giovedì 10 novembre 2011

MONTI VOLPE A GUARDIA DEL POLLAIO

Dico a Napolitano: “No! Questo No!”

di Ida Magli


No, Signor Napolitano, non sopporteremo una simile nauseante “furbata”.
Creare all’improvviso un senatore a vita per far credere che si tratta di un politico e fingere così che l’Italia non si sia consegnata nelle mani dei banchieri, è un sotterfugio intollerabile. Quale disprezzo per i poveri Italiani! Quale disprezzo per la Repubblica e per la politica! Abbiamo, dunque, così la misura della spaventosa miseria civile e morale dei nostri “rappresentanti”. La Bibbia afferma che “Dio vomita gli ipocriti”. Sono certa che non ha mai vomitato tanto.
Senatore a vita il signor Mario Monti? Un cittadino benemerito della Repubblica e di specchiati costumi? Forse non tutti i cittadini lo sanno o se lo ricordano (e su questa ignoranza ha contato, oltre che sul complice silenzio dei politici e dei giornalisti, Giorgio Napolitano nel nominarlo) che Mario Monti è stato costretto, nella sua qualità di Commissario europeo sotto la presidenza Santer, a dare le dimissioni “per l’accertata responsabilità collegiale dei Commissari nei casi di frode, cattiva gestione e nepotismo” messi in luce dal Collegio di periti nominato appositamente dal Parlamento Europeo.
La Relazione fatta da questi Saggi al Parlamento, nonostante la prudenza del linguaggio ufficiale, fa paura. Si parla infatti dell’assoluta mancanza di controllo  nella “rete di favoritismi nell’amministrazione”, di “ausiliari esterni” e di “agenti temporanei”, di “mini bilanci espressamente vietati dalle procedure amministrative”, di “numerosissimi esterni fuori bilancio, ben noti all’interno della Commissione con il soprannome di sottomarini”, che operano con “contratti fittizi”, dietro “raccomandazioni e favoritismi”; di abusi che hanno comportato, con il sistema dei “sottomarini” l’erogazione non controllata di oltre 7.000 miliardi nell’ambito dell’Ufficio Europeo per gli Aiuti umanitari d’Emergenza (miliardi usciti dalle nostre tasche, naturalmente, e che dovevano andare, ma non ci sono arrivati se non in minima parte, ai bambini della Bosnia, del Ruanda morenti di fame).
Evidentemente Mario Monti è inamovibile, o meglio può perdere un posto soltanto per guadagnarne uno migliore. Nel 1999, al momento di una caduta così ignominiosa, ha provveduto la successiva Commissione, con presidente Romano Prodi, a riconsegnargli il posto di Commissario. Cose che succedono soltanto nell’onestissimo ambito delle nostre istituzioni politiche. I semplici cittadini vanno sotto processo per gli ammanchi, o come minimo perdono l’incarico.
Perché mai, dunque, dunque, dovremmo affidare a questo signore i nostri ultimi beni?
In omaggio, forse, al truffaldino sotterfugio inaugurato dalla Presidenza della Repubblica
I politici che lo voteranno come capo del governo sappiano che, visto che non possediamo nessun altro potere,  annoteremo ogni loro “Sì” per cancellare per sempre il loro nome da qualsiasi futura elezione.
------------------------------------------
Napolitano,punto di riferimento......come gli immancabili leccazampisti della sinistra e non solo vanno continuamente sproloquiando? Sì,un punto di riferimento della Goldman Sachs....
Ma si pò prendere in giro gli italiani con questo sotterfugio da fiera?
Nominare un senatore a vita in due secodi,di notte,come un ladro?
Mettere la volpe a guardia del pollaio? Mettere un rappresentante degli speculatori che ci stanno artatamrente affondando con la bufala dello spread?
Sì,artatamente,perchè l'Italia non é certo la Grecia e nemmeno la Spagna.
Questo assedio,squisitamente politico,ha mirato solo a sostitire un governo amico e non riotttoso al desiderio dei mafiosi internazionali di spolpare la nazione e prendere a prezzo di realizzo i più appetibili assets erconomici ,come già avvenne nel 1992.
Missione compiuta con l'aiuto degli ascari italiani di una sinistra guerrafondaia e nemica del popolo e di un presidente che andrebbe immediatamente destituito,come buona parte di una classe politica indegna,incapace,sottomessa acui del paese importa un fico secco.
Ha ragione la Magli,ora vedremo chi saranno i complici dei banchieri e degli speculatori,vedremo chi voterà questo colpo di stato,chi voterà un signore non eletto e fatto senatore in due secondi,di notte,come un ladro.
Segnateveli bene e appena apriranno bocca mandateli affanculo!

