giovedì 14 aprile 2011

RASPUTIN E L'ISOLA DEI FAMOSI

Ci risiamo,il Rasputin delle mozzarelle,ha emesso un'altra bolla,...scusate balla ,assiso  sul suo fangoso soglio.
Poverino,si lamenta del fango,ma è come se un beduino si lamentasse della sabbia del deserto.
Dopo gli elenchi da brivido,poi annessi come cioccolatini premio alle sue omelie stampate,dopo la minchiata su Benedetto Croce (questo non era fango...),dopo che fin gli albanesi l'han preso per il culo...dopo tutto questo,che t'inventa il nostro fratacchione?
Tiene una lectio magistrale al Festival perugino dei giornalisti.
Lectio è già azzardato,magistrale  fa subito ridere.
Una tremenda scozzonatura agli adoranti pennivendoli per  "combattere il fango".
Non si capisce se il suo o altrui,visto che il nostro Rasputin ha spesso le bettoniere in funzione.
Sarebbe come se il chierichetto Fabiofazio insegnasse a combattere l'ovvio...
Volendo strafare, come un Pippo Baudo qualunque in una famosa edizione festivaliera sanremese,(sempre di festivals si tratta..),volendo impressionare la truppa di pennivendoli,che fa il nostro piagnone itinerante?
Paragona un oscuro molestatore e un azzeccagarbugli immobiliare a Giacomo Matteotti,il quale si è dimenato invano nella tomba per menarlo.
A quel punto gli addetti alla Croce Verde eran già pronti ad imbarcarlo,quando è intervenuto Niki Banana,la fruttiVendola,che frequenta ormai tutti i mercati ortofrutticoli con il suo banco di ortaggi  buoni ad ogni uso, con poesie annesse.
Tu gli chiedi un ode sul finocchio o sul positrone e lui comincia a narrare.
Narrazione che ha a tal punto convinto i barellieri che volevan caricare pure lui.
Alla fine c'è voluto Signorini (c'era anche lui...) per farli desistere.
Ha detto che il giorno dopo tutti e due avrebbero partecipato all'Isola dei Famosi.
Gli addetti ai ricoveri così han commentato " Sarebbero stati meglio da noi,ma tutto sommato..."

IL FESTIVAL- Fascetta degli organizzatori

Un’occasione per venire a contatto con una branca importante di lavoro spesso presa in prestito dalla letteratura (?)
Una manifestazione di alto livello che vedrà riunirsi dal 13 al 17 aprile la creme dell’informazione,appuntamenti con le firme più  prestigiose: Milena Gabanelli, Riccardo Iacona, il direttore de il fattoquotidiano.it Peter Gomez.
(minchia,che creme ...!)

Si parlerà di gossip col direttore di “Chi?” Alfonso Signorini, e di WikiLeaks con l’ex braccio destro di Julian Assange.E’  prevista la presenza di Al Jazeera, vera protagonista dell’informazione (ah,ah,ah....!) 
(insomma,tutti i bufalari in un colpo solo..).

Poi,presenza di un angolo degli “Hacker” nel quale i partecipanti potranno imparare a spedire mail anonime.
(veramente istruttivo per un giornalista...)

Se avete intenzione di imparare qualcosa (buona questa!), sono previste lezioni ad hoc di Carlo De Benedetti, (ad hoc? come pagar le tasse in svizzera? come rifilar pc rottamati allo stato?come....), workshop sul caso di Avetrana (salvateli!) ,alcune interviste “particolari” (particolari?) come quelle a Ligabue e Nichi Vendola (e già siamo alle convulsioni...)

“Si, ma in definitiva, cosa ne ricava un giovane?”, chiede un giornalista under 30 nella sede della stampa estera a Roma. “Puoi incontrare Seymour Hersh senza andare a New York...".
Un vero festival,puoi prender il cappuccino con l'autore.

