domenica 5 febbraio 2012

FINE DELLA DEMOCRAZIA

Fiscal compact? La fine delle sovranità nazionale degli Stati dell’Europa

Bruxelles, al termine di un summit di tutti i paesi dell’Ue è stato approvato il “fiscal compact”, un patto per rafforzare le regole di bilancio sul deficit e il debito in tutti gli Stati membri.
Hanno firmato tutti (25 su 27) eccetto Gran Bretagna e Repubblica Ceca, tale accordo è stato dichiarato molto soddisfacente dal presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy,dal presidente della Commissione Josè Barroso ,dal presidente della Bce Mario Draghi e ovviamente pure da Il primo ministro italiano Mario Monti. Ma entriamo nel dettaglio di questo accordo e vedremo che forse tutto questo entusiasmo non và molto nell’interessi dell’Europa e in particolare della nostra Italia :


1- OBBLIGO Di PAREGGIO – Il “patto”tra i 25 paesi stabilisce la “regola d’oro” del pareggio di bilancio nelle Costituzioni nazionali e/o in legislazioni equivalenti e prevede sanzioni semiautomatiche contro ogni violazione del criterio dell’avanzo. L’equilibrio è definito come un deficit strutturale ad un livello massimo dello 0,5% del Pil. Per i paesi che hanno un debito al di sotto del tetto del 60% del Pil il margine sarà un po’ più alto cioè dell’1%. Le procedure potranno essere fermate soltanto con una maggioranza importante contraria (85%). I governi da oggi hanno un anno di tempo a partire dall’entrata in vigore del Trattato per mettere in pratica le nuove norme sul pareggio. Non solo , La Corte di giustizia Ue potrà imporre sanzioni e multe fino a un massimo dello 0,1% del Pil ai Paesi che non metteranno l’obbligo del pareggio di bilancio nelle leggi nazionali. Le multe verranno versate all’Esm il fondo salva-Stati permanente. A stabilire l’ importo delle ammende “adeguate al reato”sarà la Corte di giustizia Ue e la sanzione pecuniaria potrà essere usata quando il Paese al centro della procedura risulterà recidivo, cioè “colpevole” di non aver rispettato una prima sentenza di condanna emessa dalla Corte di giustizia.
Quindi d’ora in avanti il bilancio dello Stato di un paese non sarà più deciso dal Ministero del tesoro e dalla Banca centrale Nazionale,ma sarà ad arbitrio di Bce e Corte di giustizia europea, le quali sempre arbitrariamente a chi “sgarra” potranno imporre contro ogni volontà sanzioni economiche ai “trasgressori”. In più per i paesi che hanno un debito al di sotto del tetto del 60% del Pil il margine di tolleranza sarà dell’1% , mentre per i paesi più indebitatati sarà solo dell’0,5%.
E’ illogico, dato che chi ha più debiti deve avere un margine più alto e non il contrario come previsto dal Fiscal compact. Così si appesantisce ancor di più il fardello de paesi più in crisi favorendone la recessione, altro che aiuti !Quello che nessuno ovviamente dice media compresi,è a che prezzo si imporrà l’obbligo di pareggio di bilancio, addirittura istituito per leggi costituzionali ! , ai vari paesi e soprattutto a chi verrà fatto pagare questo prezzo …. Mettere per obbligo il pareggio significa che per realizzarlo i singoli paesi ,specie quelli del Sud Europa tra cui l’Italia, dovranno adottare un’Austerity ancor più severa di oggi con ulteriori tagli al Welfare,alla spesa sociale e privatizzando ogni servizio . Tutto ciò colpirà maggiormente i lavoratori e i ceti medio-bassi impoverendoli economicamente ma anche nei diritti lavorativi,sanitari ecc.
Nessun paese può più decidere una propria linea economica,a quale settore destinare più risorse e a quale meno , insomma addio Sovranità ed Indipendenza nazionale ! i governi conteranno 0 e il futuro di ognuno di noi sarà deciso dai Tecnocrati di Bruxelles e dalle grandi Banche.
E’ un colpo non da poco alle tanto paventate e presunte Democrazie Occidentali ( sempre che mai lo siano state … ) che in nome del pareggio di bilancio vanno a farsi friggere senza alcun problema,d’altronde sempre in nome dello Spread alzato su e giù a seconda delle Agenzie di rating pilotate da Washington oramai già da almeno un anno è consentito tutto e le masse lo accettano senza troppe remore terrorizzati dall’ipotesi minacciata di Apocalisse economica .

