lunedì 10 settembre 2012

LA TRAPPOLA BCE

E se l'annuncio di Draghi avesse più a che fare con le elezioni americane che con la sorte dell'euro? Apparenze e realtà di uno strano passaggio settembrino.
Troppe cose non tornano.Dunque bisogna cercare la spiegazione.

Partiamo dalla storia degli «acquisti illimitati», ma di là da venire, annunciati da Draghi. A leggere i giornali sembra quasi che i forzieri della Bce vadano già riempiendosi di titoli dei Piigs. In realtà, se mai vi saranno, gli acquisti partiranno solo dopo l'accettazione di pesanti condizioni da parte degli stati richiedenti aiuto.
Scusate, ma non era questo il meccanismo anti-spread già previsto dal famoso vertice di fine giugno che avrebbe dovuto realizzarsi attraverso il fondo ESM (Meccanismo europeo di stabilità)?
Perché ri-annunciare ora una cosa già decisa, salvo il parere negativo della Corte costituzionale tedesca, atteso per mercoledì prossimo? Tra l'altro, la Bce potrà intervenire solo sul mercato secondario, dunque in maniera meno efficace di quanto previsto per il fondo ESM che, in teoria, dovrebbe poter operare anche in asta.
Draghi ha voluto giocare d'anticipo, aggirando così le resistenze tedesche? Può essere, ma in ogni caso - al di là dell'«effetto annuncio» - quali sarebbero le novità'? Forse ci sbaglieremo, ma non ci sembra di scorgerne alcuna. Più che bond sembrano intenzionati a «comprare tempo», che è poi quello che fanno dall'inizio della crisi dell'eurozona.
Si fa molta retorica sul concetto di «illimitatezza». Se non vi sono limiti, non vi saranno problemi, pensa la sottocasta giornalistica al servizio di lorsignori. Peccato che non vi sarà illimitatezza alcuna.
Essa potrebbe esservi - evidentemente sempre in termini relativi (scusate la contraddizione, ma è così) - solo se venisse fatta la scelta di abbattere il debito monetizzandolo, cioè con l'emissione di nuova moneta.
Non è questa la scelta della Bce, e non avrebbe potuto essere diversamente in base al proprio statuto ed ai trattati europei in vigore.
Draghi ha infatti precisato che gli (eventuali) incrementi di liquidità prodotti dal piano Omt - Outright monetary transactions (Operazioni monetarie dirette), verranno sterilizzati con l'utilizzo dei fondi parcheggiati settimanalmente dalle banche presso la Bce. Poiché questi fondi non possono certo essere illimitati, la leggenda della illimitatezza potrebbe finire anche qui.

Apriamo ora una parentesi: ma che forse i precedenti acquisti di titoli (soprattutto italiani e spagnoli), messa in atto a partire dall'agosto 2011 (programma Smp), avevano formalmente dei limiti? Ovviamente no.
Nessun banchiere centrale potrebbe mai annunciare pubblicamente (che poi magari lo faccia privatamente con qualche banca amica è un altro discorso) limiti di questo tipo, men che mai sulle quantità che intende acquistare o sull'obbiettivo che si intende raggiungere sui tassi.
Ed infatti i dati sul Securities markets programme - Smp li abbiamo conosciuti solo a programma concluso.
L'unica vera novità, semmai, è che i limiti del nuovo Omt sono assai più stringenti di quelli del vecchio Smp. Con l'Smp la Bce poteva teoricamente effettuare acquisti di titoli di ogni tipo e di ogni paese; con l'Omt potrà farlo solo per titoli con vita residua fino a tre anni e - soprattutto - solo ed esclusivamente per paesi che richiedendo aiuto si sottopongano, sottoscrivendolo (vedi la Grecia), ad un Memorandum of understanding. 
Si può magari obiettare che l'Smp aveva un carattere eccezionale, mentre l'Omt - una volta avviato - dovrebbe durare per tutto il periodo necessario. Vero, ma con gravissime conseguenze, visto che il paese «aiutato» finirebbe di fatto in una sorta di black list finanziaria, dalla quale sarebbe ben difficile uscire.

Il piano della Bce prevede in effetti due livelli diversi di «aiuto»: il primo, per i paesi che hanno già perso sostanzialmente l'accesso ai mercati finanziari (vedi i casi di Grecia, Irlanda e Portogallo); il secondo per i paesi che pur non avendo ancora perso tale accesso, abbisognano di interventi tesi a prevenire questa eventualità. Per i primi si prevede la sottoscrizione di un «programma di aggiustamento macroeconomico», mentre per i secondi si dice che gli «aiuti» possono essere concessi in base ad una non meglio precisata «stretta condizionalità».
Il tutto comunque sotto il sinistro controllo della trojka Bce-Ue-Fmi. 

