domenica 18 marzo 2012

LA FAVOLA DEL DEBITO E SPREAD

Ancora certi coglioni di economisti e la stampa dei servi mainstream credono alla favola del debito pubblico come causa di tutti i nostri mali.
Ebbene signori, la Spagna nel 2011 aveva un debito del 66% del Pil ,ed é nelle nostre stesse condizioni.
Un paese virtuoso secondo i parametri,meglio della Francia 85% e della pretesa virtuosità della Germania 83%.
Di converso il Giappone ha un debito del 240% e si finanzia con interessi ridicoli dello 0,5%.Non risulta che i giapponesi siano alla fame od oppressi dallo spread.Già,ma loro sono un paese a moneta sovrana.

Il male risiede altrove,in un sistema dell'euro truccato gestito da strozzini e speculatori che ci hanno confiscato sovranità politica,economica e monetaria.

Questo é un bocconiano,evidentemente di parere diverso da Monti e compari.
il Prof. Luca Fantacci : “Nessuno Stato è in grado di ripagare i propri debiti. D’altro canto, gli Stati non sono nemmeno tenuti a ripagare i loro debiti.I debiti degli Stati, da quando hanno preso la forma di titoli negoziabili sul mercato, non sono più fatti per essere ripagati, bensì per essere continuamente rinnovati e per circolare indefinitamente. I titoli di stato sono emessi, sono acquistati e rivenduti ripetutamente sul mercato e, quando giungono a scadenza, sono  rimborsati con i proventi dell’emissione di nuovi titoli.”

Un giro di carta di cui non ci sarebbe nemmeno bisogno se lo Stato fosse padrone della sua moneta..

Ci spieghino inoltre come l'Italietta di tanti anni fa,con un debito sempre intorno ed oltre il 100% del Pil,era la sesta economia mondiale e con un  export da far impallidire la Germania di allora.
Solo che era un paese a moneta sovrana...finchè nel 1992,decimata la classe politica da Mani Pulite (e qui ci sarebbe molto da discutere....), gli strozzini decisero di predare il paese con la complicità dei vari Draghi,Amato,Ciampi,,...tutti tecnici al loro serviziocome Monti .....e poi Prodi,che ci consegnò agli usurai europei.
Ora la storia si sta ripetendo é in condizioni molto più gravi.
Purtroppo la nostra disgrazia ha solo un nome: EURO!!!


(click to enlarge)

Come si può vedere da almeno trent' anni il debito é intorno al 100% del Pil o superiore,senza che sia mai successa alcuna catastrofe economica.Anzi,la crescita italiana,nonostante le tante storture e sprechi di una classe politica spesso inetta,é stata finanziata da questo deficit.
Interessante vedere che all'epoca dei tanto decantati governi tecnici 1992-96 (Amato,Ciampi,Dini,Prodi...con l'ininfluente e breve parentesi berlusconiana),il debito pubblico é passato dal 105% al 120%..



In questa griglia ci sono 4 grafici di 4 colori diversi e sono gli interessi sui titoli di stato rispettivamente tedeschi (linea inferiore giallo scuro), spagnoli (arancione), italiani (verde) e francesi (rosso). Fonte Bloomberg.
Cosa notate? Basta semplicemente guardare il grafico per rendersene conto. Dai primi di aprile dell’anno scorso le 4 linee (quindi guardate la parte sinistra del grafico), sullo stesso livello, cominciano a divaricare.
Questo sapete cosa significa? Politica monetaria ed economica decisa a tavolino dalla UE al sol fine di favorire la Germania,in parte la Francia. Il resto è solo fuffa e Monti una sorta di burattino. Sfido chiunque a dimostrarmi, dati alla mano, il contrario. E peraltro la parte destra del grafico, situazione attuale dopo decisioni prese dalla UE e pesantemente ripercosse soprattutto da noi, non tende più a ricomporre le linee sullo stesso livello.
Improvvisamente s'è detto,non si sa in base a quali dati reali,a quale miracolo la forbice é andata allargandosi.A prescindere dal dato specifico in favore della Germania,ad un livello più alto
non ci vuol molto a capire che la speculazione usuraia e pilotata aveva ben altri fini che una semplice manovra speculativa,ma mirava solo al cambiamento di governi non allineati ai loro desiderata e a ricattare i riottosi con questo trucco dello spread che non ha nessun collegamentoo con la reale situazione economica.
E' solo uno strumento  ricattatorio fondato su agenzie di rating private e fuori da ogni controllo,dove i controllati controllano i controllori...
Lo scopo finale é depredare le ricchezze di questi paesi e impoverirli fino a renderli sudditi impotenti.
Chi infatti sa dire cosa sia cambiato di economicamente rilevante da aprile a oggi che giustifichi questo giochino dello spread? Nulla di reale,solo un'azione concertata appunto a tavolino dagli usurai.

