lunedì 2 luglio 2012

EUROBATRACOMIOMACHIA

Saluti dal vertice.
Italiani....!!! Beccatevi questo....!!!
Il vostro caro Mariocazzola
.................................
Subito dopo aver conosciuto quanto stabilito in questo vertice truffa-pastetta,abbiamo scritto sull'ennesima supercazzola che il burattino della Bocconi ,insieme ai suoi sodali europei,ha confezionato al popolo italiano.


Più si esamina il polpettone avvelenato incartato dai parassiti di Bruxelles ,e offerto come panacea ai peones rincitrulliti dal pallone,e più risultano indecenti,vergognosi,leccazampe,deliranti,dementi,accattoni,pezzenti....- acc...mi mancano ormai gli aggettivi...- .i titoli trionfalistici della stampaglia italiana,ormai ridotta a carta igienica o da imballaggio,a seconda del tipo di carta che usano....

Un misero scudo di cartone antispread che per funzionare davvero avrebbe bisogno di risorse illimitate,e non la miseria di cui hanno inteso dotarlo.Non é manco un meccanismo automatico oltre una certa soglia di spread,ma bisogna chiederlo e firmare un memorandum,versione aggiornata per i gonzi della famosa troika.
Ti metti in coda e aspetti,intanto che magari sei sotto attacco della speculazione.
Il nostro condottiero Mariocazzola,manco si é accorto del trappolone tedesco,della manfrina finta messa su dalla Merkel,ben felice di uscirne senza danni,ammollando  questa fesseria dello scudo.
Altro che strenua battaglia,descritta da strepitosi toni leccazampisti dai comici involontari di Repubblica,giornale principe delle famose carte... !


"  La giornata è stata lunghissima. Monti ha negoziato dalle nove del mattino, prima al telefono, poi di persona. Contatti anche con la Merkel e i vertici delle istituzioni europee. Ma da Berlino fino alla svolta è stato sempre e solo un "nein"… Ce n'è abbastanza per puntare i piedi. E infatti lo fanno. Mentre a Varsavia si gioca la semifinale tra Italia e Germania, Monti pone il veto sull'intero pacchetto Europa… Rajoy lo segue a ruota. Il francese Hollande li appoggia, ma senza tirare troppo la corda. La Merkel resta comunque di stucco, spiazzata… La Cancelliera è nell'angolo… Uno smacco. Quando anche lei lascia il palazzo della Ue è terrea in volto."


Descrizione degna di una finale di briscola al  Pedale Veloce....o del torneo di bocce dell'Arci.....
Questi pennivendoli,ascari di Mariocazzola,fanno finta di non sapere quanto noi e gli altri abbiamo già firmato in trattati demenziali (vedi più sotto...).

L'altra probabile ipotesi é che fossero tutti d'accordo in questa farsa per salvarsi la faccia.
L'altro fesso della compagnia anticrucchi é Hollande che partito in campagna elettorale scudo in resta contro il Fiscal Compact,torna a Parigi con un pugno di mosche.Il povero Rajoy ha fatto solo numero,per lui non é cambiata una virgola.
Una finta lite tra compagni di merenda per non parlare di quello che contava: magari gli eurobonds cancellati o BCE prestatore di ultima istanza.
Ora chiedetevi chi realmente ha guadagnato da questo vertice,al di là dei patetici paragoni calcistici (Monti batte Merkel...Italia Germania 3-0....) messi in scena dai nostri squilibrati e perniciosi pennivendoli,una cricca di venduti e incapaci da ricoverare a Villa Serena....

Manco val la pena di parlare delle due altre fesserie della Tobin Tax,inapplicabile, e dei 125 miliardi per la crescita...del quartiere dietro casa mia..Una presa per i fondelli.
L'unica cosa che interessava a questi strozzini era salvare i loro strumenti di potere bancari e finanziari,facendone pagare il prezzo ai già da loro disastrati popoli.Da dove mai credete che venga il dinero?
Il resto puro teatro e strombazzate di Mariocazzola.

Vittoria-pagliacciata number one:  il famoso scudo,era già previsto dal Trattato MES da mesi, dove si legge che “Il MES può comprare i titoli di Stato del Paese in difficoltà direttamente all’emissione (mercato primario). O sul mercato secondario (titoli già emessi)”,e anche qui solo se il Paese ha i conti in ordine. 
La differenza era che il MES prevedeva l’intervento della Troika , e per evitarlo intanto  i leader dell’Eurozona dovrebbero riscrivere e ri-firmarel’intero Trattato europeo che ha creato il MES. Quanto al nuovo memorandum,bisogna vedere se il trucco uscito dall porta rientra dalla finestra.
Di questa gentaglia non c'è mai da fidarsi.

Se poi analizziamo lo status di colonia inflitto all’Italia con vari Trattati europei sovranazionali e vincolanti come il Patto di Stabilità, European Semester, il Preventing Macro Economic Imbalances, l’Europact, il Fiscal Compact...il risultato di questo vertice é acqua fresca.