Ora, siccome Grecia, Irlanda e Portogallo hanno già sottoscritto il loro «piano di aggiustamento», è evidente che qui si sta parlando di Spagna ed Italia. Paesi che, si lascia intendere, potrebbero rientrare nel secondo caso di cui sopra, ma comunque chiamati a chiedere formalmente aiuto.
Il problema è che la richiesta di aiuto assomiglia molto ad una dichiarazione di fallimento, con tutte le conseguenze prevedibili sui mercati finanziari.

Ecco allora il paradosso di queste ore: da un lato i governi di Italia e Spagna festeggiano per le dichiarazioni di Draghi, dall'altro smentiscono (specie l'Italia) di avere - almeno per ora, in futuro si vedrà - la ben che minima intenzione di ricorrere all'aiuto della Bce.
Insomma, lo scudo dell'eurotower sarebbe così forte da salvare l'euro da renderlo «irreversibile» (bum!), e tuttavia nessuno vuole ricorrervi per non trovarsi con il marchio di «stato fallito».
Ma se nessuno lo utilizzerà, l'Omt altro non sarà che l'ennesimo «acquisto di tempo» di cui è disseminata la strada della fine dell'euro, un rottame da accatastare insieme al Smp ed al Ltro (il programma di finanziamento delle banche).

Vedremo, ma la sensazione è che la forza dell'annuncio di Draghi stia in realtà solo nell'annuncio. Se è così la verità non tarderà a venire a galla e gli spread riprenderanno allegramente il loro corso. Tuttavia, ogni cosa ha un senso, e non possiamo pensare che la mossa della Bce non ce l'abbia. Vediamo allora di capire chi potrebbe aver mosso i signori di Francoforte.
Draghi ha fatto il suo annuncio il 6 settembre, cioè esattamente due mesi prima delle elezioni americane. Per una serie di motivi, che non stiamo qui a ricapitolare, gli Usa sono interessati alla tenuta dell'euro più degli stessi paesi dell'eurozona, un paradosso solo apparente che dovrebbe far riflettere. Di certo a Washington non gradiscono un'acutizzazione della crisi finanziaria, da rimandare almeno a dopo le elezioni presidenziali, per garantire un nuovo successo ad Obama che dei potentati finanziari è grande amico.
C'è un particolare che non è stato sottolineato a sufficienza: l'apparente umiliazione di una Germania divisa. Tutti hanno visto il voto isolato del presidente della Bundesbank, Jens Weidmann, così come le ambiguità della Merkel, che ha usato una lingua in patria ed un'altra fuori. Ma la cosa ancor più significativa è stata la derisione di Draghi: «C'è stata una sola voce dissenziente, lascio a voi indovinare quale», al quale ha fatto da spalla un Monti che ha detto che «il parlamento italiano ribolle di sentimenti negativi nei confronti della Germania».
Quando mai questi tecnocrati hanno usato un simile linguaggio nei confronti della Germania? E se oggi lo fanno, la ragione può essere una sola: la certezza di essere spalleggiati da qualcuno di più forte, non solo le grandi oligarchie finanziarie, ma anche il massimo potere politico del pianeta che risiede alla Casa Bianca.
La pesante discesa in campo di Obama spiega sia gli ondeggiamenti del governo di Berlino, sia l'atteggiamento degli altri banchieri filo-tedeschi (Olanda, Finlandia, Austria, eccetera) che siedono nel consiglio della Bce. Costoro hanno detto sì, in parte perché consapevoli dei vincoli tremendi che verranno imposti agli eventuali candidati agli «aiuti», in parte perché non se la sono sentita di dire no alla richiesta d'oltreoceano.
In ogni modo, contrariamente a quel che si vuol far credere, il peggio è davanti a noi. Se lo «scudo» resterà inutilizzato i signori dell'euro guadagneranno al massimo un paio di mesi. Se qualche paese votato al martirio deciderà invece di ricorrervi saranno ancora lacrime e sangue. 

In questo senso vale quanto scritto da Sergio Cesaratto (http://politicaeconomiablog.blogspot.it/2012/09/un-articolo-su-il-manifesto.html) :
«Delle tre fonti di crisi, quella consistente dello stesso euro, quella dovuta al mancato intervento della BCE per due lunghi anni, e quella dell’austerity, la mossa di Draghi attenua la seconda, ma al prezzo di alimentare la terza, e senza far nulla nei confronti della prima. La mossa di Draghi va interpretata come frutto della paura che l’incendio si portasse via il presupposto medesimo del discorso, cioè l’euro, e che dunque i popoli dei paesi periferici potessero dire basta a questa lenta agonia. 
Si tiene dunque in vita il paziente, ma solo quel tanto perché dosi rafforzate dell’altra cura, l’austerità, facciano effetto nell’annichilirne ogni volontà di reazione».

