mercoledì 13 giugno 2012

MA SPARIAMOCI CHE E' MEGLIO....



Beh,forse bisognerebbe sparare a loro.....comunque...
ad integrazione di alcuni commenti del precedente post,pubblichiamo un contributo video sull'articolo di Salvati.


Insomma, dopo le lamentele del bocconiano traditore (Monti aveva appena sostenuto di aver perso l'appoggio dei cosiddetti poteri forti), arriva la marchetta del Corriere. Perché a parte l'analisi stantia, trita e ritrita che ormai potrebbe essere svolta con più profondità dal tema di attualità di un ragazzino delle medie, sostenere che su 60 milioni di italiani non ce n'è uno che sappia l'inglese, che abbia studiato, che conosca i salotti buoni e che abbia viaggiato quanto basta per fare le quattro stupidaggini che fa Mario Monti, ovvero tassare ed affamare il popolo e salvare le banche, è non solo un errore - parafrasando lo stesso Salvati - ma un crimine.

Sempre il 14 maggio,il nostro pensatore scriveva:


"Rimedio? Cerchino, i Paesi deboli, di eliminare rapidamente i disavanzi e il debito che allarmano i potenziali prestatori. E cerchino di diventare più efficienti nell'organizzare il settore pubblico e privato, rassegnandosi - finché non lo sono diventati - a salari e stipendi più bassi, in modo da produrre merci e servizi migliori e a prezzi più convenienti. 
Questo è il succo della strategia Merkozy che anche il nostro governo ha dovuto adottare: rigore fiscale e ricerca di maggiore efficienza mediante riforme strutturali, dal lato dell'offerta: perché di questo si tratta, non di crescita subito, come sembrava promettere il trittico rigore-crescita-equità."

Peggio di un neoliberista vintage,il nostro pensatore del PD....che come molti degli esaltati iniziali,ora corre ai ripari dopo le magre di Mariocazzola...rimandando i risultati,che mai verranno da questa politica,alle calende greche...bravo!.....già qui si vede il topo che inizia ad abbandonare la nave che affonda....
Cerchino di eliminare il debito,dice....ok,scienziato dei miei stivali,perchè non ce lo dici tu come si fa ad eliminare un debito di 2000 miliardi? Altrimenti é meglio il mago Otelma...
E questo sarebbe un pensatore,un intellettuale,un economista...perchè non mandare lui come nostro ambasciatore in Europa? Può pure darsi che riesca a far più ridere di Mariocazzola...!.

Per finire, sulla Spagna e Hollande....non darei per scontato comunque nulla...non sono così ottimista come l'amico Messora...
http://www.byoblu.com/post/2012/06/11/Ma-spariamoci-che-e-meglio.aspx

26 commenti:

  1. Ma ci sono ancora dubbi da che parte sta il Pd?
    Peggio dei vecchi liberisti.
    Sentire un suo pensatore che parla di "salari e stipendi più bassi, in modo da produrre merci e servizi migliori e a prezzi più convenienti",fa rabbrividire.
    La baracca sta crollando sotto una crisi mai vista e loro pensano ai gay,vero Bersani?
    Insieme anche agli altri debosciati del Pdl e quello sguattero di Monti, Casini,ci triturano i coglioni con la legge elettorale,come fosse la panacea di tutti i nostri mali! Idioti dementi!

    RispondiElimina
  2. La distanza tra il popolo e i politici é ormai incolmabile,questi stanno in un altro mondo,poi si lamentano di Grillo!
    Ma si può in questo momento pensare a cazzate simili!E il governo,ora poveretti sbraitano contro l'Europa,mentre quel pirla di Napolitano continua a straparlare in Polonia.di riforme che nessuno farà mai.Povera Italia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si affida al calcio per la rinascita,napolitano!ha detto pure questa...

      Elimina
  3. Vadano pure avanti con la loro politicuccia prona al signor criminale monti. E intanto, grillo anche senza esperienza o senza uno straccio di programma guadagna voti per le prossime elezioni.

