lunedì 6 giugno 2011

LA GRANDE TRUFFA


Diciamo la verità.Da più di tre anni il mondo sta pagando una crisi determinata dalla pirateria di certi personaggi e istituzioni americane.
Già il sistema in cui viviamo è quello che è ,la sua degenerazione truccata invece è intollerabile.
Niente a che fare con l'alternanza dei cicli economici,ma solo con il gioco delle tre carte.

Il club della truffa più grande d'ogni tempo comprende:



-Le cinque maggiori banche d'affari USA
- L'isitiuto assicurativo più grande del mondo (AIG)
- La Federal Reserve
- Le agenzie di rating
- Vari economisti,in prima fila quelli di Harvard.
- E naturalmente,la stampa compiacente



Una colossale imbroglio ,rispetto a cui le operazioni di un Gordon Gekko-Michael Douglas sono roba da dilettanti, e di cui tutti questi signori erano perfettamente al corrente ed implicati a vario titolo, e dei quali nessuno ha pagato un cent,anzi sono stati liquidati con somme da capogiro a compenso del disastro creato.
Una aberrante deregulation finanziaria che gli organi federali invece di contrastare hanno bellamente avallato e ostacolato ogni voce di dissenso per quanto stava accadendo.

Iniziata sotto Reagan,è continuata con Clinton,Bush  e ,udite udite, anche con il "parolaio abbronzato" Obama che,dopo tanti roboanti proclami elettorali ,non ha fatto altro che confermare e circondarsi di molti dei principali truffatori e artefici di questa crisi (Larry Summers,Geithner... ),comprese molte delle precedenti. leggi di deregulation.
Se si ascoltano le dichiarazioni di questi banchieri e finanzieri  criminali rese alla tardiva commissione  d'inchiesta (quando i buoi già erano scappati),c'è da prender in mano il fucile per la strafottenza e l'ipocrisia con cui andavano giustificandosi dei loro misfatti.
Misfatti che han provocato una perdita enorme di posti di lavoro in tutto il mondo,la messa sul lastrico di migliaia di famiglie e una crisi economica di dimensioni mondiali che ancora stiamo vivendo.
Criminali peggiori di qualunque mafia e cartello di narcotrafficanti ,e una disonorevole sconfitta della giustizia americana.
Gente che ha guadagnato somme enormi fregandosene di ogni conseguenza,anche del loro stesso fallimento.
Banditi senza pari,spalleggiati da sedicenti economisti venduti e anche dallle istituzioni governative.
Basti pensare che molti responsabili della Federal Reserve ( Greenspan ,Bernanke..) sono stati consulenti  o nei ruoli di rappresentanza della Goldman Sachs,Merryl Lynch e altre banche truffaldine.
(Anche i nostri Prodi e Draghi erano del giro di queste banche)

Pensate che con i trucchi finanziari dei derivati,subprime,...erano arrivati a scommettere sulla rovina di gente a cui avevan prestato il denaro,guadagnando milioni di dollari.
Ad un certo punto era come stare al tavolo della roulette,un grande Casinò,dove venivano puntate enormi somme infischiandosene di ogni rischio e risultato.Contava solo puntare.Alimentare la catena di sant'antonio,finchè poi è scoppiato il giocattolo
Erano tutti d'accordo e a più riprese hanno volutamente ignorato gli avvertimenti di alcuni studiosi non al soldo dei truffatori..
Un muro di omertà lautamente retribuito,comprese le Agenzie di rating che attribuirono finte doppie e triple A a dismisura,fino a due o tre giorni prima del crack e che ancora intrallazzano a comando dei loro padroni.
Un esempio lo abbiamo avuto anche da noi col caso Parmalat,dove le banche,praticamente impunite dalle sentenze,hanno continuato a vender volutamente spazzatura fino agli ultimi giorni,Agenzie di rating conniventi.
Che si aspetta ad interdire questi gaglioffi,controllori pagati dai controllati?
A trattar queste vicende c'è da farsi prendere dallo schifo,dal vomito,mai una pallottola in testa a questi esecutori di "crimini contro l'umanità" (altro che Gheddafi..!) sarebbe opportuna.
Niente Tribunale dell'Aja,questa inutile istituzione.

