martedì 19 giugno 2012

AVVOLTOI SUL PARTENONE

Ecco dove va a finire il debito pubblico degli stati sovrani

ORIGINI E SEGRETI DEL FONDO AVVOLTOIO CHE STA SPOLPANDO ATENE


 da il Foglio  Quotidiano
(di Ugo Bertone)
Saturday 19 may 2012


L’avvoltoio è già ripartito dai cieli di Atene.Ma tornerà presto.
 Il 90 per cento dei capitali, 436 milioni di euro, che la Repubblica greca ha rimborsato due giorni fa per evitare la bancarotta è finito nelle mani di uno dei più spietati e abili “fondi avvoltoio” (vulture funds) che s’aggirano a caccia di prede, per lo più stati sovrani: il Dart Management, finanziaria ultra segreta che ha la sua base nelle isole Cayman, paradiso fiscale che ospita questo diavolo dei capitali che oggi, tra i pochi, ha motivo di festeggiare su quel che resta della Grecia.
Ad aprile tutti i detentori di bond greci hanno dovuto accettare un taglio del valore dei titoli che avevano in mano, fatta eccezione per un manipolo di hedge fund testardi. Tra questi c’era Dart che, pochi mesi fa ha fatto incetta di titoli greci emessi a Londra sotto le leggi della City (perciò immuni dal taglio volontario degli interessi concordati a Bruxelles) a meno del 70 per cento del valore nominale.
Ma il ministero delle Finanza di Atene, nel momento di massima debolezza politica, martedì ha dovuto versare l’intero importo nominale. Insomma, i gestori di Dart hanno intascato più di 120 milioni di profitti nel giro di pochi mesi, solo l’antipasto dell’abbuffata futura: almeno 6 miliardi dei 7,6 miliardi fuori dall’accordo con la Ue sono nelle mani di Dart e dei colleghi di Elliott, di Hemisphere di Peter Grossman o degli altri vulture funds che hanno spolpato, negli ultimi 20 anni, le finanze di Congo, Ghana o Perù.
Senza trascurare i vecchi debitori: due mesi fa Dart ed Elliott hanno presentato un’ingiunzione di pagamento per sequestrare i dollari dell’Argentina posteggiati presso la Federal Bank di New York.
L’assalto, per ora, non è riuscito: ma Kenneth Dart non dispera.

Già, esiste un mister Dart, da 16 anni cittadino delle Cayman. L’ironia della sorte vuole che la fortuna della ditta di famiglia, aperta dal nonno nel 1937 a Mason nel Michigan, sia decollata grazie allo sforzo dei soldati americani: nonno Dart, infatti, ebbe il fiuto di mettersi a produrre per primo le targhette di riconoscimento dei soldati Usa alla vigilia della Seconda guerra mondiale. Poi, nel 1960, il vero salto di qualità: il padre di Kenneth, piccolo genio della chimica, diede vita a Styrofoam, destinato a diventare uno dei colossi mondiali dei contenitori alimentari in plastica.
Gli indignados di piazza Syntagma non lo sanno, ma quando bevono una Coca in bicchiere di cartone o mangiano un’insalata in una vaschetta di plastica, probabilmente pagano una royalty all’avvoltoio che tiene in scacco il fisco statunitense.
Nel ’91 Kenneth decise che era l’ora di smetterla di versare soldi a Washington.
Prima pensò di prendere la cittadinanza del Belize senza muoversi dalla casa di Sarasota, Florida.
Ma quando il governo del Belize si fece avanti chiedendo l’apertura di un consolato guidato da un Beliziano in quel di Sarasota, non ci volle molto a capire che la sede era proprio la casa della signora Dart.
La povera donna da allora si divide tra le Cayman, dove Dart ha avviato progetti urbanistici rivoluzionari, all’insegna del verde (per i miliardari ovviamente) e la villa/palazzo in Florida.
Qui, nel 2005, aveva allestito una cena in favore di Bill Clinton e della sua Fondazione.
Ma l’ex presidente, una volta conosciuta l’identità del principe degli evasori, sbattè la porta e se ne andò: la fuga dorata di Dart era stata una delle figuracce peggiori della sua gestione.
Kenneth non se l’è presa. I suoi avvocati continuano a inseguire i suoi debitori ovunque ci sia odore di quattrini sfuggiti ai suoi crediti: a Londra, Hong Kong o New York. Con un occhio rivolto ad Atene.
La diagnosi degli “avvoltoi” è lucida e spietata: la Grecia, prima o poi, dovrà fare default per la seconda volta. Allora, quando la repubblica avrà l’acqua alla gola, i “vultures” faranno di nuovo incetta di titoli che varranno poco più che carta straccia. Poi non resterà che attendere. Infine l’avvoltoio, con il bottino tra le zampe, farà rotta di nuovo verso l’isola dei Caimani.
--------------------------
Pubblichiamo questo articolo di un mese fa,primo perchè l'avvoltoio sta già svolazzando sul Partenone per la seconda volta, in attesa di planare sui resti della Grecia.
La infottibile kaiserina ddr ha infatti dichiarato che non ci saranno sconti per i greci,nonostante abbia scritto una patetica lettera pre-elettorale sul Financial Times (in greco addirittura...!!), incitandoli a votare secondo i suoi gusti.Chissà che effetto avrebbe una simile lettera in tedesco scritta dai francesi per invitare i crucchi a non votar la culona.
Fatto sta che in Grecia avremo un governo di chi ha truccato i conti (Goldman connivente),e cioè Nuova Democrazia,e chi ha dovuto dimettersi mesi fa (Pasok).Entrambi responsabili del disastro.
non male....ma é il bello della democrazia....o meglio,della democretineria che domina in Europa...