    Ma quello che mi fa più incazzare (e che Dio li stramaledica e li fulmini) è che votano a favore di questo governo criminale e poi hanno la faccia come il didietro di lamentarsene. Fanno TUTTI veramente schifo. Mentre il criminale ci sta letteralmente ammazzando.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. già...e poi si lamentano che grillo prenda voti....non é che a me piaccia molto anche questo personaggio,ma questa classe politica é veramente fatta di dementi.
      Il solito pecorame italiano,criticano e poi lo votano,la teoria del chiagnefotte,intanto quel delinquente di mariocazzola continua a straparlare e a fotterco

      Elimina
  4. Sul tavolo sono stati messi 100 miliardi per salvare la Spagna (ma non basteranno) e il 20% deve venire dall'Italia. Gli italiani devono prestare agli spagnoli al 3%, ma per avere quei soldi devono prenderli in prestito sui mercati al 7%...
    Che ne dice Salvati?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma questo non lo dicono,parlano di gay e cassano...se non sbaglio é stato Farage a dire ste cose in parlamento...un inglese!..ma i nostri che cazzo ci stanno a fare?

      Elimina
  5. Infatti,commenti anche queste sparate da pirla di Monti:
    all'indomani dell'incontro con Alfano-Bersani-Casini,dice: accelerare su riforme. Poi sottolinea: le misure per la crescita sono già state avviate dall'inizio del lavoro di governo, "anche se non si è ancora visto nei risultati".
    E ancora:
    "la situazione italiana si è adeguatamente rafforzata rispetto a qualche mese fa"

    Ma che fa,ci prende per il culo!Quali sarebbero le misure prese per la crescita?
    Circa l'ultima frase,non c'è commento che tenga,lo spread é a 480...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..la situazione italiana si é rafforzata....sì,é una presa per il culo di questo demente burattino,é una serie ininterrotte di cazzate che fano venire il vomito...uno non può essere così deficiente,quindi è veramente un delinquente che inganna la nazione..

      Elimina
  6. Il bello è che con questa classe politica di m***a o voti Grillo (vomito) o ti astieni e consegni l'Italia a Bersani e alla sua "Gaia inquisizione" in questo momento "tertium non datur". Comunque tanto liberisti non mi sembrano visto che di tagli alla spesa pubblica e tagli alle tasse ad oggi non si vedono. L'unica cosa che vedo sono tasse, tasse, tasse e un grande fratello fiscale, Iniquitalia, che avrebbe fatto andare Stalin in brodo di giuggiole.
    Non che io sia un fan del turbo-liberismo anglo-americano in stile Thatcher (della quale dite e pensate quel che volete, ma sull'Europa c'aveva visto giusto in tempi non sospetti e per difendere il suo paese dalla morsa europea c'ha rimesso la poltrona) o della "scuola austriaca" (ignorata proprio nel suo paese natale, e questo la dice lunga) ma questi mi sembra che la libertà economica la stiano uccidendo a suon di tasse anziché promuoverla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul tertium non datur avrei qualche obiezione,nel senso che intendo l'astensione in un altro modo,ma prima magari di approfondire,ti invito a leggere in merito le info del nostro gruppo NO VOTO su facebook,di cui qui ti do un anticipo:

      'ASTENSIONE NON E' SOLO PROTESTA,E' UNA OPZIONE POLITICA

      Questi partiti traggono il loro potere dal voto...il non voto é l'unica arma (pacifica...) che ha in mano il cittadino per sfiduciare questa indegna classe politica.Non a caso invitano tutti a votare per qualunque partito (é la stessa zuppa in fondo...),al fine di perpetuare comunque la loro sopravvivenza e la truffa dei rimborsi elettorali.L'unico timore che hanno é che il cittadino non voti.Sanno benissimo che un'astensione di massa,qualunque fosse il risultato elettorale,renderebbe ogni governo che ne uscirebbe POLITICAMENTE inadeguato,impossibilitato a governare.Cadrebbe al primo ostacolo.In Italia (non siamo gli usa...) non si può governare con un 60-70% di astenuti.
      Il governo non avrebbe nessuna credibilità.Ed é banale riportare la formuletta:" quindi se anche per assurdo nella consultazione elettorale votassero tre persone,ciò che uscirebbe dalle urne sarebbe considerata valida espressione della volontà popolare e si procederebbe quindi all'attribuzione dei seggi in base allo scrutinio di tre schede."
      Si vede come sia fuorviante il solo calcolo NUMERICO,senza considerare il dato POLITICO.