2- Si è di nuovo paventato il Fatidico “Fondo salva Stati “ di 500 miliardi e che sarà ulteriormente rimpinguato pure dalle multe a chi non è in pari di bilancio. Come già ho detto in un precedente articolo (Il grande bluff della Banca Centrale Europea) questo fondo è fumo per gli occhi, i prestiti servono soltanto a risolvere le crisi di liquidità e non quelle di solvibilità.
Possono solo risolvere condizioni di difficoltà temporanee di un Paese nel reperire denaro sul mercato dei capitali .
Inoltre le condizioni che accompagnano questi prestiti, prevedono una forte riduzione della spesa pubblica e l’incitamento a riequilibrare i propri conti con l’estero (migliorando la competitività delle proprie merci ecc). E tale richiesta di ridurre la spesa pubblica comporta una conseguente riduzione della domanda interna se i tagli riguardano le spese sociali, e un serio peggioramento della competitività del sistema se i tagli riguardano invece gli investimenti peggiorando la situazione economica dei paesi già in difficoltà. Inoltre gli aiuti dell’Esm e i suoi programmi di assistenza finanziaria saranno condizionati alla ratifica del nuovo Trattato da parte del Paese interessato.
Concludiamo quindi che questo Fiscal compact deciso dai 25 della Ue modificherà molto il concetto di sovranità nazionale dei singoli stati sacrificato in nome della Crisi economica senza che nessuno gridi al Golpe.
Questi vincoli imposti non miglioreranno la situazione,ma anzi per i paesi più in crisi come il nostro peggioreranno la situazione della popolazione già soffocata dal fisco,dall’aumento dei costi dei carburanti e non solo,dalla mancanza di lavoro e faciliteranno la Recessione già in atto.
Tutto questo con gli auguri dei tecnocrati Bruxelles ….

http://www.statopotenza.eu/2205/fiscal-compact-la-fine-delle-sovranita-nazionale-degli-stati-delleuropa
----------------------------------------------------------
...e dei media mainstream,loro propagandisti prezzolati e privi di ogni deontologia professionale,quellla di informare i cittadini di come stan veramente le cose.

E così la rapina del secolo ha avuto il definitivo suggello. I congiurati ( 486 voti favorevoli) hanno posto l'imprimatur e l'incubo si è fatto realtà. Il portaordini del Bilderberg Mario Monti ha firmato un pagherò da 900 miliardi di euro che impegna gli Italiani per i prossimi 20 anni. Mica male. Un finanziaria da 45 miliardi l'anno. Complice la triade dei professionisti del fallimento ( Pdl, Pd... e Terzo Polo) che ha accettato supinamente il tutto, nell'estremo tentativo di salvare sé stessa e i propri privilegi.
Ma di cosa si tratta? In un’aula semi-deserta e nel silenzio quasi totale dei media, la Camera ha approvato una mozione sull’Unione Europea, che impegna il nostro Paese ad accettare le vessatorie misure europee sul rispetto del patto di stabilità e la riduzione del debito pubblico.
Un atto di sudditanza e cessione della propria sovranità nazionale sottoscritto lo scorso 9 dicembre da Mario Monti che obbliga l'Italia a ridurre del 5% annuo la quota di debito eccedente il 60% del Pil, per i prossimi venti anni. Un impegno pazzesco, euro più euro meno, é una stangata da 45 miliardi l’anno.

19 commenti:

  1. Già c'era stato l'obbligo del pareggio dui bilancio in Costituzione (di per se stesso già recessivo in un paese con un debito al 120% oltre che verrgognoso per una costituzione),poi un fondo salvastati di 500 miliardi,in pratica lo stesso di prima,e altamente insufficiente.

    Ora quest'altra clausola capestro ,che ovviamente promette altri enormi sacrifici per compiacere gli speculatori.Significa altra misura recessiva,mentre un paese in crisi avrebbe bisogno di maggior flessibilità di manovra sulla propria economia.

    Ma l'aspetto più grave é appunto la rinuncia di ogni sovranità a favore di un pugno di burocrati,dimostratisi dei veri incapaci nel gestire questa crisi.
    Marco

    RispondiElimina
  2. Mettici pure tutte le altre clausole del trattato di Lisbona e vedrai che siamo ridotti a sudditi di una dittatura senza precedenti,messa su da una specie di anonima omicidi,dove si sa chi son gli esecutori,tipo Monti,ma i mandanti restano nell'ombra,pur ipotizzando certi nomi.
    Finché la politica non avrà più peso della finanza non ci salveremo.Basta vedere che succede da noi.

