mercoledì 7 marzo 2012

LA VERGOGNA DI UNA NAZIONE

A sentire certe notizie,ti si gonfia il cuore di rabbia nel constatare il grado di servilismo,di indegnità,di rimbambimento e deficit democratico in cui classe politica,media e istituzioni hanno precipitato il paese .
Ma é anche vero che ogni popolo ha il governo che si merita e viceversa.
La notizia viene dalla Spagna,un paese che non sta certo messo meglio di noi.
Il premier ELETTO  Rajoy,che non é certo un rivoluzionario, ha dettto agli euroburosauri nonchè usurai europei,che se lo possono scordare il diktat sul deficit di bilancio.Il popolo spagnolo sta con lui.
“Decisione sovrana”, ha detto.

E la stampa : "Il Paese non intende subire umiliazioni da una Cancelliera che si appropria di tutti i risparmi d’Europa e non ascolta nessuno, come fosse il padrone assoluto dell’Unione”.

Lascio a voi ogni confronto....dico solo che quel tale aveva ragione: "l'Italia é solo un'espressione geografica"

22 commenti:

  1. Ya basta. Gracias a Dios
    Gli euroburosauri vogliono che Rajoy, il premier spagnolo, abbassi il limite del deficit al 4,4 per cento del Pil di quest’anno (all’8,5 % l’anno scorso). Lui annuncia a Bruxelles che se ne infischia delle austerità che la UE/Merkel pretende di imporre alla Spagna. E fa sapere che, invece, il suo governo si pone un limite del 5,8 per cento.
    L’economia spagnola, in recessione da tre anni, si contrarrà quest’anno dell’1,7%. Rajoy ritiene che il suo Paese abbia già dato, e che ulteriori strette di bilancio hanno il solo effetto di aggravare la depressione. L’opinione pubblica è con lui.A questo punto, il cosiddetto “Fiscal Compact” è morto. Questo trattato, che è un diktat tedesco, impegna 27 paesi a inserire l’obbligo di pareggio nella Costituzione e a far controllare i loro conti, preventivamente, dai Commissari. Monti si accorgerà della “lettera morta”?
    Nella ricca Olanda, Wilder, leader del Partito della Libertà propone l’uscita dall’euro: “L’euro non è nell’interesse dell’Olanda. Vogliamo essere padroni in casa nostra, torniamo al fiorino”.
    Secondo uno studio inglese l’unione monetaria costerà ai nordeuropei 2400 miliardi di euro, se anche Italia e Spagna si riducono come Grecia e Portogallo.
    Wilder dice inoltre: prima dell’euro, l’Olanda cresceva al ritmo del 3% annuo; dopo l’introduzione dell’euro, è all’1,25%, meno di Svezia e Svizzera (che si sono tenute la moneta nazionale).

    RispondiElimina
  2. "La Spagna non è un antico paese che permetterà di essere umiliata dalla Cancelliera Tedesca."

    "Il comportamento della Commissione Europea verso la Spagna negli ultimi giorni è stato infame e ha superato i limiti di potere del trattato […] questi eurocrati pensano che sono i proprietari e i padroni della Spagna."

    "La Spagna e le altre nazioni nell’UE sono seccate per le intromissioni della Canc...elliera Merkel e per l’usurpazione della Germania, con l’aiuto della Francia di Sarkozy e la loro pretesa ‘presidenza esecutiva’ che non esiste nei trattati dell’UE."

    "Rajoy non deve arretrare di un millimetro. La posta in gioco è alta e il paese non può in alcun modo subire umiliazioni da una Cancelliera che sta facendo incetta di tutti i risparmi dell’Europa e che non ascolterà nessuno, come se fosse la despota assoluta dell’Unione.
    La Merkel e la Commissione dovrebbero pensarci a lungo prima di allungare le mani sulla sovranità di questa nazione – o di una qualsiasi altra – prima che se le brucino." (Pablo Sebastián)


    Come si fa a non menare questa classe politica di burattini che ci ritroviamo? Corrotti,incapaci,pavidi,servili....non sanno cosa sia una Nazione,non hanno un minimo di dignità e orgoglio....compreso quell'inutile presidente che si squaglia al nome di re giorgio,mentre cistanno sfilando il paese per metterselo in tasca....che schifo!

    RispondiElimina
  3. c'è poco da confrontare,gli spagnoli hanno le palle,noi una massa di servi politici incapaci,una stampa da brividi tanto é menzognera e un presidente che é una caricatura....tutto qui.

