venerdì 11 settembre 2009

GRANDE POESIA



La poesia liberata dall'inchiostro.L'oralità è il luogo nativo della poesia e all'oralità deve tornare, si pensi ai bardi, ai poemi omerici, alle Canzoni medievali.
La poesia non è soltanto vecchi tomi polverosi, non è solo meditazione nel chiuso di una camera. La poesia andrebbe letta ad alta voce, ad un pubblico, attento o distratto poco importa.
Alcune come quelle qui proposte andrebbero addirittura urlate.Nessuno ha fatto e può far meglio di Carmelo Bene nel recitare queste composizioni:


- LA NUVOLA IN CALZONI di Vladimir Vladimirovic Majakovskij


- ALL'AMATO ME STESSO di Vladimir Vladimirovic Majakovskij


- IN MORTE DI ESENIN di Vladimir Vladimirovic Majakovskij

- IN MORTE DI MAJAKOVSKIJ
di Boris Pasternak

- DI QUESTO di Vladimir Vladimirovic Maiakovskij

http://www.p2pforum.it/forum/showthread.php?t=246614


oppure


http://www.youtube.com/watch?v=Ccs7OG03N3w

http://www.youtube.com/watch?v=V2g9KPbjlmc

http://www.youtube.com/watch?v=J5AbtrD82Dk

http://www.youtube.com/watch?v=QspYLOKU0UM&NR=1&feature=fvwp

http://www.youtube.com/watch?v=sTiejxp-uXI&feature=related

2 commenti:

  1. bene è un grande,chi può interpretare così il vero spirito delle composizioni majakovskiane che il poeta stesso leggeva con una voce tonante nei vari circoli operai della nuova repubblica.

    RispondiElimina
  2. il futurismo russo è stato un grande movimento artistico con artisti in tutte le discipline,un periodo di grande libertà creativa,purtroppo soffocata alla fine degli anni 20 e Majakovskij stesso ne fu tanto amareggiato da suicidarsi

    RispondiElimina