mercoledì 11 luglio 2012

PAUSA ESTIVA

SALUTI A TUTTI I NOSTRI LETTORI E AMICI BLOGGERS.
PER UN PO' DI TEMPO LASCIAMO QUESTA REPUBBLICA DELLE BANANE
CI RIVEDIAMO AD AGOSTO SPERANDO CHE NEL FRATTEMPO NON AUMENTINO LE CAZZATE DEL BURATTINO BOCCONIANO......


In ogni minoranza intelligente c'è una maggioranza di imbecilli.(Flaiano)


Le banane famose.....



Tipico rappresentante del produttore di banane mediatiche



Il presidente del Bananiland

martedì 10 luglio 2012

LA BANDA DEL BUCO


Sarò tardo,ma perchè fare una ridicola spending review per bilanciare gli effetti dell'aumento Iva quando questo é stato spostato fra un anno? Secondo logica,tale spending review(ma con ben altri contenuti atti a rilanciare la crescita depressa dal 23% di iva), avrebbe avuto un senso se tale aumento fosse rimasto in vigore.Se viene a mancare il presupposto di una azione,anche questa diventa inutile.

Tutta questa storia,a me pare solo un volgare trucco per giustificare un altro colpo di macelleria sociale.


Se parliamo aumenta lo spread....ma non si sono accorti tutti questi mentecatti di commentatori,economisti e frattaglie varie che siamo in mano a dei volgari biscazzieri?
Si fatica a capire chi é più idiota o venduto,se quei malandrini che ci governano o i vergognosi e indegni media che cercano di rincitrullirci in questa repubblica bananiera.

domenica 8 luglio 2012

ALTRO CHE GIAVAZZI...!



é lungo questo video,ma se lo seguirete attentamente capirete alcuni principi basilari per orientarvi nell'odissea di bufale che ci raccontano.Questo Bagnai é un signor economista,naturalmente messo ai margini per non accettare la vulgata truffaldina che viene costantemente spacciata.Non é certo un complottista,abbiate pazienza e imparerete qualcosa di utile e di diverso per decifrare la realtà in cui ci troviamo.

sabato 7 luglio 2012

2012 ODISSEA NELLA BUFALA


Siamo alle solite,la montagna partorisce il topolino....la presa in giro continua...
Si sta parlando della tanto strombazzata SPENDING REVIEW che sarebbe meglio chiamare SPENDING NOVIEW,nel senso che hanno visto ben poco,e solo in una direzione.

PREMESSE

1- Ci hanno detto che si partiva da un monte di 100 miliardi di spese tagliabili...devono essere stati colpiti da strabismo per poi arrivare a 4,5 miliardi......

2 - La Ragioneria dello Stato ha calcolato in circa 11 miliardi la cifra necessaria per poter compensare l'eliminazione dell'aumento IVA.Non li hanno trovati (vi rimando al punto 1....),e allora che hanno fatto? Hanno spostato l'aumento del 2% (dal 21 al 23%) a luglio 2013,tanto per scaricarla sul groppone del nuovo governo.
La verità é che accortisi di aver fatto una fesseria (tra le tante altre...) con questo aumento Iva,e dopo due mesi di supertecnici,non sono stati in grado di rimediarvi.

3 - Tanto per la cronaca l'acquisto degli aerei militari F-35 vale 12 miliardi.
Si risolverebbe il problema di questa virtuale spending preview...!
Si vede che per il potente esercito italiano era indispensabile e urgente averli..!!!

E ora vediamo ad un primo esame i singoli elementi di questa grattarola,fermo restando che scommettiamo 100 contro 1 che molte di queste misure non andranno mai in porto,visti i precedenti.
Qui si bada solo agli annunci cubitali per imbonire a mezzo stampa e tv il popolo italiota....come vanno poi a finire é altra cosa.