    RispondiElimina
  4. questa non é una nazione,non la é mai stata,se non sotto il fascismo e al tempo dai romani....è sempre stato il paese di franza e spagna ,basta che se magna...e qui i nostri politici son specialisti...stanno tutti intorno a monti,sperando poi di ricavarner qualcosa per le loro botteghe di nulla....se gli italiani fossero furbi invece di votare andrebbero tutti al mare...che ce ne facciamo di questi servi che non hanno il coraggio di rispondere per le rime a questi malfattori europei? a che servono?

    RispondiElimina
  5. vedo che la stampa cameriera italina,in pratica censura Mariano Rajoy. Giornali e telegiornali ignorano le dichiarazioni del premier spagnolo. Le agenzie di stampa italiane non hanno dispacci dalla Spagna.
    Un'altra dimostrazione del becero servilismo di questi pennivendoli,una delle sciagure di questo paese inesistente

    RispondiElimina
  6. Non arrivo a dire che mi vergogno di essere italiano per colpa di questi vermi che ci governano,ma per l'inanità e la codardia di questo popolo che non ha il coraggio di reagire a qualsiasi sopruso e confisca di diritti.Non vofglio essere un servo,ma un cittadino,ma questo da noi é impossible.Scambiano per cittadini le pecore che senza dir nulla vanno al macello.Questa è l'idea che si son fatta,e forse a ragione.
    Una cosa sconcertante però é il slenzuio di tutti quegli ipocriti salmisti della democrazia ai tempi di berlusconi,un tiranno da opera buffa,e che ora sono silenziosi nei loro avelli di norti,se non conniventi di questo infame regime che confisca ogni diritto.Ricordatevene quando usciranno dai loro ipocriti cunicoli.Manco un Theodorakis che abbia avito il coraggio di denubciare una situazione vergognosa.Vero scalfari,Eco,Zagrebelsky,Sartori,conchite varie,giullari Benigni,saviano,rincitrullito Fò,vermiciattolo Fazio.....una lunga lista di buffoni ipocriti....più i politici d'ogni rango e specie,più un presidente che definire pulcinella é già un complimento.
    L'talia....non merita un cazzo di nulla...

    RispondiElimina
  7. Rgazzi,grazie dei dettagli,ora sono ancora più incazzato,specie dopo il post di benny,che é quanto pure io penso.Più della mancanza di coraggio di un popolo,odio la IPOCRISIA di tanti fessi che si sono atteggiati a maestri di pensiero a buon mercato.Ora che manca il facile bersaglio del giullare arcoriano,e che ci sarebbe da far fuoco e fiamme,sono rinculati nelle loro tane come dei semplici ratti,dimostrando così quanto avevano a cuore la democrazia e tutte le cazzate che spacciavano gratuitamente.Tutti ominicchi,quaquaraqua e ruffiani,come uomini.
    Guardate che le parole le ho scelte con cura e ogni insulto a questa razza di ipocriti é sempre meno di quello che si meritano.
    Sono gli intellettuali del principe,sempre quelli della vergogna italòiota.

    RispondiElimina
  8. Popolo di schiavi....politici di merda...presidente vigliacco...

    RispondiElimina
  9. Se saltasse fuori un uomo degno di tal nome che avesse a cuore la sorte della nazione e guidasse l'antagonismo,non ce ne sarebbe più per nessuno...

    RispondiElimina
  10. Lezione dagli spagnoli che,pur nelle nostre simili condizioni,non rinunciano a sentirsi un paese vero,una nazione a differenza nostra e dei nostri orribili poltici che sentono sono interessi meschini di bottega.

    RispondiElimina
  11. Schifo totale, odio quest'italia meschina e vigliacca; vorrei andarmene, ma dove alla mia età? Che troverei all'estero? Andrei volentieri solo un paese civile come il Giappone ma entrare là non è affatto facile; non ne parliamo poi di aver la cittadinanza... Ma fanno bene, non hanno lo schifo immigrazionista che c'è qui...
    E poi quoto l'anonimo: 'Popolo di schiavi....politici di merda...presidente vigliacco...'
    Pure l'India ci prende a pesci in faccia...

    RispondiElimina
  12. Quel Tale era il Metternich. E ora che ci penso era meglio rimanere sotto il giogo dell'Austria che dover sopportare l'attuale giogo degli Eurocrati, i quali ci tempestano di "risorse<" da ogni angolo del pianeta e che ci sprofondano nel burrone del fallimento. Non a caso qui ci hanno messo il servo della Merkel, MOnti.

