giovedì 23 giugno 2011

CONCHITA LA BOLLITA EL DRITA

Se ne va Conchita la bollita,ormai cotta al punto giusto.
Rivolterò il giornale come un calzino,diceva.E infatti più che rivoltata la povera Unità, che a tutt'oggi ancora si ignora chi la leggesse,è stata cappottata dalle velleitarie intenzioni della raccomandata veltroniana stile predellino, specialista in ricette e posta del cuore,ma che si atteggiava a giornalista da Pulitzer.
Magari più da Pulizie,vista la tanta gente che ha cacciato e che, in gran parte andati al Fatto,l'hanno ridotta alla canna del gas.
Dalle 60 mila copie del Padella alle 35 mila della Bollita,dice impietosa una della redazione.
La campagna della minigonna da 2,5 milioni,pensate un po' che trovata per un giornale di queste tirature!
Il povero Soru che cacciava i soldi alla fine s'è rotto i coglioni e l'ha mandata a quel paese.
Lei l'aveva lanciato con articoli leccazampisti ,che sfioravono il sublime del ridicolo, come il futuro leader della sinistra.Gli va ancora bene se riesce a salvar la casa.
Questa sublime cagnolina da salotto andava a destra e a manca a compianger ogni tipo di precari e non s'accorgeva di quelli che aveva in casa.
Tipico,amano l'umanità,ma mandano la nonna all'ospizio.
Poi ha capito come va il mondo (questo tipo di gauche alla mentuccia lo sa molto bene...) e se n'è andata in giro per tutte le videoparrocchie delli amici miei,posando con gli occhialini e gli occhioni straniti,espressione Mauro charlie brown.
Che cazzo mi frega dell'Unità,avrà pensato,mo me metto in processione come 'na madonnina,me aggiusto er look e la meche,e a forza de vederme,me chiameran pure da qualche parte!
Così, mentre Concita costruisce il suo personaggio televisivo e di massa, o prende lunghi periodi di ferie, il giornale continua a perdere copie, e in redazione si assiste a scene di panico, ira e disorientamento.Mo vuol pure scriver un libro.Veltronite galoppante...
Concita La Drita!
Chissà se avrà visto giusto,ma c'è sempre Pravdarepublik,da là veniva mandata in missione,lì tornerà a ricever il premio.
Missione compiuta,Unità distrutta.
Quelli del Pd,forse solo ora l'han capito,ma si sa questi arrivan sempre dopo...povero Gramsci,con chi te ritrovi! Quinta colonna..? Concita che Drita!

Se qualche ricca vedova volesse una dama di compagnia sa a chi rivolgersi.Conchita,non sa molto scrivere,ma legge bene.Se poi c'è qualche barboncina da portar a passeggio,é l'ideale.
Importante che ci sian tè e pasticcini alle cinco de la tarde e bon ton nel dir minchiate.
C'è anche chi ora gode e fa festa,Fulvio Abbate,uno dei tanti cacciati che ben conosceva le doti di questa casalinga che se credeva la Clinton


>

Satisfaction..



In chiusura,ma che ce sta a fa' l'ordine dei giornalisti?
Ma annatevene a....!

13 commenti:

  1. Non è che poi è così fantastica l'idea di mandare Conchita a distrugger l'Unità.
    Così i Repubblicones restano il vero quotidiano del Pd a cui dettan la politica.Si è già visto.
    Forse è troppo ardita la cosa,ma con uno come Veltroni... riuscirebbero pure a farlo diventar buddista.

    RispondiElimina
  2. Bollita per un verso,drita dall'altro...

    RispondiElimina
  3. Con questi risultati,pure io potevo diriger l'Unità,tra l'altro ho un sacco di parenti...

    RispondiElimina
  4. giuseppe delogu23 giugno, 2011 21:37

    Poveretta! Ma si può far dirigere il giornale di un grande partito storico da queste pippe?
    Va beh che dopo Furio Colombo,il cameriere di Agnelli,poteva farlo pure Fantozzi.
    Io non son certo uno di sinistra,ma qui la politica non c'entra nulla.Solo questione di intelligenza.Gramsci si rivolterà nella tomba.Vergogna dirigenti Pd,e vorreste dirigere un paese quando non riuscite nemmeno a dirigere il vs giornale?
    Prendetela come una battuta,ma in fondo è una squallida realtà.Ma come fa un pdiesse ha sopportar e credere ancora a questi tromboni?
    Idem dall'altra parte.
    Ma vi rendete conto che quando l'avete spuntata siete dovuti andar a prendere un vecchio democristiano intrallazzatore come Prodi. Che non avete uno straccio di candidato che ci metta la faccia per guidare il paese!
    Che sinistra!
    arridatece Pajetta,con tutte le sue palle,era sempre meglio di questi ectoplasmi,Veltroni,D'alema,Bersani...mai combinato un cazzo.Che politici!

