione eterna alla NATO degli Stati europei e delle loro clientele. Per questo è nato il Bilderberg negli anni ’50: tenerci legati alla Nato.

    È una ultra-atlantista, ha sempre approvato le invasioni americane in Medio Oriente come in Kossovo, messo su tribunali speciali internazionali per crimini di guerra (mai quelli USA),ferocementÈ e anti-Putin, ed ha partecipato a tutte le campagne internazionali di diffamazione contro Mosca. ultra-europeista. Tanto ultra, da volere, imperiosamente, «Stati Uniti d’Europa Subito!»
    È della Emma il vecchio sogno massonico, l’illuministico spregio per le culture, lingue, le storie, le diversità antropologiche e spirituali e la voglia di omologarle ed omogeneizzarle in un unico insieme burocratico indistinto «anche mutando la composizione geografica del suo attuale territorio» col tiralinee. Vecchio imperialismo razionalista, sempre giovane nel partito radicale.

    È ultra-israeliana, stra-sionista. Laicista ed anti-clericale in patria contro il potere dei preti, non ha mai elevato la minima critica «radicale» e illuminista al dominio settario dei fanatici hassidici sul governo ex-laico di Israele
    È tanto israeliana, da premere perché Israele sia fatta entrare nella Unione Europea,e a un Consiglio europeo del 1994, «si riconosceva la necessità di accordare ad Israele uno status speciale», seguito rapidamente, nel ’95, dalla firma dell’accordo (di cui i sudditi europei non sono stati informati) che ha fatto di Israele un «associato» all’Unione: ossia con tutti i vantaggi, e nessuno dei pesi connessi alla membership.
    Purtroppo, deplora la Bonino, si è avuto «il contenzioso sui prodotti esportati nell’UE a partire dai Territori occupati. Israele sosteneva che tali beni dovessero godere dell’accesso privilegiato al mercato europeo dal momento che erano prodotti all’interno del suo territorio doganale; mentre l’Unione sosteneva che i Territori non appartenessero legalmente a Israele e che quindi i loro prodotti non potessero beneficiare del trattamento previsto dall’accordo del 1995».
    Capito? Esportare come se fossero Made in Europa beni e merci prodotte nelle terre non sue.
    Ma alla Bonino non basta: vuole che Israele entri in Europa a pieno titolo, portandosi dietro tutto il suo corredo: bombe atomiche (a noi vietate) comprese, stato di guerra incluso."Sta ad Israele, prima di tutto, chiarire la propria posizione, dire se è disposta a condividere parte della propria sovranità così come già oggi fanno 27 Paesi europei», dice Emma. Ma Israele non ci pensa nemmeno, a cedere la propria sovranità: mica sono fessi...loro.
    Rik

    RispondiElimina