martedì 7 agosto 2012

MARIO IL BRUSCOLINARO

Ogni volta che parla Mariobufala,o dice cazzate o fa danni.Quest'ultimo caso é di appena qualche giorno fa,quando il nostro burattino tecnologico,nella sua megalomania, si é messo ad impartire lezioni ai crucchi che,pur con tutti i difetti che avranno,ci han messo due secondi per mandarlo a farsi fottere.
Già...un pallonaro che gira tutta Europa col piattino in mano,e che si mette a pontificare,cose di questo tipo su Der Spiegel.

Cercando di far la morale al Parlamento tedesco(e alla Corte Costituzionale) se ne esce: "I Paesi più forti economicamente,dovrebbero lasciare più spazio di manovra indipendente ai governi rispetto alla decisione dei Parlamenti...."....e questo già la dice lunga sulla sua concezione di democrazia ,abituato a che fare con gli zombies del parlamento bananiero italiota.
Alcune risposte alemanne: "attentato alla democrazia"...."noi tedeschi non siamo disposti ad abrogare la ns democrazia per finanziare i debiti italiani"..."Nè in Germania,nè altrove il tentativo di costruirsi un profilo per ragioni di politica interna può diventare misura del proprio agire".
Quest'ultima é molto appropriata per Mariobufala che da mesi in patria e fuori,sempre in preda ad una costante sindrome di autoesaltazione, si spaccia come un gran personaggio,un salvatore,un mediatore,un Talleyrand dei poveri....rimediando in fondo solo  figure da peracottaro come questa.
Da noi,purtroppo,tutto il pattume politico e mediatico alimenta demenzialmente questa favola del presunto genio bocconiano.
E ancora: " Monti vuol risolvere i suoi problemi (un fallimento finora,questo lo aggiungiamo noi) a spese dei contribuenti tedeschi"...
Lui specifica ulteriormente  che "se i Parlamenti bloccano l'azione dei governi la frantumazione dell'euro sarebbe molto probabile"....santa sincerità sconcertante dei dilettanti politici.!....con questo non fa che confermare il funzionamento antidemocratico dell'Europa,la conferma che su questo criterio é stato costruito questo baraccone.....
Ora,a prescindere da torti o ragioni tedesche,ci troviamo di fronte ad un grande capolavoro diplomatico dello staff dilettantesco di professori che farebbero meglio a coltivar zucchine....!
Il risultato,a parte la figuretta da tartarino e i numerosi vaffa, é che il Frankfurter Allgemeine ha subito invocato il veto della Corta Costituzionale all'Esm.Tanto per gradire...
Se poi consideriamo che Draghi é sotto attacco da quasi tutti l'establishment teutonico....abbiam fatto giornata,,,,.
Quando si capirà che questo bufalaro di bocconiano é poco più di un nulla politico e che con le sue barzellette da inviato divino sta sotterrando una nazione! che é gonfio d'aria fritta come la famosa rana!
Naturalmente,a nessuno dei suoi degni compari istituzionali dell'obitorio romano é venuto in mente di dire qualcosa su questa sua pietosa rappresentazione internazionale....ridà dignità all'Italia,avevano detto....più che altro, con le sue velleità di Metterinich da cortile,fa ridere l'Europa.

(george)

4 commenti:

  1. Circola pure questa.

    La storia è stata raccontata da una lunga articolessa di qualche giorno fa sul Frankfurter Allegemeine, il più diffuso quotidiano tedesco: Monti avrebbe violato l’accordo fatto tra i leader europei di non parlare dei risultati del summit di fine giugno e di lasciare a Van Rompuy e Barroso il compito di illustrare il risultato dei lavori. Ma il premier italiano ha disatteso il patto e ha intrattenuto i media con la favola della sua “grande vittoria”. Stando bene attento però di riferire le cose plausibili e vere in inglese e le chiacchiere da miles gloriosus in italiano.

    Così il mattino dopo la Merkel, Hollande e gli altri hanno appreso di essere stati sconfitti da un Monti che in realtà era stato molto silente durante la riunione e non solo, ma vengono a sapere che il Mes, potrà acquistare titoli di stato in maniera automatica e senza condizioni. La realtà era invece che si era convenuto di procedere a possibili acquisti di titoli di stato, ma solo su specifica richiesta e dietro precise condizioni. La Merkel insomma si è trovata ad andare a letto da sostanziale vincitrice e si è trovata a fare la prima colazione da sconfitta. Il che naturalmente non l’ha solo mandata in bestia, ma ha ottenuto l’effetto di rendere puramente teoriche anche le pur timide aperture fatte in contrasto con la Bundesbank.

    Insomma una figuraccia gratuita e inutile che certamente avrà effetti negativi sulle nostre possibilità di contrattazione. Ma la sobria sceneggiata, fatta ad uso interno, una presa di fondelli per gli italiani, dimostra a che punto sia arrivato il cinismo e l’ambizione di un uomo che ormai è convinto di aver fatto l’uovo nel nido del potere: aveva bisogno di un risultato e se lo è inventato con la lucida complicità dei media. Spero nelle prossime sconfitte: almeno non saranno balle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come volevasi dimostrare....un peracottaro,un autoincensatore vanitoso come una puttana

      Elimina
  2. Secondo me Monti, come prima Berlusconi, viene talvolta sottovalutato: governa male e impoverisce il popolo perché VUOLE governare male e impoverire il popolo. Cosa che ne fa, effettivamente, un criminale, come dice Barnard.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A vote penso anch'io che si tratti di un teatro offerto ad usum populo,e sicuramente c'è un piano preordinato che lui segue,un piano affidatogli dai suoi amici strozzini e che lui da mesi esegue mandandoci a picco con ricette liberiste di austerità e recessione,ma in casi come questo rivela anche la sua personale incapacità a gestire certe situazioni,insomma,un servo e niente in tutto.

      Elimina