venerdì 9 marzo 2012

ANCHE GLI STROZZINI S'INCAZZANO

GIUDICE, BATTA UN COLPO
di Paolo Barnard 


Usate la testa. Se siete un Chief Assets Manager a PIMCO, o ancora peggio, a BNP Paribas, cioè uno di quei super falchi che avevano in mano miliardi di Euro di crediti verso lo Stato Greco e che oggi se ne trovano un buon 70% scomparso, puff… una nuvola di borotalco al posto di un tesoro, quanto siete incazzati da 1 a 100? Diciamo 3.000? A essere ottimisti. Bene.
Ora sempre seri: questi signori sono stati tutto ieri al telefono a dirsi due sole cose:

1) “E che cazzo succede se adesso anche il Portogallo, la Spagna, l’Irlanda e l’Italia dicono ‘Perché la Grecia se la cava con il mega sconto e noi no? Lo vogliamo anche noi lo sconto’. Ragazzi, non scherziamo, qui tirano l’universo giù per il cesso se succede una roba del genere.”

2) “Quegli stronzi dei greci c’hanno fottuto il 70% perché c’hanno infilato le CACs* nei titoli in scadenza, bastardi. E l’hanno potuto fare perché gli abbiamo lasciato troppo debito sotto le loro stronze leggi di merda. Che cazzo ha fatto il Consiglio Europeo il 26 ottobre? Non avevano trasferito il debito alla giurisdizione legale inglese? Chi ha controllato quanto ne avevano trasferito? Adesso salta fuori un misero 10% del cazzo! Merda! Ma siamo pazzi? Il Consiglio ha lasciato il 90% del debito di quegli straccioni sotto le loro leggi, principianti del cazzo!”

(* CACs = Collective Action Clauses, cioè il Governo che ha emesso il debito e che è pressato dai creditori può passare una legislazione che ‘appiccica’ ai titoli in scadenza che devono essere rinegoziati (cioè ripagati con lo sconto) delle clausole che dicono: se un X% dei creditori accetta di accontentarsi di intascare il 30% di quanto gli dobbiamo, i rimanenti creditori sono obbligati ad accettare le perdite anche se non vogliono. Ma ovviamente se il debito non è più sotto giurisdizione legale nazionale, questa mossa diviene impossibile.)


Dopo la sfuriata, la priorità dei mercati dei capitali è di evitare il contagio.
Quindi gli uomini delle lobby finanziarie sono già in frenetica attività dal nostro Monti, e dai suoi omologhi Rajoy, Kenny e Coelho.
E soprattutto devono scongiurare i CACs in Italia, Spagna, Irlanda e Portogallo.
Ma qui sta la mina vagante, per noi.
Monti è una garanzia, finché c’è lui a Palazzo Chigi l’Italia potrà rantolare nel sangue ma lo sconto sul debito alla greca non lo chiederà mai. Ok, qui i mercati sono tranquilli.
Ma potrebbe fare un’altra cosa, micidiale.
Potrebbe negoziare la rinuncia dell’Italia ai CACs, offrendo tutto il nostro debito in scadenza su un piatto d’argento alla giurisdizione legale inglese.
Questo in cambio di uno sconticino del 20%. Giusto quel tanto che gli basta per comprare dai mercati quei 2 anni di tregua (prima della mazzata finale) che gli servono per finire la devastazione dei nostri diritti, e della nostra economia dei salari e produttiva.
Sì, perché Draghi è alla canna del gas. Il suo tentativo di fare esattamente la stessa cosa non ha funzionato. Ha sborsato 1 trilione di Euro nelle riserve delle banche europee per evitare a tutti costi il default dell’Italia a gennaio, che ci avrebbe finalmente liberati da questa tortura che è l’Eurozona e quindi offerto la possibilità (teorica) di fermare la rapina del bene comune.
Ma quella follia monetaria non ha comprato dai mercati sufficiente tempo. Draghi sa bene che i mercati sanno benissimo che il problema è strutturale, cioè l’Euro stesso, e fra 5 minuti torneranno alla carica riportando l’Italia in zona default. Ed ecco che allora Monti potrebbe fare quella mossa e con quella in effetti ottenere la tregua (e finire la strage qui).
Voi a casa leggerete su Repubblica (il peggio del peggio dei baciapile finanziari) titoli rassicuranti, “Cala lo spread”, “Interessi sul debito ai minimi dell’anno. Effetto Monti”, “Gli italiani dicono sì al Professore” ecc.
Oh che speranza all’orizzonte… Bè, guardate bene all’orizzonte, li vedete quei titoli di Stato che valicano il Brennero e si tingono pian piano di rosso, bianco e blu? Svestono il tricolore e vestono la Union Jack sulla via del Tamigi.
Ecco, bene, siamo fottuti. Perché il giorno in cui noi saremo ridotti alla greca, con gli italiani che vendono l'auto per scaldarsi in casa, noi non potremo neppure cavarcela con la boccata d'ossigeno (del tutto temporanea) della Grecia, e proprio soffocheremo lì, su due piedi.

