lunedì 10 dicembre 2012

ASCARI DI REGIME


Monti e le truppe cammellate del Corriere


Flebuccio de Bortoli ha scritto ieri domenica 9  dicembre il suo diligente lenzuolone sul Corriere in difesa di Monti dal titolo "Il racconto di Monti: perchè lascio".
A dire il vero, tutte le truppe cammellate di Via Solferino si sono mobilitate nel fargli da supporter: da Massimo Franco l'editorialista, a Marzio Breda, a Federico Fubini che si preoccupa già  di cosa diranno domani i mercati finanziari della sfiducia ad un governo così buono, così giusto, così efficiente, così virtuoso... Ma soprattutto così popolare e magnanimo. E' un coro a voce unica più coordinato di quelli recenti alla Scala. Monti, come si ricorderà  è stato editorialista del Corserva e le truppe solferiniche si sono da subito, schierate  e strette a coorte.
Ah, Flebuccio Flebuccio! Non gli bastavano le interviste in ginocchio. Ora ne scrive una addirittura una da sdraiato. Praticamente si dispone a  stuoino. Sì, perché non vuol nemmeno far vedere  che si tratta di un'intervista classica con tanto di domanda grassettata in nero e di risposta con caratteri comuni.
No, Flebuccio (copyright Dagospia) in questo contesto fa la voce fuori campo come nei film hollywoodiani degli anni '40 e 50, e narra... Usa lo stile indiretto, da vero romanziere, crea degli incastri, dei flash back... Talora si trasforma in poeta epico: Cantami o Divo del Pelide Achille, l'ira funesta che... ...


Nella versione on line di detto articolo formato-lenzuolo, il grassettato viene messo nei punti topici, non in funzione di domanda, ma di sottolineatura di quanto si ritiene importante far rimarcare. Ci sono tutti gli elementi della retorica: l'apprensione della moglie Elsa ("Mario? E' su che sta telefonando").
Poi Monti che si racconta  su Cannes: "Non ho risposto per tutta la giornata alle molte domande che mi venivano poste, soprattutto dagli stranieri. Ho colto il loro sbalordimento per la situazione italiana".

Flebuccio che riferisce: Il Professore racconta di essere andato a Cannes dopo aver letto e riletto la dichiarazione di Alfano e di essersi convinto che quella era la vera mozione di sfiducia  nei confronti del suo governo. Sprezzante sui risultati ottenuti, violenta nei toni, profondamente ingiusta.E si domanda perché non siano stati più coerenti i rappresentanti del Pdl, partito per lunghi mesi responsabile e disciplinato di quella che un tempo era, per sua definizione, una «stranamaggioranza», a votargli subito la sfiducia. Sarebbe stato subito preferibile.
Insomma avrete capito che Flebuccio si presta a fare da consulente psicologico a Mortimer e ai suoi sentimenti-risentimenti. Sì, perchè anche i Grigiocrati hanno un cuore e il Premier uscente ce l'ha con Angelino del Pdl: tanto gentile e tanto onesto appariva!
E invece, guarda te,  si è trasformato in un arrogante tribuno: vatti a fidare!
Monti è lì con De Bortoli che conosce da una vita, ma non deve dare l'impressione ai lettori che questa sia un'intervista-sfogo: noblesse oblige. Perciò il lettore viene indotto a comprendere e a estrapolare dal contesto narrativo. Alta letteratura, non c'è che  dire!

Ho cercato in questi mesi, confessa un amareggiato ma non piegato premier, di non cedere al mio carattere, di essere meno suscettibile, ebbene avrei preferito che staccassero la spina direttamente, con un voto di sfiducia, non in quel modo. (Si noti come le dichiarazioni di Monti siano inserite in uno stream of consciousness debortoliano, senza mai venire virgolettate) .