28 commenti:

  1. napolitano vergogna!

    RispondiElimina
  2. E' dagli accordi con Putin che berlusconi é nel mirino...se aspettavamo l'opposizione avrebbe governato per altri vent'anni.
    La situazione reale italiana non ha nulla a che fare con quanto questo spread fasullo potrebbe indicare.
    Ora la situazione é più chiara e vedremo chi saranno i complici degli speculatori e dei banchieri

    RispondiElimina
  3. Buone probabilità per un governo della Banda Bassotti...

    RispondiElimina
  4. Papadimos in Grecia,Monti in Italia,Draghi BCE....la spagna seguirà...tutta l'europa in mano a questi maledetti usurai...ma avranno vita dura.Le parole non bastano,per difenderci dobbiamo armarci...

    RispondiElimina
  5. colpo di stato...in un sistema bipolare questo trucco é un colpo di stato...

    RispondiElimina
  6. In Africa Bombe,qui i bond...

    RispondiElimina
  7. CHIEDETEVI PERCHE' LA SPAGNA,IN PRATICA SENZA GOVERNO E CHE STA ANDANDO ALLE ELEZIONI,NOTORIAMENTE MESSA PEGGIO DI NOI,NON VIENE ATTACCATA A FONDO COME L'ITALIA.
    TUTTA LA FACCENDA DELLO SPREAD E' UN TRUCCO,NON HA NESSUNA RISPONDENZA CON LA REALTA' ITALIANA.
    LA VERITA' E' CHE SI TRATTA PRINCIPALMENTE DI UN ATTACCO POLITICO,ACCURATAMENTE PIANIFICATO E A QUANTO PARE RIUSCITO.
    LO SCOPO E' DI ASSERVIRE LA TERZA ECONOMIA CONTINENTALE AL POTERE DEGLI USURAI INTERNAZIONALI.
    IN LIBIA ERANO BOMBE UMANITARIE,QUI LO SPREAD.
    ARMI DIVERSE,MA STESSI SCOPI E MANDANTI.

    RispondiElimina
  8. dicono il mercato....ma questo ha nomi e cognomi ben noti che lo dirigono...l'era dei risparmiatori é finita,é in mano a una cricca di noti speculatori degli hedge fund e alla Soros...e le loro intanzioni non sono solo finanziarie,ma politiche.
    Giusto,in africa usano le bombe,qui il mercato.

    RispondiElimina
  9. se non ci sarà una rivolta non ne usciamo...e tuttaltro che pacifica..Monti deve stare attento perchè ormai le palle sono piene..

    RispondiElimina
  10. In effetti, è difficile allontanare la sensazione che intorno al debito italiano si sia fatta una campagna (in borsa, sui media e nelle agenzie di rating) vòlta ad esagerarne il peso, sull'onda dell'allarme greco, al fine di affossare il governo e sostituirlo con uno più "docile". Del resto, i tre (o quattro) referendum irlandesi provano che l'UE non ha troppo rispetto per le democrazie... Quello che non mi torna, in questa ricostruzione, è: ma il governo Berlusconi, a parte qualche sbruffonata assolutamente innocua, non era già abbastanza "docile"? La nostra politica economica, nelle mani del neo-europeista Tremonti, non era già una mera esecuzione dei dispacci arrivati da Bruxelles e Francoforte? Ed è questo, immagino, che intendi quando dici che la faccenda è "politica"...

    RispondiElimina
  11. Alla domanda di Yanez (che mi sono posta anch'io) la risposta è che gli eurocrati non si fidano più dei governi in carica, nemmeno di quelli più docili, e in un certo documento li hanno addirittura chiamati perditempo che giocano a prendere a calci un barattolo vuoto. Ergo, si punta su "tutto il potere ai banchieri". E i banchieri sono i nuovi capi di stato, in quanto procedono più velocemente alla rottamazione del medesimo.