    RispondiElimina
  3. ma basta con sto debito e con questa sciagura d'Europa! Dobbiamo far sacrifici per questi usurai? Mandiamoli a farsi fottere come han fatto altri paesi,bisogna essere scemi per firmare questi trattati, e ifatti ceki e inglesi non l'anno fatto.Finora non c'é stata una misura a sfavore di banche,finanza e politica,i veri artefici di questa crisi.Non é tollerabile farsi espropriare da questi criminali!

    RispondiElimina
  4. In tema di debito,guardate questo video.

    http://www.frontediliberazionedaibanchieri.it/article-report---paolo-barnard---un-debito-senza-fondo-1-98626173.html

    RispondiElimina
  5. Il famoso (ma poco per la stampa di regime) MES.
    Aprite il pdf del Trattato che è stato approvato ieri (la ratifica entro luglio). Andate al primo allegato. Vedrete una tabella con le percentuali di contribuzione dei singoli paesi, che per l'Italia è del 17,9137%. Siamo i terzi maggiori contribuenti in assoluto. Poi andate al secondo allegato, ottava riga. Abbiamo un milione e duecentocinquantamila quote (1.253.959, per la precisione) e contribuiremo con la bellezza di 125.395.900.000 €. Dove li prenderemo questi soldi? E quanto avremo indietro?

    RispondiElimina
  6. Linkato il tuo pezzo. E le porcherie non finiscono qui, perché l'Espresso ha dato notizia che durante il periodo dell'Epifania Monti ha stornato una cifra colossale a Morgan Stanley a copertura di un debito in derivati. Ne parlo da me. I soldi li ha presi ovviamente dalla manovra terrificante appena varata. Cioè da noi.

    RispondiElimina
  7. Quando non ci saranno piú soldi , non ci saranno piú regole...altro che pareggio di bilancio! Proprio per questo l'Italia dovrebbe uscire dalla moneta unica e dall'Europa ; l'Inghilterra con la sua flemma e l'approfondimento della questione é rimasta in Europa virtualmente , chiamandosi fuori dall'euro e dal pateracchio di regole della U.E. , dunque potremo davvaro seguirne l'esempio...gli inglesi non sono mai stati secondi a nessuno...

    RispondiElimina
  8. Questa é la notizia a cui fa riferimento Nessie

    Nel silenzio assoluto, il governo Monti ha fatto un bel regalo dell’Epifania alla Morgan Stanley: 2 miliardi e 567 milioni di euro sono stati dirottati dalle casse del Tesoro a quelle della banca newyorkese. Il tutto è avvenuto il 3 gennaio scorso, un mese fa, all’insaputa degli organi di informazione italiani, così attenti ai bunga bunga o ai party del premier uscente ma evidentemente poco propensi a occuparsi dell’attuale governo in carica. Sono stati gli stessi vertici della Morgan Stanley ad aver comunicato che l’esposizione verso l’Italia è scesa da 6,268 a 2,887 miliardi di dollari: una differenza di 3,381 miliardi corrispondenti a 2,567 miliardi di euro, circa un decimo della manovra “salva-Italia” varata dall’esecutivo Monti.

    Una somma utilizzata dal governo italiano per estinguere una operazione di derivati finanziari, anche se non è chiara la ragione per cui la Morgan Stanley abbia richiesto la “chiusura della posizione”, opzione prevista dopo un certo numero di anni da quasi tutti i contratti sui derivati ma raramente applicata: il motivo più verosimile potrebbe essere il declassamento deciso dall’agenzia di rating Standard & Poor’s. Certo, finché nessuna delle due parti fornirà spiegazioni, si potrà rimanere solo nell’ambito delle ipotesi.


    La banca newyorkese si è limitata ad annunciare trionfalmente il recupero della somma, il governo italiano non ha fornito alcuna spiegazione e i media non indagano né chiedono alcunché, né sulla gestione delle operazioni in derivati da parte del Tesoro, né sul motivo per il quale tra tanti creditori si sia scelto di onorare il debito proprio con la Morgan Stanley. Il questo modo il governo non è tenuto a spiegare perché abbia optato per il silenzio e la segretezza assoluta anziché ammettere che, mentre venivano stangati i pensionati e non solo, lo Stato provvedeva a rimborsare 2 miliardi e mezzo alla investment bank. Non sarebbe stato il massimo dal punto di vista dell’immagine e della popolarità, ma in fondo è stato lo stesso “Full Monti”, ribattezzato così proprio dalla Morgan Stanley al momento della sua nomina a premier, a dichiarare di non dover soddisfare alcun elettore, in quanto non eletto. E allore perché tace? Ha paura dell’impopolarità?