A chiusura,riprendo una metafora di Barnard " i rimedi sbandierati dal vertice europeo di venerdì sono concime biologico sparso su orti all’ombra di Seveso."

E ancora: " La struttura monetaria dell’Eurozona significa che ogni singolo euro speso dagli Stati membri per qualsiasi cosa, dalla Funzione Pubblica alla crescita nazionale, deve essere poi restituito a mercati di capitali privati da cui questi Stati sono oggi costretti ad approvvigionarsi di moneta, e che applicano tassi usurai a loro (truffaldina) discrezione. Quindi lo Stato di Monti se vuole ripagare i debiti dovrà venire poi a trovare gli euro uno dopo l’altro nella tasche di cittadini e aziende con tasse da economicidio e tagli alla spesa pubblica. Quindi crollo dell’economia, deflazione dei redditi, dei consumi, fallimenti di aziende… ecc. ecc."

I truffatori....

..
 Venne la razza

Ossosa, incudischiena, incurvibraccia,
Guercia, forbicibocca, ostricopelle,
Marciaindietro, ampiospalla e gambistorta,
Manispasa, occhiterga, impettosguarda,
Ottipede, bicipite, intrattabile.


leggere anche sul vertice europeo:

http://www.sollevazione.blogspot.it/2012/07/di-nuovo-sul-vertice-europeo.html#more
http://informare.over-blog.it/article-ancora-sul-vertice-occhio-che-le-bugie-hanno-le-gambe-corte-107690795.html
------------------------------------
NOTA

FISCAL COMPACT

Il Fiscal Compact, un Trattato firmato da Monti il 2 marzo scorso, e che entrerà in vigore il primo gennaio prossimo, stabilisce che:

1) La sovranità di spesa dell’Italia è soppressa. Ogni sua decisione di spesa sarà giudicata, e correzioni possono essere imposte dall’esterno. Le correzioni saranno dettate dalla Commissione Europea di tecnocrati non eletti (che, come ampiamente dimostrato, rispondono alle lobby finanziarie di Bruxelles, nda). Sancito dal Fiscal Compact nel TITOLO III art. 3/1 e) - 3/2.

2) Se l’Italia disobbedisce sarà multata dalla Corte Europea di Giustizia per 2 miliardi di euro. Sancito dal Fiscal Compact nel TITOLO III art. 5/1 a) – art. 8/1 – 8/2.

3) Dalla firma di questo Fiscal Compact in poi, uno Stato della zona Euro, come l’Italia, dovrà chiedere un’approvazione alla Commissione Europea e al Consiglio Europeo prima di emettere i propri titoli di Stato.Qui la funzione primaria di autonomia di spesa dello Stato sovrano è cancellata, con una umiliazione indicibile. Sancito dal Fiscal Compact nel TITOLO III art. 6.

4) Se uno Stato dovesse aver bisogno di sostegno finanziario europeo attraverso un salvataggio da parte del Meccanismo Europeo di Stabilità, non avrà un singolo Euro se prima non avrà firmato il Fiscal Compact e non lo avrà obbedito in toto in tutte le clausole di perdita di sovranità umiliante di cui sopra.
Sancito dal Fiscal Compact nella premessa a pag. 4



EUROPEAN SEMESTER


Il semestre europeo è una  una task force presieduta dal presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy, al fine di rafforzare le disposizioni europee sulla governance economica.
Organo di controllo macroeconomico e fiscale e sull'avanzamento delle riforme.... degli stati membri.

Nel corso dei primi sei mesi di ogni anno i governi nazionali sono tenuti ad informare la Commissione allo stesso tempo sui progressi registrati con:
i programmi di stabilità e convergenza previsti dal patto di stabilità e crescita
i programmi nazionali di riforma della strategia Europa 2020.
Durante questo semestre la Commissione può offrire un orientamento politico e formulare raccomandazioni ai governi prima della definizione dei bilanci nazionali. Insomma un altro organo di controllo e di condizionamento che più che "offrire",impone.



PREVENTING  MACROECONOMIC  IMBALANCES


Il MIP è un meccanismo di sorveglianza che mira a prevenire e correggere gli squilibri macroeconomici all'interno dell'UE. Essa si basa su un sistema di allarme che utilizza un quadro di valutazione di indicatori e approfondimenti paese, e regole rigide nella forma di una nuova procedura di squilibrio eccessivo (EIP),con sanzioni finanziarie per gli Stati membri dell'area dell'euro che non seguono alle raccomandazioni.


EUROPACT


La Repubblica Ceca é stato l'unico membro dell'Unione europea,oltre allla Gran Bretagna, a rifiutare di aderire al cosiddetto "patto fiscale" per imporre la disciplina di bilancio.
 Legge che limita il deficit di spesa . I paesi che superano tale limite possono essere colpiti con sanzioni automatiche. Il patto non richiede l'approvazione degli elettori attraverso referendum nazionali.

Insomma una vera e propria gabbia per rendere impotenti gli stati membri,una grave perdita di sovranità...senza in pratica nessuna contropartita.


