martedì 4 ottobre 2011

GIUSTIZIA KAPUTT

Circa colpevolezza o innocenza,di questo caso non me ne può importar di meno,visto che non conosco gli atti e poco m'interessano questi fatti di cronaca.
La cosa squallida che emerge é invece una giustizia fallimentare,che tiene in carcere 4 anni persone in base ad indizi e poi risultate innocenti.
Una giustizia barbara,incapace di indagini e che non fa che mettere in scena processi indiziari in cui le sentenze diventano terni al lotto.
Chiederei quindi ai PM di Perugia come possono chiedere ergastoli a seguito di indagini risultate poi così pressapochiste da essere  smontate con facilità dalla difesa..E quelli che han condannato in primo grado? Su quali prove? Indizi.
Inoltre,come si può avere tali tempi di giudizio,con la conseguenza di 4 anni di carcere preventivo.Nel caso di innocenza,chi restituisce questo tempo e il nome all'imputato?
C'è qualcosa che non va.E l'unico condannato, Guedè,come faranno a tenerlo in galera,concorso in omicidio.E con chi?
E se la Cassazione dovesse rilevare vizi di forma e annullare il processo,chi mai farebbe ritornare Amanda in Italia? Tutto da ridere,per non piangere.
Una figuraccia in mondovisione (altra minchiata).

Queste considerazioni vanno al di là di questo processo.Provate a pensare a casi simili degli ulrimi anni.Quuesta giustizia va riformata da capo a piedi,magistratura compresa.
E 'ora di finirla con l'alibi berlusconi,questa é una giustizia allo sfascio, che lascia scadere i termini per i mafiosi,che imbastisce processi ridicoli,che fa politica,che manipola pentiti,che cerca visibilità mediatica,che ha tempi biblici penali e civili,che applica le leggi quando vuole e come vuole,che più volte ha infranto i dettami costituzionali,che vuole ergersi sopra tutto e tutti mantenendo sempre i propri privilegi.
Un'altra casta,é stato scritto,una casta intollerabile.

A margine di questo specifico processo,non si può peraltro sottacere il vergognoso tam tam mediatico e le pressioni imbastite dalla stampa,dalla politica e dai media USA e che ancora una volta mostrano che siamo un paese senza alcuna sovranità.
Anche un segretario di stato si intromette e si complimenta per l'assoluzione,quasi fosse atto dovuto.
Roba da manicomio,da circo degli orrori!
Un politico con i coglioni avrebbe risposto a questa campagna di pressioni con un grande "fatevi i cazzi vostri". Purtroppo,come per altre vicende,abbiamo a che fare solo con una classe di servi.

8 commenti:

  1. Si parla spesso della èolitica,ormai ridotta a spettacolo pietoso.Ma la magistratura italiana,ancgh'essa sputtanata da tutta europa,non è da meno.E' una cosa vergognosa,e c'è pure gente impreparata,specie nei Pm,esaltati dal protagonismo.Chi mai fa uscire verbali secretati,se non loro? Una gran parte é poi impegnata a far politica,e giustamente nascondono questo sfascio con l'alibi berlusconi,che copre tutte le magagne di una casta inetta come quella politica.questo processo é l'ennesima dimostrazione dell'incapacità di certa magistratura inquirente ridicolizzata.Questi credono di essere i custodi della moralità e del diritto,invece son solo dei velleitari da terzo mondo.

    RispondiElimina
  2. Passano per eroi solo nel caso di berlusconi,negli altri casi sono solo dei carneadi preoccupati dei propri privilegi.
    Prendete uno come Ingroia,in un altro paese farebbe l'usciere del tribunale.

    RispondiElimina
  3. Una certa parte politica,ha sempre coperto le magagne della magistratura per paura di essere ricattata,pavida e serva per interessi particolari.Lo stesso D'Alema ha ammesso l'invadenza politica della magistratura.
    Questo processo é l'esempio lampante,e non politico finalmente,dello sfascio in cui versa la giustizia italiana,uno scandalo mondiale.

    RispondiElimina
  4. E poi ci tcca sentir la Bocassini dire che come cittadina si indigna delle pubblicazioni delle intercettazioni.Quella del caso Ruby,una comica,come comica é tutta la giustizia e quel tiroideo di Palamara che la difende d'ufficio qualsiasi cosa combini.

    RispondiElimina
  5. REPULISTI TOTALE,POLITICA E MAGISTRATURA....BASTA!

    Spero che berlusconi se ne vada,così non ci saranno più alibi per questi parassiti.

    RispondiElimina
  6. carmine de rosa04 ottobre, 2011 21:28

    Ormai diventa difficile far discorsi equilibrati,non si capisce più nulla,tutti non son senza peccato,E' una completa degenerazione di tutte le istituzioni e la colpa é di TUTTI.Troppo facile prendersela con l'uno o con l'altro,tutti sono corresponsabili,anche noi.
    E' l'era del pressapochismo in tutti i campi,e la magistratura non ne é immune,come questo processo dimostra.

    RispondiElimina
  7. Mi erano mancate le vostre cazzate fascistoide e garantiste, ben tornati dalle vacanze :)

    RispondiElimina
  8. Cerchiamo sempre di non deludere i nostri ammiratori...

    RispondiElimina