Quindi occhio alle stanze del Tesoro a Roma nei prossimi mesi, qualcuno può andare a vedere cosa stanno bisbigliando là dentro? Magari qualche costituzionalista che sia sopravvissuto sano di mente a 15 anni di Travaglio e Di Pietro? C’è, mi sente? Batta un colpo. 

8 commenti:

  1. il solito fascista e antieuropeista barnard che non capisce una mazza!

    RispondiElimina
  2. Chissà poi che c'entrerà il fascismo con questi argomenti?
    Certo che ci vuole un bel fegato oggi ad essere europeisti!

    RispondiElimina
  3. Non sapevo questa storia del CACs,qui ogni giorno c'è una novità,se ne scopre sempre delle belle.E' probabile che questo bagno non sia piaciuto agli strozzini,ma vedrete che recupereranno!
    Certo che se anche altri cominciassero a pretendere lo stesso trattamento,ci sarebbe da ridere!
    Ma con Monti,un loro burattino vanno tranquilli.

    RispondiElimina
  4. Johnny, mi puoi dare il link di questo pezzo di Barnard? Da dove l'hai preso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=343

      Elimina
    2. pure - http://www.frontediliberazionedaibanchieri.it/article-giudice-batta-un-colpo-di-paolo-barnard-101271693.html

      Elimina
  5. Ripeto,quanto già accennato in precedenti commenti.I faccendieri internazionali,mercanti di denaro,per non essere additati loro, dal popolo ormai reso in schiavitù,come colpevoli intenzionali e tradizionali ,del salasso perpetuo di interessi sul debito pubblico,stanno sparando le ultime cartucce.Grande propaganda su tutti i "media"...i ladri,quelli veri e importanti, sono stati molti tra gli amministratori che hanno governato,rubando il denaro dalla cassa,gente corrotta che non ha agito per il bene del paese,ma per il loro solo interesse.Questo sistema si chiama pubblicità ingannevole(o persuasione occulta)...la verità è "ancora un gradino più in alto.Per ogni corrotto c'è un corruttore,e il burocrate che"frega"prende una lauta tangente,ma non il vero malloppo,che invece si"pappa"il corruttore.Ci hanno convinto che moltissime voci del debito pubblico sono state infettate da svariate forme di disonestà,e noi ora ci crediamo:prezzi gonfiati,opere inesistenti,mai cominciate o mai finite,opere inutili,contrattazioni di prestiti a tassi a due cifre,infiltrazioni mafiose,e chi più ne ha più ne metta.Il principio che i debiti vanno pagati è "sacrosanto" ma devono essere debiti"onesti", non come tanti di quei debiti costruiti col gioco delle tre carte ai danni del popolo(basta vedere una qualsiasi TV per scoprirne ogni giorno di nuovi).E' arrivato il tempo di separare il "grano dall'oglio"...i debiti seri(il grano) vanno pagati,quelli non"cristallini"(l'oglio)vanno annullati,con contemporanei processi a chi li ha costruiti e alimentati.Basta con la farsa e il "pianto"e le minacce degli usurai contro chi non onora i debiti(anche quelli che spesso furono illegalmente costruiti o contratti).Penso che si possa continuare a girare a testa alta se ci si stanca di pagare il pizzo agli usurai e si denunciano gli stessi ,a chi, spero è ancora rimasto a difendere i diritti dei "vessati" Ciao Tonino

    RispondiElimina
  6. 750 miliardi del debito sono con gli usurai e molto del resto va addebitato a sprechi,opere a prezzi spesso raddoppiati o triplicati,opere fatte solo per distribuire mazzette...ad opera di una classe corrotta e truffaldina.Questo é il loglio.
    Il grano é il normale deficit di bilancio che unoStato ha per dar impulso all'economia.
    Fatto sta che già mandando a quel paese il debito usuraio,750 miliardi,avremmo un calo totale dello stesso attorno al 40% e quindi un rapporto debito/Pil dell'80%,percentuale soddisfacente anche per stati virtuosiCiao

    RispondiElimina