Da un bluff all'altro,ecco lo stile Monti....

...ma davvero qualcuno crede che cambiando le tariffe degli avvocati, gli orari delle farmacie e le licenze dei taxisti l’Italia possa crescere “del dieci per cento?

Qualche tempo fa scrissi un post intitolato “caro Monti, sia gentile, non ci prenda in giro”, oggi avrei dovuto riproporre lo stesso titolo; dovrei proporlo quasi ogni giorno. Mario Monti ci sta prendendo chiaramente in giro, visto che non è ipotizzabile che un economista del suo livello sia convinto delle cose che dice in conferenza stampa e ai microfoni dei tanti giornalisti compiacenti. Sta facendo propaganda, sapendo di poterla fare. Tanto è e resterà, mediaticamente, impunito.
Il decreto in realtà propone una novità importante, ma non è affatto positiva, nonostante le apparenze. Mi riferisco alla norma che consente ai giovani imprenditori di creare società senza nemmeno bisogno di un notaio. Zero burocrazia, zero costi. Evviva! Sì, evviva se non fossimo un Paese senza camorra, senza ndrangheta e senza mafia. Di una misura di questo tipo non c’era in realtà bisogno, perché chiunque voglia avviare un’attività può farlo avvalendosi già dei regimi agevolati varati da Tremonti, che però erano meno spericolati legalmente, mentre con la misura proposta da Monti, alla criminalità organizzata basterà intestare una società a un giovane picciotto incensurato per aggirare con straordinaria facilità ogni controllo. Ma il nostro presidente del Consiglio se ne rende conto?

L’altra misura che il governo si appresta a varare è quella anticipata oggi dall’ottimo Massimo Mucchetti in questo articolo
- http://www.corriere.it/economia/12_gennaio_23/una-societa-per-ridurre-il-debito-massimo-mucchetti_f196edd6-458a-11e1-9389-b1111b488a17.shtml.

In estrema sintesi: lo Stato intende trasferire azioni e partecipazioni di aziende pubbliche (di quelle sane naturalmente) alla Cassa depositi e prestiti; in questo modo farebbe cassa e abbatterebbe il debito pubblico.

Operazione brillante, che però se sa tanto di contabilità creativa. La Cassa depositi e prestiti è posseduta al 70% dallo Stato e al 30% da fondazioni bancarie; dunque lo Stato vende a se stesso e fa… un altro regale alle banche.

Idea dell’ex banchiere Passera,il compare di mazzo, naturalmente.
Da un bluff all’altro. Chiamatelo pure stile Monti.

(marcello foa)

----------------------------------------------------------
Io lo chiamerei stile da robamazzo,quello che spesso capitava di vedere da certi personaggi nelle piazzole di sosta degli autogrill.
La spennatura dei gonzi.
Sono settimane che denunciamo questo bleffatore e mentitore che prende in giro il popolo italiano.
Ha raccontato tante balle in giro per il mondo che ormai si fa fatica a tenere il conto,non ultime quelle qui menzionate da Marcello Foa.
Come si vede le banche ci son sempre in mezzo quando c'è da guadagnare,molto meno quando c'è da pagare.
Questo é un governo fantoccio che sta distruggendo il ceto medio italiano e che rende sempre più povere le classi meno abbienti,e i ricchi sempre più ricchi.
Sostenuto da una vergognosa stampaglia di regime,dimentica di ogni deontologia professionale e sempre pronta al leccazampismo,il nostro massone eroe di cartapesta spaccia aspirine come cura contro il cancro,non perdendo occasione di lodarsi continuamente in un modo scandaloso,un tipico grand emmerdeur ,detto alla francese,e che crede di essere un messia inviato dal cielo invece di un grigio burocrate inviato dagli usurai amici per schienare l'Italia.
Aiutato per l'occasione da un vecchio rottame politico che da troppo tempo ormai sta sul colle,a sua volta in preda a megalomania di protagonismo e da unto del signore.

Un pensierino particolare poi ad una classe politica di azzeccagargugli,topi accampati nella tana parlamentare che pensano solo al loro misero formaggio di bottega e incapace di licenziare questo bleffatore da fiera di paese che ci ritroviamo clandestinamente alla guida della nazionee,un sobrio imbroglioncello che mai riesce a capire l'effetto,l'impatto sulla società reale di certe misure scellerate come queste (mettiamoci pure quella sulle carceri),come ben evidenziato da Marcello Foa.
Possibile che molti ancora non capiscano chi é questo misero personaggio!!!!

(johnny doe)