    RispondiElimina
  5. Scalfarita se ne andrà e cosa ne sarà? Chi può saperlo. Scalfarita, Scalfarita, la direttora preferita. I suoi INVECE mi mancheranno tanto, quelli dove "potremmo parlare di problemi seri, potremmo parlare di Obama che bombarda, potremmo parlare delle pezze al sedere, potremmo parlare dei soldi rubati dai partiti tutti felici, potremmo parlare della gente che si trova sotto ai ponti mentre opposizione e maggioranza si aumentano lo stipendio, potremmo parlare del mega stipedio di Vendola.. INVECE" e poi le sue macchine del fango, i venti del cambiamento, l'orgoglio, la chioma e avanti così. Mi mancheranno la sua totale mancanza di autocritica e la faccia di tolla, come la sua geniale idea di riempire un giornale (già detestabile in quanto giornale, ma queste son cose mie) dei bloggherssssss, pusher dal basso costo che hanno ulteriormente dato al fogliaccio unitario l'aspetto del "semo tutti boni" cancellando totalmente qualsiasi parvenza di inchiesta e di approfondimento. Oh Scalfarita dal bollino blu...

    RispondiElimina
  6. Sì ci mancherà,antonio,era uno dei nostri must,ma vedrai che riapparirà da qualche parte,questi son sempre a galla al contrario dei precari Unità.

    senti,non riesco ad entrare nel tuo blog,nè dal link nè da una semplice digitazione su google.
    Appare il logo ma nessuna scritta o articolo.
    sai qualcosa?
    ciao

    RispondiElimina
  7. Strano, ho provato adesso ad entrare dal tuo link e non ho visto problemi, stesso discorso per google o digitando direttamente l'indirizzo.
    Ciao

    RispondiElimina
  8. Conci è tutta un luogo comune, cliché a gogò come piace a questo sottoprodotto del pensierino, il giornalismo.
    La Lippa nel suo blog canta il peana alla bella amica... chissà che non la metta a scrivere per lei, nel retrocucina di "Acconciatura- un blog di Loredana Lipperini"...
    L'accopp(i)ata c'è già, basta sciogliere un po' i muscoli.
    ciao

    RispondiElimina
  9. Succederà,succederà....da Gramsci a Cippa Lippa...ma c'è un'altra della stessa stazza,un'ancella di Lippa di cui mi sfugge ora il nome,ma è sempre al suo fianco,nella guerra delle mosche.
    Il trio di Maramao...l'insalata era nell'orto..

    RispondiElimina
  10. Ho trovato un ulteriore video di Abbate sulla faccenda Concita, praticamente il festino d'addio

    http://www.youtube.com/watch?v=x11prwp3MjM&feature=player_embedded

    In compenso nel suo INVECE quotidiano (amen) ha praticamente spiegato che la sua direzione è stata la migliore delle direzioni possibili, tutti liberi, nessuna censura, nessun licenziamento e che se c'è gente che è precaria all'Unità è colpa della legge e non dei proprietari (?!). Già mi manca.

    RispondiElimina
  11. Ma è smentita dai suoi stessi redattori,la conchitina! Ne ha licenziati almeno una ventina,quanto a censure,è meglio non parlarne.
    La migliore possibile? il più bel commento a queste sue minchiate è la costante emorragia di copie.
    Come dice Abbate,il suo posto è al grande fratello o a Repubblica,un suo clone.

    Grazie del video.

    RispondiElimina
  12. Concita...e perchè mai ?,si chiama Concetta.

    Un nome troppo poco chic nei salottini,vuoi mettere un tocco spagnoleggiante,cosmopolita,ti fa apparire interessante anche se poi in fondo sei solo la sora Cecioni.
    Easy e getta.Un'altra martire che ha pure le faccia tosta di dar la colpa agli altri dei suoi fallimenti.
    Abbate,non è che mi piace tutto quel che dici,ma lo dici tanto bene...

    RispondiElimina