(george)

16 commenti:

  1. Beh, hai detto bene "stati-membri". E mai come dentro questa gabbia si è dei "membri" nel senso dei poveri impotenti minchioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non é possibile continuare così....in questa marcia suicida e con il pattume politico che non reagisce....con la gente che non reagisce...con un'informazione impresentabile e menzognera..non é possibile essere trattati come bestiame da un demente della Bocconi e da quattro sguatteri europei al servizio degli usurai!

      Elimina
  2. Leggo questa dichiarazione di Monti:
    al Washington Post –
    «Se gli Italiani si scoraggiassero vedendo i loro sforzi vani, ciò potrebbe scatenare forze politiche che diranno "abbandoniamo l’integrazione Europea, abbandoniamo l’euro, che questo o quel grande paese vadano tall’inferno", il che potrebbe essere un disastro per l’intera Unione Europea».

    E' per questo che vien venduto il fumo per arrosto? Per far paura ai capricciosi bambinelli italiani che già hanno fiutato l'aria di bufala che circolava sul vertice,puntualmente verificatasi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo proprio che sia per questo...perchè il resto é aria fritta.

      Elimina
  3. "La guerra che verrà non è la prima.
    Prima ci sono state altre guerre.
    Alla fine dell' ultima
    c' erano vincitori e vinti.
    Fra i vinti la povera gente
    faceva la fame. Fra i vincitori
    faceva la fame la povera
    gente egualmente."

    Bertolt Brecht "LA GUERRA CHE VERRA'"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi sa che guerre o non guerre la storia è appunto sempre quella...chi paga il prezzo son sempre i soliti poveretti,ingannati,truffati...

      Elimina
  4. Ora pare che Olanda e Finlandia non intendano firmare la bufala antispread e il Financial Times sostiene che Monti non ha vinto un bel nulla,tutto rimane come prima,Italia e Spagna (lo spread é aumentato) sono sempre a rischio e l'unica che ha vonto é stata la Merkel.Rik

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se cos' é ci abbiamo preso in pieno,l'euforia delirante dei ns media era fasulla e la Merkel é l'unica che ha guadagnato,seppellendo gli eurobond in cambio di questo ridicolo scudo.
      Una manfrina...che ridere i commenti dei grandi economisti!

      Elimina
  5. BB (Bertold Brecht) era uno specialista del pacifismo conto terzi. Quando trattavasi di stati comunisti e bagni di sangue interni, non ci ha mai scritto sopra una poesia, che io ricordi. Mi riferisco al commento di Mimmo. Anzi, guardate un po' cosa diceva dopo le sommosse popolari in Germania Est, negli anni Cinquanta. Disse: «Il governo dovrebbe “sciogliere” il popolo e nominarne un altro».

    Quella che allora passò come la boutade di un comunista ossessionato, oggi (possiamo verificarlo) è nei programmi dei “venerabili” che detengono in mano le sorti dell'attulae mondo. Ci stanno sciogliendo come popolo, ecco la verità .
    Perciò ci andrei piano con le citazioni dello zio Bertoldo.

    RispondiElimina
  6. Diciamo che il sermone é giusto,a che il pulpito é sbagliato.

    RispondiElimina
  7. Già di per se, vedere una battaglia tra rane e topi è una cosa letteralmente terrificante. Se poi l'accosti (giustamente e non come fa quel rincoglionito del rosso che paragona il calcio all'economia italiana) alle orrende bestiaccie della ue e di questo governo golpista... è mille volte peggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Battaglia di rane e topi,cioè ridicola,da un lato insignificante,dall'altro disgustosa come dici.
      Una manfrina ad uso mediatico,in cui il grottesco é ben espresso dal pezzo di Repubblica e dall'autocompiacimento al limite del ridicolo del burattino bocconiano e da una stampa ormai da quarto mondo.
      Quanto all'arterio del colle che confessa di non sapere a volte se parla di calco o dell'italia,é ormai ora di ricoverarlo.

      Elimina
  8. Bello, l'Arterio del Colle :-) Oltretutto si vanta anche delle cretinerie che dice. Confessare di non sapere se si parla di calcio o dell'Italia è ammettere esplicitamente che siamo una repubblica sudamericana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma anche Prandelli..!"il Paese, che invece è vecchio, ha idee vecchie e una mentalità vecchia….."
      Quale miglior occasione per dirlo all'87enne arterioso lo stava premiando,invece di far tanta retorica e leccazampismo!
      Anche questo però,da buon italiano...prima dice che vuol lasciare,scarsa qualità della vita,poi invece resta...mah!

      Elimina
  9. Sarai vecchio tu, avrebbe dovuto rispondere a Prandellli. Tu che hai messo in campo la vecchia squadra rotta. Ma si può pretendere la battuta pronta da uno sclero, tutto goduto per la medaglia d'argentone?
    Tommaso4ever

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più facile che si metta a frignare...me pare mi nonna...ciao vecio...

      Elimina