giovedì 29 settembre 2011

O'BAMBA IL FALLITO

Pubblichiamo da Nessie,un'amica blogger

Obama il Fallito urla al fallimento altrui

La conoscete la storiella del ladro che grida al ladro? Beh accade la stessa cosa a Obama, il leader del "Yes we can", che ora non avendo il coraggio di dire ai suoi "No, we can't", getta tutta la croce addosso all'Europa, che intendiamoci, non sarà un granché e contro la quale la sottoscritta ne ha sempre scritte peste e corna, ma  non dimentichiamoci che quell'Unione europea, primo passo verso il Nuovo Ordine Mondiale, fu incoraggiata e foraggiata proprio dagli uomini della Fed. Non è un caso che Geithner, il segretario al Tesoro di Obama, abbia partecipato all'ultima riunione con Trichet. Ci crederà  il popolo americano a questa favoletta da "asilo Mariuccia"  della serie , è tutta colpa dell'Europa? Ci sono 38 canali tv del Piffero pronti a rincretinire e lobotomizzare  il popolo a stelle e strisce. Speriamo che qualcuno si svegli e che le marce su Wall Street vadano avanti più numerose e spedite che mai. Wall Street, BCE-Bruxelles e Piazza Affari-Milano. La Borsa è un covo di cocainomani schizzati  e il  troppo è troppo. Giocare a fiches con soldi virtuali per ottenere in cambio "soldi veri" (i nostri risparmi) è roba da Borse-ggiatori. Appunto!

Intanto leggete questo "Salvate il soldato America" dal blog Icebergfinanza.
http://icebergfinanza.splinder.com/post/25592465/salvate-il-soldato-america-aggiornato

E' affascinante ascoltare mister "No We Can't " Obama e bimbo Geithner dare lezioni all'Europa su come dovrebbe essere gestita una crisi, affascinante ascoltare dei falliti che insegnano come si gestisce un fallimento!


Washington - Barack Obama attacca l'Europa, colpevole ai suoi occhi di «non aver agito rapidamente, come avrebbe dovuto» per affrontare il problema del debito.
Il duro atto d'accusa del presidente degli Usa è arrivato durante una conferenza durante la quale Obama ha risposto alla domande poste dal pubblico via Linkedin, una sorta di social network che collega in tutto il mondo professionisti e operatori dei più vari settori economici: secondo Obama, la crisi finanziaria che sta travolgendo l'Europa «spaventa tutto il mondo», anche perché i passi intrapresi dai paesi dell'Eurozona non sarebbero stati all'altezza della situazione.
Obama ha sottolineato che l'Europa «non s'è mai pienamente ripresa dalla crisi del 2007». Inoltre, ha osservato che i governi europei non hanno mai affrontato in maniera adeguata «le sfide e le difficoltà che il loro sistema bancario era chiamato a rispondere: tutto ciò è stato aggravato da quello che sta accadendo in Grecia».
Ma Obama è andato oltre, sostenendo che i problemi «mal risolti nell'Unione europea hanno superato i confini del continente, finendo per danneggiare anche l'economia americana». In ultima analisi, implicitamente, Barack Obama ha attribuito quindi all'Europa la responsabilità di molti dei problemi dell'economia americana, in particolare quello del lavoro, che mettono a rischio la sua rielezione nel 2012. (Il secolo XIX )

Obama ormai è un ragazzo disperato in prenda allo sconforto, la crisi europea starebbe per danneggiare l'America!

Hanno messo in piedi la più imponente frode e manipolazione della storia finanziaria mondiale, sotto gli occhi conniventi della politica, la metastasi subprime ha contaminato il mondo intero, un manipolo di esaltati falliti ha socializzato le perdite facendo esplodere il debito americano e mondiale e questo ragazzo ci viene a raccontare che la crisi europea rischia di danneggiare l' America.

Goldman Sachs ha suggerito alla Grecia l'arte della manipolazione dei bilanci, AIG ha seminato il mondo intero di credit default swap, di armi di distruzione di massa e le cinque principali banche americane detengono oltre il 95 % della manipolazione dei mercati finanziari mondiali e questo illuminato, premio Nobel per la Pace ci viene a dire che non abbiamo agito rapidamente per affrontare il problema del debito, che stiamo spaventando il mondo intero.

Ci sono oltre 47 milioni di americani che vivono con la gamella elettronica in mano, contando sui cosidetti foods stamp, "buoni pasto" quotidianamente per non morire di fame, di stenti, oltre 14 milioni di disoccupati ufficiali, senza contare coloro che lavorano a part.time per ragioni indipendenti dalla loro volontà, ben oltre il doppio se si contano quelli scoraggiati, la disoccupazione fantasma, milioni e milioni di famiglie buttate fuori di casa al ritmo di oltre 1 milione all'anno e oltre 11 milioni di famiglie a rischio e questo ragazzo ci viene a dire che non abbiamo affrontato in modo adeguato la crisi.