    Dove sono i giornalisti che ponevano le dieci domande a Berlusconi o pubblicavano le intercettazioni telefoniche? Esiste ancora qualcuno interessato ad indagare sull’operato del governo?
    Diamo un merito all’Espresso, l’unico organo di informazione italiano a parlarne: un articolo uscito ieri a firma Orazio Carabini esprime pure un certo disappunto per il fatto che né Morgan Stanley né il Tesoro abbiano voluto fornire spiegazioni al settimanale.

    RispondiElimina
  9. Da qualunque lato si guardi la faccenda,l'unica soluzione é uscire dalla UE

    RispondiElimina
  10. Qualcuno deve una risposta del perché ha dato questi soldi senza dire niente a nessuno SOTTOBANCO.!Questi soldi SONO nostri, li danno a destra a manca senza dirci un caxxo.Per di più' c'è li tolgono dalle tasche, per fare "SACRIFICI" di sta minchia per poi REGALARLI ALLE BANCHE.....e NO non ci sto..

    RispondiElimina
  11. Grazie Johnny, per aver ripreso per intero la notizia che potete trovare integralmente qui nell'articolo "Super regalo a Morgan Stanley dell'ESPRESSO (massì diamoglielo una volta tanto l'onore al merito):

    http://espresso.repubblica.it/dettaglio/super-regalo-a-morgan-stanley/2173399/10

    RispondiElimina
  12. Non ci lasceranno uscire dalla UE, come non lasciano uscire la Grecia, devono spolpare fino all'ultimo brandello di carne e ridurre nella più totale e scura schiavitù. Non c'è possibilità di uscita civile.

    RispondiElimina
  13. Antonio ha, purtroppo, ragione. Da questa Cayenna non se ne esce, se non morti.
    DX e SX non intendono riappropriarsi del potere e fare qualcosa, qualsiasi cosa. Hanno buttato giù Berlusconi ma, non vogliono andare al governo perchè non sanno (in verità non l'hanno mai saputo!) cosa fare. Hanno dimostrato quello che sono: tutto, tranne che italiani.
    La Germania si piglia tutto senza sparare un colpo. Adolfo non aveva capito un tubo!

    RispondiElimina
  14. Si potrebbe....solo che abbiamo solo politici da condominio e nessun statista...che abbia a cuore le sorti e la sovranità nazionale.Sarebbero sempre sacrifici,ma comunque per qualcosa e non per nulla come oggi accade,senxa contare la dignità della Nazione,cosa che oggi pare non importare a nessuno di quei pagliacci parlamentari e istituzionali.Nessun problema di fondo è stato affrontato dai marpioni europei,sarà sempre un susseguirsi di crisi.Forse nemmeno quesri usurai ci credono piu e stan solo raschiando il fondo del barile,cercando,come in Grecia,di impossessarsi degli assets produttivi e delle altre privatizzazioni a prezzi stracciati,come probabilmente accadrà danoi.Ora c'è un continuo leccaculismo di Monti,ma se esaminiamo bene tutti questi salva italia,non si capisce quale crescita possono produrre e come possono ridurre il debito.Una propaganda da minculpop a beneficio dei gonzi tartassati e col beneplacito dei media di regime,perchè di vero regime si tratta.Quello tanto sbandierato di berlusconi era da operetta,quesro è da strozzini,ma pare che i resistenti di untempo sian tutti spariti o peggio collusi.A dimostrazione che i vaei maitre a penser erano solo piccoli ipocriti da cortile senza dignità,come la classe politica che pensa di rappresentarci.Senza una rivolta dei popoli europei sarà difficile uscirne.Questo è il vero declino dell'occidente che nella sua sroria ha sempre reagitp conviolenza ai sopusi di un regime,e che pra sembra addormentato di fronte ad una delle piu odiose dittature.

    RispondiElimina
  15. E basta con questo Berlusconi !!!! Chi ha fatto il debito con Morgan Stanley ?????

    RispondiElimina
  16. Se sai dirlo tu....

    1) Perchè il Tesoro, che è il nostro massimo ente pubblico di spesa, si trova impegnato in rischiose operazioni finanziarie con "prodotti derivati", di cui da tempo tutti gli esperti economici denunciano la pericolosità!?

    2) Perchè tra tanti creditori si è scelto di liquidare una somma così ingente proprio a una banca d'affari e su operazioni finanziarie così spregiudicate!? Proprio mentre si chiedono grandi sacrifici a lavoratori e pensionati

    Il governo italiano non ha fornito alcuna spiegazione e i media non indagano né chiedono alcunché.
    Il contratto sarebbe scaduto di lì a breve, ma è sempre stata una consuetudine rinnovarlo e allungare il termine. In questo caso, però, non solo non è stata seguita questa procedura ma si sono addirittura anticipati i tempi del pagamento.

