martedì 17 aprile 2012

POTERE POPOLARE


Questa vergognosa classe politica si regge solo sul peso dei voti.
Basta non votarla e precipiterà in fondo al burrone come merita.
Non é possibile avere le piazze piene dato il popolo sta a casetta mentre lo massacrano ?
Ci resti allora.... URNE VUOTE

9 commenti:

  1. Il problema è che vota anche quello che sta dalla parte del burrone, i suoi famigliari e i suoi amici. Valiamo già poco votando, se non votiamo varremo ancora di meno e varranno sempre di più la varie lobby (quelle sì che vanno a votare).

    RispondiElimina
  2. Credo che in questo momento siano molti di più gli altri,e dopo quanto sta succedendo sarebbe strano che non lo fossero.Dopo aver provato gli uni e gli altri al governo,non ho visto poi grandi differenze,tutti i problemi più importanti sono ancora sul tappeto irrisolti,con il bel risultato finale di averci consegnato a Monti per loro incapacità.Non vedo come il voto possa cambiar qualcosa,é il sistema che non funziona e che si tratta di sfiduciare,non un partito o l'altro,ma tutta questa classe politica.Non votarli é il solo mezzo per farlo.Se l'astensione sarà importante,non avranno scampo.Io comunque,andrò al mare.

    RispondiElimina
  3. Per dar completezza al discorso dell'astensione e a cosa miri,riposto un commento di Johhny ad un precedente post:

    L'ASTENSIONE NON E' SOLO PROTESTA,E' UNA OPZIONE POLITICA

    Tutti i sondaggi danno un gradimento dei partiti dal 5-8%....il non voto é l'unica arma (pacifica...) che ha in mano il cittadino per sfiduciare questa indegna classe politica.Non a caso invitano tutti a votare per qualunque partito (é la stessa zuppa...),al fine di perpetuare comunque la loro sopravvivenza e la truffa dei rimborsi elettorali.L'unico timore che hanno é che il cittadino non voti.Sanno benissimo che un'astensione di massa,qualunque fosse il risultato elettorale,renderebbe ogni governo che ne uscirebbe POLITICAMENTE inadeguato,impossibilitato a governare.Cadrebbe al primo ostacolo.In Italia (non siamo gli usa...) non si può governare con un 50-60% di astenuti.
    Il governo non avrebbe nessuna credibilità.Ed é banale riportare la formuletta:" quindi se anche per assurdo nella consultazione elettorale votassero tre persone,ciò che uscirebbe dalle urne sarebbe considerata valida espressione della volontà popolare e si procederebbe quindi all'attribuzione dei seggi in base allo scrutinio di tre schede."
    Si vede come sia fuorviante il solo calcolo NUMERICO,senza considerare il dato POLITICO.

    Una grande astensione di massa porterebbe inevitabilmente ad una nuova Costituente per riformare regole e architettura dello Stato,oltre a spazzar via la vecchia classe politica ormai sfiduciata.
    Solo dopo questa operazione si potrebbe tornare a votare.
    Ma al di là di queste considerazioni tecnico-politiche,mi chiedo con quale coraggio,dopo tutto quello che stiamo subendo (e quanto illustrato nei posts precedenti),uno potrebbe ancora votare questi indegni parassiti e incapaci! !!
    Dopo ogni elezioni li vedete e li sentite parlare in trasmissioni televisive in cui spadroneggiano senza contraddittorio aiutati da conduttori compiacenti perché anche loro membri della Casta ; li ascoltate mentre rivendicano meriti che non hanno ; li udite chiedere il vostro aiuto per salvare il Paese che loro hanno portato a questo punto ;li guardate snocciolare programmi irrealizzabili perché finanziariamente insostenibili ; li osservate aggredirsi l’un l’altro, rinfacciarsi torti reciproci che a voi hanno causato l’assenza un governo equo e solidale ; li vedete rivendicare la loro autonomia, falsa unicità e coerenza, già immaginando gli inciuci (che loro chiamano “accordi ”, del tutto fuori dal controllo degli elettori) ;li sorprendete parlare delle vostre difficoltà a far quadrare i conti, mentre loro beneficiano dei milioni di euro del rimborso elettorale in Parlamento.
    Un'altra bella trovata della nostra Costituzione cartaginese é che non esiste la revoca del mandato parlamentare,così che il vostro eletto può fare quello che gli pare alla faccia delle ragioni per cui é stato votato.

