lunedì 13 febbraio 2012

ELEUTHERIA !!!



Grecia.La democrazia si è riappropriata delle strade, delle piazze, dei cuori e della testa della gente.
Centinaia di migliaia di persone hanno sfidato la dittatura che viene loro imposta dagli istituti economici mondiali e dalla loro classe dirigente e ladra.
Una vera e propria rivolta contro quei dettami di un potere sempre più arroccato nei suoi fortini.
Il primato della libertà e della democrazia contro il potere dittatoriale dei ladri di futuro, delle banche, dei politici ladri e collusi.
Gli anarchici sono stati accolti dagli applausi di donne anziane,di professori di scuola, di operai...di tutto un popolo che vede l'unico e vero nemico chiuso in quei palazzi che dovrebbero significare democrazia e che invece contengono solo interessi truffaldini e potere tirannico.
Libertà, libertà da questa tirannia, dagli sporchi giochi di potere di quesri miserevoli cravattari!
La gente è altro, il mondo è altro, non è quello racchiuso in stanze senz’ anima, senza pudore, piene di professionisti del furto e della violenza vigliacca.
Si, è violenza vigliacca quella di questi incravattati signori, vuoti contenitori di un’ideologia fallimentare che sta ormai mostrando il vero volto tirannico e negatore dei diritti democratici.
.
Non è violenza quella della gente che combatte corpo a corpo la riconquista della propria dignità, della propria vita, della democrazia ...le bombe molotov, i bastoni,i sassi sono le armi di un popolo che difende il valore più importante, quello che ha reso l’uomo diverso dalla bestia...la libertà.
Violenza è quella degli Stati, delle banche mondiali, di quel sistema economico che vigliaccamente affama e uccide senza mai sporcarsi le mani.

LA VIOLENZA DI CHI DIFENDE I PROPRI DIRITTI NON E' MAI UGUALE A QUELLA DI CHI LI CONFISCA

Ο γαλανός ουρανός μαύρισε από τα κοράκια, ντόπια και ξένα, που τριγυρίζουν το ετοιμοθάνατο ψοφίμι



LA GUERRIGLIA AD ATENE - Sono almeno 100.000 i manifestanti in piazza ad Atene per protestare contro il piano di austerità. Scoppi, lanci di bombe carta e molotov : è guerriglia nel giorno in cui il Parlamento è chiamato a votare il documento varato dal governo per avere accesso agli aiuti internazionali. E proprio davanti al Parlamento, ad Atene, si registrano le maggiori tensioni: bombe carta e molotov verso la polizia, gli agenti hanno risposto lanciando lacrimogeni. In azione anche i black bloc: muniti di passamontagna e maschere antigas hanno raggiunto piazza Syntagma, urlando insulti come 'maiali e assassini'.
La folla li ha accolti con applausi.
"NON MOLLIAMO FINO ALLA FINE" - Intanto la folla di migliaia di persone che indietreggia dalla piazza Syntagma non sembra fasi intimidire. "Andar via? Non ci penso nemmeno", dice Giorgos, 43 anni, insegnante di matematica.La gente comune non sembra intimidita dagli scontri.
"Maledetti porci, servi", urla una signora coprendosi il viso per non respirare i lacrimogeni. Due manifestanti portano uno striscione: "Basta paura ed apatia, tutti in piazza". Anche nelle stradine laterali accanto a Syntagma, c'è astio verso i poliziotti. Un anziano ha sputato contro gli agenti, e poi ha urlato insulti accolti con applausi.
 (Cronaca da IL QUOTIDIANO.NET)

Il partito socialista e quello conservatore in Grecia, che fanno parte della coalizione di governo, hanno espulso rispettivamente 22 e 21 deputati dai loro gruppi parlamentari a seguito del forte dissenso manifestato durante il dibattito in aula sull'approvazione delle nuove misure di austerità. I parlamentari espulsi sono in totale 43, dunque i gruppi hanno ridotto la loro maggioranza parlamentare da 236 a 193 dei 300 seggi totali. Il terzo partito di coalizione, Laos, si è praticamente ritirato dal governo venerdì dopo che il suo leader si è pubblicamente opposto all'accordo.
( LIBERO News.it del 13/02).

