sabato 26 maggio 2012

BARNARD,L'EUROPA E IL NULLA POLITICO




PAOLO BARNARD CHIAMA IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO PER NOME E COGNOME

Dimmi chi frequenti e ti dirò chi sei, questo antico proverbio popolare racchiude in se una profonda verità. Da questo video ne abbiamo l’esatta percezione: un Barnard immenso ed un Colaninno prono ai voleri dei suoi padroni.
Questo figlio d’arte, miliardario di sinistra ( e ti pareva che non fosse così) va cianciando sul termine criminale pronunciato da Barnard, ma evita accuratamente la discussione sul merito.
Colaninno è la chiara rappresentazione di questa amministrazione che alcuni, con un eufemismo, chiamano stato, e la difende perché la sistemazione degli interessi economici si rivela un “ fatto”, relativamente stabile, per l’oligarchia, i plutocrati e tutti coloro per i quali questo collegamento è in atto.
Questa classe politica si è arresa da tempo, si è prostrata ai voleri della finanza internazionale, ed in questa resa, compresi gli intellettuali senza intelletto, sono irrevocabilmente orientati alla vendita di se stessi ( e questo sarebbe il male minore ) ma oltre a questa vogliono svendere la memoria storica di un popolo, la dignità, la giustizia sociale ed il sacrosanto diritto di avere una moneta di proprietà popolare e non della finanza. C.M.


-------------------------
Colanino é l'immagine perfetta di quello che oggi é il Pd, :una accozzaglia di guitti al servizio del grande capitale,di cui lui stesso fa parte.ll video é anche una dimostrazione lampante della tecnica dell'informazione italiana.Si attaccano ad una parola di Barnard,criminale (peraltro azzeccata contro quell'androide di Monti che dice quelle cazzate sulla Grecia),per glissare sull'analisi di Barnard.Questo ridicolo ed ipocrita indignato industriale,forse non si ricorda quanto fu detto a suo tempo in tv di un altro presidente del consiglio.Patetico!
Ricordo che il padre compro' a debito grazie a D'Alema la Telecom distruggendola!!!!!!!
Quale ringraziamento ora siede in parlamento
---------------------------------

COME SI ESCE DALL'EURO ? INTERVISTA A CLAUDIO BORGHI


Claudio Borghi, economista docente dell'Università Cattolica di Milano, giornalista e ex managing director di Deutsche Bank, cerchiamo di capire se uscire dall'Euro per l'Italia sia fattibile e, nella pratica, cosa succederebbe. Tentiamo di spiegare in rete quello che la televisione non dice.

da http://www.byoblu.com




Dobbiamo assolutamente uscire da questa gabbia criminale dell'euro che ci sta distruggendo.
Da parte di certi economisti liberisti prezzolati,assistiamo alla descrizione di eventi catastrofici nel caso questo avvenisse.Naturalmente,questa opera di terrorismo mediatico non fa che difendere l'interesse dei grandi speculatori e non dei popoli.
Le obiezioni al catastrofismo di questi agenti del capitale sono molte,a cominciare dal fatto che un'uscita dell'Italia (terza economia continentale),provocherebbe certamente la fine dell'euro e dell'Europa,con una inevitabile ridefinizione di tutti rapporti monetari fra gli Stati,che nessuno é ora in grado di valutare.
La domanda d porre non é solo quanto ci costerebbe uscire dall'euro (cosa che nessuno é in realtà in grado di prevedere),ma quanto ci é costato e quanto continuerebbe a costarci restandoci (e qui le cifre ci sono).

15 commenti:

  1. Colaninno ieri sera mi ha fatto davvero schifo.

    RispondiElimina
  2. Avete visto come non aveva nulla da dire al discorso di Barnard? Aveva una faccia! Perchè sa checsono cose vere.Si è riscaldato solo all'epiteto di criminale,spostando così la discussione su questa fesseria,per altro che condivido in toto.Un criminale,visto come sta trattando l'Italia e un bugiardo ipocrita matricolato,vedi Grecia.

    Insomma,uno spettacolo disgustoso di un esponente di un partito completamente servo di banchieri e degli speculatori.Se poi ci mettiamo anche Letta junior,quello che non conta,il quadro é completo.
    Questa é la classe politica che abbiamo,dei conigli incapaci di reagire ad un azzeccagarbugli come Monti.
    E' stato però molto istruttivo,quando non si parla delle solite cazzate,ma dei veri problemi sempre sottaciuti da media vergognosi.

    RispondiElimina
  3. vai Barnard...ti invitassero di più in tv! Per quanto condivida la parola criminale,forse é meglio che non offri il fianco a queste perdite di tempo e pagliacciate alla Colanino a scapito del tuo discorso.Finalmente qualcuno che parlòla chiaro,come peraltro anche Borghi in questa intervista.