Non vado oltre e arrivo alla conclusione del lungo peana tale da far schizzare le glicemie alle stelle.
Flebuccio si avvicina timidamente al Grigiocrate e gli offre alcune suggestioni :
E ora presidente, lei è libero di prendere le sue decisioni, anche di candidarsi , anche di candidarsi alle politiche, ormai la necessità di essere super partes è caduta o no? Il silenzio dell’interlocutore è significativo, è chiaro che ora si sente libero di decidere.Ci sta pensando, molti lo spingono a fare un passo. 
E anche il presidente della Repubblica, crediamo, non lo ritiene più impossibile. In poche ore muore il governo tecnico, il paese corre alle urne, in un confronto così radicale che schiaccia moderati e liberali che guardano a Monti con rinnovata speranza. Forse Alfano non sapeva che con le sue parole ha fatto cadere un esecutivo ma non ha tolto di mezzo un leader. La pressione dei centristi su Monti si intensificherà. E lui non tornerà di certo alla Bocconi. 
Il Lohengrin della Scala è finito negli applausi. La tragedia italiana continua. 
Il libretto è tutto da scrivere, la musica pure, la platea assicurata e mondiale, ma purtroppo assai poco disposta nei confronti degli interpreti. Il sipario non scende mai.
Mi soffermo su quel "molti lo spingono a fare un passo..." . E anche sulle diversa titolazione dello stesso articolo, dalla versione cartacea a quella on line, che semplifica con "Monti in politica? Da adesso sono più libero". 
E già l'augurio e  l'endorsement del Corrierone delle Banche? Questi pennivendoli che si prestano a fare gli zerbini dei banchieri, dovranno assumersi la loro responsabilità nei confronti delle sofferenze inflitte al popolo italiano, quando molte teste rotoleranno. Il sipario calerà eccome, e i pavidi cortigiani disinformatori alla Flebuccio verranno cancellati dalla Storia, poiché questo chiamasi collaborazionismo.

Ma intanto ecco la vendetta di Rigor Mortis secondo Libero: lui sta per abdicare, ma con un ultimo beffardo blitz potrebbe consegnare il Paese alla Troika e vincolare i prossimi esecutivi politici a seguire la "linea" del rigore e delle tasse già varata dai tecnici. Negli artigli della fatale Troika per un ventennio?

- da http://sauraplesio.blogspot.it/2012/12/monti-e-le-truppe-cammellate-del.html

- anche:http://www.liberoquotidiano.it/news/economia/1139389/Monti-pronto-all-ultimo-blitz---chiedera-aiuto-alla-troika--e-fara-commissariare-l-Italia.html
(il ministro dell'economia Vittorio Grilli e il possibile intervento della Troika sui nostri conti) 

23 commenti:

  1. GAUDEAMUS IGITUR!

    Almeno per ora....perché questi sempre ritornano...ma era questo che volevamo da tempo!
    Che la storia di questo grigio burocrate,un anonimo,culo di pietra da ufficio,un travet degli usurai,alla guida di un Paese finisse.
    E non possiamo che rallegrarci,dopo mesi che si voleva cacciarlo.
    A lui molto dispiace,ci aveva preso gusto,essendo un gran vanitoso costretto all'anonimato per settant'anni....sbalzato dall' ufficetto alla guida di una nazione,sotto i riflettori..adulato dai pennivendoli,a tu per tu con i capi mondiali...eh beh,insomma un bel passo avanti...!
    Dopo il palco reale della Scala,aveva commentato: " il Re Sole si allontana da me..."
    Capito il tipo...?
    Per questo credo che non si ritirerà nell'ombra....é molto facile che ce lo ritroveremo ancora tra i piedi,ma per ora brindiamo.
    La stampaglia in lacrime,oltre le truppe cammellate entrano in scena anche quelle porporate
    "Bagnasco: non si puo mandare in malora i sacrifici di un anno".Senti chi parla di sacrifici....
    Anche il crucco caporale Schutz,tra una birra e l'altra,minaccia sfracelli.

    La battaglia però non é finita,perché l'agenda Monti continua.
    Il prossimo governo di Bersani sarà ancora più tragico e comico nel gestirne l'eredità,e dovremo farlo durare anche meno...avrà la credibilità di tartarino qualunque.
    Prima ci disfiamo di questa classe politica incapace e senza coraggio, e prima ci disfaremo dell'euro...

    RispondiElimina
  2. Insomma,é una soddisfazione che ci auguravamo da tempo che questi tecnici se ne andassero,nonostante le sviolinate di De Sortoli e soci,che certo non hanno reso un servizio al popolo italiano,tutti schierati con l'affossatore.
    Brindiamo,ma non tyroppo,già si proflano altre truppe cammellate agli ordini degli usurai,Casini,Bersani....certo sarà difficile continuare con l'agenda Monti,e se lo faranno,saranno spazzati via pure loro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io credo che il prossimo governo della sinistra bancaria avrà vita dura a far rispettare l'agenda monti....sarà la volta buona che spariranno...