      Una grande astensione di massa porterebbe inevitabilmente ad una nuova Costituente per riformare regole e architettura dello Stato,oltre a spazzar via la vecchia classe politica ormai sfiduciata.
      Nuova Costituzione,naturalmente da far poi ratificare al popolo.
      Solo dopo questa operazione si potrebbe tornare a votare.
      Il problema non é di un partito o di un altro,ma di SISTEMA,che nessuno di lor signori vuole cambiare.Vota pure per chi vuoi,già é stato fatto e provato,il risultato ce l'hai sotto gli occhi...nessun Grillo o chi per lui cambierà nulla.I tacchini non festeggiano il Natale.
      Ma al di là di queste considerazioni tecnico-politiche,mi chiedo con quale coraggio,dopo tutto quello che stiamo subendo,uno potrebbe ancora votare questi indegni parassiti e incapaci! !!
      Dopo ogni elezioni li vedete e li sentite parlare in trasmissioni televisive in cui spadroneggiano senza contraddittorio aiutati da conduttori compiacenti perché anche loro membri della Casta ; li ascoltate mentre rivendicano meriti che non hanno ; li udite chiedere il vostro aiuto per salvare il Paese che loro hanno portato a questo punto ;li guardate snocciolare programmi irrealizzabili perché finanziariamente insostenibili ; li osservate aggredirsi l’un l’altro, rinfacciarsi torti reciproci che a voi hanno causato l’assenza un governo equo e solidale ; li vedete rivendicare la loro autonomia, falsa unicità e coerenza, già immaginando gli inciuci (che loro chiamano “accordi ”, del tutto fuori dal controllo degli elettori).
      Un'altra bella trovata della nostra Costituzione cartaginese é che non esiste la revoca del mandato parlamentare,così che il vostro eletto può fare quello che gli pare alla faccia delle ragioni per cui é stato votato.
      La gente ha paura di essere sincera. La gente vota turandosi il naso. Cosa uscirà mai di buono?
      Non non riesce piu´ a concepire un mondo senza nessuno che la prenda per i fondelli?
      Ripetere “mi sono fidato di questi signori ed ho sbagliato ancora una volta”?
      E' ora di finirla di votare i meno peggio.
      Solo una forte rottura potrà indurre un qualche cambiamento.
      E ricordatevi sempre che il voto non é un dovere,ma un diritto.

      Elimina
    2. (segue)

      Il nome liberisti é improprio,meglio dire neoliberisti alla Friedman,o alla Von Mises,lasciar fare tutto al mercato,il contrario per intenderci della visione keynesiana.E' un liberismo selvaggio che ha fatto della deregulation finanziaria la sua ragione di essere,dando origine all'attuale crisi e impoverimento dei popoli.Un turboliberismo,appunto.
      Questo a livello globale.
      In più noi dobbiamo fare i conti con la sciagura dell'euro,e il nostro Monti e affini,non sono nè liberisti,nè altro,ma solo gli agenti del potere bancario-finanziario.
      Insomma ,é una dittatura (vedi i criminali trattati europei che di fatto esautorano ogni parlamento nazionale,per cui anche il rito del voto diventa un dettaglio ininfluente in queste condizioni..
      Più che la Thatcher,sono gli Inglesi che da sempre non si sono mai fidati di questo trucco dell'euro e di una Unione a guida franco-tedesca.E infatti ,sono ancora fuori,non hanno stupidamente rinunciato allo Stato sovrano e alla loro moneta.Caso strano,tutti i paesi che pure nella UE, non hanno però l'euro se la passano molto meglio.

      Elimina
    3. Ho capito ma... che c'entra con Monti? Cioè, che cos'ha in comune Monti con Reagan e la Thatcher (che non sono i miei modelli politici e sono criticabilissimi)? A me pare proprio niente perché la prima cosa che ha fatto Monti è stata fracassarci di tasse e sfruttare al massimo il "grande fratello fiscale" di Iniquitalia, che è l'esatto contrario di quella dottrina, dottrina che personalmente non condivido metto i puntini sulle i, che invece prevede assenza di stato=assenza di tasse. Non è per litigare, ci mancherebbe, solo che questa caratterizzazione di Monti come turbo-liberista non mi pare corretta. Il turbo-capitalismo anglo-americano ha tanti difetti ed è un modello criticabilissimo, ma a me Monti pare solo un robottino agli ordini di certa finanza privo di qualunque ideologia o credo politico. Mi sembra l'espressione solo del vuoto e della voracità di una finanza che si lava la bocca della parola "mercato" per poi non voler sottostare a una regola del mitico mercato che idolatrano ovvero "sbagli=paghi"

