giovedì 27 ottobre 2011

LETTERA BCE...RIMANDARE AL MITTENTE


(ad integrazione post precedente)

Questo vero e proprio diktat,che tende a cosiderarci sudditi del circo truffaldino europeo,avrebbe un senso se ancora ci fosse la LIRA e fosse un prestito all'Italia sovrana.L'esame,le richieste avrebbero un senso,e così pure le risposte adeguate,chiunque fosse il creditore.

MA LA LIRA NON C'É PIÙ E LA BCE (COMPRANDO I NS TITOLI) NON STA INVESTENDO SOLDI PER SALVARE L'ITALIA,LI STA IMPIEGANDO PER SALVARE L'EURO,QUINDI SE STESSA.

Gli esami non dobbiamo subirli noi,ma l'intero sistema europeo che sta crollando sia in versione monetaria che politica.Come si può infatti tollerare che ci sia una moneta unica,sistemi fiscali e debiti diversi (una truffa.) e ,senza alcun titolo,una incompetente diarchia politica francotedesca che non ha fatto altro che peggiorare la situazione con le sue incertezze e ambiguità?

A margine,il nostro sistema pensionistico,quando a regime,sarà tra i più solidi.L'unica debolezza é che la data di partenza é fissata troppo avanti.
Basterebbe questo aggiustamento per rimandare al mittente richieste assurde ,volte solo alla macelleria sociale e a liquidare i più importanti assets produttivi,come già avvenuto in passato.
L'Italia non é la Grecia, signori del banco... truccato!

PS - Swift suggerisce questa modesta proposta .

Visto che da più parti si dice che voi siate una repubblica delle banane,da operetta...insomma,da terzo mondo...perchè non mandate in pista quelli che in ogni piazza e strada strimpellano per la cancellazione del debito ai paesi del Terzo Mondo ?

7 commenti:

  1. Alla lettera bluff della BCE,si risponde con il controbluff della nostra ieri a Bruxelles,a dimostrazione di quanto tutta sta storia sia fasulla.Infatti si sono accontentati di promesse future e di incerta realizzazione, che se voi le faceste ad una banchetta qualsiasi vi metterebbero alla porta.
    A riprova che tutto sto can can sull'Italia inaffidabile e minchiate varie,mirava e mira tutt'ora a ben altro.
    Solo una tregua,per ora...potete immaginarvi se i burattinai che sta dietro a BCE e soci si accontenteranno di lettere virtuali...presto rilanceranno.

    RispondiElimina
  2. Già han cominciato le agenzie dei ratti a declassificare Eni,Enel...
    Ironia della sorte,proprio oggi c'è la notizia che Eni é il primo gruppo per fatturato e UTILI..notizia diffusa da Mediobanca.

    E? inutile che ci giriamo attorno,la situazione italiana é ingigantita ad arte per le ragioni che ormai tutti sappiamo: impossessarsi dell'economia italiana da parte degli speculatori mondiali.

    Se così non fosse,come dice Johnny nel commento,la lettera italiana sarebbe da rimandare al mittente,cos' come quella della BCE.
    Due bluff,appunto,a dimostrazione che le difficoltà italiane sono sopravvalutate per altri scopi.Sono convinto anch'io che ci riproveranno.

    RispondiElimina
  3. Logica swiftiana inattaccabile...

    RispondiElimina
  4. Infatti,in pratica il sistema pensioni resta tale e quale

    RispondiElimina
  5. Bene é stato fatto a far solo promesse,pure le norme del lavoro saranno difficilmente praticabili.Le hanno accettate,dimostrando così che han più bisogno dell'Ialia che noi di loro,altrimenti le avrebbero bocciate,é tutto virtuale.Il problema vero è quello di sottomettere l'Italia ai loro desideri,scoperto il bluff intimidatorio che mira ad altro.
    Problemi ci sono certo,come in tutti gli altri stati,ma il pressing sull'Italia é fuori luogo,se non per altri motivi.Sostituire un governo che non si adegua al diktat,nonostante la sua fragilità.

    RispondiElimina
  6. La sinistra si lamenta perché il Cav non fa abbastanza per le banche e critica la lettera di intenti, perché lui avrebbe dovuto osare di più. Ora che è tornato da Bruxelles con l'OK, si incavola perché alla BCE si intima il licenziamento e la discrezionalità dei padroni. Poche idee ma assai confuse.

    RispondiElimina
  7. @nessie

    Le opposizioni lo attaccano perché fa quello che prima lo accusavano di non fare.Chiedere a quel carneade di Letta junior,di Bersani,di Vendola...che non facevan altro che lodare BCE e Draghi.
    Solita tecnica,solite ipocrite stronzate di una sinistra meno credibile del mago Casanova.
    Qualcuno ha pure il coraggio di applaudire il fesso francese che dice di aver aiutato la Grecia per salvare l'Italia,quando anche i gatti sanno che ha salvato solo le sue banche tossiche.

    RispondiElimina