    RispondiElimina
  13. monti è il becchino che è venuto a seppellirci.
    adesso che ci penso è proprio vestito da becchino!
    tocchiamoci!!!!

    mi domando perchè invece di parlare il governo spagnolo non esce dall'euro???????????????????

    qualcuno dovrà prendersi la responsabilità di far esplodere la bolla chiamata UE!

    tutti si indignano ma nessuno va oltre le parole!

    nè 8,5% nè 5,8%, a casa mia decido io qual è il deficit che è meglio per il mio paese,se decido di avere un deficit del 10% lo faccio e basta senza dovermi giustificare!!!!!

    RispondiElimina
  14. @nessie

    Meglio il giogo di nessuno.Ormai mancano le parole per defnire questa banda di delinquenti finanziari.Per dieci anni in pratica mezza europa ha lavorato per la Germania.Poi però,leggo che un hedge fund americano ha capitali uguali al pil dei tedeschi,e allora pure la Merkel conta fin lì.

    @anonimo

    tu dici,bisognerà pure che qualcuno cominci a lasciar questa cricca di strozzini! Vero,pur nonessendo robetta.Comunque gli spagnoli hanno avuto almeno un sussulto di dignità,hanno un governo vouto da loro.Noi abbiamo la dignità sotto ai piedi e un gauleiter che ci governa negli interessi altrui.Tu dici gli spagnoli,ma noi che siamo ormai sudditi,che facciamo?Che si aspetta a cacciar lui e tutta quella manica di burattini politici che ci ritroviamo?
    Il tuo discorso sul deficit non fa una piega.Tutti i paesi del mondo sono in deficit,e lo usano per incrementare l'economia.Solo a dei pazzi poteva venire in mente la bufala del MES e del Fiscal Compact,e altrettanti deficienti a firmarla.

    RispondiElimina
  15. "l'Italia é solo un'espressione geografica"; una bella referenza dal punto di vista dell'immagine dell'esplorazione e della puttanizzazione dell'Italia quale metafora della demenza oltretombale della riproduzione italiota.

    Da cui nasce quello sbraito terribile - che incessantemente sentiamo echeggiare notte e dì - degli zombi italici popolanti, politicanti, tecnocraticanti oltretombali travestiti da umani - una dannazione zombica - estirparsi dal loro "habitat" e riversarsi ovunque intenti a dibattersi, a morsicarsi, a squittirsi e a vomitarsi, l'un l'atro, tutta la bile prodotta dalla loro eterna condizione di carogna ancheggiante.

    D'altronde cos'altro ci si poteva aspettare da un paese la cui unificazione nasce da una masnada di santi cialtroni, poeti analfabeti ed eroici traditori?

    La nostra "Indipendenza" si deve alla massoneria!

    L'Unità d'Italia non fu altro che la messa in pratica di un complotto vampiresco massonico/coloniale dell'alta finanza inglese/francese, con l'appoggio della mafia e l'asservimento della Chiesa, con il quale praticarono il genocidio di centinaia di migliaia di "terroni" (altri centinaia di migliaia furono deportati e "lagherizzati"... altri ancora, milioni e milioni, ridotti alla fame e all'immigrazione) e di depredazione delle ricchezze economiche, culturali e sociali dell'allora avanzatissimo, floridissimo e potentissimo "Sud...." del cui SANGUE "fraternizzarono" il Popolo Italiota.

    Tutt'oggi l'Italia è l'espressione sputata e governata, in peggio, da cialtroni, analfabeti e traditori del popolo dello stesso ceppo! La gran sventura degli italioti è di non avere uno Spirito di Razza.

    Ecco allora la dannazione zombica di questo paese. Un'oasi per zombi!

    RispondiElimina
  16. Il popolo italiota non esiste,é solo un gregge belante,incapace di ogni rivoluzione e quasi sempre obbediente al motto,franza o spagna basta che se magna.Ora sta calando anche il mangime,ma la natura pecoreccia non si può cambiare.Individui anche geniali,popolo di cialtroni.
    Risultato,un ininterrotto squittio di roditori,il resto é fuffa.