Anche se tutto il blocco dominante si sforza di illudere sulla famosa «luce in fondo al tunnel», la realtà è quella di una recessione senza sbocchi, con tutto il corollario fatto di disoccupazione, precarietà, povertà e sfruttamento crescente. E l'euro è il gendarme di questo supplizio del popolo lavoratore. Ecco perché i «draghi» della finanza lo vogliono tenere in piedi a tutti i costi. Così vuole l'intera classe dominante, ed anche il padrone di Washington.

Qualcuno ha scritto che «l'euro è il Reagan d'Europa». Più si comincerà a prendere coscienza di questo fatto, più si avvicinerà il momento della riscossa.

(Leonardo Mazzei)

Fonte: www.antimperialista.it
Link: http://www.antimperialista.it/index.php?option=com_content&view=article&id=2178:piu-che-bond-lcomprano-tempor&catid=171:unione-europea

anche

- LA TRAPPOLA DI DRAGHI- http://www.frontediliberazionedaibanchieri.it/article-la-trappola-di-draghi-spiegata-di-paolo-barnard-109864249.html

http://francescosalistrari.blogspot.it/2012/09/007-operazione-draghi.html
-----------------------------------------------------


Draghi ci indica soltanto la via greca...chi vuole la grana si beve la troika e i suoi piani delinquenziali.
Il criminale Monti chiederà probabilmente gli aiuti entro fine anno, al massimo vicino alle elezioni 2013,se la speculazione lo permetterà. 
Non lascerà che a farlo sia il prossimo governo.
Per il semplice motivo che così facendo vincolerà l'azione del prossimo governo ai memorandum , mettendosi al riparo da qualsiasi rischio (anche se quasi inesistente) che una volontà politica alternativa (da ridere!) vinca alle urne. 
Il Governo futuro dunque avrà completamente le mani legate e un margine di manovra sostanzialmente inesistente.
Tesi confermata dalle ultime dichiarazioni del pulcinella del colle che incaricherà il prossimo presidente del consiglio,lo stesso Monti o simile.
"Continuità" col precedente governo,afferma.

L'operazione Draghi ,trionfalmente accolta dai soliti pennivendoli di regime,ha poi questo rischio: 

se fossi uno speculatore spingerei i paesi bisognosi a ricorrere agli aiuti, e quindi godere dei benefici derivanti dall'intervento della BCE che riacquisterebbe i titoli di stato facendone aumentare i prezzi e accollandosi il rischio sovrano.

Potrei anche speculare (molto probabile) sulla vendita dei titoli a lunga scadenza,che non potrebbe essere domata dalla BCE poichè, per ammissione dello stesso Draghi, costituirebbe un aiuto monetario agli stati vietato dai trattati (anche se resta da capire il motivo per il quale l'acquisto di titoli fino a 3 anni non rientri nella definizione di aiuti monetari), né dal fondo salva stati-ESM, stando le limitate risorse a disposizione versate (anche dai paesi bisognosi, Italia compresa)..
L'ipotesi dell'articolista circa la mossa Draghi connessa alle elezioni Usa non é da scartare

Nota

* Sterilizzare i titoli che Draghi comprerà significa che invece di pagarli con liquidità, li paga con titoli della BCE. Invece di dare soldi danno titoli, così i soldi di chi vende sono bloccati lì e non circolano creando inflazione, cioè sono ‘sterilizzati’.(Barnard).
Il termine sterilizzazione tecnicamente significa che la Bce vuole evitare che gli acquisti di bond abbiano un effetto inflazionistico e cioè abbiano un impatto sulla massa monetaria. Per evitare l'eccesso di liquidita' l'Eurotower, come fa gia' nelle sue aste settimanali, dovra' abbinare agli acquisti delle operazioni equivalenti di drenaggio (quali?) e dunque di riduzione della massa monetaria.