Aspettiamo che il re travicello del colle esprima il proprio biasimo democratico per condannare il golpe in atto in Grecia ad opera dei traditori del popolo che impongono, con la prepotenza e la forza ancora sacrifici a chi soffre e ne allontana dal Governo persino i loro rappresentanti democraticamente eletti.
Naturalmente il sermone del vecchio rottame non si è fatto attendere.

"il vandalismo e la distruzione non hanno un posto nella democrazia”

E le vessazioni,lo sfascio prodotto,la violenza truffaldina degli usurai europei e mondiali...invece pare averlo.
Miserevoli ipocriti... !
Sentire poi queste parole dal golpista del colle e tutto dire.
Ma si sa,il nostro si è spesso confuso in merito...Budapest ricorda...e pure Tripoli...quando un giorno sì e l'altro pure,il john wayne partenopeo andava blaterando che non si trattava di una guerra,ma di assistenza umanitaria....c'è poco da stupirsi di copertine del Times...non si negano ai fedeli camerieri....

Se si legge il Trattato di Lisbona e gli ammennicoli vari del Fiscal Impact,dell'Acta...,c'è da inorridire...ma quale democrazia. !..siamo in piena dittatura stile Orwell..
L'unica arma che resta ai popoli europei contro questa odiosa e miserevole tirannia degli strozzini di Bruxelles è la ribellione,che non è mai pacifica.....ad un certo punto le parole non servono piu' a nulla,come la Storia insegna.....chi semina vento raccoglie tempesta...ora basta !!!


.

8 commenti:

  1. Ο γαλανός ουρανός μαύρισε από τα κοράκια, ντόπια και ξένα, που τριγυρίζουν το ετοιμοθάνατο ψοφίμι

    I cieli azzurri annerite dai corvi, locali e stranieri, che si ritrovano intorno alla carcassa morente

    non tutti han fatto il liceo....

    RispondiElimina
  2. Pane al pane...
    MA: perchè nessuno ci viene a raccontare che i Greci hanno vissuto per anni, BEN AL DI SOPRA di quello che avrebbero potuto? Ben più di noi Italiani? Posti statali inutili regalati a chiunque?

    Tutti i nodi vengono poi al pettine.

    RispondiElimina
  3. *anonimo

    chi ha dato ai greci i soldi per vivere al di sopra delle loro possibilità,sempre ammesso che poi sia stato così....chi ha fatto in modo e si è adoperato per truccare i bilanci....chi ha fatto entrare la Grecia nell'euro pur non avendone i requisiti...chi ha creato posti statali fasulli...

    Certo la classe politica ha grandi colpe,come in Italia,ma ci sono altri molto piu' colpevoli,leggi burocrati europei e le solite banche americane....e comunque il popolo greco nulla c'entra con questi maneggi,peraltro a suo tempo denunciati da diversi movimenti.
    Credo he la tua analisi sia un po' troppo semplicistica.
    RICCARDO

    RispondiElimina
  4. Bravo Johnny! Ho fatto anch'io un post sull'argomento.
    Questi talebani della Doxa Monetarista ci vogliono morti. E la Grecia è il loro laboratorio di devastazione.

    RispondiElimina
  5. bisogna abbattere a tutti i costi quesra odiosa dittatura di grigi burocrati insensibili ai bisouna vita dignitosa......viva la ribellione sempre,dovunque ecunque mezzo...questi criminali vogliono affamarci.

    RispondiElimina
  6. Ciao NESSIE....johnny è all'estero,ma la penso come lui e come te,chi ama la libertà non può restare insensibile alle sorti dei greci,primo devastante esempio del disegno criminale di questi banksters.E non ci vengano a parlare di violenza che è sempre poca rispetto ai misfatti di questi banditi.Che schifo...

    RispondiElimina
  7. Come sempre i controllori che sbagliano non vengono puniti, anzi fanno i funzionari dei loro controllori europei per imporre alla gente comune i salassi che dovrebbero pagare loro e caro. L'unica speranza per la Grecia è, credo, nel clima di malcontento che inizia sempre più a serpeggiare anche tra le autorità, potrebbe rendere la rivolta impossibile da arginare, ma in quel caso non escluderei mosse armate da parte dei padroni del vapore

    RispondiElimina
  8. Ah, scusa George, ti ho preso per Johnny. Vabbé siete sempre in famiglia :-)

    RispondiElimina