    RispondiElimina
  17. Vedere che c'è qualcuno che la pensa come te fa piacere, ma non in questo caso. Purtroppo al: fatta l'Italia, non è seguito un: facciamo gli italiani. Ve lo ricordate lo scippo di Ciampi/Amato sui conti? Qui non accadde niente. Se fosse successo in un qualsiasi paese del mondo, sarebbero finiti tutti appesi come i salami. Siamo stati il faro dell'umanità per millenni, abbiamo dimostrato più volte al mondo che possiamo essere tra i migliori in tutto. Mi sembra di vedere la solita professoressa che dice ai genitori: il ragazzo è bravo e intelligente, ma non si applica. Ormai ci affidiamo solo alle lotterie e ai grattaevinci. Non oso immaginare se ci vedessero gli antichi romani o un qualsiasi cittadino dei Comuni del 1100, cosa direbbero di noi...

    RispondiElimina
  18. Ricordiamo,ricordiamo Elric....sempre lo stesso Ciampi che con il trombone Scalfaro rimosse il 41 bis...
    Mi sa che Monti stia per ripetere lo stesso film.Ieri é stata abolita la golden share su Eni,Enel...preparazine per la svendita.
    Ormai son quasi trecento anni che non siamo più il faro di nulla.Di questi tempi poi siamo famosi,come popolo, per il giullarismo e come governanti....é meglio che non ne parliamo nemmeno.Mala tempora.

    RispondiElimina
  19. Temo che la faranno fuori la Spagna o almeno zittiranno il governo spagnolo, anche se potrebbe essere pericoloso. Gli Spagnoli non sono quei paciosi sonnacchioni mangia paella che si ama dipingere nel regno di Papa Monti & Co(joni). Per mia ampia esperienza in terra iberica posso dire che hanno ancora molto di quelli che fecero vedere sorci verdissimi alle truppe di Napoleone, se si incazzano non si fanno mettere sotto i piedi dai sindacati, dai partitucci di falsa protesta, dai movimenti violacei. Certo c'è sempre il rischio che certa sinistra da champagne cerchi di mandare in vacca le proteste (vedi indignados, partiti come movimento anti politica e finito con la solita infiltrazione di sinistrorsi che volevano più cadreghe, risultato: la gente si è rotta le palle degli indignati e li ha mandati a cagare).

    RispondiElimina
  20. Certo é che non possono accanirsi più di tanto con l'Italia ora che hanno un loro uomo al comando.Come in Grecia.In Spagna hanno appena fatto le elezioni,sarà un po' più difficile agire come hanno fatto in questi due stati.Più facile in Portogallo.Ora o dopo,il fatto é che sei sempre sotto ricatto dai manovrator dello spread,un trucco per affossare paesi che non ha nessun rapporto con l'economia reale.Prova ne siano i pessimi indicatori economici del trimestre,peggo di quando lo spread stava a 450.L'azione di governo non ha in pratica posto nessun rimedio e se questo si é abbasato,é dovuto alla pioggia di miliardi dati dalla BCE alle banche all'1%,banche che invece di finanziare il credito preferiscono comprare titoidi stato al 4-5%,determinando così il calo dello spread.Insomma,siamo in mano ad una banda di speculatori con capitali che possono sotterrare qualsiasi stato,specie quelli a moneta non sovrana che non possono in alcun modo difendersi.Senza una rivolta generale non sene esce.Saremo sempre sotto tiro,finchè non ci hanno levato tutti gli assets industriali più importanti,come accadde nel 1992.Lo specchio dell'Italia é Facebook,centinaia di gruppi antagonisti incapaci di ogni organizzazione e infiltrati da vecchi marpioni della politica o i preda ai sogni più bizzarri ed irrealizzabili.Ma di scendere in piazza niente.Siamo ormai dei sudditi sotto ogni aspetto,con politici peggio dei servi ed incapaci di qualsiasi reazione,se non curare i loro interess di bottega.Già,dove sono ora le migliaia di indignados?

    RispondiElimina
  21. Quando sarà ora di votare basta dichiarare che mi rifiuto di votare in quanto ritengo che nessuno dei candidati mi possa rappresentare.si fa verbalizzare dal presidente di seggio e se lo facciamo in massa blocchiamo le elezioni,e non diranno come al solito che abbiamo preferito andare al Mare!!!

    RispondiElimina
  22. Fregatene di quello che dicono,ormai non sono più credibili....la cosa é ancora più semplice,basta starsene a casa...l'astensione é l'unica forma di rifiuto totale di questo corrotto Sistema politico che si regge sul voto.Altro che protesta!
    Se non si cambiano le regole del sistema,qualunque sias il tuo voto,serve solo a confermarli nella loro incapacità e corruzione.Se poi penso che hanno votato il fiscal compact e Mes,bisognerebbe fucilarli,altro che voto!

    RispondiElimina