    RispondiElimina
  4. oh ragazzi,questo dev'essere il figlio scemo della famiglia,per questo l'hanno messo in politica....

    RispondiElimina
  5. E quando si é messo a dire :" La Rai non può permettere...."
    Ma lurido demente,dov'eri quando in rai dicevano ben di peggio contro altri?
    Ha ragione johnny,questo dev'essere l'idiota di famiglia....subito arruolato dal Pd,ovviamente.
    Non è che gli altri sian da meno,ma questi han sempre la posa da maestrini!

    Piuttosto sentite l'intervista di Borghi....lasciamo perdere questa mezzacartuccia...

    RispondiElimina
  6. Ho rivisto il filmato da voi proposto....Sono convinto che Barnard,non "doveva" proferire il termine usato,perché ciò non è consentito,non è educato,e anche se solo sfuggito(nella foga) a parole e non pensato,alla fine ti "si ritorce contro"...perché chi offende passa automaticamente alla parte del torto,anche se stava enunciando concetti tecnico/economici "sensati"...un bel "scusi"non ci starebbe male,sono sicuro che anche lui,a mente fredda, si è accorto dello "sgarbo" fatto.....Invece mi ha fatto divertire un "invitatato"alla trasmissione....l'unico che ha messo sotto "la lente di ingrandimento" la "gaffe" di Barnard,e che ha avuto il suo attimo di gloria, ricordandoci a tutti(e a nome del partito,all'opposizione, al quale appartiene,e che per pubblicità ha citato più volte) come ci si comporta e ci si esprime in questi spettacoli televisivi,che oggi hanno sostituito,per "audience" trasmissioni una volta più seguite(l'isola...il grande fratello)....E' stato un "amarcord"...mi ha fatto tornare in mente quando giovane si andava al "varietà"..e c'erano tra la folla"degli spettatori"(non protagonisti)... i personaggi della "claque"che applaudivano sempre....spesso e comunque a qualsiasi battuta e numero(anche infelice) della compagnia....Chissà perché poi mi viene in testa,dopo questo... "show" anche una citazione da "chierichetto"...."Se questi tacessero,griderebbero le pietre"..Vangelo di Luca(19-40)... Ciao Tonino

    RispondiElimina
  7. Ho visto la trasmissione. Paragone ha fatto male a dare tutto quello spazio a quell'ebete di Colaninno. Barnard, dal canto suo, deve imparare a esprimere le sue idee, in modo da poter tornare in tv, senza farsi ostracizzare. Si poteva far passare per "criminale" Monti senza dirlo preventivamente. LUi è un uomo di informazione e queste cose le sa.

    RispondiElimina
  8. Capisco queste remore....
    Secondo me l'ha fatto apposta,sapendo il vespaio che avrebbe suscitato suscitare un vespaio,come poi é successo,ma intanto l'analisi che ha fatto é stata giusta,cose che mai si sentono in televisione.

    Ma poi scusate,anche se così non fosse,perchè non si possono usare certi epiteti che son merce corrente sui blogs e social network,spesso anche su certi giornali Colanino side, e non in tv?
    Cos'è,fascia protetta?
    Ma non vi ricordate quante ne dicevano su un altro,senza che questi moralisti d'accatto dicessero nulla?
    E' ora di smetterla col bon ton ed educazione,qua ci stanno affamando da ogni parte,raccontandoci bugie clamorose,ci taglieggiano con Nequitalia e con tasse d'ogni specie,decine di persone si suicidano,ma per favore...!
    Ha fatto benissimo,almeno per una volta é stato detto papale papale quello che migliaia di persone pensano,e a ragione.
    Non sarà stato educato,avrebbe potuto certo dirlo in altro modo,ma questi aguzzini,non meritano affatto rispetto.

    RispondiElimina
  9. Non mi hai capita Johnny. Certo che non mi scandalizzo affatto né mi pare di essere mai stata tenera con l'usuraio MOnti. MI preoccupa che Barnard non possa più tornare in tv. E del resto non dimenticare che lui stesso è un uomo di televisione (Report) e che non ci tiene a essere ghettizzato sulla rete. Se il metodo funziona e lo chiamano ancora, sono contenta per lui, ma ho i miei dubbi.