      Elimina
  3. ci ricorderemo di questo scritto leccazampista del Corserva....questi cosidetti giornalisti stanno in un altro mondo,ma non dovrebbero essere i cani da guardia? Siamo solo ai barboncini...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ormai ,e specie dalla vicenda libica in poi,la stampaglia italiana ha perso ogni credibilità...sono solo dei camerieri al mercto in vendita ai migliori offerenti...i cani da guardia? Sì,del potere...non certo del pubblico...

      Elimina
  4. Mai visti tanti camerieri del potere,un ruolo che non si addice alla stampa che vuol essere tale.
    Ma é il vizio italiano,salire sempre sul carro di chi comanda,n questo caso senza emmeno accorgersi che pure chi comanda é comandato,e non certo da chi vuol bene al popolo.questo non lo dicono,o hanno scambiato gli interessi italiani per quelli tedeschi o di chi vattelapesca?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. gli interessi che a loro interessano sono i propri,restare nella greppia e obbedire,non hanno più nessun ruolo da svolgere,simili ai partiti che criticano e con un Ordine ridicolo unico al mondo che li spalleggia.
      Kraus,essendo un giornalista lui stesso,li conosceva bene,e in numerosi aforismi li ha mostrati per quel che sono.

      Elimina
  5. "Ascari"? Non è che percaso volevi scrivere ACARI? :P Secondo me gli si addice di più. Bestioline invisibili che mangiano letteralmente merda. Scusate é_é ma quanno ce vò ce vò.

    Parlando d'altro... avete visto la "signora" Litizzetto che ha perso le staffe in diretta? Berlusconi l'ha stufata. Ma se è grazie a lui se ha ancora qualcosa da berciare. E noi la paghiamo fior di milioni col nostro canone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo....acari é il termine giusto...
      La Litizzetto é un'altra scimmietta del circo che ora si atteggia pure scrittrice,dopo che un fesso sulla Stampa ne ha tessuto gli elogi.
      Se per questo,pure lei ha stufato...solo in questa repubblica bananiera una tale nullità poteva avere qulche chance.Poi si sa,appena diventano noti,si credon qualcuno e si montano come svegliette da comidino.
      Insomma,oxfordianamente una mezzasega,come donna e il resto.

      Elimina
  6. JOhnny, grazie per il link. Volevo farti rimarcare anche il link di LIBERO nelle ultime righe (che nel copiincolla è saltato) circa il ministro dell'economia Vittorio Grilli e il possibile intervento della Troika sui nostri conti:

    http://www.liberoquotidiano.it/news/economia/1139389/Monti-pronto-all-ultimo-blitz---chiedera-aiuto-alla-troika--e-fara-commissariare-l-Italia.html

    Qui i mostri e le mostruosità non finiscono mai come nei fanta-horror.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ok...aggiunto
      non abbiamo ancora visto tutto...te ne accorgerai con bersani,casini,vendola comando!
      Ma se ne accorgeranno pure loro....per quanto possa sembrare esagerato,se seguiranno l'agenda monti,rischiano di sparire....fin qui gli italiani bene o male hanno sopportato la tragedia,ma la ripetizione in farsa certamente no...sarà un Vietnam per loro...

      Elimina
  7. Al tuo "gaudemus igitur",la sinistra e il suo leader ti rispondono col "hic manebimus optime".Adesso tocca a loro,per diritto,con l'alternanza democratica tosare le pecore,per conto dei "buoni pastori"usurai.....Solo una considerazione...il risultato,della nuova gestione è certo...insuccesso "pieno" a "breve" termine di qualsiasi aggregato di partiti riescano a fare....e allora non capisco cosa a da rallegrarsi e ridere il leader della sinistra...o non brilla come valore del Q.I.o "obtorto collo"lo deve fare "per forza"(?)...e allora poiché mi sta a cuore il destino dell'Italia,gli faccio tanti auguri....ma credo(anzi sono sicuro)che non serviranno a niente.Intanto brindiamo che è finito(per parafrasare una nota canzone)"il peggiore anno della nostra vita"Ciao Tonino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non credo che rimarranno optime per molto se seguiranno l'agenda monti...io credo invece che andare al governo sarà la loro rovina...già ne han prese come politici,figurati come governanti...in questa situazione.
      Ormai molti si son svegliati e non accetteranno certo i dikat di un bersani o casini...c'è l'esperienza di un anno alle spalle...sarà un Viet Nam per loro...