Ora si capisce perchè gran parte della stampaglia può solo compilar necrologi.
L'unica cosa che si può osservare è come mai la Croce Verde non abbia trasferito tutto il baraccone al S.Margherita,sempre in Perugia.

24 commenti:

  1. Questo Saviano ormai è fuori di testa,infila cazzate a getto continuo.
    Ma non farà apposta? Basta che ne parlino?

    RispondiElimina
  2. rmai è costretto a spararle smpre più grosse,che può fare d'altro?

    RispondiElimina
  3. Certo che questo festival è degno dei pennivendoli che ci ritroviamo e Saviano è veramente pronto per l'isola dei famosi,lì può dire tutte le fesserie che vuole.

    RispondiElimina
  4. Rasputin delle mozzarelle...!
    Azzeccatissimo.
    Secondo me Savianello si fa delle canne,non c'è altra spiegazione.

    RispondiElimina
  5. Solo ad un mentecatto può venir in mente di tirar fuori Matteotti in questo contesto di mezzepippe.
    Un episodio tragico mischiato a personaggi e situazioni farsesche.
    E' veramente fuori di testa o è un furbacchione,ma in questo caso,un ometto meschino.

    RispondiElimina
  6. E pensare che qualche anno fa gli davo credito!
    E' proprio vero che non puoi fidari di nessuno.
    Io certi paragoni non li capisco,anche quando ha tirato in ballo Croce a vanvera.
    sembra in preda a una furiosa megalomania,alimentata da fedeli adoratori delle sue stupidaggini.

    RispondiElimina
  7. E' da ricoverare!

    RispondiElimina
  8. Ma che festival è? del comico involontario?
    Assange,al jazeera,signorini....effettivamente non c'è da stupirsi della stampaglia che ci ritroviamo.Se questi sono i maestri.
    Scusate,ma Iacona che firma prestigiosa sarebbe?
    E al jazzeera? In queste settimane si è rivelata un maestro di disinformazione.
    Condivido l'ultima frase di questa fiction,dovevano caricarli tutti.

    RispondiElimina
  9. Forse non sei profeta, ma del presente non ti sfugge nulla. Premio "L.F. Céline" per l'epiteto fangoso "Rasputin delle mozzarelle".

    RispondiElimina
  10. Rasputin delle mozzarelle e Niki banana,le sorelle bandiera,questi son dappertutto,troveranno il tempo di dormire?
    Uno dovrebbe stare nel reparto incontinenti,l'altro negli ospedali pugliesi,un magna magna gigantesco,ma lui poetava....

    RispondiElimina
  11. @yanez

    LFC ringrazia

    Per il resto,tra gli uni e gli altri,siamo al pianeta delle scimmie.

    RispondiElimina
  12. Ragazzi,ormai è come sparar sulla croce rossa...anzi croce verde,che dalle mie parti si occupa di ricoveri "particolari", come le interviste a Ligabue e niki banana.
    La realtà è sempre superiore ad ogni fiction.

    @anonimo

    Preferirei che fosse un furbacchione,altrimenti ci sarebbe da baciare il famoso lebbroso di Pitigrilli

    @yanez

    Non è che del presente non mi sfugga niente,ti volano proprio incontro...su un piatto d'argento.

    RispondiElimina
  13. Ha tirato in balo anche Pasolini...ma per favore,vogliono smetter tutti di tirarlo per la giacca a sproposito per ogni fesseria?
    Questo Rasputin da pensione miramare,poi è specializzato in questi accostamenti del cavolo.
    Ma non si accorge che ormai è una macchietta?

    RispondiElimina
  14. Idem per Falcone,altro citato a vanvera dal mozzarelliere.Ma lasciatelo in pace,specie chi lo attaccava da vivo e lo elogia da morto,vero On.Orlando? Stessa cosa avrebbe fatto questo predicatore del nulla.

    RispondiElimina
  15. Questo giullare,ogni volta che qualcuno lo critica tira in ballo la macchina del fango,lui che ne è un manovratore specializzato.
    Vedi Croce.
    Ha detto pure "è sacra la privacy su chi incontri e su chi frequenti",bravo,immagino che valga per lui.