Fatto sta che ancora una volta,ci tocca pagare i trucchi e le scempiaggini finanziarie USA,una nazione sempre più declinante che è riuscita a distruggere la sua industria manufatturiera,ad eccezione forse di quella degli armamenti.
Un declino contenuto (ma fino a quando?) e fatto pagare al resto del mondo,quando questo dovrebbe essere rimborsato dell'enorme danno subito da questa gigantesca frode,avallata pure da un  governo connivente.
Usque tandem Obama,dovremo sopportare e pagare i vostri trucchi e le vostre cazzate?

Per una storia dettagliata e documentata vi rinvio allo sconvolgente documentario di Charles Ferguson, INSIDE JOB," la mani (sporche) in pasta".
Mai espressione fu più appropriata.

26 commenti:

  1. Qui infatti non si tratta di una crisi di sistema,ma di un vero colpo grosso al Casinò.
    Una rapina vera e propria ad opera di criminali comuni,e quel che è più grave,a cui han partecipato anche esponenti delle istituzioni federali.
    Giustamente,visti gli effetti,un vero e proprio crimine contro l'umanità,e di proporzioni colossali e pressochè impunito.
    Uno schifo di questa classe parassitaria di banchieri e finanzieri,nonchè truffatori.

    RispondiElimina
  2. Io ho visto Inside Job,c'è da rabbrividire per le facce di bronzo di questi truffatori e per le cose che hanno fatto.
    Quando poi penso che dopo tutto quel che è successo,Obama ha piazzato molti di questi ancora al comando,credo che il famoso yes we can sia un perfetto slogan per loro,e cioè,sì possiamo...ancora truffare.

    RispondiElimina
  3. Questi han fatto fallire interi paesi,vedi Islanda,o portato altri sull'orlo,Grecia....
    in pratica nessuno di loro ha pagato,anzi molti sono appunto nello staff di Obama,un altro raccontatore di palle.

    RispondiElimina
  4. L'industria finanziaria ha distrutto in Usa l'industria manufatturiera.
    Questa gente non produce nulla,solo bolle di sapone e disastri che abbiam visto e dove siamo ancora immersi.
    Questa vicenda ha dell'incredibile,dovrebbero veramente esser tutti messi al muro...

    RispondiElimina
  5. Già si è visto nel caso Parmalat il ruolo truffaldino delle agenzie di ratings pagate dalle stesse banche e altri organismi per spacciare false informazioni.
    E questi marpioni continuano ancora al servizio di chi meglio paga.
    E' tutta una truffa,ma il bello è che viene tollerata e non pagano mai.
    Veramente uno schifo,siamo in mano a dei banditi.

    RispondiElimina
  6. Questa crisi non è certo una novità anche se ancora ci siamo in mezzo.
    Ma il senso del post,oltre all'informazione,è che questi truffatori sono ancora in sella e combineranno altri guai.Invece di far piazza pulita come promesso,il prode Obama in pratica non ha mosso un dito,anzi si e ripreso intorno molta di questa gente.
    Le situazioni di bancarotta di diversi stati europei sono figlie di questa truffa,i cui effetti deleteri,come si vede,sono tuttora operanti.
    Tutti i G8,10,20....non han portato a nulla,non porteranno a nulla,perchè comandano gli interessi di questi massoni e truffatori mondialisti.
    E la politica non esiste,é la serva di questi interessi.

    RispondiElimina
  7. Rimpasti oligarchici. Nomi cognomi compagnie consorzi sono quasi sempre lo schermo rimbalzante, il muro di gomma che fa da feticcio sputonis... si sputi chi può. tanto, i colpevoli non usciranno fuori e anche quando diraaaanno: ecco gentes è isso lo colpevole! io non ci crederò. vattelappesca chi c'aveva ragione... eppoi,oh, sti cazzi!
    ciao johnnino

    RispondiElimina
  8. Post molto coraggioso,Johnny, ma finché certe scomode e nascoste verità ce le diciamo tra noi...Tanto per cominciare Timothy Geithner il segretario al Tesoro di Obama, è un uomo della FED: sai che porte girevoli!
    Grazie per il link del tuo post precedente che non era aperto ai commenti.

    Non mi si apre il link di Inside Job. Sei sicuro di averlo messo?