      Elimina
  8. Ho visto questo articolo poco fa su Fb e mi é piaciuto per l'ironia verso questo signore sempre attento a non dispiacere ai potenti.Parlno di mercati,di questo,di quello....mai che come giornale venga in mente di parlare a nome dei lettori;Non credo che nemmeno quelli del Corsera saranno tanto contenti di Monti!
    Pare che i cittadini non interessino nessuno,se non ai vampiri di equitalia o per l'imu;pecore da tosare e basta.Non c'è un solo grande giornale di opposizione,tutti schierati col regime usuraio,fino a mettersi in ginocchio come in questo articolo del post.sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche tu Sandra stasera fai le ore piccole....ho visto il tuo commento in un gruppo e non posso che essere d'accordo sulle tue considerazioni sulla stampaglia di regime italiana.Ma è mai possibile infatti che nessun giornale di una certa importanza,e che dovrebbero essere i cani da guardia dei cittadini,si esima dall'appoggiare questo criminale che ci ha ridotto quasi sul lastrico come paese? Pubblicano cifre negative da sfascio,ma poi quandi si tratta delle conclusioni glissano o addirittura come Flebuccio rimpiangono questo sicario...per non parlare dell'euro,mai a nessuno che venda in mente di uscirne,di prender posizione.ricordiamoci di loro quando il sistema europ andrà in pezzi.

      Elimina
  9. Due battute(Castigat ridendo mores)e una considerazione seria.
    Povero Bersani,il compito che lo attende è quasi impossibile....resuscitare morti(per fame) è riuscito nella storia a pochi,poche volte,e non per un popolo intero ..ed è oltretutto motivo di fede....nei suoi panni c'è proprio da mettersi le mani nei capelli....non sò come farà.
    Invece in TV il Dimissionario Leader,scherzava sul fatto che all'asilo il suo nipotino, i suoi compagnucci lo chiamavano amichevolmente "Spread"...Ci rideva,divertito, sopra e forse si chiedeva il perché di questo soprannome.
    E poi dicono che i giovani sono fessi,quando già da bambini hanno chiara la situazione che li circonda.

    Torniamo al serio...Jhonny cerca di recuperare l'intervista sul TG di RAI 1"Economia", oggi alle 2,15 di Di Taranto,della Università Luiss,sui giochi fatti con l'euro(dalla sua fondazione) dalla ricca Germania,e sulla differenza che si è creata tra lo Stato sovrano,e quelli subarterni(ai quali noi apparteniamo),ha in breve centrato l'argomento,dicendo cose vere e interessanti...Ciao tonino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. castigat ridendo mores.....che non sono i mori...
      Già...i bambini! Meglio dei nonni....!

      Vedrò se mi sarà possibile recuperare questa intervista,anche se Bagnai l'ha ben spiegata sta storia nel suo libro.Ciao

      Elimina
  10. Su Bersani hai perfettamente ragione. Occorre considerare che lui, Kapò Schulz, camomilla Hollande e tutto il socialistume residuo fanno parte della Fabian Society. Pertanto sono degli acceleratori del mondialismo che si configura nei punti che già sappiamo:

    1) moneta elettronica totale (vedi le esortazioni della fabiana Gabanelli)

    2) Ius soli agli immigrati per favorire il meticciato globale e accelerare la fine delle nazioni sovrane.

    3) matrimonio omosessuale, per smantellare e rendere precario il già precario istituto della famiglia.

    Speriamo che nel frattempo arrivi qualcosa che ce li allontani dalle scatole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai il termine socialismo ha perso il suo significato (come anche altri -ismi),si é aggregato armi e bagagli ai mondialisti ,agli eurodementi,tutti impegnati a distruggere tradizioni,storia,cultura,costumi e differenze tra i popoli maturate in duemila anni.
      Creare masse di sbandati senza identità ai fini del controllo.
      Ecco perchè,oggi come non mai,serve un po' di anarchismo per non farsi intrappolare,anarchismo che é un'atteggiamento dello spirito che non accetta di sottoporsi a dogmi spesso falsi e precostituiti a cui conformare le circostanze reali,da qualunque parte essi provengano.
      E questo vogliono i mondialisti,imporre i loro dogmi a prescindere dalla situazione reale che li smentisce (vedi il mantra austerità);essa deve conformarsi anche a costo del baratro.
      Era il vizio dei comunisti,il partito codificava ciò che era bene e male una volta per tutte,infischiandosene altamente delle circostanze reali che dovevano adeguarsi....sai quante cazzate hanno detto e fatto esimi intellettuali seguendo questo principio..!!