    RispondiElimina
  10. Faccio due esempi: se Grillo avesse detto di Ferrara che è un criminale o un venduto o quel che di peggio volete, gli epiteti sarebbero scivolati via senza minimamente scalfire l'immaginazione della collettività. Idem se avesse detto papale papale che c'è chi spara e mette le bombe apposta per castrare con la paura il nuovo corso di cinquestelle. Ma Grillo, che mi rifiuto di considerare un comico (o meglio,che come comico fa piangere, non esiste proprio) adopera un'altra tecnica. Non è farina del suo sacco, perché lui, ripeto, non vale una cicca, ma si appoggia a una specie di spin doctor che suggerisce, e bene o male ne azzecca qualcuna di tanto in tanto. E' lì che le parole rimangono in memoria. Se dice, come suggeritogli dal Casaleggio, che Ferrara è un container di merda liquida (e Ferrara, masochista, in Radio Londra registra bonariamente la sua uscita, amplificandola) quell'appunto rimane nelle orecchie per un bel po'. Se giura che bomba o non bomba arriveremo a Roma, la trovata ridiventa un ritornello completamente aggiornato, che risuona in tutte le contrade. Questo per dire che la ricerca dell'effetto delle parole e delle frasi ha vari gradi di penetrazione. Si dirà: ma la sostanza? Per carità, la sostanza! Non c'è Paolo Barnard che la possa rievocare soltanto "parlando chiaro". Se potesse, dovrebbe intercalare il suo parlar chiaro buttandola fragorosamente in vacca, a intervalli premeditati.
    Tommaso4ever

    RispondiElimina
  11. @nessie

    avevo capito la tua preoccupazione...che é reale,e può infatti darsi che non lo chiamino più.
    la mia, era più una considerazione generale....quando ce vo',ce vo',almeno ci siam tolti la pur magra soddisfazione nella tv di stato...
    Vedremo..

    @tommaso

    Non so se é tecnica o il carattere di Barnard,l'ha buttata lì quella parola,nè se resterà o no in memoria....Grillo é ormai un capo politico con migliaia di adepti,la risonanza diversa...Paolo solo un opinionista...che s'è levato forse una soddisfazione...e manco ne farei cosa più grande di quella che é in fondo..

    RispondiElimina
  12. @johnny

    Vabbe', è una cosetta. Quante righe e quante immagini, però! Spettatori? Lettori? Piccoli numeri, piccola soddisfazione. Contentiamoci.
    T4e

    RispondiElimina
  13. Non so,chi in questa vicenda ci perderà di più...il Barnard che,si è lasciato andare,per la foga, ad un linguaggio,che si "doveva" e poteva risparmiare,o l'improvvisato, facente funzioni "maestro di bon ton",che è riuscito ad articolare(a lungo) parole e frasi(grammaticalmente corrette)ma di contenuto(di disapprovazione) così scontato che gli altri invitati alla trasmissione ,"intelligentemente", si sono ben guardati di dire.....Questo dimostra che talvolta ho ragione e cioé,che alcune trasmissioni diseducative,dovrebbero essere trasmesse in fascia protetta,e con l'avvertimento che immagini e parole,possono avere, su persone con grande ingenuità,effetti negativi e diseducativi......Mi riferisco ai tanti spezzoni filmati di "assemblee parlamentari" ,dove abbiamo potuto ammirare di tutto...insulti,botte,arti marziali,lanci di oggetti,suoni e/o rumori non ben identificati,e Commessi(gli unici a fare bella figura) che faticavano a tenere a freno quella che somigliava molto più ad una bolgia dantesca,che ad un...democratico dibattito.....E' per questo che ,forse,Barnard non ha dato il giusto valore(in assoluto)alla sua infelice battuta(fatta in TV)...paragonandola(in relativo)a quello che molti"onorevoli"(si fa per dire)si permettono,nei loro(non sempre) educatissimi dibattiti in Parlamento....Forse(anzi sono quasi sicuro)che Barnard lo continueranno a chiamare in TV(con l'avvertimento.... di "rispettare" le regole del bon ton)....ma il ..."lucido capo"...del censore che lo ha redarguito(least but not the last),alla prossima trasmissione ne sceglierà e ci manderà un altro più rappresentativo per il suo partito, più esperto, però, anche lui a stare zitto,quando opportuno..... Ciao Tonino

    RispondiElimina
  14. @tom

    Eh sì,contentiamoci....abbiam visto pure Cocacolanino prender la spada....!

    @tonino

    Che te devi di' Tonino? Tutto può essere....se ci sarà una prossima volta,vedremo...anche se molti altri,compreso il D'Alemagenio,ne han dette di simili,senza tanto seguito...ma si sa,lui é inelligente...

    RispondiElimina
  15. Info Colanino


    http://www.facebook.com/photo.php?fbid=446912638654775&set=a.257003577645683.77080.256992010980173&type=1&theater

    RispondiElimina