Anzi ,nonostante la propaganda di Monti e delle sue ridicole misure strombazzate da media indecorosi, la situazione é peggiorata,nonostante lo spread sia sceso intorno ai 320 punti (ma solo per il denaro dato dalla BCE alle banche all'1%,le quali invece di aprire il credito,hanno preferito acquistare i btp statali al 4-5%).Quindi calma Monti,resta pur sobrio,tu c'entri come i cavoli a merenda,e magari guardati i dati qui di seguito,così ti passa la voglia di autoincensarti e dire fesserie.

(dati Bankitalia di pochi giorni fa)


- il debito pubblico a 1909 miliardi all'epoca dell'insediamento Monti é ora a 1935 miliardi.
Manco lo Spirito Santo riuscirà a ridurlo,e tutti i peana della stampa prezzolata si riducono a polvere.

- recessione con Pil a - 1,5%,stima molto benevola. Così a fronte di un aumento debito di 27 miliardi,abbiamo una ricchezza in meno di 19 miliardi.Quindi rapporto debito/Pil  ancora più negativo con un buco di 46 miliardi ,da aggiungere ai 40 miliardi di riduzione annua della sciagurata firma del fiscal compact.
Qui manco la Trinità é in grado risolvere.

- il deficit pubblico é aumentato di 2,4 miliardi nel primo  trimestre del governo Monti ( dicembre-febbraio),rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

- all'arrivo di Monti la disoccupazione era all'8,5%,a fine gennaio il 9,2% e il trend é negativo.

Quindi tutti i vari decreti Salva-Cresci Italia sono bolle di sapone, bufale mediatiche che non intaccano minimamente i problemi della nazione.Anzi,li peggiorano ancor di più.Oltre ai dati già visti,consideriamo un'inflazione certamente maggiore dei ridicoli dati Istat (3,3%),una recessione (non ci facciamo mancare nulla,recessione ed inflazione insieme,il peggio) destinata ad aggravarsi,un crescente disagio sociale per una tassazione ormai abnorme che non risolve oltretutto nulla, e una  mancanza assoluta di equità.
Nessuna misura contro la  spesa corrente,nessuna misura di rilievo contro la casta politica e bancaria e i poteri cosidetti forti.Ma questo é il piano degli usurai a cui Monti come loro agente obbedisce.

Insomma,siamo in mano ad un venditore di fumo (vedi anche tutto il balletto delle privatizzazioni),ad una classe politica grottesca e a media mainstream degni della miglior DDR.
E tutti al servizio degli usurai internazionali e dei loro trucchi del debito e dello spread.

16 commenti:

  1. C'è da inorridire nel baratro in cui siamo caduti

    RispondiElimina
  2. C'è da inorridire della coglionaggine degli italiani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. già, proprio ieri un mio carissimo amico mi diceva, " Monti è un grande" ho provato a spiegargli quanto si sbagliava, ma non c'è stato verso.....che pena!

      Elimina
    2. Evidentemente il tuo amico ha qualche problemino...

      Elimina
  3. In effetti c'è puzza di bruciato,é un meccanismo perverso che sembra obbedisce ad un piano prestabilito,come da molte parti indicato.Si scpre che le agenzie di rating,che in pratica determina lo spread,sono dei privati interessati alla speculazione e che il debito non ha mai provocato le conseguenze di oggi e che dai dati non ha rapporto con l'economi reale di un paese,come d'altronde la borsa.In questa luce,anche le squallide misure vessatorie di monti non hanno alcun rilievo,sembrano minuzie per avvalorare la sua guida necessaria al paese,mentre ogni misura va nella direzione oppostà ad una sua salvezza.Il rumore é tanto,specie quello dei media,i risultati in fondo ridicoli allo scopo.L'unica cosa non ridicola é l'oppressione sui soliti noti,tutte misure inutli,diverse propagndistiche e di nessun effetto sui problemi reali,che tanto reali poi non sono,maabbondantemente provocati ad arte
    saverio