PROVINCE

Si passa da 107 ad una cinquantina.E qui possiamo anche scommettere 500 contro 1,o andare a piedi a Santiago di Compostela,se così sarà.
Caro Bondi (perchè degli altri due,Amato e Giavazzi,si son perse le tracce),uno Stato non é un'azienda....ma lei ha presente che vuol dire in termini operativi un'operazione del genere? Come verranno accorpate? E il personale provinciale a chi andrà in carico,dato che non vengono meno i compiti che svolgevano?
Ad esempio,Emilia Romagna,di 9 province  resteranno solo Parma e Bologna...roba da matti,va bene tagliare,ma questi son fuori di testa!
Dicono entro l'anno.Buonanotte...!


GIUSTIZIA

Anche qui si dimostra che questa gente vive fuori dalla realtà e tagliano alla cieca.Un esempio? Tribunale di Castrovillari,Calabria,da sopprimere.Peccato che abbiano speso 400 mila euro pochi mesi fa pe ristrutturare l'aula bunker.Un altro: Cassino,il tribunale verrà trasferito a Frosinone.Quanto si risparmia lo sanno solo loro,visto che l'edificio di Frosinone ha una capienza che non permette l'assorbimento di nuovo personale,annessi e connessi.Chissà quanti casi simili.



SANITA'

L'eliminazione di piccoli ospedali viene demandata alle Regioni....te saluto,Monti...! Che fine ha fatto il famoso costo standard,e cioè il parametro che definisce il costo medio della spesa sanitaria regionale a cui attenersi,non si sa.
Inoltre tagli lineari.Per ora si capisce che riduzioni di spesa imposte alla sanità dovrebbero gravare sulle aziende farmaceutiche, ma gli enti locali subiscono un taglio secco dei trasferimenti da Roma, 700 milioni nel 2012 poi un miliardo all’anno. Impossibile che questo non comporti un taglio dei servizi.Inoltre una riduzione di 18mila posti letto  entro il 30 novembre rischia di provocare anche la chiusura di circa 1000 reparti ospedalieri che probabilmente comprometteranno i servizi per i cittadini.


DIPENDENTI PUBBLICI

Qui l'annuncio trucco recita: tagli del 10% del personale e del 20% dei dirigenti.Dato che i dipendenti pubblici son circa 3 milioni, uno si immagina che il tagli ammontino a circa 300 mila dipendenti.Non é così,poichè questi tagli riguardano solo alcuni comparti della P.A.(ministeri...) che coinvolgono circa 400 mila lavoratori.Consideriamo anche che, sia per questo capitolo ed altri,ci troveremmo poi con un'altra fetta di disoccupati ad ingrossare il gruppo.Oppure,dove é possibile, e in  deroga della riforma Fornero,pensionare in anticipo lavoratori in esubero (poi dovrebbero però spiegare con quale risparmio per lo Stato).
Da notare che manca qualsiasi taglio al carrozzone sindacale e ai tantissimi enti inutili,solo scalfiti.
Niente anche per le rendite finanziarie,grandi patrimoni....

MUNICIPALIZZATE

Qui c'era il grosso del dinero,eliminare politici e portaborse dai cda,oltre a  spezzare le mafie politiche.Peccato che si parli di società che non erogano servizi ai cittadini.
Le grandi multiutilities e i politici che ci sguazzano sono salvi.


ESODATI

L'unica notizia buona é che almeno per altri 55 mila si risolverà la questione,mentre per altri 100 mila o più siamo sempre in alto mare.Perchè i dati veri sono quelli dell'Inps e non quelli della Fornero.
Mettiamoci pure tagli alle forze armate e alle auto blù.

COMICHE

I bidelli non puliranno più le aule,ma il servizio sarà affidado ad esterni.
Obiettivo dimezzarli nell'arco del... 2030.
Nel frattempo pagheremo sia i bidelli che gli esterni.
Poi le pagelle online,chissà che risparmio di carta....!


Diciamo pure che(molto) poco é meglio di nulla,ma di fronte agli squilli di tromba trionfali che anticipavano questo raschiabarile,siamo di fronte ad una pernacchietta in termini di impatto sulla situazione in cui siamo.Anzi,molte misure rischiano di aggravarla..
Inoltre non si può non constatare che i tagli più pesanti colpiscono sempre i soliti.Il taglio delle risorse per la sanità e per gli enti locali produrrà una riduzione drastica di un sistema di welfare.