      Quanto al non-voto temo che la tua sia una pia illusione. Se si astenesse il 70% gli scaldacareghe se ne fregherebbero allegramente e governerebbero coi voti del restante 30%. Negli Stati Uniti sono decenni che l'affluenza alle urne è sotto il 50% risultato? Comanda Wall Street. Francamente finché non mi tolgono anche quello io tento come posso di turarmi il naso. Son tutti uguali? Probabile, almeno però lasciamo scegliere la merda meno puzzolente almeno finché mi lasciano questa possibilità, ancora per poco temo. Comunque capisco il tuo dire "non votiamo", alle prossime elezioni sono seriamente tentato di farlo anch'io, ormai completamente disilluso, se è per quello.

      Elimina
    4. C'é un misunderstanding Johnny,non ho detto che Monti sia simile a Reagan e alla Thatcher (casomai più a quest'ultima,per il programma di lacrime e sangue),ma solo che é agli ordini (come pure tu dici) degli strozzini mondiali,non certo dei keynesiani!.
      Forse quest'ordine é meglio chiamarlo turbocapitalismo,più che liberismo in senso classico.E' il modello, ripeto, di Friedman e soci.Reagan é quello che comunque ha dato il via alla deregulation finanziaria.
      Paradossalmente, questo tipo di capitalismo ha realizzato gli obiettivi di Marx,sotto diversi aspetti.....
      Tu come lo definiresti l'attuale ordine economico mondiale ed anche europeo?
      E' guidato da organismi internazionali privati ed in balìa del mercato e degli speculatori.Fai tu...
      Monti,fondamentalmente fa parte di quest'ordine,solo che in Italia ne realizza la parte peggiore,perchè i suoi padroni questo vogliono.

      L'astensione sarà una pia illusione (gli Usa sono un altro mondo,nessun paragone in questo senso é possibile),ma in Europa nessun governo o parlamento scaturito dal 30% di votanti ha credibilità per governare e legiferare.Non durerebbe.Infatti solo questo temono i politici,perchè sanno che indipendentemente dal tipo di voto,questo conferma il Sistema.Vincono tutti.
      La democrazia si basa sul consenso,ma non certo di un quarto dei votanti!
      E l'alternativa comunque,quale sarebbe? Le avete provate tutte per anni,e il risultato?
      Disillusioni continue,una costituzione e una forma di stato archeologica,riforme capitali mai fatte.
      Mi dispiace Johnny,ma questa favola delle elezioni,in questo sistema,non la bevo,nè ho intenzione di turarmi il naso,anche per dignità personale.

      Elimina
    5. Senti Johnny88,ma tu sei Giovanni,ex Giova blog?
      Non hai ancora riaperto?

      Elimina
    6. Si, si sono io :)

      Sono d'accordissimo sulla critica alla deregulation con marchio Friedman-Reagan. Figurati se non lo sono, difatti ho ripetuto e ribadito che Reagan-Thatcher sono entrambe criticabilissimi, anche se credo che come con tutti i personaggi della storia per entrambe vi siano luci ed ombre e per me non vale ne l'agiografia ne la demonizzazione per entrambe.

      Su Monti che ricorda la Thacher ma, non concordo. Non concordo perché

      1-La Thatcher non s'è fatta catapultare dalla regina via golpe (anzi, il golpe l'han fatto contro di lei) bensì s'è presentata alle elezioni e le ha vinte a furor di popolo per tre volte

      2-Lacrime e sangue eran le manovre della Thatcher, vero. Ma la Thatcher non usava solo il bastone, ma pure la carota. Anziché tartassare i suoi cittadini la Thatcher tagliave le spese ed abbassava le tasse

      3-La Thatcher di "Più Europa" non voleva nemmeno sentir parlare. E proprio per non sentir parlare di "Più Europa" c'ha rimesso la poltrona. Perché ricordiamocelo, quando ha osato alzare la voce s'è ritrovata sfiduciata dal suo stesso partito. Oggi l'Inghilterra è euro-scettica e il partito conservatore è euro-scettico, ma all'epoca le cose non stavano così.