      Elimina
  11. **********

    LUGANEGA – Ormai te l’ho detto in tutte le salse. Tu, Agonia,devi stare fuori dai giochi. Vorresti togliermi voti, forse? Se è cosi te lo puoi sognare il Quirinale!

    AGONIA – Caro Luganega, sai come dicono a Napoli? Ca’ nisciun’ è fesso. Ma tu mi immagini fesso? Non ti preoccupare, ché non lo sono.

    LUGANEGA – Non è una risposta. Come al solito tu fai il pesce in barile. Mi fido poco delle titillazioni lascive che ti fanno Lupanari, Liberaebella e il capo dei pretonzoli. Attento te, Agonia… guarda che noi abbiamo Mortadella di riserva!

    LUPANARI – Ma non hai capito niente Luganega! Guarda che, con o senza Orecchino, noi alla fine saremo pronti a far torta con te!

    ORECCHINO – Così deve parlare un vero democristiano! Fottendosene dello Sborone, ma sotto sotto anche di Agonia, dopo averlo tanto insaponato con perfidia da gesuita.

    SBORONE – Fate i conti senza l’oste, anche se temo che ci azzecchiate. Mi girano i maroni, come la pallina della roulette. Pallina che non spero cada sul nero o sul rosso, ma che travalichi la ruota e plani sul tavolo verde del Bossi. Allora, con l’aiuto di Sallusché e delle mie indomabili Cavallerizze, potremmo raggiungere il 27 per cento…

    CAVALLERIZZE – Noi siano felici, noi siamo centente.

    LUGANEGA – Ma che cosa dici, Sborone? E dove la metti Ruby e altre tre o quattro sorpresine da qui a metà febbraio? La Bocassa ti seppellirà e io non sono minimamente preoccupato. Qualche pensiero, invece, me lo dà Hulk.

    HULK – Vaffa, Luganega. A te a e a tutti gli altri, beccatevi il mio vaffa.

    ORECCHINO – Anche a me, Hulk? Credi che io mi offenda? Dicono che tu sia un comico, ma non mi fai ridere nemmeno un po’.
    Tommaso4ever (cfr.: gujlermo.com)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un bel teatrino illustrativo della situazione

      Elimina
  12. Simpatico il teatrino delle"mario"-nette,descritte da Tommaso4ever....
    Nota di cultura...ho detto marionette e non burattini...perchè le marionette(quali sono i personaggi adombrati in questa simpatica satira)sono mosse da fili e da personaggi dall'alto...e anche da poco distante gli spettatori non vedono né fili,né "pupari"(che però ci sono)
    I burattini,invece(generalmente solo due per volta)sono guanti con alla fine testa e mani,indossati e"mossi" dal basso da un burattinaio,lo stesso per i due burattini,che ne muove uno con la mano destra e l'altro con la sinistra.
    Tutti e due i casi,splendida allegoria della baraonda democratica,che sta caratterizando questo periodo infelice della storia della nostra Patria.
    Per uscire da metafora ...i due burattini mossi da due mani differenti dello stesso regista rappresentano lo scontro tra gli schieramenti dei sistemi duali...il Centrodestra e il Centro sinistra....mentre il teatrino di marinette descritto da tommaso fornisce una fotografia di ciò che si ottiene con questo sistema,e degli individui che ne escono,e che spesso poco "onorevolmente" vanno solo a poggiare le loro terga (qualcuno la faccia)ai seggi del palazzo,Ciao Tonino

    RispondiElimina
  13. Lunanega-Bersani....Agonia-Monti...Lupanari-Casini...
    ...orecchino-vendola....sborone-berlusconi...hulk-grillo....ce so' tutti....'na fuffa de poco...!!! aggiungece li porporati vatik... e mo ce se mette pure la culona....ce manca solo er rimba der colle...!

    RispondiElimina