    RispondiElimina
  9. Caro Daniz,qui è tutto chiaro e si sanno nomi e cognomi,il fatto è che mentre stiamo a trastullarci i coglioni con minchiate varie,questi ci inchiappettano a tutto spiano.
    E' la solita sorte dei peones da quando se stavano a grattar nelle caverne.
    E va bene,così sia,basta che poi non rompano i coglioni coi disoccupati,con Berlusconi,i sindacati,la democrazia,Vendola,i rom,la Fiat,le guerre umanitarie...e tutti sti cazzi,appunto.

    RispondiElimina
  10. Nessie,non è un link,é solo un info.Ma sul web trovi tutti i dettagli e forse anche in streaming questo docu,da vedere assolutamente,c'è la storia completa.
    Poi volendo c'è sempre Emule...

    Insisto sul fatto che il sistema c'entra poco in questa vicenda,la sua degenerazione in pura e semplice truffa invece molto.
    Noi più di scrivere non possiamo fare.

    RispondiElimina
  11. @daniz

    Non so se ho ben capito il tuo commento,ma se la mettiamo su questo piano,personalmente a me pure non frega un cazzo di nulla,facciano quel che vogliano...
    Ma se stiamo qui sul web è perchè si cerca sempre di non bere tutto quel che viene raccontato a vanvera (e gli esempi sono innumerevoli),e pure tu mi sembra che stai su questa strada,chiamala controinformazione o che altro si vuole.Altrimenti che ci stiamo a fare.

    RispondiElimina
  12. Quello che certi soloni di casa nostra non hanno mai capito,che negli Usa democratici e repubblicani sono in fondo la stessa cosa,ambedue imperialisti e difensori ad ogni costo della supremazia Usa nel mondo con ogni mezzo.
    Certi facili entusiasmi su Obama,al di là delle famose narrazioni alla vendola,e come nel caso Blair,dimostrano l'assoluta incapacità di capire come stan veramente le cose.
    quest'ultimo episodio ne è la conferma.

    RispondiElimina
  13. secondo me le cose stanno che la controinformazione non esiste.
    non ci è dato sapere ciò che intercorre tra berlusconi e putin, possiamo solo ipotizzare. non possiamo sapere chi c'è davvero alla regia delle politiche italiote. sì, l'americani, è vero, colle basi, i cannoni, ma chi? quali americani? con quali interessi?
    perché ogni tanto da noi che siamo un paese tuttosommato che scommette molto meno degli inglesi scoppia un caso sulle partite false mentre in inghilterra dove c'è più schedine che gocce di pioggia non vola mai una mosca? perché l'11 settembre e perché bin laden... chi ha fatto divampare l'aids in africa? gli americani? è vero che portano le scorie nucleari (e i rifiuti degli sversatoi) nel continente nero... paraponziponzipò?
    solo chi è vicino alla puzza sa chi effettivamente non si lava... ma chi è vicino non parla, perché si lavano poco pure loro. o hanno paura.
    ora a noi vengono notizie di terzo quarto fiato... è un'informazione cancerogena, pagata profumatamente (perforza) da chi puzza pe'davvero o dai loro scagazzi. anche le notizie transfughe hanno ormai le loro emittenze "rivoluzionarie" che contano meno di quelle ufficiali.
    insomma, io della grande crisi so solo che tanta povera gente è stata gabbata, che le banche non sono state punite dalla giustizia e dal governo e che la piramide sociale non fa altro che premere sgretolare e soffocare la base, trattata come un culo, il terminale cui mandare tutta la merda che cagano loro sulla nostra testa. su chi sia questo gran sozzone... non so che dire. so che c'è. so che non pagherà. e che verrà presto sostituito da un altro epulone senza scrupoli che continuerà la facccenda storica.
    tutta la baracca del sociale, dunque, per me è una grande risaia
    (nel senso che fa ride...)
    ciao

    RispondiElimina
  14. Beh,già hai detto molto,e dati certi precedenti poi magari usciti dalla nebbia,molto si può intuire sugli altri..

    RispondiElimina
  15. In questa vicenda è tutto chiaro come il sole,non c'è da cercare nessun grande vecchio o mistero da svelare.

    Passando poi ad un gradino più generale,è altrettanto chiaro che in ogni tempo e luogo che noi,i famosi peones, saran sempre disinformati e trombati,pare una legge della natura.
    Quindi vero è che non si sa mai esattamente quanto accade,ma se il cervellino non è un tutto osso, si posson fare ipotesi più o meno valide.
    Se no che stiamo a fare qui,se non raccontar ciò che ci passa per la capa su questo e quello.