      Non vuol essere apologia del thatcherismo, di cui non sono un fan e la cui impostazione è decisamente criticabile, ma la Thacther perlomeno era una che amava il suo paese e che l'ha difeso con le unghie e con i denti dalla piovra europea, fino a rimetterci la poltrona.

      Francamente mi pare che Monti con la signora Thatcher abbia ben poco a che spartire. Perché io della signora Thatcher, tra mille difetti ed ombre, trovo pure delle luci, ma di "luci" su Monti francamente non ne trovo.

      E liberista proprio non mi pare, anzi, mi pare uno di quelli che ritengono il cittadino al servizio dello stato e non il contrario. Mi pare che stia facendo, sotto dettatura terzi, tutto il possibile per distruggere la libera iniziativa in questo paese.

      Quanto al non voto, alle prossime mi asterrò pure io. Però temo che il "non voto", di cui comprendo le ragioni e che applicherò pure io, non sia la soluzione. Io credo proprio che, a parte frasi di circostanza, se ne fregheranno altamente e anzi diranno baldanzosamente "bene, ha votato il 30%, noi comandiamo lo stesso, tanto che ci interessa? Coi voti del 30% comandiamo lo stesso anche il restante 70%". Che poi alle prossime non mi metterò la molletta sul naso è dovuto all'impossibilità di trovare un male minore. Di solito il male minore era la Lega, ma visti i recenti avvenimenti direi che ormai pure lì siamo a livello degli altri politicanti da quattro soldi.

      Comunque bella discussione direi.

      Elimina
    7. Beh,su questa differenze tra monti e thatcher,concordo...lo paragonavo solo per lacrime e sangue,visto che l'altra parte é totalmente assente.Non dimentichiamo però che per molta parte del popolo inglese,il thatcherismo ha voluto dire grandi sofferenze e non credo avesse poi tante colpe della situazione.La faccenda é che a pagare sono sempre i soliti,e gli inglesi non era certo un popolo che viveva al di sopra delle proprie possibilità.
      Comunque,mi riferivo più che alle loro azioni,alla scuola di pensiero di appartenenza.
      La differenza,anche temporale, sta nel fatto che ora il libero mercato pare funzioni solo in una direzione.Un esempio:la vicenda Termini Imerese.La Fiat chiude questo stabilimento ma non vuole venga venduto alla Toyota,alla faccia della libera concorrenza!Meglio darlo ad un signor nessuno che ora ha mollato tutto.
      La società delle ferrovie francesi non vuole concorrenti italiani in patria,ma si associa in Italia con la compagnia dei treni provata di Montezemolo, Italo.
      C'è qualcosa che non quadra,per non parlare che stiamo dando tonnellate di soldi pubblici a banche private ora in crisi per i loro misfatti,ma dopo che hanno guadagnato ingenti somme.
      Non mi pare un gran libero mercato, profitti privati e socializzazione delle perdite.
      Non siamo più al liberismo classico di Adam Smith,una categoria che non corrisponde più alla realtà e a cui mi pare tu ti riferisca.
      E'un capitalismo degenerato,un neoliberismo che ha ambizioni anche politiche e di controllo dei popoli,a cui intende togliere sovranità e democrazia tramite la catena truffaldina di rating-spread-debito-interessi.E' questo che oggi viene chiamato generalmente liberismo,é quello che monti sta facendo ora.Il misunderstanding a cui mi riferivo é appunto questo,tu per liberismo intendi una visione classica,io quella che oggi impera,una sua aberrazione..
      Comunque,al di là di questioni terminologiche ,mi sembra che pure tu non sia molto d'accordo con l'ordine mondiale ed europeo attuale.
      Circa la questione voto,non son molto d'accordo con le tue conclusioni,ma non é il caso di insistere...solo che in una nazione non si può continuare a votare il male,sebbene minore...

      Ciao,e sempre graditi i tuoi interventi.