12 commenti:

  1. Qualcuno di questi articoli sulla trappola di Draghi lo conoscevo già (quello di Barnard). Comunque quello che la stampaccia non ci dice è che "aiuti" dalla BCE significa prestiti. Che i prestiti contengono "interessi usurai". E che quando uno stato è volutamente indebitato, gli Euro-usurocrati pigliano in ostaggio direttamente i cittadini stessi (risparmio, immobili, eventuali beni ecc.).
    Sono dei macellai e basta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E i prestiti vanno rimborsati,e il debito continua ad aumentare.Quanto agli interessi,nonostante lo spread sia sceso a 360,sui titoli decennali il tasso é al 5%,insostenibile...siamo sui 60 miliardi annui.Quante manovre vengono mangiate?
      Che me ne faccio del pareggio di bilancio con questa palla al piede?
      Dovremo ricorrere ai famosi aiuti con tutto quanto ne consegue.All'esm é stata negata la famosa licenza bancaria,credo che la speculazione,dopo la decisione della Corte tedesca (certo favorevole all'operazione Draghi)riprenderà alla grande.

      Elimina
  2. Chiunque vincerà le elezioni,si continuerà su questa strada della macelleria sociale.
    La cura Draghi é il colpo di grazia,saremo come la Grecia,pronti per la svendita.

    RispondiElimina
  3. Ieri sulla tg7,Stefano feltri,P.L.battista,il direttore di Europa e due sindaci....tutti inneggianti a Monti,ne invocavano il bis.E' pazzesco come questa gente viva fuori dalla realtà,specialmente quello del Pd.Uno che sentisse questa trasmissione ne ricaverebbe che tutto sommato non va male.Vergognoso come i media nascondono la verità,così come il vero significato di questa operazione Draghi,rivoltà a Spagna e Italia.E' paradossale,come dice l'articolista,che questo aiuto tanto invocato sia poi da Monti quasi escluso.Ma ormai viviamo nel tempo delle menzogne continue.Tutti gli indici continuano a peggiorare,altro che luce in fondo al tunnel!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai di questi media truffaldini non si sa più che dire!Un livello di vergogna mai raggiunto,un vero regime!Credo anche che ci sia una abissale ignoranza su certe questioni,perchè non é possibile sentire certe affermazioni che non tengono in nessun conto la condizione reale delle persone.Come si fa poi ad illudere la gente che Draghi ha salvato l'Europa.Se ne aaccorgeranno...!

      Elimina
  4. Scusate,ma non capisco.
    C'è un paradosso logico: le politiche di austerity non aiutano a risanare i conti. Al contrario deprimono i redditi e quindi rendono sempre più difficile il rimborso dei debiti, sia pubblici che privati.Non può che peggiorare la situazione la tanto lodata operazione Draghi

    RispondiElimina
  5. Johnny, vedrai che domani la corte tedesca darà il lasciapassare al MES, non facciamoci illusioni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è dubbio,difficile che non lo dia....nonostante fior di denunce che continuano ad arrivarle...hanno anche ventilato un rinvio....ma quello che rischia é Draghi,già sotto tiro da tutta la stampa tedesca e da molti politici,perchè se il suo piano avrà dei problemi,sarà sul banco degli imputati,nonostante le dure condizioni imposte ai paesi che chiederanno gli aiuti.Molto dipenderà dalla speculazione e anche dal voto tedesco del 27....senza dimenticare il caso greco che potrebbe esplodere.
      Per noi nulla cambia...se non é zuppa é pan bagnato...

      Elimina
  6. LA CURA DRAGHI PER l'ITALIA

    GRECIA

    23 Aprile 2010: chiede il salvataggio di IMF/CE/BCE
    pagava sui titoli a 10 anni il 8,3%.

    7 Novembre 2011: arriva il governo pro Austerità
    paga sui titoli a 10 anni il26%.
    Crescita dopo 1 anno di Austerità: meno 5,5%
    Disoccupati luglio 2010 12% - luglio 2011 17% - giovani 42%
    Debito Pubb. 2010 145% - 2011 165,3%

    IRLANDA

    22 Novembre 2010: chiede il salvataggio di IMF/CE/BCE
    pagava sui titoli a 10 anni il 8,1%.

    11 Ottobre 2011: arriva il governo pro Austerità
    paga sui titoli a 10 anni l'8,5%.
    Crescita dopo 1 anno: meno 1,4%
    Disoccupati nov. 2010 14% -ott. 2011 14%
    Debito Pubb- 2010 92,5% - 2011 108,2%

    PORTOGALLO

    4 Maggio 2011: chiede il salvataggio di IMF/CE/BCE
    pagava sui titoli a 10 anni il 9,5%.

    7 Novembre 2011: arriva il governo pro Austerità
    paga sui titoli a 10 anni il12%.
    Crescita dopo 1 anno: meno 1,8%
    Disoccupati luglio 2011 12% -ott. 2011 12%
    Debito Pubb. 2010 93,3% - 2011 107,8%

    AUSTERITA' LA CURA CHE CI SOTTERRERA'....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. coma profondo....era mia,l'hai modificata in chiusura,ma va bene lo stesso

      Elimina