Insomma,tenuto conto della diluizione temporale delle misure, che la maggior parte di queste misure resteranno sulla carta, e conseguentemente gli scarsi effetti che avranno le magre cifre ottenute sull'attuale situazione,resterebbe solo da dire,come spesso fanno i tecnici quando non san che dire,che sono segnali per il mercato.
Dato che gli squali speculatori fessi non sono e di giornali e tv se ne fregano,sia per il vertice farsa che per questa spending ridicola non fanno una piega......SPREAD A 460.
Questa é la vera risposta a tutte le bolle di sapone di questo imbonitore da fiera che ci governa .

Il problema dei problemi poi resta sempre l'Europa e nemmeno la diminuzione del tasso di sconto a 0,75%,ha avuto effetto,così come la non remunerazione dei capitali delle banche presso la BCE (prima fruttavano l' 0,25%).L'intento era di spingere le banche a concedere credito al sistema produttivo,ma evidentemente la speculazione non ci crede,non crede che le banche faranno finire il credit crunch che da mesi assilla le aziende.
Ma più in  generale ,non credono più nè all'euro, nè all'Europa.


PS- le ultime parole famose....

L'economista Giavazzi,uno dei supertecnici arruolati per la spending review,dopo che sul Corserva aveva attaccato Monti (tutto un programma....),dà un'alta prova della sua professionalità.
Il 24 novembre 2011 scriveva in un articolo intitolato C'è una sola via d'uscita: "non vi é altra soluzione....cominciare ad emettere eurobond..."
Martedì,dopo essersi seccato la lingua a forza di leccare la Merkel in visita a Roma,scriveva in un editoriale:
"....non salti nel buio,proposte inutili come gli eurobond....".
E questo passa per un signor economista....cosa penseranno i suoi incauti lettori?
Non lo sappiamo,però si sbaglierebbe a crederlo un quaquaraqua?
Cosa avrà mai fatto cambiare pensiero al nostro eroe..?
Questo invece lo sappiamo....

lunedì 2 luglio 2012

EUROBATRACOMIOMACHIA

Saluti dal vertice.
Italiani....!!! Beccatevi questo....!!!
Il vostro caro Mariocazzola
.................................
Subito dopo aver conosciuto quanto stabilito in questo vertice truffa-pastetta,abbiamo scritto sull'ennesima supercazzola che il burattino della Bocconi ,insieme ai suoi sodali europei,ha confezionato al popolo italiano.


Più si esamina il polpettone avvelenato incartato dai parassiti di Bruxelles ,e offerto come panacea ai peones rincitrulliti dal pallone,e più risultano indecenti,vergognosi,leccazampe,deliranti,dementi,accattoni,pezzenti....- acc...mi mancano ormai gli aggettivi...- .i titoli trionfalistici della stampaglia italiana,ormai ridotta a carta igienica o da imballaggio,a seconda del tipo di carta che usano....

Un misero scudo di cartone antispread che per funzionare davvero avrebbe bisogno di risorse illimitate,e non la miseria di cui hanno inteso dotarlo.Non é manco un meccanismo automatico oltre una certa soglia di spread,ma bisogna chiederlo e firmare un memorandum,versione aggiornata per i gonzi della famosa troika.
Ti metti in coda e aspetti,intanto che magari sei sotto attacco della speculazione.
Il nostro condottiero Mariocazzola,manco si é accorto del trappolone tedesco,della manfrina finta messa su dalla Merkel,ben felice di uscirne senza danni,ammollando  questa fesseria dello scudo.
Altro che strenua battaglia,descritta da strepitosi toni leccazampisti dai comici involontari di Repubblica,giornale principe delle famose carte... !


