venerdì 11 gennaio 2013

BANANE...BANANE....ITALIA CHIQUITA

ULTIME RAGAZZI,ASCOLTATE E PENSATE IN CHE PAESE DI BUFFONI AZZECCAGARBUGLI VIVIAMO.

 HA RAGIONE MESSORA,SE VENGONO PERMESSI QUESTI MISFATTI;RESTANO SOLO I FUCILI:


 

6 commenti:

  1. Ubi non est pudor,
    Nec cura iuris,sanctitas,pietas,fides,
    Instabile regnun est.
    ( Seneca )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. più che instabile,è stramazzato....

      Elimina
  2. Commosso,dalle bellissime parole di Seneca....che però, come la maggior parte dei "moralisti"lo sono solo a chiacchiere...meno nei fatti.
    La storia(vedi nota) ci ricorda che fu il precettore(con poco successo) di uno dei peggiori Imperatori Romani..."Nerone"...ma ci dice dell'altro...fu uno dei più abbietti usurai del suo tempo... e a causa delle sue vessazioni gli vengono attribuite rivolte popolari un po' dovunque nell'Impero Romano.
    Di questi farisei...."sepolcri imbiancati...con la lapide pulita fuori e pieni di vermi dentro"...oggi ne abbiamo talmente tanti,che le nobili,vuote,parole di Seneca,ci fanno venire solo l'orticaria....le ascoltiamo tutti i giorni dagli odierni Seneca-equivalenti.
    Nota
    Molti storici,ci ricordano(cito per brevità solo La Rochefoucauld...nel "Seneca smascherato")...che dietro la maschera emaciata e sofferente dell’asceta intravedeva lo sguardo vitreo e protervo dell’usuraio(quale peraltro Seneca, se dobbiamo credere alla testimonianza, d’altro canto per lo più ostile, di Cassio Dione, effettivamente fu)..... Forse non aveva tutti i torti Agostino quando,nel De Civitate (VI, 10), lamentava, con antitesi laceranti, che Seneca, pur se spiritualmente liberato dalla filosofia, covasse i vizi che fustigava, compisse egli stesso le azioni che rimproverava agli altri, adorasse ciò che denunciava(...il denaro)
    Ciao Tonino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Renan : “Ho conosciuto molte canaglie che non erano moraliste, non ho conosciuto moralisti che non fossero canaglie”.

      Elimina
  3. Duecentocinquanta simboli presentati.Con gli accorpamenti al Senato,quattro/cinque liste per coalizione,si può stimare:duecento liste alla camera e cinquanta al senato.
    Invece di schede elettorali in alcne regioni saranno volumetti rilegati elettorali.
    E Voi nel vostro Blog vi lamentate che in Italia non c'è Democrazia.
    Per fregare gli astenuti(e farli figurare come votanti),mi pare di aver capito che hanno inventato anche il partito del non voto(lo ha spiegato una faccia di fesso in TG)con tanto di simbolo.
    In poche parole spiegava che lui andava a votare,ma come astenuto,nella lista apposita dei non votanti.
    E voi ogni tanto vi lasciate sfuggire che molti degli Italiani,sono pecore.

    RispondiElimina
  4. Intanto,identificare la democrazia col voto,vuol dire tenerla proprio in poco conto,las democrazia ha bel altri contenuti.Che poi un paese commissariasto in ostaggio alla Bce e a trattati criminale sia una democrazia,vuol dire non capire un acca di cosa questa sia.Terzo,quest'abbondanza di liste (molte civetta)sono proprio il segno opposto.
    Quello dedl partito del Non Votoi che va comunque a votare é un povero fesso e basta.
    Non é che ce lo lasciamo sfuggire,sono proprio pecore gli italioti....ci vediamo dopo le elezioni...

    RispondiElimina