Comprendo che non è facile amministrare una nazione dove le lobbies industriali e finanziare sostengono la tua candidatura, non è facile agire e ragionare liberamente quando quotidianamente la pressione della finanza è costante ed asfissiante, ti tiene sotto sequestro e non puoi muovere un dito senza il suo consenso, ma per piacere evitiamo di fare brutte figure, e impariamo ad osservare ognuno la trave presente nelle proprie orbite!
Purtroppo come direbbe Oscar Wilde, tutti coloro che sono incapaci di imparare si sono messi a insegnare, un manipolo di falliti che ci insegna come evitare un fallimento! Sublime

http://sauraplesio.blogspot.com/2011/09/obama-il-fallito-urla-al-fallimento.html
-----------------------------------------------------
Ormai il ragazzo é in gara con Carter per il titolo di peggior presidente della storia americana.Non una delle promesse fatte da questo carneade é stata mantenuta.Anzi,per onorare il comico premio Nobel per la Pace,concesso da avvinazzati scandinavi,si è imbarcato in un'altra guerra umanitaria,leggi aggressione,ad uno stato sovrano.Ricordando gli squittii di giubilo per la sua elezione del mondo dei peracottari chic,c'è da scompisciarsi dalle risate,confermando ancora una volta che non capiranno mai una proverbiale mazza.


Ora si mette pure a dar lezioni di economia insieme al truffatore Geithner,uno dei responsabili della grande crisi americana che ha coinvolto tutti noi.Ricordate a questo O'Bamba,che i nostri guai vengono dal suo paese,per anni in mano ad una combriccola di speculatori e compari delle banche che hanno truffato mezzo mondo.
Come si fa a credere ad uno che come ricetta ha chiesto di aumentare il tetto del debito americano,cioè stampare nuovi dollari,sempre più deprezzati.Difficile,vero! Un genio...!


Molto probabilmente,tenta solo di salvarsi il retro,vista l'aria che tira e che la sua popolarità é ormai a livello azoto liquido.E' nel suo diritto,basta che ci risparmi le cazzate che va dicendo.

Ah,l'Europa.....un velo pietoso su questa disneyland disastrata e diretta da suoi degni compari..

10 commenti:

  1. Ormai Obama é un disperato che non sa più a che aggrapparsi per salvarsi il culo alle prossime elezioni che difficilmente vincerà se i repubblicani trovano uno straccio qualsiasi di candidato.Finora le ha perse tutte e non credo che il Paese abbocchi ancora alle sue narrazioni,mai confermate dai fatti.

    RispondiElimina
  2. Ha tradito tutte le attese,comprese quelle di certi nostri fessacchiotti salottieri pronti a credere a qualsiasi cosa venga spacciata da certe parti.Democratico o repubblicano,il presidente é sempre ostaggio di lobby che comandano la politica e l'economia,inoltre ogni presidente non rinuncerà mai alla supremazia americana sul mondo,costi quel che costi,guerre comprese.Si é visto anche con questo bluff di Obama,doveva cambiare il modo e ha aggiunto all'elenco un'altra guerra fasulla.Più che cambiare il mondo,sembra abbiano cambiato i connotati a lui.

    RispondiElimina
  3. La politica imperialista americana é sempre identica,democratici o repubblicani,solo a certe nostre fighette poteva venire in mente che cambiasse.Se cambierà sarà solo obtorto collo..

    RispondiElimina
  4. La sua campagna elettorale é stata finanziata da Soros...che volete sperare..

    RispondiElimina
  5. Il problema vero é l'America di Obama e il suo gigantesco debito che condiziona ogni crescita nonostante iniezioni di liquidità,stampando dollari,cosa che non reggerà a lungo.L'economia é in crisi profonda e la crescita ristagna.Ma in questo momento,a lui interessa la rielezione,e per risalire negli impietosi sondaggi,dice un sacco di fregnacce.Sembra ormai u pugile suonato.

    RispondiElimina
  6. Ma gli americani non gli credono più....

    RispondiElimina
  7. Quei quattro polli della stampa italian che ce lo spacciavano per il novello messia....avete notato come da un po di tempo i giornaletti (corrierino e ripubblica) evitano di parlare del loro beniamino...

    RispondiElimina
  8. Ragazzi,é da tempo ormai che andiamo sostenendo che il nostro abbronzato fa solo grandi narrazioni senza mai cavar fuori qualcosa di concreto.Pare se ne siano accorti anche molti americani.A proposito,all'Aquila aspettano ancora i suoi soldi promessi...
    A ricordare oggi gli sperticati peana,al limite del più ridicolo leccazampismo,di certi nostri metri a penser (vanno proprio a metri...)c'è da rotolarsi dal ridere.Ma è un vecchio vizio italiota costruire idoli sul nulla per abbandonarli subito dopo nella polvere.Esaltazione e depressione,mai che intervengano i neuroni.Basta una pisciatina alla yes we can per gridare al miracolo,ora trasformatosi in un fallimentare non possiam fare un cazzo

    RispondiElimina
  9. Purtroppo ho già fatto molti tentativi ma non si riesce a postare sulla tua piattaforma. Ultima prova.
    Toh, ora compare. Volevo solo dire che anche l'Obamba è ossessionato dal web e non sa come fare a imbavagliarlo. I maligni dicono che tenterà una clamorosa provocazione per poterlo fare e mettere pezze in bocca agli internauti.
    Hai sentito l'art. 29 detto ammazzablog a cura del PDM ovvero Popolo della Mordacchia?

    RispondiElimina
  10. Da un paio di giorni succedono strane cose al blog,posto miei commenti che spariscono,devo ripostarli un paio di volte.Ora sembra tutto a posto,almeno...

    Ho sentito dell'articolo 29,di Monorchio e l'altro bel tomo,ma spero non passi e che ci sia una rivolta generale.Capirai se devo fare smentite entro 48 ore,se ben ricordo,magari sono via,come qualche giorno fa...! Una porcata! Sai che gioia leggere giornali che non dicono mai nulla,se non di zoccole e amande,quando addirittura non fanno che mentire.

    RispondiElimina