sabato 17 marzo 2012

LE BANCHE ORDINANO,I CAMERIERI ESEGUONO




Ci si riferisce al casino scoppiato attorno a un emendamento del Pd al decreto liberalizzazioni - accolto nel maxiemendamento del governo e dunque approvato pochi giorni fa dal Senato - che abolisce tutte le commissioni (leggi guadagni) che le banche ricavano dall'apertura, dal mantenimento e dalla chiusura di una linea di credito.
Apriti cielo...!. Addirittura i vertici dell'Abi, l'associazione delle banche, si sono dimessi per protesta,richiamando all'ordine gli ascari parlamentari.rimproverati come bambinelli disubbidienti,e subito pronti a rimediare da solerti e fedeli camerieri.
Al che si é scatenato un balletto grottesco di gioco delle parti.il Pd vuole far finta che si tratti solo di un "errore" materiale, Monti e i suoi non vedevano l'ora di non essere più "il governo delle banche", il Pdl acconsentirà solo se si sblocca il crediti ,Casini l'ascaro montiano invece dice in pratica che non bisogna danneggiare le banche,ma tutti dicono che la pezza ce la deve mettere qualcun altro.
Una sorta di pantomima il cui obiettivo è fare bella figura davanti all'opinione pubblica: l'unico fatto certo - senza una forte pressione di stampa (te la raccomando...!!) e consumatori - è che alla fine quell'emendamento verrà corretto,con somma gioia dei banchieri.

Quanto al resto del video,circa Goldman Sachs.....ne eravamo certi da tempo...

(by george)

7 commenti:

  1. Brava Finocchiaro...prima il tuo partito propone,forse per sbaglio, un emendamento per una volta favorevole ai minus habens,e appena i banchieri si incazzano,tu fai marcia indietro disposta a cambiarlo?
    Vele per tutti qwuesti scartini parlamentari,ma addirittura tu membro del partito che l'ha proposto!
    Parlamento di servi,andatevene a casa tutti,Pd in particolare,nemmeno il coraggio delle proprie azioni!

    RispondiElimina
  2. Banche,associazioni mafiose!!

    RispondiElimina
  3. Nei prossimi mesi anche i più dormienti nel sogno del "premier giusto al posto giusto" si accorgeranno, Imu alla mano e balzelli vari, che gli verranno strappate perfino le cartilagini. Si farà qualcosa? No, ci sarà un brontolio, il sindacato organizzerà un mezzo sciopero di 2 ore al sabato, tra le 2 e le 4 di notte, e poi ci si metterà in fila, con tanto di sorriso, per consegnare oro, figli e sangue alla patria.

    RispondiElimina
  4. La cosa vergognosa é che nessuna voce importante si levi a denunciare la situazione di sudditi in cui ci troviamo.I sindacati si accontenteranno di un nulla di fatto in pratica,i media non fanno altro che mistificare e disinformare,la classe politica ha toccato il fondo della sua inutiltà e mancanza di dignità.Penso a non molto tempo fa,quando bastava una pisciatina qualsiasi per invadere piazze,orache siamo peggio di una colonia,son tutti rintanati.Il popolo dorme e speriamo che quando vedranno andarsene inutilmente i loro soldi,si sveglino.Quasi quasi,c'è da rimpiangere i black blocs....ammesso che anche loro non faccian parte del giro....Mi domando inoltre come questo popolo possa poi andare a votare,dopo il circo di ruberie generali a cui assiste e all'inanità di una classe politica ed istituzioni che stanno svendendo il paese.

    RispondiElimina
  5. La classe politica? Eccola.

    1993- Il Referendum contro il finanziamento pubblico dei partiti riporta una vittoria schiacciante
    Nello stesso anno,tradendo gli elettori e con il solito trucco,il parlamento lo ripristina cambiandogli nome: "rimborsi elettorali"

    ... Si passa così dai 47 milioni di allora ai 600 milioni del triennio 2008-2011.Rimborsi che naturalmente superano di gran lunga le effettive spese elettorali .Ad esempio,Il Pdl, a fronte di una spese di 54 milioni ne ha incassati 206; il Pd ne ha sborsati 18 e ne ha incassati 180 milioni
    La differenza tra le due poste, da denaro PUBBLICO diventa denaro PRIVATO dei partiti,che ne fanno quello che vogliono,come dimostra il recente caso Lusi.
    Praticamente un partito é ormai un'impresa privata che addirittura percepisce rimborsi anche quando non esiste più,vedi appunto Margherita,godendo anche di inesistenti controlli sui bilanci.
    A questo si aggiunga anche il finanziamento dei gruppi parlamentari,senza contare le circa 7000 società che gravitano intorno alla politica,spesso fabbriche di mazzette,stipendi da favola e scambio favori.

    Morale: non si parla di bruscolini,ma di miliardi di euro sottratti alla nazione.

    Siccome ogni elettore vale denaro,ecco perchè invitano tutti al voto,,,per finanziare le loro imprese.
    Quindi alle prossime elezioni,popolo bue corri alle urne....!

    RispondiElimina
  6. E' uno schifo! Non si riesce a far pagare nulla ai banchieri,gli unici che ingrassano in questa crisi e che ricevono quintalirazione dei loro misfatti e speculazioni sbagliate.Non si riesce neppure a tagliare sprecchi e costi della politica e la sua elefantiaca struttura centrale e locale.Tanto parlare,infine nulla.Pagano sempre i soliti,vessati come non mai.Una farsa le misure della crescita,quanto al debito é meglio non parlarne.Un governo di incapaci e prezzolati e un presidente della repubblica che farebbe bene a nascondersi dalla vergogna.Siamo in liquidazione totale.Povera Italia!

    RispondiElimina
  7. saltata la tastiera...banchieri.... che ricevono quintali di euro a riparazione dei loro misfatti.....

    RispondiElimina