    RispondiElimina
  16. Credo gli abbia fatto male Fazio,da quando lo ha incontrato è una minchiata dietro l'altra.

    RispondiElimina
  17. E' probabile che il chierichetto militesentato da Craxi (allora non facevi elenchi Fazio,ti inginocchiavi....per la verità pure ora,cambia solo il padrone),abbia avuto sul profeta dello zar un'influenza negativa,ma lui era già ben predisposto.

    RispondiElimina
  18. Ragazzi,vi invito a leggere "Icone di carta" di Alessandro Del Lago,non certo un pasdaran del caimano,anzi da tutt'altra parte.
    Qui c'è il vero Saviano come profeta,scrittore e inventore di bufale.
    Una lettura istruttiva

    RispondiElimina
  19. Io vorrei sapere che ha fatto in concreto contro la mafia questo eroe di carta.
    Un libro,un film,8tra l'altro tutte cose note e arcinote,non c'è nemmeno la scoperta)e show televisivi con l'altro eroe del nulla ontologico a cui i mafiosi si mettevano a ridere?

    Gli eroi cne han combattuto e che combattono contro le cosche sono altri,non questo miracolato cabarettista,strumentalizzato a tutto campo dai soliti marpioni.

    RispondiElimina
  20. Mi vengono in mente le scemenze delle dieci cose per cui val la pena vivere.
    Se non ricordo male,non c'era combattere la mafia.
    Mi sarei aspettato,da uno come lui che dicesse p.e.:veder arrestare dei mafiosi,veder liberati dalla paura gli abitanti di tanti territori...
    Non ne val la pena?
    In compenso c'era la mozzarella.

    RispondiElimina
  21. Vero anonimo,son tutte cose inviduali e banali alla Fazio,ed è anche comprensibile,ma da uno che ha costruito la sua immagine pubblica sulle varie mafie,adorata (l'immagine) dai soliti di piazza Venezia sempre in cerca di eroi,è alquanto strano,qualche piccolo accenno magari...

    RispondiElimina
  22. C'è il fatto che la mafia è un mestiere: non solo (ciò che è piuttosto ovvio) per i mafiosi, ma anche per quelli come Saviano che ci campano tutta la vita (incuranti di Sciascia). Per costoro, la "lotta alla mafia" è routine: che devo fare oggi? Ah, vero, devo scrivere quel pezzo per la lotta alla mafia. Vieni al cinema domani sera? No, c'ho quell'incontro di lotta alla mafia. Etc. Chiaro che dopo un po' viene a noia, e lì, insidiosa, si insinua la mozzarella.

    RispondiElimina
  23. A me inizia a fare pena invece, sul serio serio. Se prima si poteva con assoluta giustizia incasellare nella classifica best seller di pertinenza, e vederlo come tale, uno scrittorino di successo, ora la sua musichetta per sordomuti inizia a lasciar trapelare tutta la piccola orchestra maldestra che c'è dietro. Che si diano una calmata a farlo cantare, dice solo roba da pomodori infaccia. La colpa ovviamente non è sua ma dei suoi tiratori di filo che lo fanno ballare come Belen... è una vittima, ragazzi, dei burattinai, lo sappiamo tutti

    RispondiElimina
  24. @yanez

    Professione antimafia!
    Il compianto Sciascia già aveva individuato la categoria,che tu hai ben tratteggiato nei dettagli e l'insidioso iter finale,dalla mafia alla mozzarella.

    @daniz

    La filiera è ben nota,dai burattini ai manovratori dietro il teatrino,anche alla luce delle fresche farneticazioni di altre marionette tipo Asor Rosa,Spinelli e tutto il clan fochettaro e del famoso ubuesco convegno al Palasharp.Magari c'è pure qualche manina d'oltreoceano che tira qualche filo.
    Resta il fatto,vittima o no,che ormai è una macchietta patetica.

    RispondiElimina