    RispondiElimina
  16. @Daniz,

    ma anche tu non fai in certo modo controinformazione o chiamala come vuoi,nel senso che esprimi spesso e giustamente le tue idee su fatti,vicende e personaggi che in altro modo vengon raccontati dai media?
    Diverse volte ho dato un'occhiata al tuo blog e non mi pare di sbagliare su quanto vado dicendo.
    Spesso ci si azzecca,ci son segnali abbastanza netti,altre volte la cosa è più incerta.

    ti saluto

    RispondiElimina
  17. io non voglio dare addosso a johnny, quello che scrive è più che condivisibile appiccicando i pezzi del pasol che sono caduti fin quaggiù. bisogna vedere quanti ne mancano a prescindere dal lucore e dalla chiarezza del caso. e qui né johnny né io né nessuno può pronunciarsi.

    conosco (per inciso) una persona che ha condotto, da ex giornalista e capa tosta, una indagine molto molto molto accurata su un fatterello Usa untantino segretato. era presumibilmente lontano da nomi, indirizzi, case farmaceutiche, localizzazioni. aveva solo trovato documentazioni a delle ipotesi partorite dal suo melo.
    è stato poco ortodossamente invitato a farsi li cazzi sua. tantopiù che, ad ogni modo, le porte a qualsiasi ricerca ulteriore erano ermeticamente blindate.

    la controinformazione è quella che un gruppo di interessi fa alla pellaccia di un gruppo d'interessi rivale. quello che succede nel bel paese tra mondadori e l'espresso. e tutto ciò che gli gira attorcigliato.
    quindi la controinformazione è sempre informazione d'ordinanza.

    noi facciamo una sorta di sottoinformazione un po' più svincolata della mainstream (anche se nella maggior parte dei casi il blogger è un tifoso politico). e cerchiamo di ragionare con un po' di distacco. ciò che mi interessa spolpare, nel mio blog, è il potere della cultura ufficiale a trecentosessanta gradi, critica e giornalustri compresi. anche lì si va spesso a tastoni, l'unica cosa certa è il controllo qualità ma è un mondo più vicino e avvicinabile rispetto a quello delle multinazionali del capitale. anche se, pure qui, la cultura è una grande industria colle sue leggi e gerarchie, ci si accontenta quindi, e spesso, della piccola taglia

    ciao

    RispondiElimina
  18. Ma quando mai addosso,daniz! Ci conosciamo,
    che ti viene in mente!
    Siamo qui ognuno ad esprimere come dicevo quel che ci passa per la testa,e speriamo meno dal cuore,almeno per certi fatti,per cui trovo molto appropriata la parola sottoinformazione,sperando nel senso più benevolo della parola,che sta sotto appunto al cumulo dell'altra,correndo sempre il rischio d'esser schiacciata.
    Poi qualche pelo sullo stomaco ormai è cresciuto,sia politico che culturale,e qualche spiffero arriva pure da certe fonti.
    Si fa quel che si può e si crede.

    ciao daniz

    RispondiElimina
  19. Sottoinformazione nel senso benevolo del termine, sì. (anche se si leggono in internet temini imbarazzanti anche per uno studentello delle medie. Non dico per la scrittura, quanto per gli argomenti che vengon sostenuti. Questo però fortunatamente non è il nostro caso, per cui, modestamente, vale sottoinformazione benevola).


    Noi, sicuro, facciamo quel che si può, nella buonafede delle formazioni che abbiamo, senza il cappio del "posto", del "tengo famiglia", del camarillo.

    PS: puntualizzavo per gli altri lettori.

    ciao ragazzi

    RispondiElimina
  20. mi spiegate come si fa a scrivere un post del genere senza avere alcuna conoscenza economica e soprattutto sparando sentenze senza cognizione di causa?

    Consiglio vivamente di informarsi e studiare un pò prima di addentrarsi in mondo a quanto pare ancora incomprensibile e nella totale foschia per l' autore del Post.

    Per il resto.. buona fortuna e complimenti per il sito!