    L'esborso è stato effettuato per estinguere un'operazione di derivati finanziari che risale al 1994.
    Nel 1994 si sono succeduti due Governi: quello guidato da Ciampi, fino al maggio del '94, con Piero Barucci al Tesoro, e poi quello di Berlusconi, con Dini ministro del Tesoro.
    Chi ha deciso quell'operazione con Morgan Stanley? Ma soprattutto, come mai nessuno ha fatto chiarezza?

    Quando ce lo vorranno dire...è sempre raedi...

    RispondiElimina
  17. quanto a berlusconi,credo sia già finito...

    RispondiElimina
  18. Mi ricordo di un bel film del recente passato,con una buona interpretazione di De Niro,Il Mercante di Venezia, da un dramma di Shakespeare.Il contratto tra il"banchiere"(chiamiamolo così per comodità),e il debitore,prevedeva che in caso il debito non fosse onorato,il "finanziatore"(altra forma di comodità)poteva pretendere un brandello di carne(vicino al cuore)dal debitore insolvente.Non dobbiamo "sottovalutare" i messaggi, "sotto metafora", di uno Shakespeare,che con questo dramma,voleva portare alla ribalta il rapporto di schiavitù che intercorre tra l'usuraio e il suo strozzato debitore.Certo si può obiettare che oggi le cose sono cambiate dal 600....è vero ...sono peggiorate,perchè i banchieri si sono moltiplicati e si sono consorziati.....e i debitori sono aumentati in numero e importanza(sono partiti prima dai Principi,i Re,i Papi in passato,prima della Rivoluzione Francese....poi gli imprenditori con il boom industriale....infine(oggi) gli stati moderni.Il successo dell'operazione è sempre lo stesso....gli affari si fanno bene se si acquistano obbligazioni molto attrattive(in passato rendimenti anche del 20%),garantite(dallo stato)e dal rimborso attraverso prelievi effettuati da "governi" detti"forti"(in epoca risorgimentale almeno trenta,in tempi repubblicani recenti... uno sì e uno no),che se non riescono a pagare tutto il debito dovuto, pagano buona parte degli interessi ,addizionando quanto manca al debito precedente......e questo spiega,in parte,il mistero del debito pubblico sempre crescente.Diventa antipatico quello statista,il nazionalista... o il dittatore che disconosce la "consistenza" di questo debito,forse pagato e ripagato più volte (con pagamento annuale di interessi che non l'hanno nemmeno ridotto) interessi ,e ricontrattazioni più volte avvenute.Mentre è considerato un "Salvatore"chi si presenta dai Mercati(altra forma di comodità) con valigie di cambiali,accompagnate dalla clausola che in caso di insolvenza,il creditore può pretendere "da noi "un brandello di carne"preso vicino al cuore(faccio anche io un pò di "metafora").In piccolo...guardatevi in giro...un imprenditore o un commerciante...che cade in mano ad un usuraio,dopo poco fa il giro di tanti altri colleghi usurai,paga 3-4 volte il debito, e alla fine va fallito ,e gli pignorano tutti i beni...e va a dormire sotto i ponti.
    Gli usurai usuali hanno i loro uffici in appartamentini di poche stanze,i"banchieri"invece hanno i grattacieli(e le spalle coperte),ma l'etica dell'attivita varia solo per quantità del denaro trattato,non per la qualità e le finalità delle loro attività.Ciao Tonino....P.S.Se qualcuno dei nostri amministratori passati si"pentisse"e cominciasse a fare qualche nome e situazione "fasulla",e potessimo garantirgli per questo pentimento una sanatoria civile e penale(e protezione)vedresti che fuga di investitori"istituzionali"verso mercati più "favorevoli".....in fondo in piccolo questo già succede....molti degli strozzati alla fine....prima di soccombere, denunciano i loro strozzini...e li mandano in galera.

    RispondiElimina
  19. Ho visto quel film,Shylok era Al Pacino....il perfetto usuraio.Gli attuali sono molto piu' pericosi perche stroxxinano interi popoli...vedi Grecia...
    Ci vorrebbe una simile vendetta anche per loro,intendo quella che il giovane avvocato escogitò per il mercante.Ma forse sarebbe ancora poco.Il fatto anomalo e ironico è che questi criminali son protetti dalla legge di un sistema che non può piu' reggere con queste regole.Ci vorrebbe un repulisti,tipo ancien regime...mozzare diverse teste....chissà che non cadano anche certe idee...

    RispondiElimina