Secondo,far conoscere al nostri lettori uno dei rappresentanti più emblematici dei signori criminali che stanno fottendo il mondo.Sconosciuti al grande pubblico,agiscono senza strepito nello spolpare le carogne degli stati.
Questa gentaglia é quella che fa cadere i governi,che getta sul lastrico milioni di persone e che si impingua del debito dei paesi in difficoltà aggravandone le sorti.
Ma a noi,oltre a questi delinquenti,alla culona tedesca,a Monti,a quell'asse da cesso marcia che é l'Europa e che finirà per affondarci nella cacca....oltre ai quaquaraqua politici che ci ritroviamo e ad un presidente pulcinella golpista...a noi ,che ci deve ancora capitare?

15 commenti:

  1. Va molto bene tirar fuori questi nomi. Va meno bene che sia lo stesso giornale di quel pagliaccio di Ferrara a farlo. Per ventanni ha mangiato nel trogolo del suo padrone detto il cainano. Che proprio in questi giorni viene giudicato per fondi neri Mediaset. Quello delle venticinque holding aperte proprio alle Cayman. Alla faccia dell'informazione di parte. Un ps: ma questi personaggi tipo dart, avranno ben dei dipendenti , dei marinai sullo yacht, no? Nessun greco informato tra questi? Non ancora? Ok, aspettiamo e speriamo che qualcuno li faccia pagare caro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su Ferrara,ho la tua stessa idea...un altro pinco pallino, rifugiatosi tra l'altro nel conformismo più allineato della vulgata europea.
      Qua non c'é da fidarsi di nessuno,se non nel proprio discernimento,sperando di averlo.
      Io faccio poca fatica,essendo di estrazione libertaria e anarchica vecchio stampo,e non ho mai firmato cambiali in bianco a nessuno.
      Per il resto,sai il popolo é quello che é,magari i marinai greci tengono famiglia....
      Purtroppo,occorrerebbe un grande repulisti,come avveniva in passato,tagliando teste.Non si risolveva il problema,ma si andava un gradino avanti,oltre alla soddisfazione di vedere rotolare teste che si ritenevano insostituibili e che spadroneggiavano.
      Ora,nemmeno questo....i popoli sono rincitrulliti e questi avvoltoi continuano a far danni.

      Elimina
  2. Non si finisce ma di imparare e di stupirsi.Quindi i bond acquistati a Londra sono immuni dai tagli applicati ad altri.
    Ma dove siamo,in un casinò,con tutti i trucchi possibili per sfangarla? Basta con questa finanza che non ha nessun riferimento con la realtà,e che affama persone reali! Peggio di una dittatura,perchè ammantata da falsi drappi democratici!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo il mondo é in mano a dei banditi.Criminali illegali e legalizzati.
      Mafie di ogni genere,la più pericolosa quella finanziaria,di cui questo verme é emblematico rappresentante.
      Si fanno regole a loro uso e consumo,e le propagandano come percorsi democratici.La verità é che non esiste nessuna democrazia e che Orwell é stato un buon profeta.Questo é il quadro,mentre i popoli magari si dividono su questioni artatamente propagandate dalla macchina criminale di questi soggetti,illudendosi che piccoli aggiustamenti possano migliorare le cose.
      Sembra di stare alla fine della storia,ipotizzata da Fukuyama.Una tesi assurda,ma che non sembra molto lontano da quanto sta succedendo.
      Speriamo invece nella sua imprevedibilità,come spersso é successo in passato,anche se ora non si riesce...a riveder le stelle.

      Elimina
  3. Ma per questa gente,non c'è mai nessuna regola? Speculatore sciacallo,evasore....Londra funziona in un modo,Parigi in un altro...mi fanno ridere quando vorrebbero introdurre la Tobin tax...poi salta fuori qualcuno che non la applica...e allora a che serve?