    RispondiElimina
  12. Questa storia inizia dai troppo stretti rapporti con Putin e l'impegno italiano per il North Stream invece che il Nabucco.Lì,come nel caso di Mattei,se la son legata al dito,come pure altri pronunciamenti a favore della politica internazionale russa.
    Ma il dato più importante é che berlusconi si é sempre rifiutato di fare quelle famose privatizzazioni che fanno gola agli usurai internazionali,Eni,Enel,Finmeccanica....come a suo tempo fece Prodi.Lui si é barcamenato fin che che ha potuto,essendo ovviamente legato a certe alleanze,prova ne sono assensi verbali alla BCE,mentre le diverse misure approvate erano in tutt'altra direzione o comunque molto blande.Ha fatto il piazzista,insomma,promettendo ma non mettendo mai in atto la macelleria sociale che ci attende (vedi anche il contrasto con Tremonti),fin quando ha dovuto arrendersi,fermo restando altri motivi più personali (Mediaset..?) che non conosciamo.
    Anche l'atteggiamento ambiguo nella guerra libica non gli ha giovato.
    In più credo che la sua defenestrazione (bada bene,non certo secondi i canoni classici, da parte di una opposizione in parlamento) sia rientrata in un ambito più generale di riassetto geopolitico del mediterraneo.Era un alleato,ma un po' troppo riottoso.
    Questi grandi speculatori esercitano ormai un ruolo politico,capaci con capitali che superano il pil di diversi stati,di cambiare ogni governo.
    La mia idea é che nel caso italiano,oltre a lauti guadagni,l'intento della cricca finanziaria fosse prevalentemente politico.
    Ricordo che fino a febbraio-marzo non ci fu nessun attacco e bisogno di nessuna manovra,poi improvvisamente si é scatenato il finimondo.Il debito da mesi era sempre quello di oggi.Nessuno aveva da ridire.Tutti gli attacchi precedenti della stampa estera,finanziaria inglese in particolare,erano forsennati come non mai,al di là della semplice cronaca e critica.
    Tralasciamo pure la riunione del Bilderberg...ma che certo non eran lì per delle grigliate.
    Che la finanza virtuale abbia preso il posto dell'economia reale è un fatto politico.
    Dove si può si usano bombe,altrove lo spread pilotato,armi diverse,ma stessi scopi e mandanti.
    Ora Obama si affretta a far le lodi in tutti i sensi dell'Italia,ricca e solvibile dice...non certo la Grecia...già,il contentino dopo la pugnalata delle sue banche,Goldman in testa,artefici insieme agli hedge funs ,dell'operazione.
    Metti conto poi che con queste intromissioni di BCe e FMI,democrazia e sovranità vengono ulteriormente commissariate...e non é un fatto di mercato,ma politico. Qua non voglion più alleati,ma sudditi.

    @nessie

    nulla da obiettare.

    @anonimo

    E' un fatto,tutta l'europa in mano a burocrati e banchieri.Vediamo che succederà in Spagna dopo le elezioni.

    @mansor

    Sì,é un golpe promosso dal colle che crede d'esser in una repubblica presidenziale...anche goffo con la mossa di far senatore in due secondi uno che guiderà un governo non eletto da nessuno.Io credo che avrà vita molto difficile...
    .

    RispondiElimina
  13. Milano finanza conferma che gli attacchi degli ultimi giorni provenivano da Goldman sache e altre banche statunitensi.

    RispondiElimina
  14. Copio da te su FB Johnny...

    "Stiamo assistendo al grande successo dell'euro,e la manifestazione più completa di questo successo é la Grecia."
    (Mario MONTi - 26 settembre,all'Infedele del giullare Gad Lerner)

    Morale : recessione (Pil - 5,5%) e rivolte della piazza e Stato in fallimento? Danni collaterali.
    Imperativo toccarsi i coglioni....era meglio il cavallo di Caligola...

    RispondiElimina
  15. Vorremmo risparmiarci questo successo...mi viene in mente il film Nikita...Jean Reno,il liquidatore...

    RispondiElimina
  16. gilberto rabitti11 novembre, 2011 15:38

    Ma siete sicuri che Monti riuscirà a fare un governo? Sembra tiri una brutta aria,nessuno vuol rendersi complice della macelleria.

    RispondiElimina
  17. Nonostante tutta sta gente responsabile dell'ultimo momento,io mi auguro che fallisca.Sarà dufficile,vista anche la smania di molti peones di non perdere il vitalizio.
    Tutto sommato però,anche così va bene sotto un certo aspetto.Non ci saranno più alibi,vedremo chi ci starà e chi no,dopo tante parole.sempre a patto che dopo qualche mese si torni a votare...anche se io non voterò comunque per nessuno.

    RispondiElimina
  18. Sì, Johnny doe "non voterà per nessuno" ahahah il pidiellino camuffato...