"  La giornata è stata lunghissima. Monti ha negoziato dalle nove del mattino, prima al telefono, poi di persona. Contatti anche con la Merkel e i vertici delle istituzioni europee. Ma da Berlino fino alla svolta è stato sempre e solo un "nein"… Ce n'è abbastanza per puntare i piedi. E infatti lo fanno. Mentre a Varsavia si gioca la semifinale tra Italia e Germania, Monti pone il veto sull'intero pacchetto Europa… Rajoy lo segue a ruota. Il francese Hollande li appoggia, ma senza tirare troppo la corda. La Merkel resta comunque di stucco, spiazzata… La Cancelliera è nell'angolo… Uno smacco. Quando anche lei lascia il palazzo della Ue è terrea in volto."


Descrizione degna di una finale di briscola al  Pedale Veloce....o del torneo di bocce dell'Arci.....
Questi pennivendoli,ascari di Mariocazzola,fanno finta di non sapere quanto noi e gli altri abbiamo già firmato in trattati demenziali (vedi più sotto...).

L'altra probabile ipotesi é che fossero tutti d'accordo in questa farsa per salvarsi la faccia.
L'altro fesso della compagnia anticrucchi é Hollande che partito in campagna elettorale scudo in resta contro il Fiscal Compact,torna a Parigi con un pugno di mosche.Il povero Rajoy ha fatto solo numero,per lui non é cambiata una virgola.
Una finta lite tra compagni di merenda per non parlare di quello che contava: magari gli eurobonds cancellati o BCE prestatore di ultima istanza.
Ora chiedetevi chi realmente ha guadagnato da questo vertice,al di là dei patetici paragoni calcistici (Monti batte Merkel...Italia Germania 3-0....) messi in scena dai nostri squilibrati e perniciosi pennivendoli,una cricca di venduti e incapaci da ricoverare a Villa Serena....

Manco val la pena di parlare delle due altre fesserie della Tobin Tax,inapplicabile, e dei 125 miliardi per la crescita...del quartiere dietro casa mia..Una presa per i fondelli.
L'unica cosa che interessava a questi strozzini era salvare i loro strumenti di potere bancari e finanziari,facendone pagare il prezzo ai già da loro disastrati popoli.Da dove mai credete che venga il dinero?
Il resto puro teatro e strombazzate di Mariocazzola.

Vittoria-pagliacciata number one:  il famoso scudo,era già previsto dal Trattato MES da mesi, dove si legge che “Il MES può comprare i titoli di Stato del Paese in difficoltà direttamente all’emissione (mercato primario). O sul mercato secondario (titoli già emessi)”,e anche qui solo se il Paese ha i conti in ordine. 
La differenza era che il MES prevedeva l’intervento della Troika , e per evitarlo intanto  i leader dell’Eurozona dovrebbero riscrivere e ri-firmarel’intero Trattato europeo che ha creato il MES. Quanto al nuovo memorandum,bisogna vedere se il trucco uscito dall porta rientra dalla finestra.
Di questa gentaglia non c'è mai da fidarsi.

Se poi analizziamo lo status di colonia inflitto all’Italia con vari Trattati europei sovranazionali e vincolanti come il Patto di Stabilità, European Semester, il Preventing Macro Economic Imbalances, l’Europact, il Fiscal Compact...il risultato di questo vertice é acqua fresca.

A chiusura,riprendo una metafora di Barnard " i rimedi sbandierati dal vertice europeo di venerdì sono concime biologico sparso su orti all’ombra di Seveso."

E ancora: " La struttura monetaria dell’Eurozona significa che ogni singolo euro speso dagli Stati membri per qualsiasi cosa, dalla Funzione Pubblica alla crescita nazionale, deve essere poi restituito a mercati di capitali privati da cui questi Stati sono oggi costretti ad approvvigionarsi di moneta, e che applicano tassi usurai a loro (truffaldina) discrezione. Quindi lo Stato di Monti se vuole ripagare i debiti dovrà venire poi a trovare gli euro uno dopo l’altro nella tasche di cittadini e aziende con tasse da economicidio e tagli alla spesa pubblica. Quindi crollo dell’economia, deflazione dei redditi, dei consumi, fallimenti di aziende… ecc. ecc."

I truffatori....