    Già,Johnny,che ci deve ancora capitare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Laura....al peggio sembra non esserci mai fine...credevamo d'averlo visto,ma quello in confronto a quanto ci sta capitando é niente.
      E gli ipocriti dei tempi passati tacciono...magari ora fanno i pompieri...

      Elimina
  4. Chiedo venia in anticipo per la mia ingenuità,e per il mio incallito ottimismo a voler creare un mondo migliore,usando le stesse armi di chi sembra non avere altra preoccupazione se non appagare la sua "atavica" paranoia di impadronirsi di tutti i beni del mondo,schiavizzandone i popoli al loro servizio....ci dovremmo spartire e contentare delle briciole di pane che cadono dalle loro tavole...litigando(per questo) con i cani ....o poter raccogliere per mangiare solo il grano che cresce ai bordi dei campi....Tutte citazioni da "chierichetto".....La situazione che voi avete sopra descritto,ha tutte le caratteristiche di uno scenario simile ai "crimini"compiuti contro l'umanità....se dei signori(eufemismo),anche se in camicia e cravatta,e con modi da gentiluomo(altro eufemismo),affamano interi popoli,non possono essere assolti per la loro azione criminale,solo perché la baraonda delle regole internazionali,in qualche parte del mondo non contempla questo atto criminale come reato....Da quando in qua gli strozzini,gli speculatori sono diventati signori e gentiluomini...sono solo strozzini anche se usano(per ripulirsi la lapide,che copre il sepolcro pieno di vermi....altra citazione da chierichetto) termini alternativi come investitori,banchieri,mercati...e in tutte le legislazioni vengono trattati come tali....Morale.... dove sono nascoste le grandi organizzazioni internazionali(come il tribunale in Olanda a difesa da crimini contro i popoli) che dovrebbero garantire all'umanità di non essere messi in ginocchio da "qualche" predatore e divorati da migliaia di avvoltoi.....possibile che l'unica(coraggiosa) inchiesta e conseguente azione legale,(per fare chiarezza sui responsabili di questa crisi) sia stata fatta da una piccola Procura italiana(con la quale ci complimentiamo)e che invece i grandi organismi internazionali non si siano ancora accorti che girano a piede libero,criminali che se ne sbattono di qualsiasi regola morale ....nascondendosi come è giusto che sia nelle "isole dei CAIMANI".(ISOLE CAYMAN - Cristoforo Colombo scoprì le isole nel 1503 Chiamò le isole Las Tortugas per la presenza di tartarughe nel territorio ma, nel 1540, si preferì cambiare nome alle isole, che furono dette Caymanes, dal nome dei caimani, numerosi sulle isole).Ciao Tonino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I vari tribunalicchi internazionali sono impegnati in altre cose...ricordo un certo loro presidente Ocampo che si affrettava a convalidare certi massacri libici compiuti dai gheddafiani,mentre erano i golpisti (sta accadendo pure in Siria...ora sono latitanti.
      Poi sai,di questi tribunali al servizio del padrone di turno,c'è poco da confidare.

      Ne vuoi un'altra? Il signor Warren Buffett,gestore di un megagalattico fondo,e buon emulo di questo Dart,é socio di una delle agenzie di rating,non ricordo se Moody's o S&P.
      Cioè uno dei più grossi speculatori di mercato determina il rating...!
      I tribunalicchi hanno altro da fare....e proprio isole apprpriate le Cayman...

      Elimina
  5. Ma questa gente poi c'ha una longevità da Matusalemme, non crepa mai.

    Comunque un piccolo errore, molto comune per la verità da correggere. Il trucco nei conti made in Goldman è cominciato con il governo del PASOK nel '99 quando questi per entrare nell'Euro si rivolsero alla premiata ditta GS. E indovina chi era a capo della commissione UE nel periodo in questione ('99-'01)? Proprio lui, Romano "Goldman" Prodi!
    Dopodiché Karamanlis e Nea Demokratia hanno continuato il tutto.
    Il povero Papandreou, che in questa tragedia è forse l'unico ad aver tentato un minimo rigurgito di dignità, svelò il trucco nel 2009 correggendo la stima del deficit fornita da Karamanlis, il resto p cronaca.
    Alla fine il povero Papandreou, che tentò col referendum di far saltare il banco, è forse il meno colpevole di tutti. Quanto alla nipotina di Hitler ma, da un certo punto di vista dobbiamo ringraziare la sua esistenza. Grazie a lei e alla sua miopia politica siamo a un passo dallo sfascio definitivo dell'Euro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prendo atto...anche se dopo la fine della legislatura guidata dal partito di centrodestra Nuova Democrazia, nel 2009 il nuovo premier eletto Papandreou ha annunciato che i conti erano stati ulteriormente truccati dal precedente governo.Probabilmente nel truccare,entrambi ci han messo le mani.
      Ma é questione poco importante.
      Interessante questi links:
      http://finanzanostop.borse.it/2012/03/27/chi-ha-truccato-i-conti-per-fare-entrare-la-grecia-nelleuro/