    RispondiElimina
  19. Bello questo gesto anarcoide di esigere le elezioni, ma poi di non andare a votare. Mi hai letto nel pensiero Johnny. Io ESIGO elezioni, ma poi mi riservo libertà di coscienza interiore last minute. E comunque chi crede nella democrazia (non noi) fa bene a pretenderle e a non rassegnarsi a sottostare ad un vecchio gallinaccio della Goldman Sachs. Ti mando questo video per capire chi è esattamente "l'uomo d'oro" del momento:

    http://www.libero-news.it/news/866323/Cos%C3%AC-parlava-Mario-Monti-L-euro-%C3%A8-un-gran-successo-Basta-guardare-la-Grecia.html

    RispondiElimina
  20. Thanks Nessie...già sapevo.
    Così questo nostradamus bancariose n'è venuto: "Stiamo assistendo al grande successo dell'euro,e la manifestazione più completa di questo successo é la Grecia."
    (Mario MONTi - 26 settembre,all'Infedele del giullare Gad Lerner)
    Morale : recessione (Pil - 5,5%) e rivolte della piazza e Stato in fallimento? Danni collaterali.
    Imperativo toccarsi i coglioni....

    Infatti,si può giudicare delle regole del gioco senza per questo dovervi obbligatoriamente prendere parte ,se questo gioco non ti piace,come questa democradia fasulla e truccata.

    @anonimo

    Caro anonimo,purtroppo per te,non ho mai votato in vita mia,sei cascato male...é un vecchio trucco vedere negli altri pensieri o comportamenti propri.

    RispondiElimina
  21. Il giullare sei tu, non il signor Lerner! Vergognati!

    RispondiElimina
  22. Anonimo,
    Johnny doe non è pidiellino, è solo di estrema destra. Non vota nel senso che per ora nessun partito di quell'orientamento lo soddisfa. Oppure, legittimamente, pensa che sono fatti suoi.
    Nel frattempo raccoglie attorno a sé gente di estrema destra come lui che di diritti e di libertà non capisce niente: però si professa anarchico (tanto è una parola che fa brodo...).
    Ripetono fino alla noia i pensierini qualunquisti e populisti che girano nella sotto-politica extraparlamentare della loro parte (il TORTO) e di qualche intellettualino di fazione, e così sono contenti.
    Contenti loro...

    RispondiElimina
  23. Tu Grigio, verme schifoso del cazzo, se ti becco per strada ti metto 10 kili di c4 nel culo e ti lancio addosso a Monti e Napolitano, così forse andrai in Paradiso, forse...

    sono ateo

    RispondiElimina
  24. Kit, pienamente d'accordo con te (comunque potrebbe sempre votare Forza Nuova o Fiamma Tricolore)

    RispondiElimina
  25. @snoop

    il Grigio qui é da tempo che é stato eliminato e affidato ai servizi sociali.

    @kit carson

    io non raccolgo nulla,qui viene chi vuole e non certo quello che vuoi tu,ma se fossi di estrema destra lo direi senza problemi,non penserai che sia impressionato da quel giochino che per anni é stato in voga.Inoltre,a giudicare da quanto sta accadendo,oggi la vera destra é la sinistra,forse quella a cui tu appartieni.
    Quanto ai diritti di libertà,già ponendo dei discriminanti e steccati come si vede dal tuo commento,si capisce che non sono materia tua.
    Un altro maestrino,fermo all'archeologia politica, che se la conta come meglio pare a lui e come vorrebbe fossero gli altri.
    Sull'anarchismo é inutile che ti risponda,non é per te.

    @anonimo

    il povero Gad,fa di tutto per accreditarsi come anchorman,ma più che sputazzare quando parla non può fare.Non ha nè l'aplomb nè le capacità.E' solo una figura patetica,in fondo un povero pagliaccio.

    RispondiElimina
  26. Forte questo kit carso,viene qui a dar giudizi alla cazzo di cane.Ma chi sei? Prova a dirci chi sei tu,che poi magari ti rispondo.Forse ti vergogni dire che sei di sinistra? Ti capisco,di questi tempi assomigliano ai fascisti.
    Io sono anarchico da sempre e sono orgoglioso di stare dalla parte del TORTO,più facile invece cambiar nome e star dalla parte del GIUSTO,che é poi quella del proprio interesse.

    RispondiElimina
  27. Io invece sono di destra da sempre e ne sono orgoglioso,non come certi che han cambiato cento bandiere per riciclarsi,dei semplici voltagabbana che poi vogliono dar lezioni agli altri e che ora,tanto per cambiare,sono i camerieri dei banchieri mafiosi.

    RispondiElimina
  28. Mi dispiace per lei Kit Carso,ma io non sono nè di desta nè di sinistra o di centro,molto più semplicemente contro l'Europa dei banchieri che creano la crisi E poi l fanno pagare ai poveracci.Che a questa battaglia partecipino gente di destra,di sinista o di quel che vuole,non me ne importa un fico secco.In più,sono anche stanca di TUTTA questa classe politica imbelle ed incapace.Lei mi chiamerà qualunquista,ma come sopra,non me ne importa nulla.

    RispondiElimina