    RispondiElimina
  4. Aquesto aggiungete una pressione fiscale ormai insostenibile al 45% del Pil e quanto ancora dovrà avvenire con l'aumento dell'iva al 23% da ottobre....certo la lottaall'evasione si deve fare,ma con questa pressione é un incentivo.Chi è disposto a lavorare quasi sei mesi per QUESTO STATO,stante i servizi offerti e le malversazioni di denaro pubblico a cui si assiste in questi giorni? Bisognerebbe che i privilegiati dessere l'esempio,ma finora il sig.Monti,tutto chiacchiere e distintivo Goldman,non é che si sia molto interessato a questo.Quando poi sento uno come Casini,una specie di yes man montiano e protagonista come gli altri di tante nefandezze col denaro pubblico,recitare il solito mantra pro monti,mi vien da rompere la tv.

    RispondiElimina
  5. questa storia dello spread é cominciata anche in quei mesi quando la Deutsche Bank ha cominciato a disfarsi dei titoli italiani,circa 7-8 miliardi,innescando una reazione a catena.
    forse non c'entra,ma il sospetto c'è,la Germania é la ns più forte concorrente nell'export verso l'Unione.

    RispondiElimina
  6. Al momento, il tasso di disoccupazione del Giappone è fermo al 5,3% , una situazione decisamente migliore rispetto a quella degli Stati Uniti e della stessa Unione Europea al 9,7%, i valori massimi da 10 anni a questa parte. In termini numerici i disoccupati, sono oltre 15 milioni.

    Molti ci dicono che per anni,con la lira, ci dicono che si è speso troppo, però non ti dicono che per creare ricchezza per i cittadini lo stato deve essere a deficit ed è normale che per costruire ospedali, creare posti di lavoro, bisogna indebitarsi, è una cosa naturale.
    Altra cosa sono poi le ruberie di questa indegna classe politica.
    E cosa ci dicono anche? Che dobbiamo ridurre il debito pubblico tagliando i beni essenziali per i cittadini, per accontentare i banchieri criminali che comandano da Bruxelles.Dovevamo restare fuori ,chi non vi ha preso parte all'unione monetaria, non sta morendo di fame e ricordiamoci che il nostro paese è tra i piu industrializzati al mondo e sarebbe sopravissuto senza questa moneta criminale

    RispondiElimina
  7. Non sopporto più questo mentitore sobrio di monti che in molti sede estere non fa che disprezzare il Parlamento (come istituzione,perchè l'attuale bisognerebbe bruciarlo). fa il emerario, lo spavaldo,Monti sfida l'impopolarità col il cipiglio di un dittatore sudamericano. Che differenza c'è oggi, tra l'Italia ed una qualunque repubblica delle banane? Nessuna. Monti dice al Parlamento: non avete fatto nulla in due anni, tanto che mi hanno chiamato. Scusi, Monti: chi la ha chiamata? Il popolo certamente no, visto che non si sono tenute regolari elezioni. Lei è stato chiamato con un golpe in pratica ,solo dal Capo dello Stato che andrebbe messo agli arrsti.In Spagna in piena crisi han fatto le elezioni e poco importa se già programmate.Questo Governo è distante dalla gente comune, lunare, senza un'anima. E per giunta si sta dimostrando praticamente inutile alla risoluzione dei problemi nonostante il suo autocompiacimento burino e l'indegna grancassa di media che ormai hanno toccato il fondo di ogni deontologia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bennyhill, massimo rispetto, condivido in pieno!!!

      Elimina
    2. Caro Spanu, in un tuo commento poco sopra racconti di un tuo amico che dice: "Monti è un grande". E tu a cercare di convincerlo che si sbaglia. Fosse soltanto una mosca bianca quel tuo amico! Ti dirò che cosa capita nella mia città. Chiacchiero con decine e decine di persone e tutte (diciamo al 95 per cento) considerano Monti persona dabbene, che "metterà a posto le cose". Ma vuoi sapere il colmo? Ho raccolto i giudizi positivi sul Nostro soprattutto nelle zone più povere e popolari della mia città, quelle che un tempo si definivano rosse o proletarie o ricche di trinariciuti. Voglio dire che anche e specialmente fra la gente più semplice e di scarso reddito esiste l'attesa fiduciosa nei confronti del Monti. Che cosa accade, dunque? Giornali e soprattutto tv hanno colto nel segno: a forza di slinguate per i tecncici e panzane sul loro operato hanno ammansito persino coloro che fanno fatica a pagare le bollette, che dovrebbero avere le convulsioni in vista dell'Imu, che non immaginano quel che capiterà con l'Iva al 23 per cento, che sembrano strafottersene delle mostruose accise sulla benzina. E via così, stratorchiati e inspiegabilmente speranzosi!
      Allora: un governo lontano dalla gente comune? Sicuramente sì, ma gran parte della gente comune (per tanti motivi che ho appena accennato) gli dà credito! Per la vecchia serie della Settimana enigmistica intitolata "Incredibile ma vero".