      Elimina
    8. Tanto per chiarire ulteriormente,io credo che dopo decenni di neoliberismo,di "questo" libero mercato,occorre riprendere certe visioni keynesiane che tengono conto che dietro i numeri ci sono persone.Non é possibile delegare alla sola economia,o peggio ad una finanza truffaldina,le sorti dei popoli.Come abbiamo visto il libero mercato non riesce a regolare le cose,anzi le peggiora.Inoltre uno Stato deve essere padrone della propria sovranità politica,economica e monetaria,e non dipendere da organismi internazionali privati che pensano solo ai propri interessi.
      La UE,l'euro sono aberrazioni della convivenza tra i popoli ,oltre che giuridiche.

      Elimina
    9. E su questo sono perfettamente d'accordo. Difatti preferisco di gran lunga Adenauer e De Gaulle a Reagan e Thatcher :)

      Elimina
  7. "50 anni e non li dimostra"...in TV stanno rifacendo la serie dei films di James Bond,l'agente 007,che salva il mondo dagli attacchi di una famigerata organizzazione ,potente e nascosta,che con i metodi più subdoli,aveva deciso di impadronirsi del mondo...la"S.P.E.C.T.R.E"(un acronimo di una organizzazione di "non-filantropi")
    ...Il fantastico romanziere fu Jan Flemming(figlio di politici,nipote di banchieri)che durante l'ultima guerra,militò nell'"intelligence"inglese ,più precisamente nel controspionaggio,ed ebbe un ruolo non secondario nell'impadronirsi e decifrare il famoso sistema criptico"Enigma"col quale allora i"nostri partners Tedeschi"parlavano in codice...Rivedendo quei vecchi films, le seguenti considerazioni mi sono sorte spontanee...1)Flemming (come il suo contemporaneo Horwell)sicuramente conosceva i fatti "nascosti" che determinano gli eventi storici molto meglio di me,che li apprendo "appena" leggendo le cronache dei libri degli storici di regime....2)"I Mercati" sicuramente non sono la "SPECTRE"(e il paragone è troppo forzato),ma i fastidi e i danni che questa impalpabile e poco individuabile libera associazione di investitori ,sta provocando oggi alle economie del mondo, sicuramente avrebbe riattivato la fantasia di un Flemming(se ancora vivente),almeno per capire il perché di tanta"gratuita" virulenza....3)Contro la "SPECTRE"c'era allora per la salvezza del mondo "per sua e nostra fortuna"... l'agente 007 e l'appoggio niente di meno che della potentissima"Albione"....4)Oggi per difenderci contro il capitalismo selvaggio dei Mercati abbiamo solo dei...00(niente sette),e nessuno Stato potente in appoggio(anzi quelli potenti sembrano esserci contro)........solo le preghiere del Papa...Come stiamo messi male.Ciao Tonino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece ritengo che il nuovo ordine mondiale sia proprio una specie di Spectre...l'obiettivo é quello di dominare il pianeta,con gli stessi tipi di ricatti ed estorsioni...solo che non c'è bisogno di missili o satelliti criminali per arrivarci.Bastano dei trucchi di carta,spread,swaps,cds....quanto ai possibili alter ego di Bond,siamo fermi appunto a 00...bye

      Elimina
  8. Breve appendice....Spero che il tuo sia solo pessimismo,anche se penso che "I Mercati" possa essere il logo per una sorta di circolo accessibile solo ..."if you are member"...Invece sono preoccupatissimo e mi associo alle preoccupazioni "in alto loco",dopo la prestazione ultima dell'italia "nell'eurocalcio"...se con un complotto alcuni partners del torneo si mettono d'accordo con una combine(2-2)noi siamo fuori dalla "eurochampion"...non oso pensare ai disastri sul nostro morale,l'economia,gli sforzi per la (ri)crescita...e quant'altro di demagogico ti possa venire in mente.....Ricordo che stranamente il nome "Bond" del nosro eroe 007(licenza di uccidere) �sinonimo e legato a concetti di vincoli,catene ,prigione,obbligazione,schiavit�...veramente un bel nome "augurale per un liberatore/salvatore d'oltre manica del mondo...ma Flemming sapeva molte cose pi� di noi....Ciao Tonino

    RispondiElimina
  9. Senti Tony...in questo momento del calcio non me ne po' fregar de meno....ma la tua ironia é sempre ben accetta.
    Purtroppo non sono pessimista,ma credo realista...pensare che tutto quanto ci sta accadendo sia frutto del caso,proprio non la bevo.Molti degli artefici di questo nuovo ordine che vogliono imporre ,non hanno mai nascosto le loro intenzioni (Attali,Friedman,Lutwak....),ed é pure probabile che la realtà sia ancora più letale di quanto possiamo pensare.Gli esempi non mancano.