..
 Venne la razza

Ossosa, incudischiena, incurvibraccia,
Guercia, forbicibocca, ostricopelle,
Marciaindietro, ampiospalla e gambistorta,
Manispasa, occhiterga, impettosguarda,
Ottipede, bicipite, intrattabile.


leggere anche sul vertice europeo:

http://www.sollevazione.blogspot.it/2012/07/di-nuovo-sul-vertice-europeo.html#more
http://informare.over-blog.it/article-ancora-sul-vertice-occhio-che-le-bugie-hanno-le-gambe-corte-107690795.html
------------------------------------
NOTA

FISCAL COMPACT

Il Fiscal Compact, un Trattato firmato da Monti il 2 marzo scorso, e che entrerà in vigore il primo gennaio prossimo, stabilisce che:

1) La sovranità di spesa dell’Italia è soppressa. Ogni sua decisione di spesa sarà giudicata, e correzioni possono essere imposte dall’esterno. Le correzioni saranno dettate dalla Commissione Europea di tecnocrati non eletti (che, come ampiamente dimostrato, rispondono alle lobby finanziarie di Bruxelles, nda). Sancito dal Fiscal Compact nel TITOLO III art. 3/1 e) - 3/2.

2) Se l’Italia disobbedisce sarà multata dalla Corte Europea di Giustizia per 2 miliardi di euro. Sancito dal Fiscal Compact nel TITOLO III art. 5/1 a) – art. 8/1 – 8/2.

3) Dalla firma di questo Fiscal Compact in poi, uno Stato della zona Euro, come l’Italia, dovrà chiedere un’approvazione alla Commissione Europea e al Consiglio Europeo prima di emettere i propri titoli di Stato.Qui la funzione primaria di autonomia di spesa dello Stato sovrano è cancellata, con una umiliazione indicibile. Sancito dal Fiscal Compact nel TITOLO III art. 6.

4) Se uno Stato dovesse aver bisogno di sostegno finanziario europeo attraverso un salvataggio da parte del Meccanismo Europeo di Stabilità, non avrà un singolo Euro se prima non avrà firmato il Fiscal Compact e non lo avrà obbedito in toto in tutte le clausole di perdita di sovranità umiliante di cui sopra.
Sancito dal Fiscal Compact nella premessa a pag. 4



EUROPEAN SEMESTER


Il semestre europeo è una  una task force presieduta dal presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy, al fine di rafforzare le disposizioni europee sulla governance economica.
Organo di controllo macroeconomico e fiscale e sull'avanzamento delle riforme.... degli stati membri.

Nel corso dei primi sei mesi di ogni anno i governi nazionali sono tenuti ad informare la Commissione allo stesso tempo sui progressi registrati con:
i programmi di stabilità e convergenza previsti dal patto di stabilità e crescita
i programmi nazionali di riforma della strategia Europa 2020.
Durante questo semestre la Commissione può offrire un orientamento politico e formulare raccomandazioni ai governi prima della definizione dei bilanci nazionali. Insomma un altro organo di controllo e di condizionamento che più che "offrire",impone.



PREVENTING  MACROECONOMIC  IMBALANCES


Il MIP è un meccanismo di sorveglianza che mira a prevenire e correggere gli squilibri macroeconomici all'interno dell'UE. Essa si basa su un sistema di allarme che utilizza un quadro di valutazione di indicatori e approfondimenti paese, e regole rigide nella forma di una nuova procedura di squilibrio eccessivo (EIP),con sanzioni finanziarie per gli Stati membri dell'area dell'euro che non seguono alle raccomandazioni.


EUROPACT


La Repubblica Ceca é stato l'unico membro dell'Unione europea,oltre allla Gran Bretagna, a rifiutare di aderire al cosiddetto "patto fiscale" per imporre la disciplina di bilancio.
 Legge che limita il deficit di spesa . I paesi che superano tale limite possono essere colpiti con sanzioni automatiche. Il patto non richiede l'approvazione degli elettori attraverso referendum nazionali.

Insomma una vera e propria gabbia per rendere impotenti gli stati membri,una grave perdita di sovranità...senza in pratica nessuna contropartita.


(george)