    Roberto De luca

    RispondiElimina
  21. @De Luca

    Dalla foschia che ci avvolge,invitiamo ii sig.De Luca ad illuminarci dall'alto della sua conoscenza economica e ad indicarci,in quel che abbiamo detto su questa truffa,quanto non corrisponde al vero o più probabilmente ai suoi desiderata.
    Per il resto buona fortuna anche a lei per i suoi studi.

    saluti

    RispondiElimina
  22. Non pensate che possa esserci qualche sfumatura tra il gioco delle tre carte e l'alternanza dei cicli economici?
    Sintassi a parte, che razza di vocabolario usate? Rapine, truffe, pirati, banditi, cazzate, mafie, narcotraffici, fucili, casinò...
    Ma cos'è, la solita accozzaglia di ingiurie sparpagliate a caso? Ma chi scrive, un diciottenne ignorante e arrabbiato?
    L'autore sembra uno dei soliti cercatori di consenso a poco prezzo e, per un commentatore che osa far presente ciò che è chiaro, e che sottoscrivo, non si degna di argomentare minimamente e preferisce rimandare la palla al mittente.
    Ovviamente si vede che lui non ha bisogno di studiare, sa tutto di questa vicenda, infatti la spiegazione è stata davvero ragionata, circostanziata, articolata e profonda.
    Naturalmente, queste cose le può dire impunemente solo qui, nel web, dove sono molti quelli che non sono interessati alla credibilità e autorevolezza delle fonti.
    E sono molti anche quelli che non firmano questi 'articoli'.
    Ultima domanda: le invettivo contro i banchieri e i finanzieri non le ricordano qualcosa del passato?
    Francesca Adrower

    RispondiElimina
  23. In questo caso,l'alternanza dei cicli economici non c'entra nulla.Questa è solo una truffa,cosa di cui anche il mio gatto s'è accorto,meno Frank o Francesca.
    Il vocabolario usato è quello più appropriato per questa banda di truffatori.Le nostre non sono opinioni,sono solo fatti peraltro oggetto di una inchiesta governativa.
    Che vuoi che in un post ti faccia un trattato di economia?
    Dimmele tu quali sono le fonti che la spiegano in maniera diversa e se c'è qualcosa che non corrisponde al vero.Visto che contesti,prova ad indicarlo invece della patetica nullaggine infantile di questo intervento.
    Quando non c'è la firma in un articolo,vuol dire che è di tutto il team del blog.
    Le invettive e le ingiurie contro questi banchieri e finanzieri sono sempre troppo poche,prova a chiedere ai trombati di Parmalat,dei bonds argentini e dalla Goldman sachs e compagnia.
    Del consenso non sappiam che farcene,e questo già dimostra il grado di profondità e intelligenza del tuo intervento che non aggiunge nulla all'argomento del post che contesta.
    A proposito di età,altro che diciottenni,qui siamo all'asilo.

    RispondiElimina
  24. ...."..per un commentatore che osa far presente ciò che è chiaro, e che sottoscrivo".

    Che cosa sottoscrivi,che dati circostanziati ha addotto il commentatore per contestare le affermazioni del post?
    Cosa sarebbe ciò che è chiaro? Non dice assolutamente nulla di preciso a supporto,come tu stesso peraltro.
    Abbiam fatto delle affermazioni precise nel post,smentiscile se sei in grado,altrimenti vai a dar lezioni di nulla da un'altra parte.
    E questo parla di ignoranza...

    RispondiElimina
  25. Questo Frank dev'essere un amante del bon ton d'accatto,uno che non chiama mai le cose col loro nome.Invece di spazzino,operatore ecologico,invece di puttana,dispensatrice di piacere...invece di criminali finanziari,magari benefattori dell'umanità che svolgono "il lavoro di Dio",come ha detto uno di questi capibanda
    che han truffato il mondo e gettato sul lastrico milioni di persone.

    Visto la vuotaggine di contenuto del suo intervento,che altro potrà mai dire,ignoranza a parte.

    RispondiElimina
  26. Mi scusi Frank,ma quando uno contesta il contenuto di un testo porta argomenti a favore delle sue tesi.
    Lei fa un intervento di invettive senza nessuna argomentazione contraria,se non sottoscrivere acriticamente l'intervento di un commentatore che come lei si limita a stigmatizzare una cosa senza addurre controargomenti a sostegno.
    Di solito chi ha qualcosa da obiettare ad una qualunque tesi,ne ha una diversa e circostanziata.Casomai l'interpellato poi risponderà in merito.Ma cosa rispondere a lei e alla sua generica,imprecisata accozzaglia di immotivate contestazioni?
    Non voglio usare il suo termine ignoranza,ma il suo intervento poco se ne discosta.

    RispondiElimina