      - http://www.ilpost.it/2012/02/13/da-dove-vengono-i-guai-della-grecia/

      Ciò che pochi sanno e nessuno ha mai considerato abbastanza è il fatto che i parametri stabiliti nel 1992, (un deficit rispetto al Pil inferiore al 3% e un debito pubblico rispetto al Pil inferiore al 60%), non sono mai stati rispettati dai paesi europei, tra questi anche quelli che oggi stanno mettendo alle corde la Grecia.
      Di fatto, gli Stati hanno letteralmente truccato i conti pubblici,un vero paradosso: gli stati stabiliscono dei parametri e poi truccano i conti pubblici per rientrarci.

      Guardiamo alla Francia. Negli anni 90 prelevò di imperio 37,5 miliardi di Euro dal fondo pensioni di France telecom e li mise sul bilancio pubblico come nuove entrate. Questo gli permise di rispettare i parametri di Maastricht e quindi far parte dell'Europa. Il prelievo riuscì in un sol colpo a far diminuire il deficit del 1996 dello 0,5%.

      A truccare i conti fu anche la Germania di Helmut Kohl. Nel 1995, infatti, lo Stato tedesco fece uscire dal bilancio dello Stato la Kfv, che corrisponde alla nostra Cassa depositi e prestiti. Si tratta di una società pubblica che eroga prestiti agli enti locali e che oggi ha 430 miliardi di debiti. Dal 1995, però, non fa parte del bilancio pubblico tedesco, quindi i suoi debiti non vengono contabilizzati.

      Anche l'Italia ha utilizzato questi escamotage. Nel 2000 venne pubblicato un famoso rapporto stilato da Gustavo Piga. Secondo tale rapporto nel 1995 ci fu un paese, ovviamente Piga non citò mai l'Italia, ma gli indizi erano precisi e concordanti, che chiuse un'operazione di swap, un'operazione finanziaria con una grande banca d'affari, anche questa mai citata. Tuttavia le ipotesi sono due: o era la JP Morgan, o era la Goldman Sachs. Con quell'operazione quel paese aveva emesso dei Bond denominati in Yen e siccome lo Yen si era svalutato, l'emittente aveva un guadagno latente su questa emissione. L'emittente, molto probabilmente l'Italia, stabilì un accordo con questa banca d'affari: la banca pagava subito il valore dell'obbligazione in cambio dell'impegno a incassare l'anno successivo, alla scadenza di queste obbligazioni, l'importo versato più un certo interesse. Praticamente fu un anticipo in contanti, anche questo permise a quel paese nel 1995 di rientrare nei parametri di Maastricht.

      Ma l'Italia fece anche altro, ci fu la mitica tassa sull'oro, fu un'operazione finanziaria che permise all'Italia di evitare il rinvio dell'ingresso nell'Euro mettendo una tassa sul trasferimento di oro da un ufficio statale alla Banca d'Italia. Gli stessi giochetti sull'oro attraverso la rivalutazione delle riserve, piuttosto che tasse, lo fecero praticamente tutti gli altri paesi europei.

      Elimina
    2. Comunque ora in Grecia ci vorrebbe Aristofane....

      E' comico e paradossale che il nuovo governo sia formato dai partiti europeisti,maggiori responsabili dello sfascio greco,uno,od entrambi, fornendo bilanci falsi( ma approvati da Goldman),l'altro che ha dovuto dimettersi a furor di popolo provocando le elezioni.Una commedia,per non dire barzelletta...!

      Come già ho sostenuto,la Germania sarebbe sciocca voler cacciare paesi dall'euro....i guai altrui,sono il loro benessere,continuano a finanziarsi al 2%...una pacchia per loro questa europa! più sale lo spread e più godono..

      Elimina
  6. Un aLtro criminale in più che forse nemmeno verrà punito. L'unico poveraccio che ha visto chiaro in questo manicomio lo hanno esposto in una gabbia al sole fino a farlo svenire. Volevano pure ucciderlo e se l'è cavata con quel manicomio che avrebbe dovuto toccare a l'ORO. Parlo di Pound naturalmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un buon profeta....pensare alla situazione in cui ci hanno cacciati fa venire i brividi...e ancor di più sconsolante vedere come la maggior parte delle persone non se ne accorgano.
      Ma la cosa più abominevole é che nessuno di quelli che dovrebbero aver a cuore il destino del nostro non facciano nulla,neanche alzar la voce,contro questo stato di cose.
      Un tempo molti dicevano di non voler morire democristiani,altri berlusconiani....finiremo per morir tutti spread?

      Elimina