      Tommaso4ever

      Elimina
  8. Poco da aggiungere al post e a quanto tutti avete detto.Dico solo che più di una volta il popolo é stato cornuto e mazziato.Una propaganda vergognosa degna del miglior Goebbels é stata svolta dai media mainstream,venendo meno a uno dei loro doveri fondamentali: informare il pubblico cercando il più possibile di avvicinarsi alla verità.Lavoro che si son ben guardati dal fare.C'è da dire che ora alcuni organi che elevavano peana al nuovo salvatore (forse più per la caduta berlusconiana),ora si stanno accorgendo di quanto sta sotto alla propaganda che loro stessi avevano iniziato.
    Può pure essere che quando questa gente più povera comincerà a tirar fuori i soldi veri,cambi opinione ,a meno che di essere totalmente rincitrullita

    RispondiElimina
  9. Purtroppo la gente beve quello che le danno da bere. Le opinioni politiche non sono diverse dalle convinzioni sul detersivo che "lava così bianco che più bianco non si può". Una volta si parlava di "magnifiche sorti e progressive". Poi vennero gli immani macelli delle due guerre mondiali e gli illusi dovettero ricredersi. Quando la speranza viene brutalmente frustrata subentra la disperazione. Ci siamo incamminati su questa strada?

    RispondiElimina
  10. Forse no,almeno lo spero...c'è una certa rassegnazione e disinformazione in giro,molta colpa della quale va ai media e anche all'indole italiana.Esiste però anche una minoranza che non beve tutto quanto passa il convento e che si sta sempre più allargando.Già da qualche parte di addetti ai lavori cominciano a serpeggiare dubbi su l'operato di Monti e su questa Europa.
    noi continueremo a smascherare questa grande truffa insieme a tanti altri, nella convinzione che finalmente anche settori più refrattari di popolazione capiscano la situazione che stiamo vivendo e perchè.Non è un fatto della natura,inevitabile come un terremoto,masolo l'opera di una masnada di speculatori.

    RispondiElimina
  11. Il gregge non vuole pensare ma solo sapere cos'ha fatto la Juve. Il fatto che molti siano pro-Monti indica chiaramente che il gregge italiano non merita nemmeno la democrazia. Tanto valeva tenersi il re che, perlomeno, faceva gli interessi della "sua" nazione". I romani lo sapevano e gli davano le gare di bighe. Ora gli danno il calcio e il "sobrio" Monti che, con questa sua "sobrietà" ha ubriacato il popolo bue. Accettare così supinamente l'IMU ne è la dimostrazione. Tempo fa ho avuto una conversazione con una persona e questo era convinto (oserei dire: folgorato) che solo Monti ci potesse salvare. Ma, a parte questo, considerava giusto far pagare l'IMU. Ho provato a dimostrargli l'infondatezza del suo discorso. Bè... sapete come ha risposto? Che l'ICI era stato tolto da Berlusconi per non pagarla sulle sue case. Credete che ha cambiato idea quando gli ho detto che l'ICI si paga sulla seconda, terza etc etc casa? Seee... :-)
    Vedrete quando svenderanno a Francia e Germania i nostri ENI, ENEL, et similia cosa dirà il gregge: abbiamo fatto un affare!
    Meglio ridere, certo, a denti stretti, ma piuttosto che piangere... ;-)

    RispondiElimina
  12. Certi convincimenti sono duri a morire.La casta politica é talmente squalificata che un burattino menzognero come Monti va per la maggiore.Ripeto,quando fra poco agli italiani toccherà tirar fuori soldi veri per IMu e il resto,é probabile che forse comincino a capire.Se non sarà così,allora hanno tutto quel che si meritano.Idem per le privatizzazioni degli assets produttivi.Già su queste aziende é stata abolita la golden share del Tesoro,primo passo per la svendita.

    RispondiElimina