    La gente ha paura di essere sincera. La gente vota turandosi il naso. Cosa uscirà mai di buono?
    Non non riesce piu´ a concepire un mondo senza nessuno che la prenda per i fondelli?
    Ripetere “mi sono fidato di questi signori ed ho sbagliato ancora una volta”?
    E' ora di finirla di votare i meno peggio.
    Solo una forte rottura potrà indurre un qualche cambiamento.
    E ricordatevi sempre che il voto non é un dovere,ma un diritto.

    RispondiElimina
  4. Ha ragione Rizzitelli,é il sistema politico in toto che va sfiduciato.Non si può continuare a votarlo visti i risultati,e questa classe politica non lo cambierà mai.Parlo della Costituzione,della forma di Stato e di recuperare la sovranità nazionale che questa classe politica ha svenduto all'Europa usuraia.
    Un partito vale l'altro nel non farlo.E' immorale continuare a votarli finchè permane questo stato di cose ed é inutile poi lamentarsi di incapacità e corruzione se si continua ad accreditarli col rito del voto.Sono anch'io per una Costituente che ponga rimedio a tutto questo,spazzando via questa indegna classe politica.Poi si potrà votare. Rik

    RispondiElimina
  5. io certo non voterò,chi potrei mai scegliere tra questi?

    RispondiElimina
  6. Se gli italiani si rendessero conto che continuare a votarli serve solo a perpetuare il loro potere,se ne starebbero a casa,così farò io,ma temo che attribuiscano al loro voto un'importanza che mai come ora non ha,semmai l'ha avuta in passato.
    Nessuno di questi signori medioevali ha la minima intenzione di cambiare un sistema che l ingrassa,e il votarli vul dire essere d'accordo con loro.Non c'è più nessuno che possa costituire una alternativa,son tutti sulla stessa barca dei loro privilegi che non intendono minimamente perdere.Le vicende sui rimborsi lo dimostrano.

    RispondiElimina
  7. Capisco l'idea di quelli che dicono che non resta che il voto ad un cittadino per poter dire la sua.Ma in questo momento ogni scelta sarebbe inutile,non direbbe nulla,se n dar fiducia agli stessi che ci hanno condotto a questo disstro,tutti indistintamente,anche quelli che n questo momento,avvertendo una totale sfiducia,tentano patetiche differenziazioni con proposte solo di sapore elettorale,avendo partecipato a tutti i privilegi che ora denunciano.
    E neppure mi convincono certe forze che si dicono nuove,tipo Grillo,sebbene possa raccogliere i frutti delle fessserie d una classe politica al tramonto.Non si tratta di partiti,ma di un sistema che non funziona ed entrandone a far parte non si può che essee cooptati nel suo gioco perverso.
    Quindi anch'io mi asterrò.

    RispondiElimina
  8. io vi dico solo una cosa ma qua ce da tirare fuori le palle l' italia e il paese piu tassato al mondo gli stipendi piu bassi quasi,i prezzi tra i piu alti,la gente è arrivata a suicidarsi per colpa di equitalia e debiti dovuti alle banche e alle finanzierie ovvero privati che truffano legalmente il popolo facendo crescere il debito pubblico con interessi enormi portando via beni se nn paghi sti debiti... nn aggiungo altro tirate fori le palle invece di parlare e basta

    RispondiElimina
  9. Beh,il tuo invito potrebbe essere reciproco....
    Senza star qui quindi a rinfacciarci nostri comportamenti che non conosciamo,si vede anche da queste elezioni che il pueblo italiano corre sempre a votare le sue disgrazie.Vero che l'astensione aumenta e che crece l'antipolitica,ma resta il fatto che dicevo.
    Quanto a ribellarsi,non é nel dna italiota,visto che mai ha fatto una vera rivoluzione in tutta la sua storia,e se c'era un'occasione per farla era questa,con un paese che é ormai una colonia,una nazione allo sbando sempre più vessata da cravattari.
    Guarda inoltre che queste cose le diciamo da mesi,con gli esiti che però vediamo.
    Che te devo di'...

    RispondiElimina