    RispondiElimina
  10. "L'Europa", gli "USA", forse il "mondo intero", attendono (con apprensione) il risultato delle elezioni in Grecia, da cui dipende il futuro del Paese".....
    Questo è il titolo di un TG che appare all'apertura della pagina Google di Internet...un titolo che a prima vista sembra così esagerato,da essere fuori da qualsiasi realtà,e ci viene spontaneo il dubbio che sia stato scritto da un giornalista di poco conto...tutta questa "apprensione"(del mondo,degli USA) per un "Paesino"come la Grecia...e il loro(in assoluto)piccolo,per quanto grande(per loro) debito pubblico(dal quale dipendono i destini del mondo...ma quale mondo???....Poi ripensandoci bene ...il titolo nel suo messaggio "essenziale" non poteva essere più giusto....Ogni Stato in grandi linee è costituito da creditori(spesso detentori di parte del debito pubblico)e da debitori..il famoso popolo sovrano....In maniera diversa i due gruppi di tutti gli stati del mondo sono effettivamente in apprensione....Infatti se la Grecia deciderà di mandare a "quel"paese i suoi creditori si avrà un effetto domino,è quello che temono gli strozzini,e che chiamano contagio....molti altri stati(speriamo tutti)potrebbero,anche loro, mandare gli strozzini istituzionali a"quel"paese,e decidere di non pagare i debiti....."un bello scenario"...Il mondo finalmente libero dall'usura,con gli usurai costretti a mettere dentro alcune valige di cartone le loro ricchezze...molta carta straccia qualche pietra luccicante,e un po'di pezzi di metallo poco presente in natura(costretti ad emigrare a "quel" paese,per fare affari)....e i popoli non più vessati ,in una nuova età dell'oro, che producono i beni che consentono a loro di vivere una degna vita ,anche se col sudore della fronte....E'vero i merca(n)ti se la stanno facendo,"veramente", addosso ....se la Grecia li manda a********poi ce li manderanno(per contagio) tutti gli altri paesi(pure noi)......ma... loro previdenti hanno già,in tasca, la carta alternativa...se non va come da loro previsto(la Grecia paga).tutti gli stati aiuteranno comunque la Grecia,a pagare i suoi debiti..e così il teatrino continua,per i prossimi mille anni...intanto a scanso di equivoci(e il messaggio è chiaro)sono ancora nell'Eurochampion...Ciao Tonino

    RispondiElimina
  11. Credo anch'io che il teatrino continuerà,chiunque vinca le elezioni greche.Alla fine,magari con meno restrizioni,daranno altri soldi alla Grecia,oltre i 387 miliardi già dati,e la decurtazione del debito verso i privati.Mi scappa detto come battuta,che quasi quasi conveniva pure a noi....
    Oltre che finanziario,il nodo europeo politico,senza un vero Stato federale,votato dai popoli e con una vera rappresentanza democratica in un parlamento che conti,saremo sempre alle solite.
    Non c'è nessuna autorità politica,solo la BCE che comanda.Ancora ieri sera,sentivo le solite litanie sulla catastrofe che ci attenderebbe uscendo dall'euro,facevano parallelismi con l'inflazione del 30% del 92 (attacco alla lira di Soros...ma toh...)e con una successiva svalutazione del 15%.
    Non mi risulta che siamo morti,anzi abbiamo avuto anni buonissimi dopo.
    E comunque .danno sempre per scontato che uscita l'Italia,ci sia ancora Ue ed euro,cosa molto improbabile.E' pure vero che altri economisti dipingono un quadro meno fosco,in questa eventualità.
    In questa Europa,non c'è futuro.Come possiamo continuare a finanziarci al 6% di interessi annui (60 miliardi)e con un debito che aumenta? e poi contare su tasse criminali da 4-5 miliardi,leggi Imu,e restrizioni d'ogni genere mentre l'economia é al palo? Vuotare il mare col secchiello.
    Se poi vediamo l'ultima bufala del decreto crescita (salvo intese....),servirebbe solo a rilanciare una bocciofila.Mala tempora....

    RispondiElimina